Il co­mi­co Gio­van­ni Ver­nia si rac­con­ta

GENTE - - Sommario - DI VA­NIA CRIP­PA

«A 6 ANNI NON SMETTEVO DI IMI­TA­RE UNO ZIO, AL­LO­RA MI PORTARONO DAL DOTTORE. RI­SUL­TA­TO...» ...UN CO­MI­CO FENOMENALE. «MA IL ME­RI­TO VE­RO È DI MIA MO­GLIE MA­RI­KA»

«IO TRISTE? NO, QUE­STO LA­VO­RO MI FA STA­RE CON LA TE­STA TRA LE NU­VO­LE»

D «a bam­bi­no, in va­can­za, imi­ta­vo i pa­ren­ti. Pri­ma quel­li di pa­pà, in Pu­glia, poi era la vol­ta di cu­gi­ni e co­gna­ti di mam­ma, in Si­ci­lia. Ho sem­pre avu­to que­sto de­mo­ne che mi spin­ge a pren­de­re le sem­bian­ze di chi mi di­ver­te di più. Una vol­ta, avrò avu­to 6 anni, di rien­tro a Ge­no­va, do­ve vi­ve­va­mo, con­ti­nua­vo a par­la­re con la vo­ce di uno zio di Ca­ta­nia. So­no an­da­to avan­ti per tre gior­ni di se­gui­to, fin­ché i miei ge­ni­to­ri, pre­oc­cu­pa­ti, mi han­no por­ta­to dal me­di­co: non mi ha dia­gno­sti­ca­to al­cu­na ma­lat­tia, ma ha ca­pi­to che ero un be­li­no­ne! [ ter­mi­ne del dia­let­to li­gu­re che in que­sto ca­so si­gni­fi­ca bur­lo­ne, ndr]». Men­tre rac­con­ta que­sto aned­do­to, Gio­van­ni Ver­nia ri­de e lo fa­rà mol­to du­ran­te la no­stra chiac­chie­ra­ta da­van­ti a un bic­chie­re di Co­ca co­la nel­la sua ca­sa nuo­va a Ro­ma. L’allegria, la spon­ta­nei­tà e la ver­ve che porta sul pal­co nel­lo spet­ta­co­lo Ver­nia o non Ver­nia: que­sto è il pro­ble­ma, in tour­née in tut­ta Ita­lia fi­no a pri­ma­ve­ra inol­tra­ta, so­no au­ten­ti­che. «Non cre­de­te al­la sto­ria del co­mi­co triste. Cer­to, que­sto me­stie­re mi porta a es­se­re sem­pre con la te­sta tra le nu­vo­le, ma per fortuna c’è lei che mi aiu­ta a sta­re con i pie­di per ter­ra». Lei è Ma­ri­ka Sac­co, la mo­glie di Gio­van­ni, una splen­di­da bru­na da­gli oc­chi dol­ci e dal­la vi­sio­ne il­lu­mi­na­ta, che ha avu­to un ruo­lo cen­tra­le nel­la car­rie­ra dell’at­to­re. Ma an­dia­mo con or­di­ne, per­ché Ver­nia pri­ma di sfon­da­re co­me Jon­ny Groo­ve a Ze­lig, nel 2008, il ra­gaz­zo fol­le­men­te in­na­mo­ra­to del­la di­sco­te­ca che in­can­ta ot­to mi­lio­ni di te­le­spet­ta­to­ri, ha fat­to tutt’al-

tro. «Ave­vo 17 anni quan­do mia ma­dre è man­ca­ta. Mio pa­dre, ma­re­scial­lo del­la Guar­dia di fi­nan­za e per me mae­stro di co­mi­ci­tà - in­sie­me guar­da­va­mo i film di Sor­di, Man­fre­di, To­tò, Ban­fi e Troi­si - si è ri­tro­va­to a cre­sce­re da so­lo due fi­gli, me e mia so­rel­la, sen­za pa­ren­ti su cui con­ta­re. Vi­sto che ero bra­vo a scuo­la, pen­sai quin­di di fre­quen­ta­re In­ge­gne­ria elettronica, per ave­re uno sboc­co pro­fes­sio­na­le im­me­dia­to. Do­po la lau­rea mi tra­sfe­rii a Mi­la­no, do­ve di­ven­ni il re­spon­sa­bi­le per l’Ita­lia di una mul­ti­na­zio­na­le di mar­ke­ting on­li­ne». Ma il de­mo­ne del­lo spet­ta­co­lo non lo ab­ban­do­na. «Nel 2005 mi iscri­vo a un cor­so se­ra­le di tea­tro clas­si­co, Sta­ni­sla­v­skij, Ce­chov. Non rie­sco pe­rò a fa­re pian­ge­re. In ogni pez­zo met­to dentro sem­pre qual­co­sa che sdram­ma­tiz­za. Quan­do va­do a rin­no­va­re l’iscri­zio­ne, do­po sei me­si, l’in­se­gnan­te mi rim­bal­za: “Sei un ele­men­to di di­stur­bo, vai a fa­re im­prov­vi­sa­zio­ne co­mi­ca”, di­ce. È sta­ta la mia fortuna. Il suo ri­fiu­to mi apre la stra­da del­la Tv». Una stra­da par­zia­le, per­lo­me­no agli ini­zi. «Per un an­no con­du­co una dop­pia vi­ta. Di gior­no il la­vo­ro in uf­fi­cio e di not­te fac­cio se­ra­te con i pan­ta­lo­ni muc­ca­ti. Ri­cor­do una te­le­fo­na­ta da­gli Sta­ti Uni­ti, dal gran­de ca­po dell’azien­da: “Gio­van­ni che stai com­bi­nan­do?”. Poi i boss in­tui­sco­no le po­ten­zia­li­tà del­la si­tua­zio­ne: non fa­ti­co a tro­va­re clien­ti, so­no quel­lo del­la Tv e tut­ti mi co­no­sco­no». A que­sto pun­to en­tra in gioco Ma­ri­ka: «Ci fre­quen­ta­va­mo da un po’, l’ho co­no­sciu­ta per la­vo­ro al­le Po­ste, all’Eur. Era il mio ul­ti­mo gior­no a Ro­ma do­po una con­su­len­za di un an­no. L’ho con­qui­sta­ta via mail rac­con­tan­do­le sto­riel­le. Ec­co, Ma­ri­ka, ve­den­do­mi in­de­ci­so, mi di­ce che avrei do­vu­to in­se­gui­re il mio so­gno, che se aves­si vo­lu­to cal­ca­re il pal­co avrei do­vu­to pro­var­ci sul se­rio. Per­ché lei cre­de­va in me». Quan­do si di­ce la po­ten­za dell’amo­re... La car­rie­ra di Gio­van­ni pren­de il vo­lo, ar­ri­va­no le pa­ro­die di Fa­bri­zio Co­ro­na, Jo­va­not­ti, Mi­ka, Gian­lu­ca Vac­chi, Gian­ro­ber­to Ca­sa­leg­gio, fi­no al­la re­cen­te par­te­ci­pa­zio­ne a Ta­le e qua­le show, do­ve, tra gli al­tri, ha imi­ta­to Ar­bo­re, uno dei suoi mi­ti, da­van­ti a Ni­no Fras­si­ca, «un al­tro gran­dis­si­mo», pre­ci­sa. «E il gior­no do­po la mia esi­bi­zio­ne Ren­zo mi ha chia­ma­to per far­mi i com­pli­men­ti. Ero co­sì emo­zio­na­to che ho me­mo­riz­za­to il suo nu­me­ro sot­to la vo­ce “dio”».

Ora in can­tie­re ci so­no un pro­gram­ma pi­lo­ta già pron­to per la Tv, «va be­ne an­che in quin­ta se­ra­ta», scher­za Ver­nia, e «lo spet­ta­co­lo in in­gle­se Ju­st one night to be­co­me italian (tra­dot­to: Una not­te sol­tan­to per di­ven­ta­re ita­lia­ni) che ha per obiet­ti­vo fa­re co­no­sce­re l’uni­ci­tà tri­co­lo­re nel mon­do in chia­ve iro­ni­ca. Lo vo­glio por­ta­re a Broad­way. Il suo­no del­la ri­sa­ta è la mia dro­ga, ho bi­so­gno del pal­co­sce­ni­co, mi met­te adre­na­li­na, ac­cen­de l’in­ter­rut­to­re del mio ego­cen­tri­smo».

An­che la vi­ta pri­va­ta di Ver­nia ha pre­so quo­ta e rag­giun­to sta­bi­li­tà. Le noz­ze con Ma­ri­ka ven­go­no ce­le­bra­te nel 2008. Due anni do­po na­sce Ma­til­da, tre anni fa Giu­lio Louis. «So­no un pa­dre gio­che­rel­lo­ne a dif­fe­ren­za del mio, che era se­ve­ro, ma mi ha tra­smes­so va­lo­ri im­por­tan­ti e sem­pre più ra­ri, co­me l’edu­ca­zio­ne e il ri­spet­to per il pros­si­mo. È man­ca­to due anni fa ed è sta­ta l’ul­ti­ma vol­ta che ho pian­to. I miei fi­gli, in­ve­ce, mi fan­no mol­to ri­de­re. Cer­co di go­der­me­li il più pos­si­bi­le fi­no ai 10 anni, poi di­ven­te­ran­no trop­po ma­tu­ri per me!». So­no lo­ro a scan­di­re il romanticismo del co­mi­co: «Per esem­pio, a San Va­len­ti­no va­do con Ma­til­da a com­pra­re un re­ga­li­no per Ma­ri­ka e co­sì al com­plean­no». Ed è in fa­mi­glia che ven­go­no te­sta­ti i nuo­vi per­so­nag­gi: «Se fan­no ri­de­re mia mo­glie so­no si­cu­ro che fun­zio­na­no. Con lei mi al­le­no, te­sto, per­fe­zio­no. So­no un in­sod­di­sfat­to cro­ni­co».

Ma­ri­ka an­nui­sce e sor­ri­de quan­do fac­cia­mo pre­sen­te al ma­ri­to che è con­si­de­ra­to il co­mi­co più se­xy d’Ita­lia. «È la fem­mi­na di ca­sa», ri­ve­la lei. Lui pre­ci­sa: «Se­xy non mi sen­to, pe­rò al mio aspet­to ten­go. Se rie­sco va­do in pa­le­stra. Man­gio be­ne e cu­ci­no pu­re be­ne. A Na­ta­le, per tra­di­zio­ne, im­pa­sto il cal­zo­ne pu­glie­se. Ho la pas­sio­ne dei pro­fu­mi, ma la cre­ma la met­to per ne­ces­si­tà, mi ti­ra la pel­le. Co­mun­que se mi ve­do­no bel­lo, ap­pro­fit­to e fac­cio un ap­pel­lo agli sti­li­sti per­ché nes­su­no mi ha con­si­de­ra­to: vo­le­te ve­stir­mi co­me fa­te con gli in­fluen­cer? Ec­co­mi».

« SE UNA PARODIA FA RI­DE­RE MIA MO­GLIE, AVRÀ SUCCESSO»

SO­NO SPO­SA­TI DA DIECI ANNI Ro­ma. Gio­van­ni Ver­nia, 45 anni, si la­scia ab­brac­cia­re con te­ne­rez­za dal­la mo­glie Ma­ri­ka Sac­co, 43. Spo­sa­ti dal 2008, han­no due fi­gli, Ma­til­da, 8, e Giu­lio Louis, 3 anni. (Fo­to Red22). UN BEL PRO­BLE­MA Ec­co il co­mi­co con il mae­stro Marco Sa­biu, 55, sul pal­co del­lo spet­ta­co­lo Ver­nia o non Ver­nia: que­sto è il pro­ble­ma. Nei tea­tri d’Ita­lia fi­no a pri­ma­ve­ra inol­tra­ta.

IRRESISTIBILI SMORFIE Al­cu­ne del­le smorfie che han­no re­so ce­le­bre il co­mi­co. Lau­rea­to in In­ge­gne­ria elettronica, Ver­nia pri­ma di sfon­da­re co­me Jon­ny Groo­ve a Ze­lig era ma­na­ger in una mul­ti­na­zio­na­le.

NEL­LA CA­SA NUO­VA Ro­ma. Gio­van­ni Ver­nia scher­za con la mo­glie Ma­ri­ka Sac­co nel­la cucina del­la lo­ro nuo­va ca­sa. «Ai for­nel­li so­no bra­vo, a Na­ta­le im­pa­sto il cal­zo­ne pu­glie­se», di­ce. Sot­to, Ma­ri­ka dà un ba­cio al ma­ri­to, che si fin­ge stu­pi­to. Il co­mi­co è in on­da al­la ra­dio ogni gior­no su Rds.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.