Esclusivo Ma­ra Maionchi: «L’amo­re è una bel­la rou­ti­ne»

«NON HO DET­TO NOIA, MA QUEL­LA BEL­LA ROU­TI­NE CHE È AMO­RE», PRE­CI­SA MA­RA MAIONCHI, SPO­SA­TA D 42 AN­NI. LA NON­NA ROCK DO­PO 7 “X FACTOR” DE­BUT­TA CO­ME GIU­DI­CE A “ITA­LIA’S GOT TALENT”. «QUAN­TO MI DI­VER­TO»

GENTE - - Sommario - DI ROS­SA­NA LINGUINI

Via il chio­do rock a fio­rel­li­ni d’oro del­la fi­na­le di X Factor, ciao ciao bat­tu­te tan­to ta­glien­ti da ti­rar giù il pub­bli­co del Fo­rum: do­po set­te edi­zio­ni del talent di Sky, si cam­bia. E chis­sà che Ma­ra Maionchi sa­rà quel­la che ve­dre­mo a Ita­lia’s Got Talent dall’11 gen­na­io su TV8. «Pur­trop­po non sa­rò gran­ché di­ver­sa», ri­de lei, «non rie­sco a es­se­re dif­fe­ren­te a se­con­da del ti­po di pro­gram­ma. E sì che ri­spet­to a X Factor, Ita­lia’s Got Talent è tutt’un’al­tra co­sa. Ve­di un’esi­bi­zio­ne e di­ci sì o no. Ba­sta. Nes­su­na re­spon-

sa­bi­li­tà di da­re un con­si­glio che po­treb­be ri­ve­lar­si sba­glia­to. È tut­to più leg­ge­ro».

Ave­te giu­di­ca­to esi­bi­zio­ni di can­to, bal­lo, re­ci­ta­zio­ne: co­sa ti di­ver­te di più? «Ho da­to mol­ti sì, mi pia­ce in ge­ne­re tut­to ciò che è fat­to be­ne. E in pa­rec­chi si so­no im­pe­gna­ti e so­no sta­ti bra­vi».

Co­sa ti com­muo­ve nei con­cor­ren­ti? «Mol­te co­se: lo spi­ri­to con cui è ese­gui­ta una pre­sta­zio­ne, le pa­ro­le che al­cu­ne per­so­ne di­co­no, l’at­teg­gia­men­to. E se c’è da com­muo­ver­si, io so­no sem­pre in pri­ma li­nea. Non so dir­ti co­sa sia, io lo chia­mo il “mo­no­li­to”, co­me quel­lo di Odis­sea nel­lo spa­zio: ec­co, quan­do ar­ri­va il mo­no­li­to, io mi emo­zio­no».

Qual­co­sa che ti ir­ri­ta sen­za ap­pel­lo? «La pre­sun­zio­ne di chi cre­de di fa­re co­se spe­cia­li sen­za che lo sia­no. Ma si po­treb­be an­che per­do­na­re a vol­te. Fa­re il giu­ra­to è fa­ti­co­so e di­re di no più che di­re di sì, è ov­vio, per­ché ro­vi­ni le spe­ran­ze di pia­ce­re, di riu­sci­re, men­tre con un sì va tut­to be­nis­si­mo».

Com’è an­da­ta con gli al­tri giu­ra­ti? «In mo­do fan­ta­sti­co. Clau­dio Bi­sio e Frank Ma­ta­no mi fan­no mo­ri­re dal ridere e Federica Pel­le­gri­ni è dol­cis­si­ma, an­che se è una roccia nel­la sua at­ti­tu­di­ne al nuo­to, ha una vo­lon­tà d’ac­cia­io che mi pia­ce mol­tis­si­mo per­ché è una qua­li­tà che non mi ap­par­tie­ne. I cam­pio­ni han­no un’at­ti­tu­di­ne di­ver­sa nel­la vi­ta e sic­co­me io so­no pes­si­ma sot­to que­sto aspet­to mi af­fa­sci­na­no mol­to».

Dun­que Federica, al de­but­to in un talent, non sem­bra un pe­sce fuor d’ac­qua? «No, no, ve­dre­te. I suoi com­men­ti so­no mol­to lu­ci­di e pre­ci­si, an­che quan­do è di pa­re­re con­tra­rio ri­spet­to a qual­cu­no di noi dà sem­pre spie­ga­zio­ni lo­gi­che, con­vin­cen­ti. È una ra­gaz­za con un ca­rat­te­re spe­cia­le, co­me tut­ti i cam­pio­ni, d’al­tra par­te».

Tor­nan­do a X Factor, sem­bra che l’an­no pros­si­mo non ci sa­ran­no Fe­dez né Ma­nuel Agnel­li: e Ma­ra Maionchi? «Non lo so an­co­ra, per­ché l’età in­ci­de e X Factor è un pro­gram­ma mol­to im­pe­gna­ti­vo, ma non ti na­scon­do che mi rin­gal­luz­zi­sce

sem­pre l’idea di far­lo, per­ché rap­pre­sen­ta una par­te del­la mia vi­ta. E poi mi de­vo­no fa­re la pro­po­sta, per­ché al mo­men­to nul­la è an­co­ra ac­ca­du­to».

Che dif­fe­ren­za c’è tra sco­pri­re un Ti­zia­no Fer­ro da di­sco­gra­fi­ca e un Ana­sta­sio al talent? «Ana­sta­sio era pron­to, ha una ca­pa­ci­tà in­cre­di­bi­le di scri­ve­re un te­sto in due gior­ni, Fer­ro ha fat­to più fa­ti­ca all’ini­zio. Ma sco­pri­re ta­len­ti in stu­dio o in un talent non è di­ver­so: se aves­si sen­ti­to La fi­ne del mon­do di Ana­sta­sio in uf­fi­cio da me sa­reb­be sta­to lo stes­so».

Il ta­len­to più sor­pren­den­te che hai in­con­tra­to? «Fer­ro, ap­pun­to, e Gianna Nan­ni­ni, che ha una tim­bri­ca ec­ce­zio­na­le che non ha mai cam­bia­to nel tem­po. E ades­so Ana­sta­sio, che ma­ga­ri non ve­drò più per­ché non c’en­tro nien­te con la sua pro­du­zio­ne, ma di cer­to è un ra­gaz­zo che mi ha mol­to sor­pre­sa».

La mu­si­ca è en­tra­ta tar­di nel­la tua vi­ta. Quan­do hai ca­pi­to che ci sa­reb­be ri­ma­sta per sem­pre? «Ci ho mes­so un po’ di tem­po per­ché ho co­min­cia­to oc­cu­pan­do­mi di pro­mo­zio­ne, ma an­che al­lo­ra cer­ca­vo sem­pre di ca­pi­re co­me mai uno aves­se suc­ces­so. Ho la­vo­ra­to con per­so­ne ca­pa­ci, co­me Lu­cio Bat­ti­sti o Mo­gol, che fa­ce­va­no que­sto me­stie­re da mol­to pri­ma di me e que­sto mi è ser­vi­to do­po, con­sen­ten­do­mi di ap­pli­ca­re que­sta espe­rien­za in ogni po­si­zio­ne ri­co­per­ta du­ran­te la mia car­rie­ra di­sco­gra­fi­ca. Il suc­ces­so ve­ro co­mun­que te lo dà la can­zo­ne: con la mu­si­ca e il te­sto e la no­vi­tà del­la pro­po­sta».

In au­tun­no hai fat­to Ma­ra im­pa­ra, for­mat in­no­va­ti­vo su Sky Uno con ar­ti­sti gio­va­ni e nuo­vis­si­mi co­me Achil­le Lau­ro o Co­smo... «Avrei det­to: una vec­chiet­ta co­me me che ci fa con que­sti rap­per! In­ve­ce è ser­vi­to, mi han­no fat­to ca­pi-

re del­le co­se che mi so­no ser­vi­te an­che con Ana­sta­sio».

Fai Tv or­mai da die­ci an­ni: che pro­gram­ma vor­re­sti fa­re? «Sì, ma fac­cio sem­pre la stes­sa ro­ba! D’al­tra par­te non so­no un’at­tri­ce né una pre­sen­ta­tri­ce, so­no so­lo Ma­ra Maionchi. E de­vo re­sta­re su quel­la che è la mia pre­di­spo­si­zio­ne».

“Al mon­do ci so­no i pu­ro­san­gue e i so­ma­ri: i pri­mi bril­la­no e so­no po­chi, gli al­tri non mol­la­no mai e al­la fi­ne ar­ri­va­no in ci­ma”,

scri­vi con Ru­dy Zer­bi in Se non sba­gli non sai che ti per­di, 13 con­si­gli per chi non vuo­le smet­te­re di so­gna­re... «Io per esem­pio so­no un so­ma­ro: l’ho ap­pe­na det­to, so fa­re so­lo una co­sa, pe­rò mi so­no ap­pli­ca­ta mol­to. I so­ma­ri fan­no più fa­ti­ca dei ca­val­li di raz­za ma an­che i pu­ro­san­gue se non si dan­no da fa­re ri­schia­no di non ar­ri­va­re al tra­guar­do».

In­som­ma la re­gi­na dei talent scout fa un li­bro che elo­gia la­vo­ro e fa­ti­ca a di­sca­pi­to del ta­len­to... «Non rie­sco a pen­sa­re di­ver­sa­men­te: cre­do che tut­ti deb­ba­no su­da­re e fa­re fa­ti­ca per ar­ri­va­re a uno sco­po. Il mes­sag­gio è: se qual­cu­no vi di­ce di no, non ri­ma­ne­te­ci ma­le, o al­me­no non per più di mezz’ora. Chie­de­te­vi per­ché, la­vo­ra­te su voi stes­si e an­da­te avan­ti».

Hai avu­to il can­cro e l’hai com­bat­tu­to: co­sa ti è ri­ma­sto di que­sta bat­ta­glia? «Ho com­bat­tu­to co­me mol­tis­si­mi al­tri per­ché pur­trop­po è una ma­lat­tia mol­to dif­fu­sa. Io spe­ro che tut­to sia pas­sa­to, che sia su­pe­ra­ta, e ti di­co la ve­ri­tà: ci pen­so po­co. Non so­no ot­ti­mi­sta, so­no rea­li­sta. E va­do avan­ti di gior­no in gior­no. Co­me con l’età, d’al­tra par­te».

Hai det­to di es­se­re la “peg­gio­re non­na del mon­do”, ma non cre­do che i tuoi ni­po­ti­ni Ni­co­lò, Mir­til­la e Mar­ghe­ri­ta sa­reb­be­ro d’ac­cor­do. «L’ho det­to per­ché, per via del la­vo­ro, non ho tan­to tem­po da de­di­ca­re lo­ro: non so­no co­me tan­te non­ne che ti­ra­no su i pro­pri ni­po­ti. Ma ades­so che ho un po’ di tem­po, per esem­pio, va­do a tro­va­re la mia ni­po­ti­na Mar­ghe­ri­ta che non ve­do da un po’ e mi man­ca mol­to».

Tu e “il Sa­ler­no”, co­me spes­so chia­mi tuo ma­ri­to Al­ber­to, con­di­vi­de­te qua­ran­ta­due an­ni d’amo­re e un lun­go so­da­li­zio pro­fes­sio­na­le: co­me si fa?

«Te­ne­re in equi­li­brio è dif­fi­ci­le, c’è una par­te di de­sti­no e una par­te di buon sen­so, quel­lo che non ti fa ar­rab­bia­re per tut­to, spe­cie per le pic­co­lez­ze e che, se sei for­tu­na­to, inau­gu­ra la sta­gio­ne di una se­re­na abi­tu­di­ne. È que­sta la fa­se che, a mio pa­re­re, su­pe­ra­te le av­ver­si­tà, fa let­te­ral­men­te fio­ri­re e for­ti­fi­ca­re l’af­fet­to. Au­gu­ro a tut­ti di rag­giun­ger­la».

«LO STROZZEREI, MA GLI VO­GLIO TROP­PO BE­NE» Mi­la­no. Ma­ra Maionchi, 77 an­ni, e Al­ber­to Sa­ler­no, 68, scher­za­no nel­la lo­ro ca­sa da­van­ti al fo­to­gra­fo. Spo­sa­ti nel 1976, han­no due fi­glie e, ta­glia­to il tra­guar­do dei 40 in­sie­me, han­no scrit­to un li­bro per Bal­di­ni e Ca­stol­di: Il pri­mo an­no va ma­le, tut­ti gli al­tri sem­pre peg­gio.

CON I COL­LE­GHI SIN­TO­NIA TO­TA­LE Il sor­ri­so schiet­to e fur­bo di Ma­ra Maionchi, tra­vol­gen­te giu­di­ce di Ita­lia’s Got Talent, in on­da a par­ti­re dall’11 gen­na­io tut­ti i ve­ner­dì al­le 21.15 su TV8. So­pra, la giu­di­ce rock con i col­le­ghi: Clau­dio Bi­sio, 61, giu­ra­to da quat­tro edi­zio­ni, Lo­do­vi­ca Co­mel­lo, 28, con­dut­tri­ce del for­mat per la ter­za vol­ta, Frank Ma­ta­no, 29, giu­di­ce da quat­tro edi­zio­ni, e Federica Pel­le­gri­ni, 30, per la pri­ma vol­ta in uno show te­le­vi­si­vo. «Sia­mo un team al­le­gro e af­fia­ta­to», di­ce Ma­ra.

«INVIDIO FEDERICA» An­co­ra la squa­dra di Ita­lia’s Got Talent al com­ple­to. «Ab­bia­mo un rap­por­to bel­lis­si­mo», di­ce Ma­ra. «Ma­ta­no e Bi­sio mi fan­no mo­ri­re dal ridere, Federica è dol­cis­si­ma, mal­gra­do ab­bia un ca­rat­te­re di fer­ro che le invidio».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.