In­chie­sta Lat­te li­be­ro

Allattare in pub­bli­co è un’offesa al pu­do­re? Una mam­ma al­lon­ta­na­ta dall’uf­fi­cio po­sta­le riac­cen­de la po­le­mi­ca. E an­che le at­tri­ci di Hol­ly­wood han­no i lo­ro pro­ble­mi quan­do van­no in gi­ro con i be­bè. Ep­pu­re, ba­ste­reb­be una se­dia

GIOIA - - Inchiesta - di Fe­de­ri­ca Fu­ri­no (ha col­la­bo­ra­to Ro­ber­to Cro­ci)

Il gior­no in cui ho ca­pi­to che nes­su­na con­vin­zio­ne è per sem­pre ero a pie­di, nel cen­tro di To­ri­no, con mio fi­glio di due me­si in brac­cio. Lui ur­la­va per la fa­me, io cer­ca­vo di ar­ri­va­re al­la mac­chi­na per dar­gli la sua do­se ago­gna­ta di tet­ta, ar­ran­can­do co­me so­lo una neo­ma­dre ca­ri­ca di bor­se e di son­no può fa­re. Chi ha al­lat­ta­to sa che un bam­bi­no che ha fa­me è co­me un an­ti­fur­to, di quel­li che suo­na­no a in­ter­val­li sem­pre più vi­ci­ni, sem­pre più in­sop­por­ta­bi­li. Ec­co: in quel mo­men­to mio fi­glio era una si­re­na im­pos­si­bi­le da spe­gne­re. La mac­chi­na lon­ta­na, la fa­scia, le bor­se, il son­no: tut­to trop­po. E al­lo­ra mi so­no fer­ma­ta e l’ho al­lat­ta­to: in pie­di in mez­zo al­la stra­da, con la gen­te che mi cam­mi­na­va di fian­co. Nes­su­na con­vin­zio­ne è per sem­pre (da al­lo­ra in­fat­ti è ca­pi­ta­to in­fi­ni­te vol­te), per­ché io ero quel­la che sen­ten­zia­va che cer­te co­se è me­glio far­le a ca­sa. Ma tra la vec­chia me e la nuo­va me c’era un bam­bi­no af­fa­ma­to. E i bam­bi­ni af­fa­ma­ti so­no ca­pa­ci di scar­di­na­re qual­sia­si pre­giu­di­zio (o im­ba­raz­zo), bru­ta­liz­zan­do­ti le orec­chie e co­strin­gen­do il cer­vel­lo a pro­dur­re os­si­to­ci­na. Che è l’or­mo­ne dell’amo­re ma pu­re dell’an­sia. La bio­chi­mi­ca vin­ce (per for­tu­na). Su tut­to.

Co­sì quan­do il bim­bo di Fran­ce­sca Ca­stel­li (una gio­va­ne mam­ma di Biel­la) ha ini­zia­to a pian­ge­re lei l’ha al­lat­ta­to, an­che se era in co­da in un uf­fi­cio po­sta­le. Poi pe­rò è ar­ri­va­to il di­ret­to­re a spie­gar­le che lì era vie­ta­to e che in pub­bli­co, sem­mai, si usa un bi­be­ron. Al­la fac­cia dell’Or­ga­niz­za­zio­ne mon­dia­le del­la sa­ni­tà, che rac­co­man­da l’al­lat­ta­men­to al se­no esclusivo fi­no al se­sto me­se e con­si­glia, po­ten­do, di pro­se­gui­re

«Noi don­ne dob­bia­mo sup­por­tar­ci. Co­sì fa­re­mo la dif­fe­ren­za. Fuo­ri le tet­te!» «Se po­te­te fa­te­lo! È un’espe­rien­za uni­ca, na­tu­ra­le, la scel­ta mi­glio­re per i no­stri fi­gli» «Non mi in­te­res­sa se of­fen­do qual­cu­no. Quan­do è ora di man­gia­re... è ora!» Sel­ma Blair at­tri­ce «Non pen­sa­vo che sa­rei sta­ta ca­pa­ce. So­no fie­ra di me» Gwen Ste­fa­ni can­tan­te e mo­del­la Pink can­tan­te «Il mio se­no è fat­to per allattare. Pen­so al­la sa­lu­te di mio fi­glio» Than­die New­ton at­tri­ce Alys­sa Mi­la­no at­tri­ce e can­tan­te

fi­no ai due an­ni (per­ché for­ni­sce i nu­trien­ti ne­ces­sa­ri, tra­sfe­ri­sce al bam­bi­no gli an­ti­cor­pi ma­ter­ni, ri­du­ce il ri­schio di mor­te in cul­la, di asma e di dia­be­te e di­mi­nui­sce le pro­ba­bi­li­tà di can­cro al se­no nel­la mam­ma). Al­la fac­cia del mi­ni­ste­ro del­la Sa­lu­te che di­chia­ra che le don­ne de­vo­no po­ter allattare ovun­que (an­che se poi al­le par­la­men­ta­ri è vie­ta­to far­lo in au­la). Al­la fac­cia dei cor­si pre­par­to e del­le oste­tri­che nei re­par­ti ma­ter­ni­tà.

Si ac­co­mo­di fuo­ri, avreb­be det­to il di­ret­to­re dell’uf­fi­cio

po­sta­le. Sen­za im­ma­gi­na­re le con­se­guen­ze. E cioè: Fran­ce­sca lo rac­con­ta su Fa­ce­book e, di con­di­vi­sio­ne in con­di­vi­sio­ne, il ca­so fi­ni­sce sot­to gli oc­chi di Ma­rian­na Ma­dia, mi­ni­stro del­la Pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne. Che twit­ta: «In nes­sun luo­go do­vreb­be es­se­re vie­ta­to l’al­lat­ta­men­to. Su­bi­to una di­ret­ti­va per tut­ta la PA». E que­sta è la no­ti­zia. Per­ché in Ita­lia, una leg­ge che au­to­riz­zi le don­ne ad allattare in pub­bli­co an­co­ra non c’è. C’è pe­rò una pe­ti­zio­ne che ne chie­de una, pro­mos­sa (su Chan­ge.org) da Raf­fael­la Sot­ti­le, mam­ma di due bim­bi ac­cu­sa­ta dai ge­sto­ri di uno sta­bi­li­men­to di Ar­ma di Tag­gia “di ave­re sem­pre le tet­te di fuo­ri”. «Mio fi­glio ave­va die­ci me­si e lo al­lat­ta­vo a ri­chie­sta. Mi han­no ri­pre­sa in mo­do sgar­ba­to e mi han­no chie­sto di an­dar­me­ne. Ho aspet­ta­to le lo­ro scu­se, ma nien­te. Co­sì ho or­ga­niz­za­to un fla­sh mob di don­ne che al­lat­ta­no lì da­van­ti. La co­sa è fi­ni­ta sui gior­na­li e han­no co­min­cia­to a scri­ver­mi mol­te mam­me. La pe­ti­zio­ne è na­ta co­sì. Da ot­to­bre ab­bia­mo rac­col­to 35.000 fir­me». Per­ché ca­si co­me il suo ca­pi­ta­no ogni gior­no.

Car­la Scar­si, con­su­len­te di La le­che lea­gue (Le­ga per l’al­lat­ta­men­to ma­ter­no, at­ti­va da 60 an­ni in tut­to il mon­do), ne fa una que­stio­ne cul­tu­ra­le. «Le gio­va­ni mam­me han­no idee più aper­te del pas­sa­to e in­for­ma­zio­ni più cor­ret­te. Ma il re­sto del­la so­cie­tà non è an­co­ra pron­ta». Per que­sto, spie­ga, ser­ve una leg­ge. «Co­sì le mam­me po­tran­no mo­strar­la a chiun­que ab­bia da ri­di­re: la cul­tu­ra di un Pae­se si cam­bia co­sì. E

don­na che al­lat­ta non de­ve na­scon­der­si. «Lo scor­so ot­to­bre ave­va­mo pro­po­sto al­le Po­ste Ita­lia­ne di ade­ri­re all’ini­zia­ti­va e far di­ven­ta­re ba­by pit stop tut­ti i 15.000 uf­fi­ci po­sta­li. Uni­ca spe­sa, un ade­si­vo da ap­pic­ci­ca­re su ogni en­tra­ta. La pro­po­sta è ca­du­ta nel vuo­to, ma spe­ro che ora, con quel che è suc­ces­so a Biel­la, ci ri­pen­si­no».

Il pro­ble­ma non è so­lo ita­lia­no. Da an­ni Ro­ber­to Cro­ci, col­la­bo­ra­to­re di Gio­ia! che vi­ve a Los An­ge­les, rac­co­glie le la­men­te­le del­le at­tri­ci di Hol­ly­wood sul­le di­scri­mi­na­zio­ni a cui lo­ro stes­se van­no in­con­tro al­lat­tan­do i lo­ro bam­bi­ni (al­cu­ne le po­te­te leg­ge­re in que­ste pa­gi­ne). In­con­ve­nien­ti in cui è in­cap­pa­to an­che lui. «In Ca­li­for­nia, do­ve vi­vo, la leg­ge che ga­ran­ti­sce il di­rit­to di allattare in pub­bli­co è sta­ta ap­pro­va­ta nel 1997, l’an­no pri­ma che na­sces­se mia fi­glia. No­no­stan­te que­sto, ci sia­mo sen­ti­ti di­re: “Non può an­da­re in ba­gno?”, op­pu­re: “De­ve per for­za ti­rar­la fuo­ri tut­ta, la tet­ta?”. Han­no per­si­no mi­nac­cia­to di chia­ma­re la po­li­zia». No­no­stan­te in 47 Sta­ti sia in vi­go­re il Bre

ast­fee­ding an­ti di­scri­mi­na­tion act, ca­si co­me que­sti so­no all’or­di­ne del gior­no. «Per que­sto è sta­ta idea­ta la cam­pa­gna

Ta­ble for two, che pro­muo­ve la co­stru­zio­ne di stan­ze per mam­me, in luo­ghi pub­bli­ci co­me ae­reo­por­ti o cen­tri com­mer­cia­li, in­ve di i ele­ga­te nei ba­gni».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.