Va­nes­sa Pa­ra­dis Il pi­ra­ta so­no io

GIOIA - - Sommario - Ila­ria Ra­va­ri­no - fo­to Ugo Ri­chard

di Ila­ria Ra­va­ri­no

Men­tre il suo ex John­ny Depp af­fon­da tra av­vo­ca­ti e re­hab, l’at­tri­ce fran­ce­se è ri­na­ta: ha scel­to un’iso­la co­me buen re­ti­ro, è tor­na­ta al ci­ne­ma con un ruo­lo to­sto e (so­prat­tut­to) il 30 giu­gno si è spo­sa­ta a sor­pre­sa. Lui è un no­to re­gi­sta con il pe­di­gree del se­dut­to­re. Ma lei non ha pau­ra di sal­pa­re su na­vi cor­sa­re

Da quan­do pas­sa lun­ghi pe­rio­di nel suo buen re­ti­ro a Île de Ré, vi­ci­na di ca­sa dell’ex pre­mier Lio­nel Jo­spin, se­pa­ra­ta dal­la Fran­cia da un pon­te sull’ocea­no, Va­nes­sa Pa­ra­dis sta sen­si­bil­men­te me­glio.

A sei an­ni dal­la fi­ne del­la re­la­zio­ne con John­ny Depp (mol­to ama­to, sem­pre di­fe­so: an­che quan­do le cro­na­che par­la­va­no di bot­te al­la ex, abu­si e fa­lan­gi moz­za­te), e due an­ni do­po l’ad­dio al mu­si­ci­sta Be­n­ja­min Bio­lay, l’at­tri­ce e can­tan­te si è spo­sa­ta, an­ti­ci­pan­do a sor­pre­sa al 30 giu­gno le noz­ze pre­vi­ste per il 19 lu­glio, con il re­gi­sta fran­co-ma­roc­chi­no Sa­muel Ben­che­trit: una ce­ri­mo­nia très chic da­van­ti a po­chi ami­ci e al­la fi­glia Li­ly-Ro­se Depp, ce­le­bra­ta nel pae­si­no di Saint-Si­méon, al­le por­te di Pa­ri­gi. Già al fe­sti­val di Can­nes, do­ve era per la pri­ma vol­ta in con­cor­so con il thriller Kni­fe+Heart di Yann Gon­za­lez, Va­nes­sa Pa­ra­dis ap­pa­ri­va par­ti­co­lar­men­te lu­mi­no­sa: la­scia­ti al­le spal­le gli ec­ces­si del­la vi­ta con Depp, non ha esi­ta­to a met­ter­si in gio­co con un film sghem­bo, esa­ge­ra­ta­men­te ki­tsch, in cui in­ter­pre­ta nien­te­me­no che una pro­dut­tri­ce di por­no gay, le­sbi­ca e al­co­liz­za­ta. Quel­lo cui pe­rò, ap­pa­ren­te­men­te, non rie­sce a ri­nun­cia­re, so­no le sto­rie d’amo­re con uo­mi­ni in­gom­bran­ti: ex ma­ri­to di Ma­rie Trin­ti­gnant – era an­co­ra for­mal­men­te spo­sa­ta con lui, quan­do fu uc­ci­sa dal com­pa­gno Ber­trand Can­tat – il neo­spo­so Ben­che­trit ha fa­ma di gran se­dut­to­re, un cur­ri­cu­lum da re­gi­sta pre­mia­to al Sun­dan­ce Film Fe­sti­val e un ego di quel­li che ti in­du­co­no, a trent’an­ni, a scri­ve­re un’au­to­bio­gra­fia in cin­que vo­lu­mi. Ma a Va­nes­sa Pa­ra­dis, evi­den­te­men­te, va be­ne co­sì: lei, dei pi­ra­ti, non ha pau­ra.

Una pro­dut­tri­ce di por­no: co­sa ha pen­sa­to quan­do le han­no pro­po­sto il ruo­lo? Che era una del­le sce­neg­gia­tu­re più bel­le che aves­si mai let­to, uno dei per­so­nag­gi più in­te­res­san­ti che mi aves­se­ro mai pro­po­sto. Ov­via­men­te non è un film per tut­ti i pa­la­ti, lo so. Sce­glie sem­pre i co­pio­ni d’istin­to? Sì. Se pen­so trop­po al ruo­lo, vuol di­re che non de­vo ac­cet­ta­re la par­te. Ho un ap­proc­cio au­to­ma­ti­co, se mi pia­ce mi pia­ce su­bi­to. Nel film si trat­ta il ses­so al li­mi­te dell’espli­ci­to. Non la spa­ven­ta­va? Ma non è un film sul ses­so. È un film sul­la tol­le­ran­za. Og­gi pun­tia­mo il di­to con­tro chi è di­ver­so da noi per­ché la dif­fe­ren­za ci fa pau­ra, met­te al­la pro­va le no­stre cer­tez­ze. La ve­ri­tà è che sia­mo tut­ti ugua­li: non na­scia­mo con la stes­sa fac­cia, nel­lo stes­so Pae­se, ma al­la fi­ne sia­mo tut­ti es­se­ri uma­ni. Con gli stes­si sen­ti­men­ti. È un film ro­man­ti­co e po­li­ti­co. E pro­vo­ca­to­rio... Non pen­sa­vo a scioc­ca­re. La sto­ria mi ave­va con­qui­sta­ta pri­ma an­co­ra che po­tes­si in­tuir­ne la po­ten­zia­li­tà. E se c’era qual­cu­no che ave­vo vo­glia di “pro­vo­ca­re”, quel­la ero io.

Le pia­ce usci­re dal­la sua com­fort zo­ne? Ogni vol­ta che fai un film è co­me fa­re un viag­gio. Spes­so è co­me an­da­re a tra­scor­re­re una va­can­za nel­la tua cit­tà na­ta­le, in un luo­go che co­no­sci be­ne. A vol­te in­ve­ce par­ti e vai lon­ta­no. Per que­sto ero co­sì emo­zio­na­ta. È sta­to un viag­gio par­ti­co­la­re. Pre­zio­so.

In va­li­gia ha mes­so par­ruc­che e sti­va­li di pel­le. Ros­sa. Mi so­no di­ver­ti­ta da mo­ri­re. Ba­sta in­dos­sa­re un pa­io di sti­va­li co­sì per sen­tir­ti im­me­dia­ta­men­te ad­dos­so un’ener­gia for­tis­si­ma. Di­pen­de dal co­lo­re, cre­do: il ros­so ti po­ten­zia. E la par­ruc­ca bion­do pla­ti­no, i ve­sti­ti blu elet­tri­co... una ca­ri­ca nuo­va.

Un per­so­nag­gio fem­mi­ni­le for­te, il suo. Non se ne ve­do­no tan­ti al ci­ne­ma. Ma le co­se stan­no cam­bian­do. Tut­to quel­lo che è sta­to sco­per­to, e det­to, dal­le don­ne du­ran­te que­st’ul­ti­mo an­no mi dà gran­de spe­ran­za. Per­ché una vol­ta che in­di­vi­dui il pro­ble­ma, vuol di­re che ini­zi a ri­sol­ver­lo. Non so co­sa ac­ca­da in al­tri am­bi­ti, ma nel ci­ne­ma tan­te don­ne stan­no co­min­cian­do a par­la­re, a in­co­rag­gia­re le al­tre, oc­cu­pa­re spa­zi e pre­ten­de­re di es­se­re ascol­ta­te.

Le re­gi­ste don­ne so­no po­che. Le pia­ce­reb­be far­lo? No. Non ho al­cun de­si­de­rio in me­ri­to. No, gra­zie. Amo es­se­re un’at­tri­ce. Ado­ro il mio la­vo­ro.

Lei è an­che can­tan­te. Il re­gi­sta l’ha scel­ta do­po ave­re ri­vi­sto il vi­deo di Joe le ta­xi... Quel­la can­zo­ne è sta­to l’ini­zio di tut­to per me, ave­vo 13 an­ni, fu un mo­men­to spe­cia­le. È una can­zo­ne sim­bo­li­ca per la mia vi­ta. In­fat­ti la can­to sem­pre ai con­cer­ti.

Con­ti­nue­rà a fa­re mu­si­ca? Sì, sto la­vo­ran­do a un nuo­vo al­bum che usci­rà in Fran­cia in au­tun­no. L’ul­ti­mo ri­sa­le a cin­que an­ni fa. Era il mo­men­to giu­sto per tor­na­re al­la mu­si­ca. L’an­no scor­so so­no sta­ta for­tu­na­ta: ho gi­ra­to di­ver­si film, poi è ar­ri­va­to que­sto... L’ho ac­cet­ta­to per­ché un’oc­ca­sio­ne co­sì non mi sa­reb­be ca­pi­ta­ta di nuo­vo. Ma ades­so è ora di tor­na­re al­la mu­si­ca. Nel fa­re mu­si­ca qua­le mo­men­to pre­fe­ri­sce? La re­gi­stra­zio­ne in stu­dio e i con­cer­ti. Scri­ve­re il te­sto è un’at­ti­vi­tà mol­to do­lo­ro­sa. La re­gi­stra­zio­ne in­ve­ce è il mo­men­to in cui la can­zo­ne la crei dav­ve­ro, can­tan­do­la. E il con­cer­to è un mo­men­to di co­mu­nio­ne con gli al­tri, mol­to spe­cia­le. Spes­so so­no sta­ti al­tri a scri­ve­re i suoi bra­ni. Per­ché? Per me è dav­ve­ro in­cre­di­bi­le che ci sia­no au­to­ri che rie­sco­no a scri­ve­re mu­si­ca e te­sti. Io non so­no in gra­do di in­ven­ta­re tan­te can­zo­ni. Pre­fe­ri­sco can­ta­re ot­ti­mi bra­ni, an­che se le pa­ro­le so­no scrit­te da al­tri. La mu­si­ca è un viag­gio, esat­ta­men­te co­me il ci­ne­ma. Un viag­gio pie­no di gio­ia, se lo fai in­sie­me ad al­tri.

FIO­RI Va­nes­sa D’ARANCIO Pa­ra­dis con il re­gi­sta fran­co­ma­roc­chi­no Sa­muel Ben­che­trit, 45 an­ni, su­bi­to do­po il sì, lo scor­so 30 giu­gno, a Saint-Si­méon. L’at­tri­ce ha due fi­gli na­ti dal­la re­la­zio­ne con John­ny Depp: Li­ly-Ro­se, 19 an­ni, e John Ch­ri­sto­pher, 16.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.