La ter­raz­za

GIOIA - - Sommario - GUIA SON­CI­NI GIOR­NA­LI­STA E SCRIT­TRI­CE IL SUO UL­TI­MO LI­BRO È QUALUNQUECOSA SIGNIFICHIAMORE (GIUNTI)

di Guia Son­ci­ni

I miei An­ni 80 fu­ro­no scan­di­ti dai pas­sag­gi te­le­vi­si­vi di Mam­mi­na ca­ra,

il film dell’81 trat­to dal me­moir in cui la fi­glia di Joan Cra­w­ford rac­con­ta­va la mo­struo­si­tà di sua ma­dre. La sce­na in cui la pic­chia­va con le gruc­ce del la­va­sec­co, quel­la in cui si la­va­va la fac­cia col ghiac­cio: di tut­to quel pac­chet­to che nei de­cen­ni sa­reb­be ri­ma­sto un cul­to, da bam­bi­na su­bi­vo il fa­sci­no in mo­do im­pre­ci­so; riu­sci­vo a met­te­re a fuo­co un so­lo ele­men­to: mia ma­dre si ar­rab­bia­va mol­tis­si­mo quan­do vo­le­vo ri­ve­der­lo. Nel­la sua me­ga­lo­ma­nia, lo pren­de­va per un mes­sag­gio a lei. Che pe­rò non era Joan Cra­w­ford: era una ma­dre me­dio­cre, mi­ca mo­struo­sa; il ci­ne­ma non avreb­be sa­pu­to che far­se­ne.

Que­sta è sta­ta una pes­si­ma an­na­ta per il tar­tu­fo,

ma era dall’81 che non c’era una sta­gio­ne co­sì fio­ren­te di ma­dri mostruose. Pri­ma c’è sta­to To­nya, il film sul­la pat­ti­na­tri­ce To­nya Har­ding la cui ma­dre fa ri­con­si­de­ra­re a tut­te noi il giu­di­zio sul­le no­stre in­fan­zie. La ma­dre di To­nya era co­sì cla­mo­ro­sa­men­te mo­struo­sa che nep­pu­re si ver­go­gna­va del­la sua mo­struo­si­tà. A un cer­to pun­to di­ce­va una co­sa ti­po «Vor­rei aver­ce­la avu­ta io, una ma­dre co­me me, in­ve­ce di una ca­ri­na: ca­ri­na non ti ser­ve a un caz­zo». (In ef­fet­ti nes­su­na fa­mi­glia fe­li­ce ha mai pro­dot­to nien­te di va­li­do: ro­man­zi, film, o an­che so­lo epi­ca da so­cial me­dia). Poi Il mi­ra­co­lo, la se­rie di Nic­co­lò Am­ma­ni­ti in cui Al­ba Rohr­wa­cher ac­cu­di­sce amo­re­vol­men­te per an­ni la ma­dre ma­la­ta, e quan­do quel­la muo­re si sco­pre che ha la­scia­to tut­to a un’as­so­cia­zio­ne ani­ma­li­sta.

Mi chie­de­vo se fos­se più mo­struo­sa la ma­dre iner­te di Pa­trick Mel­ro­se, o il pa­dre stu­pra­to­re.

Non per sa­pe­re co­sa ne pen­sas­se lui, ma per ca­pi­re co­sa pen­sa­vo io, so­no an­da­ta a chie­der­lo a Da­vid Ni­cholls, che ha adat­ta­to i ro­man­zi in cin­que pun­ta­te te­le­vi­si­ve. L’ha di­fe­sa: «È una vit­ti­ma, è spo­sa­ta con un uo­mo ter­ri­bi­le, qual­co­sa fa pen­sa­re ci sia in lei un po­ten­zia­le af­fet­ti­vo; nel pa­dre no». Più lui la scu­sa­va, più io vo­le­vo stroz­zar­la; più lui di­fen­de­va la com­pli­ce pas­si­va, più io mi ri­tro­va­vo a di­fen­de­re il car­ne­fi­ce: lui al­me­no era uno psi­co­pa­ti­co, lei so­lo una che non ave­va ab­ba­stan­za ca­rat­te­re per an­dar­se­ne di ca­sa. «Ma è una vit­ti­ma, è un’al­co­liz­za­ta, è una dro­ga­ta, e cer­ca di far­si per­do­na­re fi­no al­la fi­ne, per quel­lo dà via tut­ti i sol­di, è il suo ten­ta­ti­vo di emen­dar­si». È sta­to so­lo men­tre Ni­cholls di­fen­de­va la si­gno­ra Mel­ro­se che mi so­no ri­cor­da­ta di quel­la ri­ga al­la fi­ne del te­sta­men­to di Joan Cra­w­ford: non ho in­ten­zio­ne di la­scia­re nien­te ai miei fi­gli Ch­ri­sto­pher e Ch­ri­sti­na, per ragioni che lo­ro ben san­no. In­fi­ne è ar­ri­va­to Pa­trick Mel­ro­se (su Sky dal 9 lu­glio), la cui ma­dre fa co­sì schi­fo che un po’ ti di­spia­ce per l’au­to­re dei ro­man­zi, spie­ta­ta­men­te au­to­bio­gra­fi­ci (per Ch­ri­sti­na Cra­w­ford non ci di­spia­ce­va mai: for­se da pic­co­le era­va­mo più cru­de­li). Jen­ni­fer Ja­son Lei­gh – nel ruo­lo del­la ric­ca ame­ri­ca­na che ha spo­sa­to quel mo­stro di Mel­ro­se e non co­glie le di­spe­ra­te ri­chie­ste d’aiu­to del fi­glio, che la im­plo­ra di por­tar­la via da quel­la ca­sa in cui il pa­dre lo stu­pra – met­te in sce­na la più ri­but­tan­te ma­dre di tut­ti i tem­pi; una che ol­tre­tut­to, pri­ma di mo­ri­re, la­scia tut­ti i suoi be­ni a una qual­che set­ta. Lo guar­da­vo e pen­sa­vo: è l’an­no in cui la pro­le te­le­vi­si­va non so­lo ha ge­ni­to­ri mo­struo­si, ma nep­pu­re può con­so­lar­si con l’ere­di­tà.

«La più ri­but­tan­te è Jen­ni­fer Ja­son Lei­gh nel­la mi­ni­se­rie Pa­trick Mel­ro­se su Sky: tan­to spie­ta­ta da la­scia­re tut­ti i suoi be­ni a una set­ta»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.