Zoom di Ste­fa­nia Mi­ret­ti

GIOIA - - Sommario -

Ho de­ci­so di com­pra­re l’ub­bi­dien­za di mia fi­glia – l’aspi­ran­te pop­star – con la pro­mes­sa di un bi­gliet­to per il con­cer­to di Beyon­cé: 150 eu­ro cir­ca, più le spe­se. Era un in­ve­sti­men­to: la buo­na edu­ca­zio­ne si fon­da sul ri­cat­to, e «Guar­da che me lo ri­ven­do» è sta­ta la for­mu­la ma­gi­ca che ha ga­ran­ti­to per set­ti­ma­ne caf­fè a let­to e com­pi­ti svol­ti con con­ti­nui­tà. Poi è usci­to il vi­deo di Blue Ivy, pri­mo­ge­ni­ta Car­ter, che si na­scon­de­va per non guar­da­re i fil­mi­ni se­xy al con­cer­to di mam­ma e pa­pà, e un po’ ho te­mu­to l’im­ba­raz­zo. Mia fi­glia ha no­ve an­ni e, co­me tut­te le pop­star, è as­sai bac­chet­to­na. Ve­ner­dì 6 lu­glio ho tra­scor­so il po­me­rig­gio a spie­gar­le che no, non ser­ve usci­re pre­sto per an­da­re a San Si­ro: i po­sti che com­pra la mam­ma so­no nu­me­ra­ti, per­ché è an­zia­na, quin­di sta­re­mo se­du­te e ve­dre­mo tut­to mi­nu­sco­lo. (Quan­do sa­rai più gran­de po­trai an­da­re a mo­ri­re d’in­so­la­zio­ne sul pra­to: è più di­ver­ten­te, ma de­vi ri­cor­dar­ti di non sve­ni­re, o ti por­ta­no via). Poi ho co­min­cia­to a stril­lar­le di muo­ver­si: al­lac­cia­ti be­ne le scar­pe, non ser­ve la fel­pa. È tar­di, è tar­dis­si­mo e – san­ta pa­zien­za – ades­so gran­di­na pu­re. Per­ché non hai pre­so la fel­pa? Men­tre gli sguat­te­ri asciu­ga­no il pal­co, le il­lu­stro il con­te­sto: l’ascen­so­re, le cor­na, il ma­tri­mo­nio co­me la­vo­ro di fa­ti­ca. (Ve­di? La mam­ma è mo­der­na: con la scu­sa di Beyon­cé ti spie­ga l’amo­re e il ses­so, non far­ti tur­ba­re da quat­tro scu­let­ta­men­ti per cor­te­sia, sen­nò tuo pa­dre chi lo sen­te). Quan­do ini­zia lo show, i fil­mi­ni pas­sa­no inos­ser­va­ti, e di fat­to an­che Jay Z. C’è spa­zio so­lo per Beyon­cé: gli sti­va­lo­ni sbril­luc­ci­can­ti, i com­ple­ti­ni di car­ta sta­gno­la, un man­tel­lo vio­la da pa­pa re. E quei ca­pel­li lun­ghis­si­mi sba­tac­chia­ti qua e là. (No: non puoi far­te­li cre­sce­re co­sì, non fin­ché toc­che­rà a me con­trol­lar­ti i pi­doc­chi). La mia pop­star sal­tel­la a rit­mo fi­no a For­ma­tion, poi il rap so­cia­le di Jay Z la stron­ca e a Cra­zy in­lo­ve de­vo sve­gliar­la: lo sta­dio è in fiam­me, lei ha fa­me. Uscia­mo che quel­li an­co­ra can­ta­no: men­tre com­pro due pa­ni­ni cat­ti­vi, den­tro at­tac­ca­no Fo­re­ver Young. (Lo sai che que­sta è dei miei tem­pi? Ave­vo cir­ca la tua età). La can­tia­mo a squar­cia­go­la se­du­te sul mar­cia­pie­de. Ca­pi­te­ran­no hot dog più buo­ni, ca­pi­te­ran­no con­cer­ti mi­glio­ri, ma la ma­gia è que­sta qua: da sta­se­ra, ogni vol­ta che sen­ti­rai Beyon­cé, avrai no­ve an­ni, al­le spal­le uno sta­dio bol­len­te, e sor­ri­de­rai sfi­ni­ta e spor­ca di ket­chup: è sta­to bel­lis­si­mo. Se­re­na La Ro­sa

Sul pal­co a Mi­la­no Un mo­men­to del con­cer­to di Beyon­cé, 36 an­ni, lo scor­so 6 lu­glio a San Si­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.