co­me ge­sti­re i fi­gli in esta­te

GIOIA - - Intervista -

Ogni an­no la stes­sa sto­ria: le scuo­le so­no fi­ni­te e il mio ex non mi ha an­co­ra fat­to sa­pe­re quan­do po­trà pren­der­si dei gior­ni di fe­rie per sta­re con i bam­bi­ni. So­no me­si che gli scri­vo sen­za ot­te­ne­re ri­spo­sta. Io or­mai ho pre­no­ta­to la casa al ma­re, e i non­ni mi chie­do­no di sta­re un po’ di tem­po con i ra­gaz­zi. Tra l’al­tro, non vor­rei che la sua nuo­va fi­dan­za­ta an­das­se in va­can­za con i miei fi­gli. Che co­sa pos­so fa­re per or­ga­niz­za­re tut­to al me­glio? Car­la

La con­flit­tua­li­tà tra ge­ni­to­ri se­pa­ra­ti si esa­spe­ra pro­prio d’esta­te, quan­do van­no pro­gram­ma­te le

fe­rie e scel­ti i gior­ni in cui i bam­bi­ni tra­scor­re­ran­no le va­can­ze con l’uno e con l’al­tro ge­ni­to­re. An­che la nor­ma­le or­ga­niz­za­zio­ne del tem­po li­be­ro dal­la scuo­la di­ven­ta pro­ble­ma­ti­ca. Ec­co al­cu­ni consigli uti­li. 1. In­se­ri­re nell’ac­cor­do di se­pa­ra­zio­ne quan­te più re­go­le pos­si­bi­li: pos­so­no sem­pre es­se­re mo­di­fi­ca­te in pre­sen­za di ac­cor­di mi­glio­ri, ma nel ca­so in cui il li­ti­gio di­ven­ti in­su­pe­ra­bi­le ci so­no co­mun­que dei pa­let­ti che ga­ran­ti­sco­no ai ge­ni­to­ri pe­rio­di di va­can­za con i fi­gli. 2. Or­ga­niz­zar­si per tem­po: sta­bi­li­re un ter­mi­ne en­tro il qua­le sud­di­vi­de­re le va­can­ze (per esem­pio, il 30 mag­gio di ogni an­no). Met­te­re tut­to per iscrit­to quan­do s’in­for­ma l’ex; se non si ot­tie­ne nes­su­na ri­spo­sta, pre­no­ta­re co­mun­que la va­can­za. 3. Rior­ga­niz­zar­si do­po una se­pa­ra­zio­ne non è fa­ci­le: si ve­do­no spes­so pa­pà in pa­ni­co per la pri­ma va­can­za da soli con i fi­gli. Può es­se­re uti­le sfrut­ta­re tut­te le ri­sor­se del­la famiglia, co­me i non­ni. E so­prat­tut­to è im­por­tan­te che le va­can­ze non si tra­sfor­mi­no in un’oc­ca­sio­ne di com­pe­ti­zio­ne tra mam­ma e pa­pà: ognu­no dei ge­ni­to­ri de­ve or­ga­niz­za­re le fe­rie a se­con­da del­le pro­prie pos­si­bi­li­tà eco­no­mi­che, ri­cor­dan­do­si che la co­sa im­por­tan­te è sta­re in­sie­me. 4. Me­glio evi­ta­re la pre­sen­za di un even­tua­le nuovo com­pa­gno, a me­no che non ci sia già sta­to un per­cor­so di av­vi­ci­na­men­to, e che sia quin­di una fi­gu­ra ben pre­sen­te nel­la vi­ta del bam­bi­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.