QUAN­DO UN FILM AIU­TA LA VE­RI­TÀ

Ci so­no vo­lu­ti due pro­ces­si per co­no­sce­re quel­lo che in cuor no­stro già tut­ti sa­pe­va­mo: che Ste­fa­no Cuc­chi è mor­to di bot­te

GIOIA - - Seneparla - COR­RA­DO FOR­MI­GLI GIOR­NA­LI­STA, CON­DU­CE SU LA7 PIAZ­ZAPU­LI­TA.

do­po sei gior­ni di ago­nia, il 22 ot­to­bre 2009, all’ospe­da­le San­dro Per­ti­ni di Ro­ma. Pe­sa­va 37 chi­li. Un ca­ra­bi­nie­re, Fran­ce­sco Te­de­sco, do­po es­ser­si te­nu­to den­tro que­sto spa­ven­to­so se­gre­to per no­ve an­ni, lo ha con­fes­sa­to ai giu­di­ci, in­col­pan­do due col­le­ghi di aver mas­sa­cra­to a cal­ci e pu­gni il gio­va­ne tos­si­co­di­pen­den­te ro­ma­no men­tre era a ter­ra iner­me. La ri­ve­la­zio­ne ha fat­to mol­to scal­po­re e da­to ra­gio­ne al­la fa­mi­glia di Ste­fa­no, la­scia­ta so­la a lun­go a com­bat­te­re per la ve­ri­tà. Co­no­sce­re­mo pre­sto le esat­te re­spon­sa­bi­li­tà dei ca­ra­bi­nie­ri coin­vol­ti, Te­de­sco com­pre­so. Ma un mu­ro or­mai è ca­du­to, eret­to da com­pli­ci­tà, si­len­zi, vi­gliac­che­ria: in tan­ti, nell’Ar­ma e fuo­ri, fra il per­so­na­le pe­ni­ten­zia­rio e ospe­da­lie­ro, han­no fin­to di non sa­pe­re, gi­ran­do­si dall’al­tra par­te di fron­te all’ago­nia di quel­lo che, in fon­do, era so­lo un “tos­si­co”, uno che non me­ri­ta­va pietà, ben­ché fos­se in­no­cen­te fi­no a sen­ten­za. Ma si sa che nel no­stro Pae­se l’in­no­cen­za non è mai pre­sun­ta quan­do si trat­ta dei de­bo­li o dei po­ve­ri. Co­sì ades­so sia­mo vi­ci­ni al­la ve­ri­tà. Ste­fa­no è sta­to am­maz­za­to di bot­te da chi do­ve­va sor­ve­gliar­lo e cu­rar­lo. Guar­dan­do il bel­lis­si­mo Sul­la mia pel­le di Ales­sio Cre­mo­ni­ni, in­ter­pre­ta­to dal bra­vo Ales­san­dro Bor­ghi, in tan­ti lo ave­va­mo ca­pi­to. In quel film l’ago­nia di Ste­fa­no è sta­ta rac­con­ta­ta sen­za ce­de­re al­la mor­bo­si­tà né al­la pro­pa­gan­da: so­lo una cro­na­ca fred­da e stra­zian­te, una mes­sa in fi­la dei fat­ti tal­men­te an­go­scian­te e coe­ren­te da non la­scia­re dub­bi. La pro­va che il ci­ne­ma ci­vi­le può pro­muo­ve­re un sen­ti­men­to col­let­ti­vo, una se­te di ve­ri­tà. Ste­fa­no Cuc­chi era un pre­sun­to in­no­cen­te, un ra­gaz­zo fra­gi­le e im­pau­ri­to nel­le ma­ni di uno Sta­to che avreb­be do­vu­to cu­sto­dir­lo e pro­ces­sar­lo. Nul­la più. For­se sen­za quel film il ca­ra­bi­ne­re Fran­ce­sco Te­de­sco non si sa­reb­be de­ci­so a par­la­re. E for­se noi non sa­rem­mo sta­ti pron­ti a ria­scol­ta­re, a no­ve an­ni di di­stan­za, il do­lo­re di una fa­mi­glia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.