Ryan Go­sling. A spas­so nel co­smo

Pre­ci­so, per­fe­zio­ni­sta, pri­mo del­la clas­se, ma an­che gen­ti­le e so­gna­to­re: tra l’at­to­re ca­na­de­se e il suo ul­ti­mo per­so­nag­gio, l’astro­nau­ta Neil Arm­strong, le so­mi­glian­ze so­no mol­tis­si­me. Com­pre­sa la vo­ca­zio­ne a vo­la­re al­to

GIOIA - - Sommario - di Ales­san­dra Mat­tan­za – fo­to Phi­lip­pe Quais­se

Di­ce di es­ser­si in­na­mo­ra­to del­la re­ci­ta­zio­ne guar­dan­do Dick Tra­cy.

Ep­pu­re Ryan Go­sling non ha nul­la del de­tec­ti­ve grin­to­so dal gril­let­to fa­ci­le, an­zi. Sa­rà che è ca­na­de­se, e lo ste­reo­ti­po vuo­le che i ca­na­de­si sia­no gen­ti­li e ro­man­ti­ci, ma di cer­to, ol­tre a es­se­re ta­len­tuo­so, è un uo­mo te­ne­ro e pas­sio­na­le. L’ho sco­per­to an­ni fa quan­do, du­ran­te un’in­ter­vi­sta per Blue Va­len­ti­ne, mi ha spie­ga­to che per lui il sen­so del­la vi­ta è rap­pre­sen­ta­to da una cop­pia di aman­ti che si al­lon­ta­na­no ab­brac­cia­ti lun­go i bi­na­ri di un tre­no, scom­pa­ren­do all’oriz­zon­te. Og­gi, la stes­sa pas­sio­ne e gli stes­si buo­ni sen­ti­men­ti li por­ta in Fir­st man – Il pri­mo uo­mo, bio­pic in usci­ta il 31 ot­to­bre fir­ma­to dal re­gi­sta pro­di­gio Da­mien Cha­zel­le, con il qua­le Go­sling ha la­vo­ra­to an­che in La La Land. Pre­sen­ta­to al To­ron­to Film Fe­sti­val, Fir­st man – Il pri­mo uo­mo rac­con­ta la vi­ta di Neil Arm­strong, l’astro­nau­ta che per pri­mo ha cal­pe­sta­to il suo­lo del­la Lu­na. Nel ca­st c’è an­che Clai­re Foy, la re­gi­na Eli­sa­bet­ta del­la se­rie Net­flix The cro­wn. Per pre­pa­rar­si a que­sto ruo­lo, Go­sling si è sot­to­po­sto a un ad­de­stra­men­to spe­cia­le al­la Na­sa, non ri­spar­mian­do­si dav­ve­ro nul­la. In­ter­vi­sta­to al Jim­my Kim­mel Show, ha rac­con­ta­to le sue di­sav­ven­tu­re nell’af­fron­ta­re le pro­ve per re­si­ste­re all’as­sen­za di gra­vi­tà. Do­po una ses­sio­ne di ri­pre­se par­ti­co­lar­men­te in­ten­sa, si è sen­ti­to ma­le ed è fi­ni­to in ospe­da­le con una leg­ge­ra com­mo­zio­ne ce­re­bra­le: il sin­to­mo che l’ha al­lar­ma­to è sta­to un’al­lu­ci­na­zio­ne in cui ve­de­va tut­ti i ne­go­zi di ciam­bel­le del mon­do pie­ni di gen­te che cer­ca­va di ot­te­ner­le gra­tis. Del re­sto, dal ma­gi­stra­le ta­len­to di Mr. Go­sling, dal­la sua ori­gi­na­li­tà e dal suo per­fe­zio­ni­smo as­so­lu­to, ci si può aspet­ta­re di tut­to e di più – al pun­to di dan­neg­giar­si per­fi­no il cer­vel­lo, se ne­ces­sa­rio. «Ren­de ma­gi­co qual­sia­si pro­get­to al qua­le pren­de par­te», l’ha elo­gia­to Em­ma Sto­ne, che è sta­ta sua part­ner sul set di tre film ( Cra­zy, stu­pid, lo­ve; La La Land e Gang­ster squad). Il de­sti­no era se­gna­to fin da quan­do Go­sling era un bam­bi­no che cer­ca­va di li­ma­re l’ac­cen­to ca­na­de­se imi­tan­do Mar­lon Bran­do. «Mi pia­ce­va can­ta­re, mi esi­bi­vo con mia so­rel­la ai ma­tri­mo­ni e in­sie­me a uno zio che im­per­so­na­va El­vis Pre­sley. Ero un bam­bi­no in­tro­ver­so, non le­ga­vo trop­po con gli al­tri per­ché vi­ve­vo già nel mio mon­do. So­no sta­to an­che vit­ti­ma di bul­li­smo: mia ma­dre de­ci­se di te­ner­mi a ca­sa un an­no per far­mi stu­dia­re a ca­sa, e que­sto mi ha re­so an­co­ra più au­to­no­mo. A 12 an­ni mi pre­se­ro al The Mic­key Mou­se club di Di­sney Chan­nel; a 17 la re­ci­ta­zio­ne era già la mia vi­ta».

E ora in­ter­pre­ta il pri­mo uo­mo a cam­mi­na­re sul­la Lu­na. Una bel­la re­spon­sa­bi­li­tà. Un ono­re. Per me e per Clai­re, che in­ter­pre­ta Ja­net Shea­ron, la mo­glie di Arm­strong, è sta­ta dav­ve­ro una bel­lis­si­ma espe­rien­za. Mi im­pe­gno mol­to quan­do in­ter­pre­to dei per­so­nag­gi rea­li, e an­co­ra di più in que­sto ca­so: un uo­mo eroi­co, che ri­schia tut­to per una mis­sio­ne co­sì im­por­tan­te, che ha do­vu­to con­vin­ce­re la pro­pria fa­mi­glia, spie­ga­re lo­ro che for­se non sa­reb­be nem­me­no più tor­na­to... Un sa­cri­fi­cio uni­co.

«So­no sem­pre sta­to un so­gna­to­re, fin da bam­bi­no. Ma i miei so­gni so­no sem­pre ri­ma­sti sul­la Ter­ra»

È già la se­con­da vol­ta che la­vo­ra con Da­mien Cha­zel­le. La pri­ma, con La La Land, ha por­ta­to an­che a una no­mi­na­tion all’Oscar. E di­co­no che po­treb­be ar­ri­var­ne una an­che con que­sto film...

Mi pia­ce la­vo­ra­re con Da­mien, per­ché par­lia­mo tan­tis­si­mo dei pro­get­ti. Lui è sem­pre mol­to in­te­res­sa­to al­la mia vi­sio­ne, spes­so pren­dia­mo de­ci­sio­ni in­sie­me. In que­sto ca­so, ab­bia­mo ca­pi­to su­bi­to l’im­por­tan­za del pro­get­to, e ci sia­mo but­ta­ti. So­no con­vin­to che lui sia dav­ve­ro uno dei re­gi­sti più ge­nia­li del mo­men­to. Con lui sco­pro sem­pre qual­co­sa di im­pre­ve­di­bi­le e ina­spet­ta­to. E poi an­che a lui, co­me a me, pia­ce ana­liz­za­re la psi­co­lo­gia del per­so­nag­gio. Non si fer­ma al­la su­per­fi­cie, ma sca­va den­tro, in pro­fon­di­tà, con una sen­si­bi­li­tà dav­ve­ro at­ten­ta.

C’è una sce­na del film in cui lei chie­de a Clai­re «Sei si­cu­ra?», e lei ri­spon­de: «Sa­rà una gran­de av­ven­tu­ra». Quan­to co­rag­gio ci vuo­le in una cop­pia per af­fron­ta­re tut­to que­sto?

Si di­ce spes­so che die­tro un gran­de uo­mo si na­scon­de una gran­de don­na. In que­sto ca­so si ca­pi­sce an­che quan­to l’amo­re di que­sta mo­glie fos­se gran­de: ha spin­to Arm­strong a se­gui­re la pro­pria vo­ca­zio­ne an­che se le pos­si­bi­li­tà di suc­ces­so era­no in­cer­te. Gli astro­nau­ti, og­gi co­me al­lo­ra, so­no pio­nie­ri che si spin­go­no ver­so l’uni­ver­so ine­splo­ra­to e pe­ri­co­lo­so, ep­pu­re ir­re­si­sti­bi­le. Ar­ri­va­re a com­pren­de­re le mo­ti­va­zio­ni di Neil Arm­strong è quel­lo che mi ha stre­ga­to più di tut­to.

E in­fat­ti il film non de­scri­ve so­lo l’Arm­strong eroe, ma an­che il ma­ri­to e pa­dre di fa­mi­glia.

Que­sto ap­proc­cio è sta­to dav­ve­ro mol­to im­por­tan­te: si met­to­no a fuo­co tut­te le sue fra­gi­li­tà. Co­sì, in tan­ti po­tran­no ri­co­no­scer­si in lui. Am­mi­re­ran­no il suo co­rag­gio di astro­nau­ta, ma an­che quel­lo del­le sce­ne in cui af­fron­ta i fi­gli che gli chie­do­no se tor­ne­rà.

Lo spa­zio l’ha sem­pre af­fa­sci­na­ta?

So­no sem­pre sta­to un so­gna­to­re, fin da bam­bi­no. Ma i miei so­gni so­no sem­pre ri­ma­sti sul­la Ter­ra, non si so­no mai spin­ti tan­to lon­ta­no.

Ades­so pe­rò si sa­rà ap­pas­sio­na­to, al­me­no un po’.

Cer­to. È sta­to straor­di­na­rio fa­re ri­cer­ca al­la Na­sa, ren­der­mi con­to di co­me al­cu­ne co­se per me straor­di­na­rie fos­se­ro all’or­di­ne del gior­no per gli scien­zia­ti e gli astro­nau­ti. Ado­ro rac­con­ta­re que­ste sto­rie, che par­la­no del fu­tu­ro dell’uma­ni­tà stes­sa: da es­se si im­pa­ra, ci si la­scia ispi­ra­re, si pro­gre­di­sce. Si cam­bia il mon­do. Que­sto la­vo­ro è sta­to un viag­gio in un’al­tra di­men­sio­ne. An­che un po’ fa­ti­co­so.

In che sen­so?

Quel­lo che gli astro­nau­ti fan­no per po­co tem­po a me è ca­pi­ta­to di far­lo per tan­tis­si­me ore con­se­cu­ti­ve, ri­pe­ten­do al­cu­ne sce­ne. È ser­vi­to del du­ro la­vo­ro. E al­la fi­ne mi so­no per­si­no pro­cu­ra­to una com­mo­zio­ne ce­re­bra­le...

Eva (Men­des, at­tri­ce e mo­del­la), la sua com­pa­gna, si sa­rà pre­oc­cu­pa­ta.

Cer­to, e in­fat­ti è sta­ta pro­prio lei a con­si­gliar­mi di an­da­re in ospe­da­le.

Sem­bra­te una cop­pia dav­ve­ro mol­to so­li­da ed equi­li­bra­ta.

Eva è pa­zien­te e pas­sio­na­le, so­no dav­ve­ro for­tu­na­to ad aver­la ac­can­to a me. Le so­no gra­to, per­ché è an­che una bra­vis­si­ma mam­ma. Va­do sul set se­re­no, per­ché so che lei si pren­de cu­ra al me­glio del­le no­stre fi­glie ( Esme­ral­da e Ama­da, di 4 e 2 an­ni, ndr). Quan­do non re­ci­to, cer­co di sta­re lo­ro più vi­ci­no che pos­so, di­ven­ta­no gran­di tal­men­te in fret­ta... So­no cre­sciu­to con mia ma­dre e mia so­rel­la, e an­che ora so­no cir­con­da­to da don­ne. E de­vo di­re che mi tro­vo be­nis­si­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.