La ter­raz­za

GIOIA - - Sommario - di Guia Soncini

Ri­spet­to al­lo squar­cia­go­la­re ro­man­ti­ci­smi, ci si di­vi­de in due. Una ca­te­go­ria è rap­pre­sen­ta­ta dal per­so­nag­gio di An­to­nio Al­ba­ne­se nel­la sua se­rie I to­pi (su RaiT­re): «Sì, bel­le le can­zo­ni d’amo­re: due can­zo­ni, tre can­zo­ni, set­te can­zo­ni; poi pe­rò ti rom­pi i co­glio­ni, sin­ce­ra­men­te». La se­con­da ca­te­go­ria sia­mo no­ial­tre che po­trem­mo par­la­re per ore, gior­ni, me­si di canzonette. In que­sti gior­ni eleg­gia­mo a no­stra por­ta­vo­ce Stefania Ca­ri­ni che, in Ogni can­zo­ne mi par­la di te (Sper­ling & Ku­p­fer), si po­ne le gran­di do­man­de filosofiche: è peg­gio es­se­re Glo­ria, es­se­re quel­lo che fa stel­le di car­to­ne pen­san­do a Glo­ria, o es­se­re quel­la nu­da sul di­va­no con cui il ta­pi­no fa stel­le di car­to­ne pen­san­do a Glo­ria? Il bel­lo del­le canzonette, se non sei il per­so­nag­gio di Al­ba­ne­se, è che par­la­no a tut­ti in mo­do di­ver­so, e quin­di ogni can­zo­ne mi par­la di me. Per Stefania Ca­ri­ni An­na eMar­co po­treb­be es­se­re una sto­ria di an­nun­ci ma­tri­mo­nia­li; Mil­le gior­ni di te edi me ac­cu­mu­la tut­te le fa­si d’una re­la­zio­ne in una can­zo­ne so­la; e Se­re­na­ta rap è il mo­no­lo­go nar­ci­si­sta di uno che di­ce «Guar­da co­me so­no fi­go che so­no qui a cor­teg­giar­ti». Cioè il più pre­ci­so tra gli au­to­ri­trat­ti di Lo­ren­zo Jo­va­not­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.