AN­CHE CRAIG FA IL PA­PÀ

GIOIA - - Seneparla -

Piers Mor­gan è un in­gle­se che scri­ve sui gior­na­li, fa la tv, ma so­prat­tut­to twit­ta. In sei mi­lio­ni e mez­zo ab­boc­chia­mo al­le esche con cui ama crea­re po­le­mi­che. L’ul­ti­ma è del­la set­ti­ma­na scor­sa: c’è la fo­to d’un ti­zio con neo­na­to nel mar­su­pio, e sot­to c’è scrit­to: «Oh, 007, an­che tu no #mar­su­pio #Bond­svi­ri­liz­za­to ». Han­no ab­boc­ca­to in mi­glia­ia, pub­bli­can­do fo­to con fi­gli in brac­cio, stre­pi­tan­do che non c’è nien­te di po­co vi­ri­le nel far­lo (Mor­gan ha pre­ci­sa­to: è con­tra­rio al­la pi­gri­zia di te­ner­li nel mar­su­pio; vuo­le che i pa­dri usi­no i neo­na­ti per far­si i bi­ci­pi­ti, de­su­mo). Nes­su­no s’è con­cen­tra­to sull’in­di­spen­sa­bi­li­tà de­gli in­di­zi “007” e “Bond” per ca­pi­re che quel­lo era Da­niel Craig, ir­ri­co­no­sci­bi­le in una ver­sio­ne in cui il mar­su­pio era l’uni­co det­ta­glio non di­sa­stro­so: tut­to il re­sto – dop­pi cal­zon­ci­ni da jog­ging so­vrap­po­sti, cap­pel­li­no, bar­bet­ta co­sì bion­da che fa l’ef­fet­to ra­da e tri­ste, oc­chia­li da Har­ry Pot­ter – era un di­sa­stro. Ra­chel Weisz ha par­to­ri­to da due me­si: è ora che suo ma­ri­to si ri­met­ta in for­ma. G.S.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.