A chi di­ce “TI LA­SCIO” non si chie­de per­ché

Il ri­scal­da­men­to glo­ba­le è fa­sti­dio­so L’uni­ca che lo co­no­sce be­ne La se­ra del­la fe­sta non ave­vo an­co­ra let­to il nuo­vo li­bro di Ga­brie­le Ro­ma­gno­li,

GIOIA - - La Terrazza -

(in ot­to­bre fa an­co­ra co­sì cal­do che ci so­no le zan­za­re, co­sì cal­do che si pos­so­no or­ga­niz­za­re fe­ste in ter­raz­za), ma per far­si per­do­na­re m’ha re­ga­la­to una sce­na con cui de­gna­men­te con­clu­de­re la vi­ta di que­sta pa­gi­na e del suo ti­to­lo. A una fe­sta di me­tà ot­to­bre in ter­raz­za, so­no se­du­ta vi­ci­no a una bion­da in mi­ni­gon­na e a un ti­zio col cap­pel­li­no da ba­se­ball (non c’è bi­so­gno che af­fron­tia­mo qui un dram­ma di cui sia­mo tut­te con­sa­pe­vo­li: quel­lo de­gli uo­mi­ni adul­ti col cap­pel­li­no). Non li ho mai vi­sti, ma è evi­den­te che so­no una cop­pia. In Bel­la fi­gu­ra (è in sce­na a Mi­la­no, al Car­ca­no, fi­no a do­me­ni­ca 28), l’ami­ca del­la mo­glie di lui ca­pi­sce che quel­la è l’aman­te an­che se i due non si ri­vol­go­no la pa­ro­la: cer­ti si­len­zi so­no si­len­zi di cop­pia. Non ri­cor­do chi scris­se che ca­pi­sci che due han­no una re­la­zio­ne se lui ver­sa il vi­no a lei e lei nean­che spo­sta lo sguar­do per rin­gra­ziar­lo, ma ec­co, è qual­co­sa del ge­ne­re: quel ti­po di con­fi­den­za scon­ta­ta che in­tui­sci an­che se due non si sfio­ra­no. A un cer­to pun­to del­la fe­sta, la bion­da si al­lon­ta­na, si met­te a chiac­chie­ra­re con al­tri in­vi­ta­ti, e lui ini­zia a in­trat­te­ner­ci con la stra­zian­te sto­ria del lo­ro es­ser­si la­scia­ti, do­po do­di­ci an­ni. È uno sco­no­sciu­to, tut­ta­via nes­su­no è par­ti­co­lar­men­te me­ra­vi­glia­to che ci rac­con­ti i fat­ti suoi: gli uo­mi­ni so­no le nuo­ve zi­tel­le, sma­nio­si di la­gnar­si del­la lo­ro vi­ta sen­ti­men­ta­le.

si sdi­lin­qui­sce sul di­spia­ce­re per­ché si so­no la­scia­ti e la spe­ran­za che tor­ni­no in­sie­me; in­fi­ne, di­ce una gran­de ve­ri­tà. Una co­sa ti­po: una vol­ta non sa­reb­be mai suc­ces­so, ci si met­te­va in­sie­me e ci si re­sta­va, mi­ca ci si la­scia­va per­ché non c’è più la pas­sio­ne del pri­mo gior­no. E quin­di, pen­so, è per que­sto che si so­no la­scia­ti: per­ché, co­me tut­ti, non sco­pa­va­no più. E han­no de­ci­so che è un pro­ble­ma. Ri­cor­de­re­mo il 2018 co­me l’an­no in cui le cop­pie de­ci­do­no di con­si­de­ra­re una stra­nez­za il fat­to che al do­di­ce­si­mo an­no non ci si at­tac­chi più ai lam­pa­da­ri co­me il do­di­ce­si­mo gior­no. Co­no­scia­mo tut­ti gen­te che s’è la­scia­ta con que­sta scu­sa. So­no ovun­que. Al ci­ne­ma: Stan­ley Tuc­ci, nel Ver­det­to, rin­fac­cia a Em­ma Thomp­son gli un­di­ci me­si pas­sa­ti dall’ul­ti­ma vol­ta, lo sa per­ché se l’è se­gna­ta sul dia­rio (co­me un quin­di­cen­ne, che im­ba­raz­zo). Su Net­flix: in Pri­va­te li­fe, Paul Gia­mat­ti di­ce che han­no fat­to ses­so una vol­ta in un­di­ci me­si (que­sta de­gli un­di­ci me­si è una co­stan­te), e che per­di­più la mo­glie ave­va be­vu­to un’in­te­ra bot­ti­glia di ro­sé per con­vin­cer­si. Nel pri­mo ca­so è per­ché lei la­vo­ra trop­po, nel se­con­do per­ché stan­no fa­cen­do la fe­con­da­zio­ne as­si­sti­ta e so­no stres­sa­ti. An­che se, è ov­vio, l’uni­ca ri­spo­sta sen­sa­ta a «Per­ché non sco­pia­mo più?» è «Per­ché no».

Sen­za fi­ne

(Fel­tri­nel­li), in cui si fa no­ta­re che, se non chie­di «Per­ché?» a uno che ti di­ce «Ti amo», non do­vre­sti obiet­ta­re nean­che a uno che ti di­ca «Ti la­scio»; ho chie­sto al ti­zio col cap­pel­li­no per­ché si fos­se­ro la­scia­ti; m’ha ri­spo­sto «Per­ché la vi­ta è com­ples­sa», giac­ché era trop­po edu­ca­to per dar­mi l’uni­ca ri­spo­sta sen­sa­ta: «Per­ché sì». Per­ché do­po un po’ tut­to vie­ne a no­ia, per­si­no il ses­so? Per­ché sì. Per­ché le co­se fi­ni­sco­no? Per­ché sì. È ne­ces­sa­ria­men­te un ma­le? For­se no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.