In­chie­sta

DIA­NA

GIOIA - - Inchiesta -

“Ho sem­pre sa­pu­to di non es­se­re per­fet­ta. A scuo­la, con gli ami­ci, con i ra­gaz­zi, al la­vo­ro, in fa­mi­glia. Ma non riu­sci­vo ad ac­cet­ta­re l’im­per­fe­zio­ne co­me un aspet­to nor­ma­le e ine­vi­ta­bi­le del­la na­tu­ra uma­na. Per me è sta­to a lun­go un pe­so in­so­ste­ni­bi­le, un mi­scu­glio di pa­ra­no­ie e do­lo­re. Sen­ti­vo il do­ve­re di di­mo­stra­re a tut­ti che ero una fuo­ri­clas­se, una in­tel­li­gen­tis­si­ma, una che fa tut­to da so­la e lo fa al­la gran­de. Mi sen­ti­vo Si­si­fo. Poi è ar­ri­va­to un ospi­te del tut­to inat­te­so e non gra­di­to: l’at­tac­co di pa­ni­co. Le pri­me vol­te mi so­no ri­bel­la­ta. Mi bat­te­vo il pet­to di­cen­do: ve­di che fai schi­fo? Che non rie­sci nean­che a dor­mi­re e a gui­da­re co­me le per­so­ne nor­ma­li o a star chiu­sa in una stan­za con tan­ta gen­te? Tut­ti lo san­no, che stai ma­le, che sei una de­bo­le e una fal­li­ta». Og­gi, a due an­ni dall’ini­zio di un per­cor­so di psi­co­te­ra­pia do­lo­ro­so, ma an­che di gran­de sod­di­sfa­zio­ne, ho cam­bia­to com­ple­ta­men­te idea: me­no ma­le che que­st’ospi­te sub­do­lo è ar­ri­va­to e mi ha fat­to ca­pi­re che do­ve­vo dar­mi una cal­ma­ta. Mi ha fat­to com­pren­de­re, sep­pur con vio­len­za, che an­da­vo be­nis­si­mo con tut­ti i miei di­fet­ti ma an­che con tut­to quel­lo che ho da of­fri­re. Una vo­ce dal mio pro­fon­do mi ha rac­con­ta­to sen­za fron­zo­li la ve­ri­tà sul­la vi­ta. E ora pos­so di­re che pre­fe­ri­sco la ve­ri­tà, qua­lun­que es­sa sia, a un’idea­liz­za­zio­ne con­tor­ta, riem­pi­ta del­le aspet­ta­ti­ve che gli al­tri han­no su di me. Ho ca­pi­to che non so­no da so­la nel­la lot­ta, che fac­cio par­te del­la lot­ta, co­me tut­te le al­tre per­so­ne. E che il mon­do non è con­tro di me, né io so­no, a con­ti fat­ti, una fal­li­ta».

“Ho sem­pre scel­to, con­sa­pe­vol­men­te, uo­mi­ni sbagliati. Chi per­ché già spo­sa­to, chi per­ché pre­da di vi­zi e di­pen­den­ze, chi per­ché vio­len­to. Per an­ni so­no fi­ni­ta in mo­do re­ci­di­vo e ma­so­chi­sti­co in sto­rie sen­za fu­tu­ro, con una par­te di me co­scien­te al cen­to per cen­to, e un’al­tra che rac­con­ta­va agli al­tri, al­le ami­che, a mia ma­dre, che tut­to pro­ce­de­va be­nis­si­mo e che con il “lui” sba­glia­to del mo­men­to sta­va­mo fa­cen­do gran­di pro­get­ti. Del tut­to in­ven­ta­ti. Ho fin­to di non ac­cor­ger­mi di tra­di­men­ti, di bu­gie, di ma­nie di con­trol­lo, di man­can­za di em­pa­tia, di la­cu­ne enor­mi per­ché, in fon­do, cre­de­vo di non po­ter am­bi­re a qual­co­sa di me­glio. No­no­stan­te le mie po­che ami­che mi di­ces­se­ro che ero bel­la, in gam­ba, in­te­res­san­te, mi sen­ti­vo una per­den­te che si do­ve­va ac­con­ten­ta­re e, an­zi, rin­gra­zia­re chi le con­ce­de­va un po’ del suo tem­po. La scos­sa è ar­ri­va­ta quan­do la mel­ma del­la mia vi­ta sen­ti­men­ta­le ha tra­vol­to an­che quel­la pro­fes­sio­na­le. Il mio ex ca­po, con cui ave­vo chiu­so una re­la­zio­ne, ha ini­zia­to a ta­gliar­mi fuo­ri da tut­to, in­ven­tan­do­si per me tra­sfer­te pur di non aver­mi tra i pie­di e tro­var­si una nuo­va aman­te. Lì mi so­no sve­glia­ta dav­ve­ro: ho ca­pi­to che ave­vo avu­to a che fa­re con una ma­ni­ca di co­dar­di e buf­fo­ni, di cui lui era so­lo l’ul­ti­mo del­la li­sta. Ho ti­ra­to fuo­ri un co­rag­gio che non cre­de­vo di ave­re e mi so­no li­cen­zia­ta, ri­nun­cian­do a uno sti­pen­dio in no­me del ri­tro­va­to ri­spet­to per me stes­sa. Sto an­co­ra la­vo­ran­do sul­la mia ten­den­za all’autosabotaggio, con im­pe­gno, gra­zie al­la psi­coa­na­li­si e una nuo­va vi­sio­ne di ciò che me­ri­to ed è giu­sto per me». G

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.