Bor­sa grif­fa­ta ol­tre over the top

Che bel­lo quan­do i so­gni si av­ve­ra­no. So­prat­tut­to quan­do rie­sci a di­ven­ta­re co­me il tuo be­nia­mi­no.

GIOIA - - Over The Top -

Tut­ti noi ab­bia­mo avu­to il po­ster da fan ap­pe­so so­pra il let­to dell’ado­le­scen­za. Ma a po­chi ca­pi­ta di fa­re la stes­sa, ma­gni­fi­ca “fi­ne”, del mi­to. Liya Ke­be­de nel­la sua ca­me­ret­ta ave­va ap­pe­so Nao­mi Cam­p­bell in tut­to il suo splen­do­re. Na­ta ad Ad­dis Abe­ba il pri­mo mar­zo 1978, nel­la sua pri­ma vi­ta si chia­ma­va Liya Ta­fes­se vi­sto che nel suo pae­se, l’Etio­pia, non ci so­no co­gno­mi ma si usa il no­me del pa­dre e del non­no. Ke­be­de è il ma­ri­to (ma­tri­mo­nio nel 2000, due fi­gli nel 2001 e nel 2005, di­vor­zio nel 2015) e, di fat­to, il suo no­me d’ar­te. Che in­co­min­cia a far­si sen­ti­re nel fa­shion sy­stem nel 2000, quan­do Tom Ford è sog­gio­ga­to, so­no pa­ro­le sue, da “bel­lez­za, ele­gan­za, sti­le, eso­ti­smo, dol­cez­za e for­za bru­ta” di que­sta stu­pen­da ra­gaz­za e la vuo­le in esclu­si­ca per la sfi­la­ta di Guc­ci, di cui al­lo­ra era il di­ret­to­re ar­ti­sti­co. Il che si­gni­fi­ca suc­ces­so im­me­dia­to. Nel 2002 Vo­guePa­ris de­di­ca un

nu­me­ro in­te­ro a Liya, che l’an­no do­po se­gna una me­ta fon­da­men­ta­le: è la pri­ma don­na di co­lo­re te­sti­mo­nial per Estée Lau­der. A que­sto pun­to non la fer­ma più nes­su­no: è, più di una vol­ta, uno dei mi­ti­ci an­ge­li di Vic­to­ria’s Se­cret; il ci­ne­ma la cer­ca spes­so (Giu­sep­pe Tor­na­to­re, Co­sta Ga­vras, Jean-Jac­ques An­naud, Ro­bert De Ni­ro, Alain Cha­bat); il Ti­me la in­se­ri­sce fra le 100 per­so­ne più in­fluen­ti del pia­ne­ta (2010); Ste­ve McCur­ry la vuo­le per il Ca­len­da­rio Pi­rel­li (2013); l’Or­ga­niz­za­zio­ne mon­dia­le del­la sa­ni­tà la no­mi­na am­ba­scia­tri­ce per quan­to ri­guar­da la ma­ter­ni­tà e l’in­fan­zia in Afri­ca (2006). Ed ec­co la svol­ta: Liya si ren­de con­to che è ar­ri­va­to il mo­men­to di fa­re qual­co­sa per la sua gen­te, so­prat­tut­to per le don­ne me­no for­tu­na­te di lei. E nel 2007 fon­da Lem­lem che in ara­mai­co si­gni­fi­ca ri­go­glio­so. Pa­ro­la portafortuna per­ché da al­lo­ra fon­da­zio­ne e fa­shion col­lec­tion so­no cre­sciu­te in ma­nie­ra espo­nen­zia­le. La fon­da­zio­ne si oc­cu­pa di aiu­ta­re le don­ne afri­ca­ne at­tra­ver­so il la­vo­ro: so­no al­me­no 250 le ar­ti­gia­ne che la­vo­ra­no con Liya per pro­dur­re ab­bi­glia­men­to e ac­ces­so­ri per don­na, uo­mo e bam­bi­no. Non ci so­no con­fi­ni: in Etio­pia c’è il co­to­ne mi­glio­re; in Ke­nia i cro­chet dei Ma­sai; in Ma­da­ga­scar gli in­trec­ci di ma­glia per­fet­ti per le sciar­pe; in Rwan­da i ri­ca­mi... Tut­ti i pae­si afri­ca­ni so­no in­se­ri­ti nel pro­gram­ma Lem­lem che con gli an­ni è di­ven­ta­ta una grif­fe di­stri­bui­ta nel­le mi­glio­ri bou­ti­que di tut­to il mon­do. E il cin­que per cen­to di tut­ti i gua­da­gni ven­go­no rein­ve­sti­ti in pro­get­ti afri­ca­ni che ri­guar­da­no an­che la sa­lu­te di don­ne e bam­bi­ni. “Non vo­glio che l’Afri­ca sia vis­su­ta co­me il luo­go del­la mo­da low co­st, al con­tra­rio sto di­mo­stran­do che qui si può fa­re cou­tu­re” di­ce Liya “la mo­da è so­lo il pun­to di par­ten­za: at­tra­ver­so abi­ti bel­li, fa­ci­li, co­mo­di, che tut­ti pos­sia­mo in­dos­sa­re si può usci­re dal cir­co­lo vi­zio­so del­la po­ver­tà. Le co­se stan­no cam­bian­do, c’è un mo­vi­men­to nuo­vo: le per­so­ne stan­no in­co­min­cian­do a cre­de­re nel­le lo­ro pos­si­bi­li­tà”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.