VA­MOS a BAILAR

Non c’è esta­te sen­za hit la­ti­na. Que­st’an­no ci sca­te­ne­re­mo al rit­mo di 1, 2, 3 di SO­FIA REYES: bel­lez­za ca­lien­te, carisma tra­sci­nan­te

Glamour (Italy) - - SPOTLIGHT - di Ni­na Ver­del­li fo­to Chia­ra Mi­rel­li

«La sto­ria di 1, 2, 3 (si pro­nun­cia in spa­gno­lo Un, dos, tres, ndr) è sem­pli­ce: una ra­gaz­za cor­teg­gia­ta da due cre­ti­ni. I pro­ta­go­ni­sti siamo io, la star ame­ri­ca­na dell’R&B Ja­son De­ru­lo e l’ar­ti­sta urban por­to­ri­ca­no De La Ghet­to. Lo­ro mi cre­do­no una “pre­da” fa­ci­le. Si sba­glia­no: se vo­glio­no usci­re con me, se lo de­vo­no conquistare. È una can­zo­ne che mi rap­pre­sen­ta». Ti sei im­bat­tu­ta anche tu in “cre­ti­ni” del ge­ne­re? «In 22 an­ni ho avu­to due sto­rie im­por­tan­ti. In en­tram­bi i ca­si, si trat­ta­va di don­gio­van­ni pron­ti al flirt. Ma con me so­no cam­bia­ti com­ple­ta­men­te». Il segreto? «Ho ri­spet­ta­to me stes­sa e preteso il ri­spet­to. Tut­to sta nel sen­tir­si... se­gu­ra, co­mo se di­ce? » Un gio­va­ne mes­si­ca­no sul­la qua­ran­ti­na, se­du­to all’altro ca­po del ta­vo­lo, le sug­ge­ri­sce: «Si­cu­ra di sé». Il sug­ge­ri­to­re è Char­lie Guer­re­ro, il ma­na­ger che, in­sie­me al­la col­le­ga Pa­lo­ma He­cht, ha pre­so in ca­ri­co So­fia Reyes quan­do era po­co più che una bam­bi­na e, in bre­ve tem­po, l’ha tra­sfor­ma­ta in una can­tan­te con i nu­me­ri da pop star. Il suo ul­ti­mo sin­go­lo, 1, 2, 3 ap­pun­to, ha su­pe­ra­to 160 milioni di vi­sua­liz­za­zio­ni su You­Tu­be e ha tut­te le ca­rat­te­ri­sti­che per di­ven­ta­re il tor­men­to­ne la­ti­no dell’esta­te 2018. Ma per la Reyes, Char­lie e Pa­lo­ma so­no più che sem­pli­ci agen­ti: so­no tu­to­ri, fra­tel­li, an­ge­li cu­sto­di. Vive con lo­ro da quan­do, a 17 an­ni, si è tra­sfe­ri­ta a Los An­ge­les, la­scian­do ca­sa, scuo­la, ami­ci e fa­mi­glia a Mon­ter­rey. In Mes­si­co ha la­scia­to pure il suo no­me di bat­te­si­mo: all’ana­gra­fe fa Ur­su­la, ma «era troppo difficile per gli ame­ri­ca­ni: nes­su­no riu­sci­va a pro­nun­ciar­lo, tan­to­me­no a scri­ver­lo. Per di più anche mia mam­ma si chia­ma Ur­su­la e a ca­sa c’era spa­zio per una so­la per­so­na con un no­me co­sì par­ti­co­la­re. So­fia è più te­ne­ro, co­me me». Una co­sa, pe­rò, non è riu­sci­ta a la­scia­re in­die­tro: la “s dol­ce”, che dà un sa­po­re spa­gno­leg­gian­te a tut­to ciò che di­ce e can­ta. E che a noi ita­lia­ni pia­ce da mo­ri­re. Ric­ky Mar­tin, Sha­ki­ra, Luis Fon­si, En­ri­que Igle­sias: si al­lun­ga ogni an­no la li­sta del­le pop star la­ti­ne che con­qui­sta­no il nostro Pae­se. Al­cu­ne ven­go­no addirittura “adot­ta­te”: è il ca­so di Ál­va­ro So­ler che, for­te dei record esti­vi, è sta­to chia­ma­to co­me giudice in un’edi­zio­ne di X Fac­tor. Se lo chie­des­se­ro a te, ac­cet­te­re­sti? «A oc­chi chiu­si». Non hai mai pen­sa­to, in­ve­ce, di par­te­ci­pa­re a un ta­lent co­me con­cor­ren­te? «No: le se­le­zio­ni mi met­to­no an­sia». An­co­ra mi­no­ren­ne hai cam­bia­to vi­ta e tre­mi per un pro­vi­no? «Quan­do mi so­no tra­sfe­ri­ta a Los An­ge­les non ave­vo nien­te da per­de­re». Rac­con­ta. «A 15 an­ni ho vis­su­to per un pe­rio­do a Gua­da­la­ja­ra do­ve ave­vo fon­da­to una girl band. Mia ma­dre era ri­ma­sta a Mon­ter­rey per la­vo­ro men­tre, all’ini­zio, mio pa­dre e i miei fra­tel­li so­no ve­nu­ti a vi­ve­re con me. Poi, pe­rò, so­no do­vu­ti rien­tra­re a ca­sa, e io so­no ri­ma­sta so­la: non sa­pe­vo cu­ci­na­re, con i me­stie­ri ero un di­sa­stro, mi fa­ce­vo ospi­ta­re da­gli ami­ci pur di ave­re com­pa­gnia. La band non de­col­la­va e io mi sen­ti­vo una fal­li­ta. Ma a quel­la band de­vo mol­to». Cioè? «Gra­zie a lo­ro ho co­no­sciu­to Char­lie e Pa­lo­ma, che so­no su­bi­to di­ven­ta­ti ami­ci di mio pa­dre. Do­po po­co si so­no tra­sfe­ri­ti a L.A. e ho pen­sa­to: per­ché no?». Eri mol­to gio­va­ne quan­do hai fat­to que­sto sal­to. C’è mai sta­to qual­cu­no che ha cer­ca­to di ap­pro­fit­tar­se­ne? «Im­pos­si­bi­le. I miei due an­ge­li cu­sto­di non mi mol­la­va­no un se­con­do: mi ac­com­pa­gna­va­no per­si­no al­la scuo­la di dan­za a due iso­la­ti da ca­sa, man­co aves­si quat­tro an­ni. E poi io so­no sem­pre sta­ta con­sa­pe­vo­le di ciò che mi cir­con­da». Anche di ave­re ta­len­to? «Sì. Ero an­co­ra all’asi­lo quan­do ho ini­zia­to a suo­na­re il pia­no con mia non­na. È lì che ho ca­pi­to di ave­re orec­chio: se lei suo­na­va qual­co­sa, pur non leg­gen­do gli spar­ti­ti, riu­sci­vo a ri­pro­dur­re le no­te». Suo­ni an­co­ra? «Non quan­to vor­rei. Quan­do torno a Mon­ter­rey cer­co di pren­de­re al­me­no una le­zio­ne con il mio in­se­gnan­te storico. Ma la mag­gior par­te del tem­po la de­di­co a fa­mi­glia e ami­ci d’in­fan­zia». Sei ri­ma­sta in con­tat­to con i ra­gaz­zi con cui sei cre­sciu­ta? «As­so­lu­ta­men­te: al­la scuo­la Mon­tes­so­ri era­va­mo pochi. Ci siamo le­ga­ti mol­to». Co­me mai hai fre­quen­ta­to la Mon­tes­so­ri? «Per­ché nell’isti­tu­to pre­ce­den­te mi bul­liz­za­va­no». Quan­ti an­ni ave­vi? «Tre». I di­spet­ti tra bam­bi­ni co­sì pic­co­li, se­con­do te, so­no già for­me di bul­li­smo? «Altro che di­spet­ti: Ma­ry­sol era un co­los­so, io una for­mi­ca. Mi pic­chia­va e mi di­ce­va co­se tre­men­de. Pian­ge­vo ter­ro­riz­za­ta ogni gior­no, co­sì i miei mi han­no cam­bia­to scuo­la». Og­gi c’è qual­co­sa che ti fa pau­ra? «Le te­le­fo­na­te». Spie­ga­ti me­glio. « Vi­ven­do lon­ta­no da ca­sa ho sem­pre ti­mo­re che por­ti­no brut­te no­ti­zie. Poi ov­via­men­te mi pre­oc­cu­pa l’idea di non rea­liz­zar­mi. Non vor­rei mai sve­gliar­mi a 50 an­ni e pen­sa­re: avrei po­tu­to fa­re di più » . Quan­ta sag­gez­za! «Già, c’è una vec­chiet­ta den­tro di me». Una vec­chiet­ta na­sco­sta in un cor­po al­la Gi­gi Ha­did? «Me lo di­co­no tut­ti che le so­mi­glio. In­fat­ti guar­do sem­pre il suo pro­fi­lo In­sta­gram per­ché pen­so: se un ros­set­to sta be­ne a lei, sta­rà be­ne anche a me». Al­tri ac­count che con­trol­li re­go­lar­men­te? «Quel­li del mio fi­dan­za­to (il can­tau­to­re su­da­me­ri­ca­no Ric­ky Mon­ta­ner, ndr) e del­la mia mi­glio­re ami­ca Ta­nya. Per il re­sto non ho tem­po: so­no troppo im­pe­gna­ta a ri­spon­de­re ai Di­rect Mes­sa­ges, a po­sta­re una fo­to al gior­no, a ca­ri­ca­re gli hi­ghlights nelle Sto­rie tut­te le se­re». Che co­sa so­no gli hi­ghlights? «I mo­men­ti più spe­cia­li del­la gior­na­ta: il caf­fè del­la mat­ti­na, una chiac­chie­ra­ta con una per­so­na sim­pa­ti­ca, il tra­mon­to. Co­se che dia­mo per scon­ta­te e che in­ve­ce ren­do­no bel­la la vi­ta». Se do­ves­si rie­pi­lo­ga­re gli hi­ghlights dei tuoi pri­mi 22 an­ni? «Ol­tre al gior­no in cui non ho più do­vu­to af­fron­ta­re Ma­ry­sol?» Ol­tre. «L’ar­ri­vo « a Los An­ge­les. Il duett to, il me­se scor­so, con Liam P Pay­ne a Ma­drid. L’esi­bi­zion ne agli MTV Mu­sic Awards. I Il record di 1, 2, 3. Il mio prim mo al­bum Lou­der!. E quell lo che ver­rà » .

1, 2, 3 di So­fia Reyes feat. Ja­son De­ru­lo e De La Ghet­to ha su­pe­ra­to 160 milioni di vi­sua­liz­za­zio­ni su You­Tu­be.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.