L’av­ven­tu­ra ol­fat­ti­va di Ca­ra De­le­ving­ne

Una lon­di­ne­se doc in­ter­pre­ta una fra­gran­za fre­sca e vi­va­ce. Ca­ra De­le­ving­ne ci sve­la la sua cit­tà. E una vo­ce che non ti aspet­ti

Glamour (Italy) - - SUMARIO - di Ales­san­dra Pel­le­gri­no

Gio­che­rel­la con gli anel­li, can­tic­chia, ri­de. An­zi, se la ri­de. Oc­chi fur­bi, co­sì gran­di che ri­cor­da­no quel­li dei man­ga, ca­pel­li cor­tis­si­mi da ma­schiac­cio. All’im­prov­vi­so tut­to mi è chia­ro: Ca­ra De­le­ving­ne è uno scu­gniz­zo dall’ac­cen­to bri­ti­sh im­pri­gio­na­to nel cor­po di un’at­tri­ce e su­per mo­del­la, av­vol­ta in abi­ti al­la mo­da. «Scu­sa­mi, è col­pa del je­tlag, so­no at­ter­ra­ta sta­not­te da Los An­ge­les», di­ce sba­di­glian­do al no­stro ap­pun­ta­men­to lon­di­ne­se. Que­sta per lei è pro­ba­bil­men­te la ven­te­si­ma in­ter­vi­sta del gior­no. Og­gi c’è il lan­cio uf­fi­cia­le di Her, la nuo­va fra­gran­za fem­mi­ni­le fir­ma­ta Bur­ber­ry che la ve­de pro­ta­go­ni­sta di una cam­pa­gna ma­de in Lon­don fir­ma­ta Juer­gen Tel­ler. E non so­lo: Ca­ra ha in­ci­so la sua ver­sio­ne di May­be it’s be­cau­se I’m a Lon­do­ner, can­zo­ne de­di­ca­ta al­la cit­tà che ac­com­pa­gna lo spot, ri­ve­lan­do una vo­ce stre­pi­to­sa. Com’è sta­to la­vo­ra­re con Juer­gen Tel­ler? «È uno dei miei fo­to­gra­fi pre­fe­ri­ti, un ar­ti­sta che sa cat­tu­ra­re la ve­ra es­sen­za del­le per­so­ne. È riu­sci­to a co­glie­re lo spi­ri­to di Lon­dra: ab­bia­mo scat­ta­to da Buc­kin­gham Pa­la­ce a Lad­bro­ke Gro­ve, di­ver­ten­do­ci mol­to. In ogni fo­to c’è una gran­de ener­gia, un’at­ti­tu­di­ne fre­sca e av­ven­tu­ro­sa».

Que­sto non è il pri­mo pro­get­to che hai fat­to con Bur­ber­ry. La pri­ma cam­pa­gna ri­sa­le al 2010: è una lun­ga re­la­zio­ne... «Pro­ba­bil­men­te è la più lun­ga del­la mia vi­ta (ri­de, ndr) ». Che co­sa rap­pre­sen­ta per te il brand? «La fa­mi­glia, la crea­ti­vi­tà, l’ener­gia ine­sau­ri­bi­le, che non ti fa an­no­ia­re e non in­vec­chia mai. Quan­do la­vo­ro per Bur­ber­ry mi sen­to a ca­sa». Be’, og­gi lo sei. Quan­to ami la tua cit­tà? «Lon­dra mi scor­re nel­le ve­ne, è un dna, è per la vi­ta». Qua­li so­no i tuoi po­sti del cuo­re? «Amo pas­seg­gia­re a Hy­de Park, vi­si­ta­re il Na­tu­ral Hi­sto­ry Mu­seum, an­da­re a tea­tro al­la Royal Al­bert Hall. E poi i pic­co­li ri­sto­ran­ti­ni, co­me Rot­ten To­ma­to a Not­ting Hill». Le co­se più in­gle­si che ti ven­go­no in men­te. «I bus Dou­ble Dec­ker, la me­tro, i ta­xi black cab, e poi la piog­gia. Quan­do pen­so a Lon­dra mi vie­ne su­bi­to in men­te il cli­ma». Ti man­ca mai la piog­gia? «Non è pro­prio la piog­gia in sé, è qual­co­sa di mol­to spe­cia­le: è l’odo­re, con tut­to il ca­ri­co di sen­sa­zio­ni che si por­ta die­tro. So­no le per­so­ne che cam­mi­na­no sen­za om­brel­lo in­zup­pa­te e non se ne fan­no un pro­ble­ma. A Los An­ge­les, do­ve vi­vo ades­so, non ac­ca­dreb­be mai». Qual è l’odo­re di Lon­dra? «Cam­bia di con­ti­nuo, è tut­to co­sì ener­gi­co e “bu­sy”, puoi an­nu­sa­re cul­tu­re di­ver­se in un uni­co po­sto. Dal ci­bo in­dia­no a quel­lo ci­ne­se, fi­no ai fren­ch crois­sant. Pas­si dal­la nu­vo­la di smog ai fio­ri del par­co, è tut­to un mix. A vol­te non odo­ri nul­la di buo­no, ma è il bel­lo di que­sta cit­tà, pie­na di con­tra­sti». Chiu­di gli oc­chi e pen­sa al pri­mo pro­fu­mo che ti vie­ne in men­te. «La me­mo­ria mi por­ta a mia non­na, sa­pe­va di bo­ro­tal­co e di lac­ca El­nett». Par­lia­mo di Her, l’Eau de Par­fum di Bur­ber­ry. Che ca­rat­te­re ha? «È mul­ti­sfac­cet­ta­to, non può es­se­re iden­ti­fi­ca­to con un so­lo ti­po di don­na, ma sen­za dub­bio è spen­sie­ra­to, chic, for­te, lon­ge­vo. È, di vol­ta in vol­ta, chi lo in­dos­sa». In que­sta cam­pa­gna can­ti la tua ver­sio­ne di May­be it’s be­cau­se I’m a Lon­do­ner. Qua­li so­no i tuoi ri­fe­ri­men­ti mu­si­ca­li? «Amo tut­ta la mu­si­ca, dal­la pop al­la old school. So­no una fan di Ni­na Si­mo­ne, Ste­vie Nicks, Ja­nis Jo­plin, Ery­kah Ba­du, Fio­na Ap­ple: fi­gu­re fem­mi­ni­li di ta­len­to. L’ul­ti­mo al­bum di Car­di B è una bom­ba». A quan­do un tuo al­bum? «For­se un gior­no, chis­sà. Ma non lo fa­rò di cer­to per suc­ces­so o per de­na­ro. So­lo per pas­sio­ne». In un’in­ter­vi­sta hai di­chia­ra­to che tut­ti nel­la vi­ta de­vo­no pun­ta­re sui “li­fe goals”. Qua­li so­no i tuoi? «Più che goals li chia­me­rei so­gni. Fe­li­ci­tà, gio­ia, amo­re: que­ste so­no le co­se più im­por­tan­ti del­la vi­ta. Ado­ro il mio la­vo­ro, ma non è tut­to. Vo­glio cre­sce­re e cam­bia­re. Sem­pre in me­glio». Go­der­si la vi­ta. È qual­co­sa che si può im­pa­ra­re? «Pen­sa­ci: quan­do sei pic­co­lo ti di­ver­ti mol­to di più per­ché non hai il pe­so del­le re­spon­sa­bi­li­tà, non hai pau­ra, sei più leg­ge­ro e co­rag­gio­so. Cer­co di vi­ve­re e di sen­tir­mi sem­pre un po’ bam­bi­na. È que­sto il mio se­gre­to».

« Chic, for­te, lon­ge­vo. Her di Bur­ber­ry ha tan­te per­so­na­li­tà di­ver­se. So­no quel­le di c hi lo in­dos­sa »

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.