VER­TI­CA­LE SEN­ZA LI­MI­TI

Ste­fa­no va ve­lo­ce. Dan­za sul­la roc­cia. Pun­ta i pie­di sul­le pa­re­ti più du­re. E il suo sti­le di­ven­ta di mo­da

GQ (Italy) - - Sport - Te­sto di SA­RA CA­NA­LI

Ven­ti­cin­que mo­vi­men­ti, co­me una dan­za da fa­re su una pa­re­te a stra­piom­bo. Poi un ur­lo di li­be­ra­zio­ne, un al­tro e un al­tro an­co­ra. Ste­fa­no Ghi­sol­fi ha con­qui­sta­to il suo po­sto nell’olim­po dei clim­ber chiu­den­do un’ar­ram­pi­ca­ta du­ris­si­ma che so­lo al­tri tre top atle­ti pri­ma di lui era­no riu­sci­ti a ter­mi­na­re. Ste­fa­no ha ri­pe­tu­to Fir­st Round, Fir­st

Mi­nu­te, la via gra­da­ta 9b (ce ne so­no so­lo 15 al mondo co­sì dif­fi­ci­li). Av­ven­tu­ra, fo­to­gra­fia, ri­cer­ca di emo­zio­ni estre­me, ga­re e ora an­che una no­ta fa­shion co­me am­bas­sa­dor per il Grup­po Cal­ze­do­nia che lo ha vo­lu­to per In­ti­mis­si­mi Uo­mo

Quan­do ha co­min­cia­to a sca­la­re?

L’ap­proc­cio al­la mon­ta­gna è ini­zia­to con la bi­ci­clet­ta. Mio pa­dre Val­ter è un mae- stro di moun­tain bi­ke. Ave­vo sei an­ni e mi por­ta­va con mia so­rel­la Clau­dia. Mi sta­vo ap­pas­sio­nan­do...

Poi cos’è suc­ces­so?

A 11 an­ni, do­po una ga­ra di bi­ci, al­cu­ni ami­ci mi por­ta­ro­no in Val­le d’ao­sta a pro­va­re una pa­re­te ar­ti­fi­cia­le. Mi so­no tro­va­to su­bi­to a mio agio. Io e Clau­dia ab­bia­mo cer­ca­to una pa­le­stra a To­ri­no do­ve fa­re un cor­so di ar­ram­pi­ca­ta. E non ab­bia­mo più smes­so».

Suo pa­dre l’ha pre­sa bene?

For­se all’ini­zio ci è ri­ma­sto un po’ male, ma ades­so è fie­ro dei miei ri­sul­ta­ti.

E la scin­til­la per le ga­re?

È scoc­ca­ta su­bi­to. Que­sto mi ha per­mes­so di cre­sce­re ve­lo­ce­men­te e di ga­reg­gia­re ad al­ti li­vel­li. Ov­via­men­te tut­te le com­pe­ti­zio­ni si svol­go­no su pa­re­ti ar­ti­fi­cia­li, con pre­se e ap­pi­gli in pla­sti­ca, e que­sto, a un cer­to pun­to, non mi è ba­sta­to più.

E al­lo­ra cos’ha fat­to?

Qual­che an­no do­po, ero già mag­gio­ren­ne, la mia pas­sio­ne si è evo­lu­ta. Que­sta vol­ta pe­rò ver­so qual­co­sa di di­ver­so, più pu­ro, le­ga­to al­la na­tu­ra e in gra­do di coin­vol­ge­re tut­ti i sen­si. Era la roc­cia, una pas­sio­ne più tra­vol­gen­te, più vi­sce­ra­le. Do­po tan­ti an­ni di com­pe­ti­zio­ne con gli al­tri, sen­ti­vo il bi­so­gno di lan­cia­re una sfi­da a me stes­so, so­lo ai miei li­mi­ti e di tro­va­re una sor­ta di li­ber­tà nel mio sport. La dif­fe­ren­za so­stan­zia­le è che la pla­sti­ca è crea­ta ap­po­sta per le ga­re ed è per­fet­ta per sca­la­re, men­tre la roc­cia ri­chie­de di adat­tar­si, di as­se­con­dar­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.