ELEGANTONE DEI SET­TE MA­RI

GQ (Italy) - - Passioni / Time -

Due pas­sio­ni, gli oro­lo­gi e il cal­cio, quel­le

Ru­ben To­mel­la di , il fon­da­to­re e pa­tron di Ga­gà Milano, una gio­va­ne mar­ca ita­lia­na di oro­lo­ge­ria che or­mai si è dif­fu­sa nel mon­do e che pren­de no­me dall’ap­pel­la­ti­vo con cui a Milano ve­ni­va­no chia­ma­ti nell’an­te­guer­ra gli ele­gan­to­ni.

La se­con­da pas­sio­ne è il cal­cio: do­po aver spon­so­riz­za­to la squa­dra del Va­re­se, To­mel­la può van­ta­re di ave­re no al 2020 co­me am­ba­scia­to­re per i suoi se­gna­tem­po Ney­mar Jr., l’as­so bra­si­lia­no pas­sa­to que­st’an­no dal Bar­cel­lo­na al Pa­ris Saint-ger­main con un ingaggio astro­no­mi­co. I fon­di ot­te­nu­ti as­so­cian­do il suo no­me a quel­lo de­gli oro­lo­gi, il cal­cia­to­re li ha de­sti­na­ti a un en­te no pro t, fon­da­to da lui stes­so, per aiu­ta­re mol­ti ra­gaz­zi bra­si­lia­ni e le lo­ro fa­mi­glie.

Ma tor­nia­mo ai mo­del­li di Ga­gà Milano: do­ta­ti di mo­vi­men­ti sviz­ze­ri, so­no tut­ti ri­co­no­sci­bi­lis­si­mi per­ché il lo­ro de­si­gn è quel­lo d’un oro­lo­gio da ta­sca adat­ta­to per es­se­re por­ta­to al pol­so, co­sì co­me ave­va idea­to To­mel­la crean­do la mar­ca nel 2004.

Tra le ul­ti­me no­vi­tà, ce ne è una mol­to par­ti­co­la­re e in ti­ra­tu­ra li­mi­ta­ta: il mo

Skullp­tu­re del­lo , tut­to rea­liz­za­to a ma­no, è ca­rat­te­riz­za­to dal qua­dran­te in smal­to ne­ro su cui si sta­glia l’im­ma­gi­ne sti­liz­za­ta e tri­di­men­sio­na­le di un teschio in ar­gen­to.

Ma è so­prat­tut­to sul­la cas­sa d’ac­cia­io, sul­la co­ro­na e sul­le an­se che si può am­mi­ra­re un pic­co­lo ca­po­la­vo­ro d’ar­te in­ci­so­ria per­ché so­no in­te­ra­men­te de­co­ra­te e in­ci­se a ma­no. Si par­te, in­fat­ti, da un di­se­gno su car­ta che poi vie­ne ri­dot­to per por­tar­lo al­le di­men­sio­ni dell’oro­lo­gio; quin­di sul­la cas­sa, do­po aver­la co­spar­sa di un ve­lo di ges­so bian­co per opa­ciz­zar­la, si co­min­cia a ri­cal­ca­re il di­se­gno. I mo­ti­vi de­co­ra­ti­vi co­sì evi­den­zia­ti ven­go­no dap­pri­ma graf ati a pun­ta sec­ca per crea­re la trac­cia sul me­tal­lo, poi si pro­ce­de col bu­li­no all’in­ci­sio­ne ve­ra e pro­pria che sca­va in pro­fon­di­tà nell’ac­cia­io: un’ope­ra­zio­ne che vie­ne svol­ta sin­go­lar­men­te su ogni esem­pla­re e che ri­chie­de tem­po e mae­stria, a co­ro­na­men­to di un’unio­ne tra tec­no­lo­gia sviz­ze­ra e ma­nua­li­tà ar­ti­sti­ca

(Giam­pie­ro Negretti) ita­lia­na. _

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.