BEST DRES­SED MEN 2018

At­to­ri, ma­na­ger, spor­ti­vi, mu­si­ci­sti, de­si­gner... GQ ce­le­bra l’ele­gan­za ma­schi­le, de­cli­nan­do­la in 30 PROTAGONIST I dell’ita­lian sty­le. Per­ché il buon gu­sto con­si­ste, an­zi­tut­to, nel co­mu­ni­ca­re chi si è per dav­ve­ro

GQ (Italy) - - Style / News -

Ab­bia­mo scel­to. Co­me ogni an­no, la re­da­zio­ne di GQ mu­si­ca, mo­da, mo­to­ri, de­si­gn. La se­le­zio­ne di tren­ta uo­mi­ni più ha se­le­zio­na­to i 30 uo­mi­ni ita­lia­ni che me­glio rap­pre­sen­ta­no ele­gan­ti pe­sca in que­sti mon­di. Sul­le no­stre pa­gi­ne in­fat­ti, da l’ele­gan­za. So­no i Best Dres­sed Men, ai qua­li si dà un sem­pre, que­ste pas­sio­ni so­no te­nu­te in­sie­me dal­lo sti­le e dal­la ri­co­no­sci­men­to al­lo sti­le più che al­la mo­da. Non tro­ve­re­te, ri­cer­ca del­lo sti­le. Che è esat­ta­men­te ciò che il Best Dres­sed quin­di, fa­shion vic­tim, ma uo­mi­ni che si fanno no­ta­re per la Men cer­ca di va­lo­riz­za­re. Il guar­da­ro­ba, quin­di, è un mo­do lo­ro com­ples­si­tà. Al­cu­ni di lo­ro so­no abi­tua­ti a es­se­re giu­di­ca­ti per rap­pre­sen­tar­si, un mo­do di es­se­re. Non c’è un co­di­ce uni­co per lo sti­le, al­tri no. Al­cu­ni di lo­ro so­no abi­tua­ti a es­se­re sot­to per l’ele­gan­za, an­zi, ci può es­se­re ele­gan­za in mol­te co­se. Nel­le i ri­flet­to­ri, al­tri no. Tut­ti rap­pre­sen­ta­no l’ani­ma di GQ. An­zi pa­gi­ne che se­guo­no ve­dre­te uo­mi­ni mol­to di­ver­si tra lo­ro, per le ani­me di GQ, per­ché GQ co­me nes­sun al­tro gior­na­le met­te età, ap­proc­cio al­la vi­ta, vi­sio­ne, stan­ding. Cia­scu­no di lo­ro ha in­sie­me e in con­nes­sio­ne le pas­sio­ni ma­schi­li: sport, ci­ne­ma, ar­te, qual­co­sa da di­re e lo fa an­che gra­zie al suo look.

Te­sti di CRIST I N A D ’ AN­TO N I O , OL­GA NOEL WINDERLING, LAU­RA PAC E L L I

Il­lu­stra­zio­ni di JAUME VILARDELL

Nel 2007, Vo­gue Ame­ri­ca lo ha elet­to «uo­mo più ele­gan­te del pia­ne­ta». Due an­ni do­po, Va­ni­ty Fair Usa lo ha in­se­ri­to nel­la Hall of Fa­me dei Best Dres­sed Men, di cui fanno par­te an­che i non­ni Gianni Agnel­li e Ma­rel­la Ca­rac­cio­lo Agnel­li. Nel 2012 è sta­to elet­to uo­mo dell’an­no per­si­no da GQ Ci­na. Im­pen­sa­bi­le che an­che l’edi­zio­ne ita­lia­na di Gen­tle­men’s Quar­ter­ly non ren­des­se di nuo­vo omag­gio al più si­gni­fi­ca­ti­vo dan­dy del Pae­se.

Se­con­do il di­ret­to­re crea­ti­vo di Ze­gna, «a gui­da­re le scel­te di sti­le dell’uo­mo con­tem­po­ra­neo so­no l’emo­zio­na­li­tà e la vo­glia di per­so­na­liz­za­re ciò che in­dos­sa». Ec­co per­ché «la mo­da de­ve es­se­re pron­ta a ri­spon­de­re con una “con­ver­sa­zio­ne” sem­pre aper­ta».

Lui è ce­le­bre per la raf­fi­na­tez­za, per l’at­ten­zio­ne ma­nia­ca­le ai tes­su­ti e per il gu­sto con cui sce­glie le scar­pe.

«Ho suc­ces­so per­ché non so­no di mo­da», di­ce del­la sua mu­si­ca. Ma il di­scor­so cam­bia quan­do si trat­ta di ve­sti­ti.

Pa­dre ge­no­ve­se e ma­dre in­gle­se, Jack Sa­vo­ret­ti ha im­pa­ra­to pre­sto a mi­xa­re l’ec­cen­tri­ci­tà Bri­ti­sh con l’ele­gan­za ita­lia­na, stan­do sem­pre ben at­ten­to a non ca­de­re mai in un ec­ces­so o nell’al­tro. Ri­sul­ta­to: uno sti­le gio­va­ne, ri­las­sa­to, di­sor­ga­niz­za­to so­lo in ap­pa­ren­za e de­ci­sa­men­te per­so­na­le.

Ap­pe­na si è sa­pu­to che da Cé­li­ne sa­reb­be pas­sa­to a Bur­ber­ry, co­me CEO, il ti­to­lo del brand ha avu­to un rial­zo del 6%. Per­ché, co­me re­ci­ta il suo pro­fi­lo di Bloom­berg, lui «ha un com­pro­va­to track re­cord di cre­sci­ta e svi­lup­po di brand, in­clu­si Bot­te­ga Ve­ne­ta, Mo­schi­no e Gi­ven­chy». Co­smo­po­li­ta, dell’ita­lia con­ser­va il gu­sto per le co­se bel­le. Se­gni par­ti­co­la­ri: giac­che di ta­glio sar­to­ria­le.

È tor­na­to sul pal­co­sce­ni­co l’an­no scor­so, do­po una lun­ga as­sen­za, nel­la com­me­dia Due, con Chia­ra Fran­ci­ni, la pri­ma ope­ra tea­tra­le scrit­ta da Lu­ca Mi­nie­ro (il re­gi­sta di Ben­ve­nu­ti al Sud, Ben­ve­nu­ti al Nord e Un boss in sa­lot­to). Un trion­fo. E in­fat­ti il tour riparte, da feb­bra­io a giu­gno, tra i mol­ti al­tri im­pe­gni dell’«at­to­re più ama­to dal­le ita­lia­ne» (pre­mio OFI, ot­to­bre 2017), gra­zie an­che al suo ras­si­cu­ran­te ita­lian sty­le.

È l’uo­mo del con­cer­to dei Pink Floyd del 1989, a Ve­ne­zia, dell’al­be­ro del­la vi­ta, sim­bo­lo dell’ex­po mi­la­ne­se, del­la cerimonia d’aper­tu­ra del­le Olim­pia­di a Rio 2016 e di mol­tis­si­mi e gran­di even­ti spor­ti­vi. Pa­dre di quat­tro fi­gli, è sem­pre in viag­gio per il mon­do (si è ap­pe­na de­di­ca­to al­le Spe­cial Olym­pics ad Abu Dha­bi e al­la Du­bai World Cup). Di­ce di sé: «So­no na­to a Ve­ne­zia, in me il sen­so del bel­lo è in­na­to».

Il gla­mour all’en­ne­si­ma po­ten­za: fi­glio di Fran­ca Soz­za­ni, sto­ri­ca di­ret­tri­ce di Vo­gue Ita­lia, spo­se­rà que­st’an­no Be­ne Shaf­fer, fi­glia di An­na Win­tour, l’al­tret­tan­to sto­ri­ca di­ret­tri­ce di Vo­gue Ame­ri­ca. Do­po aver de­di­ca­to al­la ma­dre il do­cu­men­ta­rio Fran­ca: Chaos and Crea­tion, Car­roz­zi­ni si è de­di­ca­to al suo nuo­vo pro­get­to: gi­ra­re So­le di mez­za­not­te, dal best sel­ler di Jo Ne­sbø.

La sua al­ta cu­ci­na pop, sem­pre più eti­ca, è ma­te­ria di le­zio­ne ad Har­vard. Aiu­ta don Gi­no Ri­gol­di, con il pran­zo di Na­ta­le e non so­lo. Gra­zie a lui è ap­pe­na na­ta una scuo­la al­ber­ghie­ra “stel­la­ta” nel­la sua Cor­na­re­do, al­le por­te di Mi­la­no. Il ra­gaz­zo che vo­le­va fa­re il cal­cia­to­re, poi al­lie­vo di Gual­tie­ro Mar­che­si, ha rag­giun­to i suoi tra­guar­di ma non si fer­ma, an­zi: pe­da­la (real­men­te) più che mai. Ma sem­pre im­pec­ca­bi­le.

Più vol­te nel­le clas­si­fi­che dei su­per ric­chi ita­lia­ni, co­fon­da­to­re del Grup­po Kai­ros, pri­ma so­cie­tà di ge­stio­ne pa­tri­mo­nia­le in Ita­lia, scrit­to­re, edi­to­re (La Na­ve di Te­seo), ma­ri­to di Ca­te­ri­na Ba­li­vo. Un golden guy che in­dos­sa ca­mi­cie dal bian­co ab­ba­glian­te, co­me il suo sti­le. Al col­lo, un cro­ci­fis­so d’oro da cui non si se­pa­ra mai. A lui è ispi­ra­to Re­si­ste­re non ser­ve a nien­te di Wal­ter Si­ti, Pre­mio Stre­ga 2013.

Dal­le sce­no­gra­fie a tea­tro all’ex­po Gate, dal­la crea­zio­ne del Pal­la­dio Mu­seum di Vi­cen­za al nuo­vo bi­strot di Peck. No­mi­na­to per il Pre­mio Mies Van der Ro­he per la se­de del­la Zu­ri­ch a Mi­la­no, au­to­re del re­cen­te restyling di via Pa­leo­ca­pa 7, Scan­dur­ra è un eclet­ti­co: un’in­fan­zia al Cai­ro e gli stu­di tra Po­li­tec­ni­co mi­la­ne­se, Li­sbo­na e Bei­rut, ha un’ele­gan­za informale (ov­ve­ro: quan­do la cra­vat­ta c’è ma non si ve­de).

Dai cor­si di Bu­si­ness Ma­na­ge­ment pres­so la Lon­don En­gli­sh School agli af­fa­ri di fa­mi­glia: ter­zo­ge­ni­to di Marco e Ce­ci­lia Pi­rel­li, è in azien­da dal 2008 ed è sta­to no­mi­na­to re­spon­sa­bi­le del seg­men­to gom­me Pre­sti­ge. Ap­pas­sio­na­to di ve­la. Si è spo­sa­to nel 2016, su una spiag­gia, do­ve tut­ti gli ospi­ti era­no ve­sti­ti di bian­co, con Ni­co­le Moel­lhau­sen. Se­gna­le di sti­le: ri­ser­va­tez­za.

«So­ven­te, l’ele­gan­za vie­ne con­fu­sa con una cer­ta man­can­za d’in­te­rio­ri­tà. È un er­ro­re: l’es­se­re uma­no ha bi­so­gno di ele­gan­za nel­le azio­ni e nel­la po­stu­ra, per­ché è si­no­ni­mo di buon gu­sto, ama­bi­li­tà, equi­li­brio e AR­MO­NIA »

Cor­re in mo­to da quan­do era bam­bi­no, nel 2004 ha vin­to il mon­dia­le del­le 125, è ar­ri­va­to se­con­do nel­la 250 nel 2006 e nel 2007, per poi de­but­ta­re nel 2008 nel­la clas­se re­gi­na del­la Mo­togp. Dal 2013 è in sel­la al­la no­stra Du­ca­ti, di­mo­stran­do­si ca­pa­ce di con­ten­de­re fi­no all’ul­ti­ma ga­ra la co­ro­na iri­da­ta con­qui­sta­ta da Marc Mar­quez. Quan­do si pre­pa­ra per una ga­ra in­fi­la sem­pre pri­ma il guan­to e lo sti­va­le di si­ni­stra.

Stra­ve­de per le bol­li­ci­ne: quel­le ef­fer­ve­scen­ti na­tu­ra­li, pre­fe­ri­bil­men­te ab­bi­na­te al­la piz­za frit­ta del mae­stro En­zo Coc­cia. È re­spon­sa­bi­le del­la co­mu­ni­ca­zio­ne e del­la cor­po­ra­te iden­ti­ty di Fer­ra­rel­le. Ama an­da­re in bar­ca e se­gue il con­si­glio del pa­dre Carlo, pre­si­den­te dell’azien­da: ascol­ta­re e non ver­go­gnar­si di fa­re do­man­de. Ha una pas­sio­ne per il tai­lor ma­de

È sta­to lo spie­ta­to Dan­dy nel­la se­rie Ro­man­zo Cri­mi­na­le, ma an­che il po­li­ziot­to cor­rot­to in 1992. Gran­de aman­te del­le au­to­mo­bi­li spor­ti­ve, col­le­zio­ni­sta di oro­lo­gi, per­fet­to nel ge­ne­re shab­by chic, ha la pas­sio­ne per il cal­cio e la for­tu­na di po­ter­ne di­scu­te­re con il suo­ce­ro Clau­dio Ra­nie­ri, ex al­le­na­to­re del fe­no­me­no Lei­ce­ster. Lo ve­dre­mo in Re­stia­mo ami­ci di An­to­nel­lo Gri­mal­di.

Se­gna­la­to co­me esper­to di di­rit­to so­cie­ta­rio, im­mo­bi­lia­re, ban­ca­rio e fi­nan­zia­rio da Best Law­yers 2012 e da Cham­bers & Part­ners, è sta­to elet­to tra gli Ita­ly’s Top 30 Law­yers, la clas­si­fi­ca sti­la­ta da GQ Ita­lia e Le­ga­com­mu­ni­ty.it, nel 2014. Si è oc­cu­pa­to an­che di mo­da: co­me l’ac­qui­si­zio­ne di Kri­zia da par­te dei ci­ne­si di Shen­z­hen Ma­ri­sfrolg Fa­shion Co. Ltd. Se­gni par­ti­co­la­ri: ri­go­re e im­pec­ca­bi­li­tà.

In que­sto pe­rio­do sta fa­cen­do in­cet­ta di pre­mi e no­mi­na­tion con il suo film Chia­ma­mi col tuo no­me, in cor­sa per la con­qui­sta di tre Golden Globe. Per il suo pros­si­mo pro­get­to, un cri­me dra­ma dal ti­to­lo Bu­rial Ri­tes, di­ri­ge­rà l’at­tri­ce pre­mio Oscar Jen­ni­fer La­w­ren­ce. Ma la sua mu­sa re­sta Til­da Swin­ton. Se­gni par­ti­co­la­ri: ca­mi­cia aper­ta sot­to il ma­glio­ne.

La fa­ma te­le­vi­si­va ha ri­vo­lu­zio­na­to il suo sti­le ru­vi­do. Si è am­mor­bi­di­to con i golf di ca­che­mi­re sot­to il grem­biu­le che so­no un fe­tic­cio in Giap­po­ne. Lui si ve­de be­ne in jeans e ca­mi­cia, ma lo smo­king gli sta a pen­nel­lo: chiu­sa la sto­ria del ri­sto­ran­te in via Victor Hu­go, a Mi­la­no, aper­ta quel­la con La­po El­kann, Crac­co si pre­pa­ra ora al­le mil­le lu­ci del­la Gal­le­ria Vit­to­rio Ema­nue­le.

Ha ini­zia­to la sua car­rie­ra in MTV Ita­lia, è pas­sa­to a Proc­ter & Gam­ble, poi ha svol­ta­to nel fa­shion d’al­ta gam­ma: do­po il ruo­lo di Se­nior Mar­ke­ting Di­rec­tor Eu­ro­pe in Ral­ph Lau­ren e quel­lo di di­ret­to­re mar­ke­ting da Emi­lio Puc­ci, dal 2015 è sta­to no­mi­na­to Glo­bal Com­mu­ni­ca­tions Di­rec­tor da Giorgio Ar­ma­ni.

Il suo gu­sto pun­ta drit­to all’ele­gan­za, con qual­che det­ta­glio dan­dy. Senza ec­ces­si.

Par­mi­gia­no doc, ha ap­pe­na la­scia­to Ro­ma per tra­sfe­rir­si in un’al­tra ca­pi­ta­le, Pa­ri­gi: da pre­si­den­te e am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Fen­di è sta­to no­mi­na­to nuo­vo am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Dior, il gio­iel­lo più pre­zio­so del­la ga­las­sia Lv­mh. Se­con­do ita­lia­no a es­se­re scel­to per la mai­son fran­ce­se, af­fian­che­rà Ma­ria Gra­zia Chiu­ri, di­ret­to­re crea­ti­vo del brand, con la sua stes­sa “grin­ta gentile”.

Sport e bu­si­ness: Vi­ce Pre­si­dent for Sa­les di Basic Net − il grup­po fon­da­to dal pa­dre Marco che con­trol­la tra gli al­tri Ro­be di Kap­pa, Su­per­ga, K-way e ora Se­ba­go − Bo­glio­ne ha crea­to la Re­gat­ta ESCP Eu­ro­pe, or­ga­niz­za­zio­ne no pro­fit che ra­du­na at­tor­no al­la ve­la i suoi ex com­pa­gni di stu­di al­la ESCP Eu­ro­pe e le azien­de in­ter­na­zio­na­li. Ov­ve­ro: lo sti­le ca­sual chic di fa­re re­te.

Il mae­stro dell’al­ta gio­iel­le­ria ita­lia­na ha ini­zia­to da Bul­ga­ri, per poi pas­sa­re (nel 2002) al­la di­re­zio­ne crea­ti­va del­la mai­son Ri­ch­mond, che in­fi­ne lo ha sup­por­ta­to nel­la rea­liz­za­zio­ne di una col­le­zio­ne tut­ta sua: dal 2013 Bo­di­no ri­ce­ve su ap­pun­ta­men­to a Vil­la Mozart, nel cuo­re di Mi­la­no, chiun­que sia in­te­res­sa­to al­le sue ope­re. Che può ap­pro­fit­ta­re dell’oc­ca­sio­ne an­che per im­pa­ra­re co­me si in­dos­sa il gi­let.

Do­po an­ni di suc­ces­si nel ral­ly, ha trion­fa­to al Tu­scan Rewind il no­vem­bre scor­so, con­qui­stan­do la vit­to­ria in cop­pia con Simone Scat­to­lin su una Ford Fie­sta Wrc. Spor­ti­vo fi­no in fon­do, il pri­mo­ge­ni­to di Miuc­cia Pra­da e di Pa­tri­zio Ber­tel­li − Head of Digital Com­mu­ni­ca­tion Pro­jec­ts e Am­mi­ni­stra­to­re del­la Hol­ding del Grup­po Pra­da − rie­sce a ren­de­re di­sin­vol­te per­si­no le giac­che più for­ma­li.

Co­fon­da­to­re di the­blon­de­sa­lad. com, dal­la ma­dre ha ere­di­ta­to la pas­sio­ne per la mo­da, dal pa­dre quel­la per i mo­to­ri. Giub­bot­ti, field jac­ket e boo­ts, ha un ani­mo rock che si ri­flet­te an­che sul­lo sti­le, so­prat­tut­to quan­do è in sel­la a una del­le sue mo­to.

A fi­ne 2017 ha an­nun­cia­to le noz­ze con la sua at­tua­le fi­dan­za­ta, la mo­del­la fran­ce­se Ga­briel­le Cau­ne­sil.

Na­to in pro­vin­cia di Mi­la­no, è sta­to in­se­ri­to da For­bes tra gli un­der 30 più in­fluen­ti al mon­do. Sce­no­gra­fo, ar­ti­sta, ha mo­di­fi­ca­to lo spa­zio usan­do in­stal­la­zio­ni rea­liz­za­te con la re­te me­tal­li­ca. Ri­co­struen­do oriz­zon­ti per­du­ti e cat­te­dra­li spa­ri­te. Da Si­pon­to agli Sta­ti Uni­ti, fi­no agli Emi­ra­ti Ara­bi: «Le mie ope­re so­no di­se­gni nel pae­sag­gio» gio­ca­te sul­la tra­spa­ren­za. Uno sti­le un­der­sta­te­ment senza ri­va­li.

È no­to per aver di­se­gna­to la lam­pa­da che ha ven­du­to più esem­pla­ri nel mon­do, la To­lo­meo, pro­dot­ta da Ar­te­mi­de dal 1987. Ha ope­ra­to a stret­to con­tat­to con Sott­sass ed è sta­to uno dei fon­da­to­ri del grup­po Mem­phis. Pro­fes­so­re al Po­li­tec­ni­co di Mi­la­no, gio­ca la sua im­ma­gi­ne su un dop­pio re­gi­stro: da un la­to da san­to­ne new age, dall’al­tro da im­pren­di­to­re sma­li­zia­to.

Pre­si­den­te dei mar­chi Fay e Ho­gan e vi­ce­pre­si­den­te del Grup­po Tod’s, a par­ti­re dal mar­zo 2011, as­sie­me al fra­tel­lo Die­go, è sta­to in­se­ri­to da For­bes nel­la clas­si­fi­ca de­gli uo­mi­ni più ric­chi al mon­do, con un pa­tri­mo­nio di 1,2 mi­liar­di di dol­la­ri. Ve­ste sem­pre in giac­ca e cra­vat­ta ec­cet­to quan­do va al­lo sta­dio a ve­de­re la sua Fio­ren­ti­na. Ma la po­chet­te nel ta­schi­no non man­ca mai.

Pro­ta­go­ni­sta − con il pa­dre Pie­ro e 800 ope­re dell’ate­lier For­na­set­ti − nel­le sa­le del Mu­seo Na­zio­na­le Ro­ma­no di Pa­laz­zo Al­temps (fi­no al 6 mag­gio), Bar­na­ba è fa­mo­so tan­to per la sua ele­gan­za fuo­ri da­gli sche­mi che per la sua ca­pa­ci­tà di or­ga­niz­za­re la fe­sta di chiu­su­ra più am­bi­ta del Sa­lo­ne del Mo­bi­le di Mi­la­no. Cre­de nel­la de­co­ra­zio­ne e nel­la mu­si­ca co­me «ne­ces­si­tà pri­ma­rie», e non per­de oc­ca­sio­ne per co­niu­gar­le in even­ti spe­cia­li.

«Lo sti­le è la ri­spo­sta a tut­to. Un nuo­vo mo­do per af­fron­ta­re qual­co­sa di no­io­so o di pe­ri­co­lo­so. Fa­re una co­sa no­io­sa con ST I L E è pre­fe­ri­bi­le al far­ne una pe­ri­co­lo­sa senza».

C’è una co­sa stra­na che a Char­lie Hea­ton sta suc­ce­den­do con­ti­nua­men­te, an­che ades­so che ha pre­so po­sto sot­to la lu­ce sof­fu­sa di un ta­vo­lo da Ora, il nuo­vo raf­fi­na­to ri­sto­ran­te del Brown’s Ho­tel di Lon­dra. Men­tre stia­mo fa­cen­do co­no­scen­za, il som­me­lier ci pas­sa ac­can­to, si fer­ma, poi si gi­ra. «Mi scu­si, si­gno­re...», di­ce: «Ma lei è quel­lo di Stran­ger Things? ».

Hea­ton an­nui­sce e sor­ri­de ma­gna­ni­mo. Lo stu­pi­to som­me­lier ma­ni­fe­sta il suo en­tu­sia­smo e ci of­fre due bic­chie­ri di cham­pa­gne.

Char­lie Hea­ton, ven­ti­tré an­ni, è sta­to scel­to tre an­ni fa per l’or­mai fa­mo­sis­si­ma se­rie di Net­flix, ma so­lo da po­co si è abi­tua­to a es­se­re ri­co­no­sciu­to. «Suc­ce­de di con­ti­nuo. Mi fer­ma­no al­me­no cinque vol­te al gior­no». Ha qua­si tre milioni di fol­lo­wer su In­sta­gram, mol­ti dei qua­li, ov­via­men­te, so­no gio­va­ni don­ne in­na­mo­ra­te.

In Stran­ger Things, Hea­ton in­ter­pre­ta Jo­na­than Byers, un eroe schi­vo, so­li­ta­rio e aman­te dal­la mu­si­ca che lot­ta per con­qui­sta­re il cuo­re di Nan­cy (in­ter­pre­ta­ta da Na­ta­lia Dyer, con cui Hea­ton ha una re­la­zio­ne nel­la vi­ta rea­le) con­tro il ri­va­le Ste­ve ( Joe Kee­ry).

Ha­w­kins, l’im­ma­gi­na­ria cit­tà dell’in­dia­na in cui que­sti per­so­nag­gi vi­vo­no, è perseguitata da for­ze oscu­re pro­ve­nien­ti da un’al­tra di­men­sio­ne, ter­ri­fi­can­te e so­pran­na­tu­ra­le, che mi­ra­no in par­ti­co­la­re al fra­tel­li­no do­di­cen­ne di Jo­na­than. Fi­no­ra so­no sta­te gi­ra­te due sta­gio­ni e so­no già ini­zia­te le ri­pre­se del­la ter­za.

«Non so che co­sa si in­ven­te­ran­no ora i fra­tel­li», af­fer­ma Hea­ton, «ma sa­rà si­cu­ra­men­te fan­ta­sti­co, al di là di ogni aspet­ta­ti­va. So­no dav­ve­ro in­cre­di­bi­li». Il ri­fe­ri­men­to è ai fra­tel­li Duf­fer, crea­to­ri e re­gi­sti di Stran­ger Things, che lo han­no scel­to quand’era an­co­ra pres­so­ché sco­no­sciu­to. Hea­ton rac­con­ta: «La pri­ma vol­ta li ho in­con­tra­ti su Sky­pe, men­tre sta­vo man­gian­do in un bur­ger re­stau­rant di Lon­dra. Mi ave­va­no in­via­to un mon­tag­gio di di­ver­si film de­gli An­ni 80 per far­mi ca­pi­re che cos’ave­va­no in men­te e ho pen­sa­to: “Que­sta è dav­ve­ro un’idea ori­gi­na­le!”. Mi han­no chie­sto di par­lar­gli di me e co­sì gli ho rac­con­ta­to del­la mia mu­si­ca e di co­me ave­vo co­min­cia­to a re­ci­ta­re, an­che se ero an­co­ra agli ini­zi. E lo­ro han­no det­to: “In­te­res­san­te, per­ché il personaggio che stia­mo cer­can­do è un po’ un ou­tsi­der fis­sa­to con la mu­si­ca”». Non mol­to tem­po do­po, Hea­ton si re­cò ne­gli Sta­ti Uni­ti per un ul­te­rio­re in­con­tro e poi − boom − fu scel­to per la se­rie che di col­po lo avreb­be re­so ce­le­bre.

Char­lie Hea­ton è na­to nel 1994 a Brid­ling­ton, una pic­co­la cit­tà sul­la co­sta set­ten­trio­na­le dell’in­ghil­ter­ra, ed è sta­to cre­sciu­to dal­la ma­dre. A se­di­ci an­ni la­sciò la scuo­la e an­dò a vi­ve­re a Lon­dra con il pa­dre. «Pas­sa­vo mol­to tem­po in uno stu­dio di re­gi­stra­zio­ne a Ea­st Lon­don, di pro­prie­tà di mio zio. Ho an­che par­te­ci­pa­to ai con­cer­ti di al­cu­ne band co­me bat­te­ri­sta».

Da lì a po­co, fu in­gag­gia­to sta­bil­men­te da un grup­po chia­ma­to Co­ma­ne­chi. «Era fan­ta­sti­co. Ab­bia­mo gi­ra­to il mon­do per un an­no. Ca­na­da, Giap­po­ne, Eu­ro­pa. L’uni­co pro­ble­ma è che so­no tor­na­to a Lon­dra po­ve­ro co­me quan­do ero par­ti­to».

Le co­se ini­zia­ro­no a cam­bia­re quan­do Le­vi, la so­rel­la

«I fra­tel­li Duf­fer mi ave­va­no in­via­to un mon­tag­gio di di­ver­si film de­gli An­ni 80 per far­mi ca­pi­re che cos’ave­va­no in men­te e ho pen­sa­to: “Que­sta è dav­ve­ro un’idea ori­gi­na­le!”. Mi han­no chie­sto di par­lar­gli di me. Al­la fi­ne han­no det­to: “In­te­res­san­te, per­ché il personaggio che stia­mo cer­can­do è un po’ un ou­tsi­der con la mu­si­ca”»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.