SUL­LE PI­STE DEI VI­CHIN­GHI

La Pa­ga­nel­la è la ba­se di una del­le na­zio­na­li di sci più for­ti del mon­do. Che non sof­fre di no­stal­gie: tra sce­na­ri nor­di­ci e car­ne sa­la­da

GQ (Italy) - - Sport - Te­sto di LU C I A GA L L I

Han­no ra­gio­ne i cam­pio­ni nor­ve­ge­si: ci so­no gior­ni in cui dal­la ci­ma del­la Pa­ga­nel­la, il la­go di Mol­ve­no e il Gar­da so­mi­glia­no a un lun­go fior­do. «Ny­de­lig, bel­lo», di­co­no, tra­du­cen­do da quel­le at­mo­sfe­re iper­bo­ree che lo­ro han­no ri­tro­va­to qui, fra Tren­to e i due­mi­la me­tri del­la Ro­da che stre­gò Ce­sa­re Mae­stri e gli al­tri ra­gni del­le Do­lo­mi­ti. Dal gran­de Nord e dal 2011 so­no ar­ri­va­ti an­che lo­ro, vi­chin­ghi 2.0, na­ti non per in­va­de­re, ma per scia­re. Con Te­rol­de­go, Tren­tin­gra­na e car­ne sa­la­da han­no can­cel­la­to ve­lo­ce­men­te la no­stal­gia di sal­mo­ne e arin­ghe. «Ci man­ca so­lo il gei­to­st ( un ro­bu­sto for­mag­gio bru­no, ndr)», spie­ga “mi­ster” Jo­nas Bøe, az­zan­nan­do pe­rò con con­vin­zio­ne un tran­cio di Mar­ghe­ri­ta. Lo­ro so­no i nor­ve­ge­si del­la na­zio­na­le di sci al­pi­no. Una man­cia­ta di cam­pio­nis­si­mi che, nel­la pa­tria del­lo sci nordico, ha scel­to, in con­tro­ten­den­za, di fa­re di­sce­sa. E che, sul­le Do­lo­mi­ti, non ha tro­va­to so­lo lo sky­li­ne tar­ga­to Une­sco, le gu­glie del Cam­pa­ni­le Bas­so e de­gli Sful­mi­ni, ma an­che il ma­de in Ita­ly di pi­ste perfette e un li­fe­sty­le che «sa di ca­sa».

In prin­ci­pio fu il gi­noc­chio ma­lan­da­to di uno di lo­ro a por­tar­li qui per un po’ di al­le­na­men­to «nel cuo­re del­le Al­pi, vi­ci­no a mol­ti cam­pi di ga­ra», rac­con­ta coa­ch “Sut­ti”, alias Mi­chael Rut­ten­stei­ner. Som­man­do i so­li pal­ma­res di big del ca­li­bro di Ak­sel Lund Svin­dal, Kje­til Jan­srud, Hen­rik Kri­stof­fer­sen, Alek­san­der Aa­modt Kil­de e Leif

Kri­stian Hau­gen si ri­pas­sa una bel­la fet­ta di an­na­li del­lo sci mo­der­no. Ad al­le­nar­si sull’olim­pio­ni­ca 2 era­no già ar­ri­va­ti, an­ni fa, gli ame­ri­ca­ni e pro­prio Bo­de Mil­ler, ora “pen­sio­na­to”, tor­ne­rà a fi­ne gen­na­io in una gior­na­ta open per tut­ti i ti­fo­si con la sua Bom­ber ex­pe­rien­ce.

«La pi­sta del­la Pa­ga­nel­la è una del­le più lun­ghe per le ses­sio­ni di trai­ning», pre­ci­sa l’al­tro al­le­na­to­re, Ja­ke Louis Bia­mon­te. Qui, pe­rò, tut­ti pos­so­no stu­dia­re da cam­pio­ne: 50 km di pi­ste − in un blend di trac­cia­ti am­pi e pen­dii bo­sco­si − e un me­nù che par­la di tut­ti gli sport co­me nell’ul­ti­mo spot, do­ve pro­prio i nor­ve­ge­si si so­no di­ver­ti­ti fra pa­ra­pen­dio, fat bi­ke e cia­spo­le a son­da­re tut­ta la gam­ma del di­ver­ti­men­to. «Lo­ro pe­rò han­no un re­gi­me qua­si mi­li­ta­re», spie­ga Marco Dal­la Pic­co­la, che di que­sto sbar­co dal Nord è lo sto­ri­co re­gi­sta. An­che quan­do non di­vo­ra­no pa­li e cro­no­me­tro la sve­glia suo­na al­le 6: gin­na­sti­ca, bi­ci, sky­run­ning e de­fa­ti­ca­men­to in pa­le­stra. Reg­ge­re il lo­ro rit­mo non sa­rà fa­ci­le. In fon­do an­che la gym do­ve si al­le­na­no si chia­ma Vi­king. Quan­do pos­so­no, pe­rò, i cam­pio­ni si con­ce­do­no qual­che lu­sin­ga per l’ani­mo, due pas­si in cen­tro, sor­ri­si, au­to­gra­fi. La Pa­ga­nel­la sta in un can­to po­po­la­re fa­mo­sis­si­mo: «È la vi­sta del Tren­tin», re­ci­ta il te­sto. Di­co­no in pae­se che i vi­chin­ghi dei pa­li stia­no im­pa­ran­do pu­re quel­la. Gla­cier du Géant, grup­po del Mon­te Bian­co, te­st del nuo­vo ab­bi­glia­men­to Nor­rø­na (brand nor­ve­ge­se) per gli sport in­ver­na­li: dall’hi­king al free­ri­de. Due­cen­to bot­ti­glie di Pet per ogni Lo­fo­ten Po­wer­shield Pro Al­pha Jac­ket, il giub­bi­no in tes­su­to fi­la­to, 100% ri­ci­cla­to che di pri­mo ac­chi­to sem­bra trop­po leg­ge­ro per l’al­ta quo­ta. E in­ve­ce, in ac­cop­pia­ta con Nor­rø­na Su­per-hoo­die, il ba­se­layer con strut­tu­ra a gri­glia che in­trap­po­la l’aria fa­vo- ren­do una ra­pi­da asciu­ga­tu­ra, il ri­sul­ta­to è sor­pren­den­te. Sem­bra che le fi­bre di Po­lar­tec (azien­da di Bo­ston, lea­der nei fi­la­ti tec­no­lo­gi­ci), Dry a pel­le, Pro ester­no e Al­pha in­ter­no del­la giac­ca, co­mu­ni­chi­no tra di lo­ro. Iso­la­men­to, tra­spi­ra­bi­li­tà e agi­li­tà nei mo­vi­men­ti più bru­schi. Tra i man­tra di Nor­rø­na c’è la su­stai­na­ble qua­li­ty. Che si­gni­fi­ca pun­ta­re nel 2020 ad ave­re so­lo capi to­tal­men­te ri­ci­cla­ti. Aven­do­ne ri­pa­ra­ti nel so­lo 2017 ben 10.550. (G.A.)

«Non po­trei mai vi­ve­re in cit­tà: l’adre­na­li­na è la mia dro­ga e il pu­sher sta su in ci­ma», di­ce Kar­sten Ge­fle, 39 an­ni, scia­to­re nor­ve­ge­se di Stran­da, nel­le Al­pi di Sunn­mø­re, tra i pro­ta­go­ni­sti di Don’t Crack Un­der Pressure - Sea­son 3 di­ret­to da Thier­ry Do­nard.

Il film, nel­le sa­le ita­lia­ne dal 25 gen­na­io, è sta­to pre­sen­ta­to in part­ner­ship con il brand di oro­lo­gi sviz­ze­ri Tag Heuer (al pol­so di tut­ti gli atle­ti coin­vol­ti nel film) all’ul­ti­ma Nuit de la Glis­se di Pa­ri­gi. Per in­ci­so, glis­ser in fran­ce­se vuol di­re sci­vo­la­re: nel­la nuo­va pel­li­co­la − de­di­ca­ta agli sport estre­mi − si sci­vo­la in aria con le tu­te ala­ri, in ac­qua con il surf, sul­la ne­ve con gli sci. «Il mo­men­to più bel­lo del free­ri­de è il pri­mo me­tro», ri­pren­de Ge­fle. «Quan­do hai gua­da­gna­to la vet­ta a pie­di, ve­di l’im­men­si­tà tutt’at­tor­no, ti lan­ci giù e ca­pi­sci la por­ta­ta dell’ener­gia po­ten­zia­le che ti go­drai fi­no a val­le». O me­glio, fi­no al fior­do, per­ché da quel­le par­ti i mon­ti fi­ni­sco­no lì: «È co­me pren­de­re le Al­pi e im­mer­ger­le nell’atlan­ti­co». I cri­na­li su cui sci­vo­la­re e sal­ta­re, in­cal­za­ti da sla­vi­ne di ne­ve fre­sca, si rag­giun­go­no an­che na­vi­gan­do tra i cre­pac­ci. A vol­te Kar­sten lo fa con Wil­le Lind­berg, lo scia­to­re e ve­li­sta pro­fes­sio­ni­sta sve­de­se che ha tro­va­to in Nor­ve­gia la pa­tria adot­ti­va in cui pra­ti­ca­re i due sport senza so­lu­zio­ne di con­ti­nui­tà. «Ma quan­do gi­ria­mo un fil­ma­to ci per­met­tia­mo pu­re l’eli­cot­te­ro», scher­za Ge­fle, che ha ab­ban­do­na­to le com­pe­ti­zio­ni da qual­che an­no con un’idea pre­ci­sa: «Per­ché scia­re in mez­zo a cin­quan­ta con­cor­ren­ti quan­do pos­so be­nis­si­mo far­lo da so­lo e di­ven­ta­re tutt’uno con la mon­ta­gna?».

MA­DE Ab­bia­mo scia­to su ne­ve ver­de. E ci è pia­ciu­to. Pa­ro­la no­stra e dei 1.500 im­pian­ti nel mon­do che han­no scel­to que­ste pi­ste da sci in man­to sin­te­ti­co tra cui Ski Du­bai, il più fa­mo­so ski do­me al mon­do. A pro­dur­re i tap­pe­ti di po­li­me­ro ver­de è Ne­ve­pla­st, azien­da che dal 1998 ha tra­sfor­ma­to la Ber­ga­ma­sca in cen­tro del mer­ca­to di set­to­re, dan­do vi­ta al pri­mo ma­te­ria­le pla­sti­co cer­ti­fi­ca­to con la stes­sa scor­re­vo­lez­za del­la ne­ve.

«Le pi­ste da sci in pla­sti­ca so­no na­te ne­gli An­ni 60 in In­ghil­ter­ra», rac­con­ta L’AD Nic­co­lò Ber­toc­chi. «Mio pa­dre Al­do, spin­to dal­la pas­sio­ne per la ne­ve, ne­gli An­ni 80 die­de vi­ta a un tap­pe­to sin­te­ti­co che non aves­se bi­so­gno di es­se­re ir­ri­ga­to per man­te­ne­re la scor­re­vo­lez­za e che con­sen­tis­se una te­nu­ta di spi­go­lo mi­glio­re. Nel 1998 nac­que Ne­ve­pla­st». Pan­nel­li di 23 cm di lar­ghez­za per 40 di lun­ghez­za, con fo­ri di raf­fred­da­men­to stu­dia­ti per es­se­re com­pa­ti­bi­li con i pa­li a nor­ma FIS e de­gli ste­li, co­me fos­se­ro dei pet­ti­ni, tra i qua­li la la­mi­na va a in­ci­de­re.

«L’idea è quel­la di po­ter scia­re tut­to l’an­no e por­ta­re la ne­ve an­che do­ve non c’è. Non so­lo pi­ste da di­sce­sa, ma an­che fon­do, snow park, tram­po­li­ni, im­bar­chi e sbar­chi di seg­gio­vie e cam­pi scuo­la».

Og­gi Ne­ve­pla­st è part­ner uf­fi­cia­le di un pro­get­to am­bi­zio­so a Co­pe­n­ha­gen: il ter­mo­va­lo­riz­za­to­re Ama­ger Bak­ke, un enor­me impianto tra i più pu­li­ti al mon­do sul cui tet­to na­sce­rà una pi­sta da sci con ol­tre 500 me­tri di trac­cia­to. Un tet­to ver­de, in tut­ti i sen­si.

Quan­do si scen­de con i gom­mo­ni in ac­qua, che fi­no a po­chi gior­ni pri­ma era ghiac­cio e ne­ve sui pic­chi del­le mon­ta­gne Sa­w­too­th, non c’è mu­ta o ab­bi­glia­men­to tec­ni­co che ten­ga: ogni on­da in fac­cia è co­me uno schiaf­fo ge­li­do, che vi­vi­fi­ca e riem­pie d’ener­gia. Poi il fiu­me si quie­ta, le on­de di­ven­ta­no di­ste­se, più dol­ci, e si ri­ma­ne co­me im­bam­bo­la­ti da que­sta cal­ma im­prov­vi­sa do­po tan­ta adre­na­li­na. Al­lo­ra le mon­ta­gne in­vi­ta­no lo sguar­do, il cie­lo ter­so ri­chia­ma re­spi­ri pro­fon­di, men­tre la cor­ren­te del fiu­me cul­la pia­no il gom­mo­ne. Fi­no al­la pros­si­ma ra­pi­da.

È un’espe­rien­za for­te, che coin­vol­ge vi­sta, udi­to, tat­to, olfatto (ogni trat­to del Middle Fork ha un pro­fu­mo par­ti­co­la­re, do­vu­to ai di­ver­si ti­pi di pian­te che cre­sco­no sul­la ri­va), gu­sto (tut­to quel­lo che si man­gia o be­ve qui vie­ne pre­pa­ra­to con l’ac­qua del fiu­me). Ma se­con­do la mia espe­rien­za: in as­so­lu­to, è il se­sto sen­so il più sol­le­ci­ta­to di tut­ti. Ognu­no gli at­tri­bui­sce si­gni­fi­ca­ti e sfu­ma­tu­re di­ver­se, ma per me si trat­ta di que­sto: ma­gia. Quel­la che si im­pa­dro­ni­sce del cuo­re e del­la ra­gio­ne, che ci fa sen­ti­re in­vin­ci­bi­li, inar­re­sta­bi­li, im­mor­ta­li, pron­ti a tut­to. E par­te in­di­vi­si­bi­le del­la na­tu­ra, ol­tre che del mo­men­to e del luo­go in cui ci si tro­va. Un vul­ca­no di emo­zio­ni, e una gran­de pa­ce den­tro al­lo stes­so tem­po.

Scri­vo que­ste ri­ghe su un ae­reo che ha ap­pe­na la­scia­to l’ida­ho, e men­tre già ini­zio a trat­teg­giar­ne i pri­mi ac­cen­ni di ri­cor­do mi ac­cor­go che in real­tà non si è trat­ta­to so­lo del fiu­me, del pae­sag­gio. Co­me sem­pre suc­ce­de nei viag­gi im­por­tan­ti, non è so­lo il po­sto, ma la na­tu­ra di chi lo vi­ve gior­no per gior­no a ren­der­lo spe­cia­le.

Ho con­di­vi­so sen­ti­men­ti di­ver­si − gio­ia, tri­stez­za, ec­ci­ta­zio­ne, pau­ra − con per­so­ne che mi han­no in­se­gna­to a re­ma­re e a leg­ge­re il fiu­me co­me fos­se una map­pa, o un ro­man­zo. E ho sco­per­to che chi ha scel­to que­sta vi­ta, non la la­scia più. Si trat­ta di uo­mi­ni spe­cia­li: al­cu­ni di lo­ro so­no ve­ne­ra­ti co­me rock­star, per­ché è il Middle Fork del fiu­me Sal­mon a de­cre­ta­re chi fa par­te dell’olimpo dei gran­di. Di cui fanno par­te an­che quel­li in gra­do di ca­val­ca­re il Co­lo­ra­do, nel Grand Ca­nyon, o lo Zam­be­zi, in Afri­ca. A quei li­vel­li, ov­vio, si co­no­sco­no tut­ti.

I miei com­pa­gni di fiu­me so­no sta­ti Sa­ge Mc­der­mott, Tay­lor Wil­cox e Jo­se­ph Lind­sey. Nes­su­no di lo­ro è na­to in Ida­ho, ma co­no­sco­no que­sto fiu­me co­me il pal­mo del­le pro­prie ma­ni. Sa­ge e Tay­lor ci ve­ni­va­no da bam­bi­ni con i lo­ro pa­dri, an­ch’es­si gui­de di raf­ting. Jo­se­ph, fa­ther Jo per gli ami­ci, ha vis­su­to due vi­te: una l’ha de­di­ca­ta ai cor­si d’ac­qua e l’al­tra al jazz, che ha co­min­cia­to a suo­na­re fin da gio­va­nis­si­mo. Ver­so l’ora del tramonto an­da­va sul suo raft, ti­ra­va fuo­ri la trom­ba e fa­ce­va la sua se­re­na­ta quo­ti­dia­na al Middle Fork.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.