La mia chie­sa suo­na il rock (e gio­ca in NBA)

GQ (Italy) - - Life / Fede - Te­sto di FERDINANDO COTUGNO

Un pro­fi­lo In­sta­gram non è esat­ta­men­te il luo­go idea­le per ca­pi­re una con­gre­ga­zio­ne re­li­gio­sa, ma la Hill­song Chur­ch non è una chie­sa co­me le al­tre e per que­sto bi­so­gna par­ti­re da qui: le fo­to pub­bli­ca­te sui so­cial dal pa­sto­re Carl Len­tz. Guar­dan­do le brac­cia ta­tua­te e la sfi­la­ta di ce­le­bri­tà che com­pa­io­no nei suoi sel­fie, si po­treb­be pen­sa­re che Len­tz è un dj, un pro­dut­to­re mu­si­ca­le, al mas­si­mo una star del­la cu­ci­na. In­ve­ce que­sto 39en­ne ex gio­ca­to­re di ba­sket, li­vel­lo col­le­ge, è il pa­sto­re evan­ge­li­co del mo­men­to ne­gli Sta­ti Uni­ti: ha ri­bat­tez­za­to e pa­ci­fi­ca­to Ju­stin Bie­ber, il ce­sti­sta dei Gol­den Sta­te War­riors Ke­vin Du­rant gli scri­ve ogni gior­no, Ky­rie Ir­ving ha la­scia­to i Cle­ve­land Ca­va­liers per i Bo­ston Cel­tics su suo con­si­glio. Len­tz è sta­to l’anel­lo di con­giun­zio­ne tra que­sta chie­sa pen­te­co­sta­le au­stra­lia­na fon­da­ta nel 1983 a Syd­ney e l’enor­me successo che sta ri­scuo­ten­do in que­sti an­ni tra le ce­le­bri­tà ame­ri­ca­ne, in par­ti­co­la­re spor­ti­vi.

Do­po il fal­li­men­to del­la car­rie­ra da atle­ta, Len­tz ave­va de­ci­so di de­di­car­si a Gesù, ma né il se­mi­na­rio né il col­le­ge teo­lo­gi­co gli ave­va­no da­to le ri­spo­ste che ha in­ve­ce tro­va­to nel­la pre­di­ca­zio­ne in­for­ma­le de­gli au­stra­lia­ni. Ha aper­to il pri­mo cen­tro di cul­to a New York ot­to an­ni fa e ha avu­to l’in­tui­zio­ne di av­vi­ci­nar­si agli atle­ti, mo­stran­do­si co­me quel­lo che par­la la lo­ro lin­gua e ca­pi­sce i lo­ro pro­ble­mi, con fra­si co­me: «Gesù so­mi­glia­va mol­to di più a un Co­lin Kae­per­nick ( il quar­ter­back ri­bel­le e po­li­ti­ciz­za­to, ndr) che a un Tom Bra­dy ( bel­lo, di successo e in­te­gra­to, ndr) ». O: «Più gli atle­ti so­no ce­le­bri e più so­no iso­la­ti, pie­ni di sol­di, ma sen­za nes­su­no di cui fi­dar­si».

La Hill­song Chur­ch è di­ven­ta­ta fa­mo­sa co­me la “chie­sa del par­quet”, al pun­to da in­fluen­za­re i mo­vi­men­ti di mer­ca­to dell’nba, ma ha un’al­tra par­ti­co­la­ri­tà: è an­che una chie­sa-eti­chet­ta di­sco­gra­fi­ca, per­ché i pre­di­ca­to­ri for­ma­no ve­re band (cer­ca­re su Spo­ti­fy gli Hill­song Uni­ted) che in que­sti an­ni han­no ven­du­to 16 mi­lio­ni di al­bum e fat­to con­cer­ti an­che in Ita­lia. Le fun­zio­ni più gran­di si ten­go­no in tea­tri o sa­le con­cer­ti: a Mi­la­no ci si ri­tro­va ogni do­me­ni­ca all’ho­tel dei Ca­va­lie­ri, do­ve so­no tra­smes­se in di­ret­ta le mes­se dal Do­mi­nion Thea­tre di Lon­dra, la ve­ra ba­se eu­ro­pea. Qui il 25 lu­glio, al­la O2 Are­na, ci sa­rà il gran­de ra­du­no con­ti­nen­ta­le.

Pa­ro­le for­ti e ce­le­bri­ties: co­sì il pa­sto­re Carl Len­tz ha fat­to del­la pre­ghie­ra un even­to cool

TEM­PLI MODERNI

Ky­rie Ir­ving dei Bo­ston Cel­tics e, so­pra, Ju­stin Bie­ber, as­si­dui fre­quen­ta­to­ri del­la Hill­song Chur­ch di NY. In al­to: la mes­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.