Il con­trol­ler ha mes­so il grem­biu­le

GQ (Italy) - - Life / Toys Musica -

Al­ta cu­ci­na e vi­deo­gio­chi si in­con­tra­no, per la prima vol­ta, a me­tà stra­da tra il Ve­ne­to e i ran­ch del Nor­th­we­st sta­tu­ni­ten­se. L’oc­ca­sio­ne è il lan­cio mon­dia­le a fi­ne me­se di Far Cry 5, il nuo­vo ca­pi­to­lo del ce­le­bre “spa­ra­tut­to” di ca­sa Ubi­soft, am­bien­ta­to que­sta vol­ta in una cit­ta­di­na del Mon­ta­na ca­du­ta sot­to il con­trol­lo di una set­ta di fa­na­ti­ci re­li­gio­si. Die­tro i for­nel­li, ma an­che die­tro il con­trol­ler del­la pro­pria con­so­le, c’è Lo­ren­zo Co­go, gio­va­ne chef vi­cen­ti­no del ri­sto­ran­te El Coq: una stel­la Mi­che­lin con­fer­ma­ta per il se­con­do an­no e la pas­sio­ne per i vi­deo­ga­me che lo ha por­ta­to al­la sco­per­ta dei luo­ghi do­ve so­no am­bien­ta­te le av­ven­tu­re di Far Cry 5.

Co­me sa­rà que­sto nuo­vo ti­to­lo del­la sa­ga? As­so­lu­ta­men­te at­tua­le, sin dal­la tra­ma. Ci si muo­ve in un’ame­ri­ca dal­la cul­tu­ra li­mi­ta­ta, an­co­ra mol­to con­ser­va­tri­ce, do­ve chi ha il ca­rat­te­re più for­te rie­sce a pre­va­le­re sul­le men­ti de­gli al­tri fa­cen­do le­va su re­li­gio­ne e fa­ke news. Per il re­sto, la ca­rat­te­ri­sti­ca più bel­la di Far Cry re­sta l’as­so­lu­ta li­ber­tà: quel­la di po­ter an­da­re do­ve si vuo­le e fa­re ciò che si vuo­le, dal­lo spa­ra­re al pre­ga­re in chie­sa.

Com’è la gen­te del Mon­ta­na? La co­mu­ni­tà è sem­pli­ce, e mol­to più ac­co­glien­te di quan­to mi aspet­tas­si. Cer­to, ve­de­re la nor­ma­li­tà con cui le per­so­ne van­no in gi­ro ar­ma­te di pi­sto­le all’ini­zio la­scia un po­chi­no stor­di­ti. Ma so­no ge­nui­ne, for­te­men­te le­ga­te all’eti­ca del la­vo­ro, abi­tua­te a fa­ti­ca­re, an­da­re a mes­sa, cac­cia­re e, se ne­ces­sa­rio, di­fen­der­si. In cer­te zo­ne del Mon­ta­na gli in­con­tri con lu­pi, or­si, cer­vi e via di­cen­do so­no all’or­di­ne del gior­no. Ac­ca­de poi che ca­pi­ti di in­ve­sti­re un ani­ma­le quan­do si è al vo­lan­te, e di fe­rir­lo ol­tre ogni spe­ran­za di gua­ri­gio­ne: spa­rar­gli può di­ven­ta­re un cru­do ge­sto di pie­tà.

Si è tro­va­to a suo agio? Am­met­to che i rit­mi di vi­ta che ho tro­va­to mi han­no ri­cor­da­to quel­li del­la mia in­fan­zia, nel­la cam­pa­gna vi­cen­ti­na dai miei non­ni. Du­ran­te il viag­gio ho pro­va­to di­ver­si ri­sto­ran­ti per sco­pri­re le ten­den­ze del mo­men­to, ma so­no an­che po­tu­to en­tra­re nel­le ca­se del­la gen­te del luo­go e co­no­sce­re in prima per­so­na le lo­ro abi­tu­di­ni. È sta­ta una bel­la espe­rien­za, che è poi con­flui­ta in tre ri­cet­te de­di­ca­te a Far Cry 5: una si chia­ma Co­mu­nio­ne ed è una tar­ta­re di cuo­re di man­zo rac­chiu­sa tra due ostie, ser­vi­ta con un ca­li­ce ros­so scar­lat­to di Bloo­dy Ma­ry. Un piat­to con cui ho vo­lu­to rap­pre­sen­ta­re lo stra­no le­ga­me tra vio­len­za e re­li­gio­ne, due te­mi cen­tra­li del vi­deo­gio­co. _ (Fi­lip­po Pi­va)

Lo­ren­zo Co­go, chef stel­la­to, sul set di Far Cry 5, tra fa­na­ti­ci re­li­gio­si e giu­sti­zie­ri fai da te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.