Il fu­tu­ro do­po l’al­di­là

Al­la fi­ne dell’ul­ti­ma sta­gio­ne nei pan­ni di Jon Snow (in on­da nel 2019), K I T H A R I N G TON tor­ne­rà al­la vi­ta rea­le: ec­co co­sa vuol di­re pas­sa­re die­ci an­ni sul cri­na­le del­la Bar­rie­ra, mo­ri­re, re­su­sci­ta­re, rag­giun­ge­re la fa­ma glo­ba­le e poi ri­pren­de­re il

GQ (Italy) - - Cover Story -

Jon Snow del­la Ca­sa de­gli Stark, Pri­mo del suo No­me, Re del Nord, Pro­tet­to­re del Nord, Lord di Gran­de In­ver­no, Lu­po Bian­co, il Non Mor­to – que­sto sem­bra es­se­re il suo ti­to­lo com­ple­to – si ada­gia su un tro­no di vel­lu­to. In­dos­sa jeans at­til­la­ti, sti­va­li vis­su­ti e una giac­ca ne­ra da col­le­ge de­gli An­ni 30, un po’ lo­go­ra, ap­pe­na com­pra­ta in un ne­go­zio vin­ta­ge nell’ea­st Vil­la­ge di New York. Ve­de­re Kit Harington sen­za il man­tel­lo di pel­lic­cia ne­ra e sen­za Lun­go Ar­ti­glio, la sua spa­da in ac­cia­io di Va­ly­ria, fa una stra­na im­pres­sio­ne. In­ve­ce di com­bat­te­re con­tro gli Estra­nei, sta lot­tan­do con­tro i sin­to­mi dell’asti­nen­za da ni­co­ti­na («Ho ap­pe­na smes­so», bron­to­la).

No­no­stan­te il jet lag e il de­si­de­rio di fu­ma­re, Harington, 31 an­ni, è un con­ver­sa­to­re in­so­li­to nel mon­do del­le ce­le­bri­tà, at­ten­to e di­spo­ni­bi­le. Sco­pria­mo di aver en­tram­bi vis­su­to nel­la stes­sa stra­da di Lon­dra (lui quan­do era stu­den­te di tea­tro, io ora) e am­be­due ab­bia­mo de­di­ca­to un tem­po no­te­vo­le a ri­flet­te­re sul si­gni­fi­ca­to del­la vi­ta in un ot­ti­mo pub chia­ma­to The Wa­shing­ton. «Una ve­ra scuola d’ar­te dram­ma­ti­ca!», ri­de. «Sbron­zar­si e fin­ge­re». Su­bi­to do­po aver ter­mi­na­to la scuola di re­ci­ta­zio­ne, Harington ven­ne con­tat­ta­to per il ruo­lo che lo ha re­so fa­mo­so in tut­to il mon­do e che lo ha por­ta­to og­gi a es­se­re qui a Mi­la­no, per as­si­ste­re al suo pri­mo even­to nel­la mo­da, da Dolce & Gabbana.

All’ini­zio Kit non co­no­sce­va i li­bri di Geor­ge R. R. Mar­tin, e a par­te­ci­pa­re all’epi­so­dio pi­lo­ta di una se­rie chia­ma­ta Il Tro­no di Spa­de lo con­vin­se la fa­ma del­la ca­sa pro­dut­tri­ce. «Si trat­ta­va del­la HBO, che era, ed è, una ga­ran­zia di qua­li­tà. Ma la sce­neg­gia­tu­ra non l’ave­vo pro­prio ca­pi­ta. L’ave­vo let­ta due vol­te pen­san­do: “Que­sto è lo script più biz­zar­ro che mi sia mai ca­pi­ta­to. Non ca­pi­sco per­ché lo pro­du­co­no, ma ci sto”». Poi ag­giun­ge: «Ri­cor­do di aver let­to la de­scri­zio­ne del mio per­so­nag­gio e di aver pen­sa­to: “Sì, pos­so far­lo. Scon­tro­so. Si­len­zio­so. So­li­do. Va be­ne. Fa per me”».

L’epi­so­dio pi­lo­ta si ri­ve­lò un flop ma poi, quan­do la HBO ha de­ci­so di ri­pren­de­re in ma­no il sog­get­to, Harington ha ot­te­nu­to la par­te di Jon Snow. E il ruo­lo che lo ha vi­sto evol­ve­re da fi­glio ba­star­do po­co con­si­de­ra­to a mi­sti­co re guer­rie­ro rein­car­na­to ha tra­sfor­ma­to an­che la sua vi­ta rea­le. Di­ce: «Non pen­so ci sia­no sta­te mol­te se­rie co­me Il Tro­no di Spa­de, in ter­mi­ni di im­pat­to glo­ba­le e per la fa­ma di cui ab­bia­mo be­ne­fi­cia­to noi at­to­ri. È stra­no tro­va­re già nel tuo pri­mo ve­ro la­vo­ro ciò che de­fi­ni­sce la tua car­rie­ra. È cu­rio­so, ma può es­se­re una sor­ta di...». Sfi­da esi­sten­zia­le? «Sì, pen­so di sì! E la co­sa stra­na è che sta per fi­ni­re». PORTAFORTUNA Fra i ri­tua­li di Kit prima di an­da­re in sce­na a tea­tro: « Ba­cia­re tre vol­te il cro­ci­fis­so che ho in ca­me­ri­no, man­gia­re tre Ha­ri­bos e be­re tre sor­si d’ac­qua »

Men­tre av­vie­ne il no­stro in­con­tro, il ca­st si pre­pa­ra a gi­ra­re la prima me­tà del­la sta­gio­ne fi­na­le. Harington è vo­lu­ta­men­te va­go – ma se ne scu­sa – sul­la da­ta esat­ta di usci­ta. «Se con­si­de­ria­mo an­che l’epi­so­dio pi­lo­ta so­no pas­sa­ti no­ve an­ni. Quan­do ver­rà tra­smes­sa l’ul­ti­ma sta­gio­ne, sa­ran­no di­ven­ta­ti die­ci. Pro­ba­bil­men­te que­sto re­ste­rà l’even­to più si­gni­fi­ca­ti­vo di tut­ta la mia vi­ta».

Ora, non si sa mai che co­sa ri­ser­va la vi­ta, ma la va­lu­ta­zio­ne di Kit sem­bra al­quan­to ra­gio­ne­vo­le. Il fe­no­me­no de Il Tro­no di Spa­de lo ha tra­sfor­ma­to da il­lu­stre sco­no­sciu­to in pro­ta­go­ni­sta, fi­no a far­gli gua­da­gna­re – a quan­to si di­ce – 500 mi­la dol­la­ri a epi­so­dio. An­che se do­ves­se es­se­re scel­to co­me il fi­glio se­gre­to Je­di del­la Prin­ci­pes­sa Lei­la in un pros­si­mo film di Star Wars (even­tua­li­tà non poi co­sì in­cre­di­bi­le, a pen­sar­ci be­ne), il col­po di for­tu­na ini­zia­le sa­rà piut­to­sto dif­fi­ci­le da su­pe­ra­re. E quin­di: co­me si sen­te a pro­po­si­to del­la sua fi­ne (qua­si) im­mi­nen­te?

«So­no un in­gle­se rea­li­sta, piut­to­sto ci­ni­co. Di nor­ma non so­no sen­ti­men­ta­le. Ep­pu­re ho sco­per­to di es­ser­lo ri­guar­do a que­sta sta­gio­ne fi­na­le, e non me lo sa­rei aspet­ta­to». Sen­ti­men­ta­le su tut­to? Harington scuo­te la te­sta: «Le dif­fi­col­tà ri­man­go­no dif­fi­col­tà. La­vo­ra­re a tem­pe­ra­tu­re ri­gi­de, con la piog­gia che ti sfer­za, in­dos­san­do un co­stu­me che pe­sa ven­ti chi­li, be’, que­sto non mi man­che­rà di cer­to».

Gli man­che­rà, tut­ta­via, l’islan­da, do­ve nel­la se­con­da sta­gio­ne, del 2011, è sta­ta gi­ra­ta gran par­te del­le sce­ne am­bien­ta­te nell’estre­mo Nord del con­ti­nen­te oc­ci­den­ta­le di We­ste­ros, ol­tre la Bar­rie­ra: «Quel­la sta­gio­ne è sta­ta la più in­di­men­ti­ca­bi­le per me», rac­con­ta, «per­ché, pro­prio men­tre gi­ra­va­mo in quel po­sto fan­ta­sti­co, ci sia­mo re­si con­to che la se­rie sta­va ri­scuo­ten­do un gran­de successo. In più, ero con la ra­gaz­za di cui mi sa­rei in­na­mo­ra­to». Quel­la ra­gaz­za, Ro­se Le­slie, in­ter­pre­ta­va il ruo­lo di Ygrit­te, la se­xy sel­vag­gia co­per­ta di pel­lic­cia di cui Jon Snow si in­na­mo­ra e che poi muo­re. In se­gui­to sa­rà lui a mo­ri­re, ma tor­ne­rà in vi­ta; Ygrit­te in­ve­ce ri­mar­rà mor­ta, pur­trop­po (era uno dei per­so­nag­gi mi­glio­ri del­la se­rie). Nel­la vi­ta rea­le, in com­pen­so, Kit e Ro­se si so­no fi­dan­za­ti nel 2016. Ora vi­vo­no in­sie­me nel­la cam­pa­gna in­gle­se. «Nel Suf­folk, pro­prio in mez­zo al­la cam­pa­gna. Spe­ro che, se i miei ami­ci de­ci­de­ran­no di tra­sfe­rir­si fuo­ri Lon­dra, cree­re­mo qui una sor­ta di co­mu­ni­tà. Da noi c’è un gra­na­io e sto pen­san­do di tra­sfor­mar­lo in mo­do da po­ter­ci or­ga­niz­za­re le fe­ste». E, ma­ga­ri, il man­tel­lo di Jon Snow sa­rà par­te dell’ar­re­da­men­to... «Non cre­do che me lo la­sce­ran­no! Con­ti­nuo a pen­sa­re che co­sa po­trei ru­ba­re».

Sug­ge­ri­sco: la spa­da? «Quel­la va­le una for­tu­na! Pro­ba­bil­men­te fi­ni­rà in un mu­seo del­la HBO. No, non me la da­ran­no. Pen­so sia l’og­get­to più sim­bo­li­co di tut­ta la se­rie». Ma quin­di, do­po l’ot­ta­va sta­gio­ne sa­rà dav­ve­ro fi­ni­to tut­to? Nes­su­no spin-off? Nes­sun pre­quel o se­quel? «For­se ci sa­ran­no de­gli spin-off, ma una co­sa è cer­ta: io non ne fa­rò par­te. Per la HBO il bel­lo del­la se­rie è che in fu­tu­ro si po­treb­be pro­por­re in mo­di com­ple­ta­men­te di­ver­si. Ma­ga­ri am­bien­tan­do­la 300 an­ni prima e ri­spar­mian­do co­sì un sac­co di sol­di, per­ché noi at­to­ri nel frat­tem­po sia­mo di­ven­ta­ti tut­ti mol­to co­sto­si».

« re­ste­rà l’even­to più si­gni­fi­ca­ti­vo del­la mia vi­ta. Ora che sta per fi­ni­re, all’im­prov­vi­so ho avu­to pau­ra»

Quin­di Il Tro­no di Spa­de po­treb­be an­da­re avan­ti, ma non con Jon Snow (la no­ti­zia era già cir­co­la­ta, pe­rò all’epo­ca era sen­za fon­da­men­to). Tut­ta­via, sup­po­nen­do che sia ve­ro, che cos’ha in pro­gram­ma Harington per la sua pros­si­ma rein­car­na­zio­ne?

«Ov­via­men­te ci sto pen­san­do. Di re­cen­te, e im­prov­vi­sa­men­te, ho avu­to pau­ra. Ho vis­su­to nel­la pri­vi­le­gia­ta si­tua­zio­ne di aver fat­to par­te di uno spet­ta­co­lo che mi ha con­sen­ti­to di te­ne­re un pro­fi­lo al­to. Ogni an­no va­do al­le ce­ri­mo­nie di pre­mia­zio­ne, e rie­sco an­che a fa­re al­tre co­se. Ma mi è pas­sa­to per la men­te un pen­sie­ro che mi ha spa­ven­ta­to: tut­to que­sto sta per fi­ni­re, co­sa fa­rò ades­so? Poi, all’im­prov­vi­so mi so­no re­so con­to che l’an­no pros­si­mo po­trei fa­re due film e uno spet­ta­co­lo tea­tra­le, op­pu­re re­ci­ta­re in un’al­tra se­rie, co­sa che non mi è sta­ta pos­si­bi­le da quan­do so­no im­pe­gna­to con Il Tro­no di Spa­de. E po­trei pren­der­mi due me­si di pau­sa e pas­sar­li con Ro­se! Po­trem­mo an­dar­ce­ne da qual­che par­te! Di col­po mi so­no sen­ti­to en­tu­sia­sta».

Harington è ar­ri­va­to a Mi­la­no con un vo­lo not­tur­no da Los An­ge­les, via New York. Men­tre aspet­ta­va la coin­ci­den­za, ha avu­to il tem­po di com­prar­si la giac­ca vin­ta­ge da col­le­ge. Ma si tro­va­va a Los An­ge­les an­che per va­lu­ta­re il pro­prio fu­tu­ro: «Ho in­con­tra­to dei di­ri­gen­ti di ca­se ci­ne­ma­to­gra­fi­che. E la do­man­da che tut­ti mi han­no fat­to è sta­ta: “Co­sa vuoi fa­re do­po?”».

Con­ce­der­si un po’ di re­lax è de­ci­sa­men­te le­git­ti­mo. Ol­tre a Ro­se, Kit ama mol­to la fo­to­gra­fia: «Ho una Lei­ca», rac­con­ta. «Non so­no par­ti­co­lar­men­te bra­vo, pe­rò ado­ro fo­to­gra­fa­re». Vor­reb­be an­che im­pa­ra­re a suo­na­re il pia­no: «È un mio pro­fon­do de­si­de­rio, pen­so sia lo stru­men­to più se­xy in as­so­lu­to».

Harington, tut­ta­via, ha già for­ni­to al­cu­ni in­di­zi sul suo pos­si­bi­le fu­tu­ro pro­fes­sio­na­le po­st-snow. Di re­cen­te ha pro­dot­to e in­ter­pre­ta­to la mi­ni­se­rie Gun­po­w­der, dram­ma av­vin­cen­te am­bien­ta­to nel XVII se­co­lo ( in Ita­lia dal 6 mar­zo su Fo­cus tv, ca­na­le 56, ndr) che nar­ra il ten­ta­ti­vo di Guy Fa­w­kes di far sal­ta­re in aria il Par­la­men­to bri­tan­ni­co. Quel­la co­spi­ra­zio­ne − che ha ispi­ra­to la tra­di­zio­ne del­la Bon­fi­re Night (not­te dei fa­lò) nel Regno Uni­to − fu or­di­ta da Ro­bert Ca­te­sby, un an­te­na­to di Kit Harington. «È una sto­ria in­te­res­san­te e ne so­no ve­nu­to a co­no­scen­za gra­zie a que­sta me­mo­ria fa­mi­lia­re», di­ce. E con sod­di­sfa­zio­ne ag­giun­ge: «L’ab­bia­mo ven­du­ta al­la HBO».

Ol­tre a pro­dur­re Gun­po­w­der, en­tra­re nel mon­do del­la mo­da con Dolce & Gabbana po­treb­be in­di­ca­re un’al­tra pos­si­bi­le di­re­zio­ne del fu­tu­ro di Harington, che è sta­to scel­to co­me te­sti­mo­nial del­la cam­pa­gna per il nuo­vo pro­fu­mo The One: «Le ri­pre­se so­no sta­te in­cre­di­bil­men­te di­ver­ten­ti», rac­con­ta. «Non è mi­ca sem­pre co­sì. Ero in una piaz­za di Napoli e nel vi­deo so­no en­tra­te per­so­ne co­mu­ni, del luo­go. C’era mu­si­ca in sot­to­fon­do e io cam­mi­na­vo e bal­la­vo con la gen­te, è sta­to dav­ve­ro di­ver­ten­te».

Lei se­gue la mo­da? «Mi piac­cio­no i bei ve­sti­ti. Ado­ro in­dos­sa­re un abi­to giac­ca e pan­ta­lo­ni. Di so­li­to so­no tra­di­zio­na­li­sta e mi pia­ce la sem­pli­ci­tà, ma so­prat­tut­to non amo sta­re trop­po a pen­sa­re a qual­co­sa... Chi è mol­to at­ten­to al­la mo­da, ma­ga­ri per­ché la­vo­ra nel set­to­re, in qual­che mo­do in­dos­sa la pro­pria ar­te. Ma co­me at­to­re il tuo com­pi­to è quel­lo di mi­me­tiz­zar­ti, non di ri­sal­ta­re. E se ci ri­flet­ti, l’es­sen­za del­la re­ci­ta­zio­ne − che di­ven­ta dif­fi­ci­le ri­spet­ta­re quan­do sei fa­mo­so − è sta­re se­du­to e os­ser­va­re. Quin­di, un ab­bi­glia­men­to vi­sto­so non fa par­te del ba­ga­glio di un at­to­re».

In­te­res­san­te il suo con­cet­to di re­ci­ta­zio­ne – ba­sa­to sull’os­ser­va­zio­ne del mon­do rea­le – quan­do i suoi due ruo­li prin­ci­pa­li so­no quel­li di un per­so­nag­gio di fan­ta­sia (Jon Snow) e di uno mor­to da tem­po (Ro­bert Ca­te­sby).

Harington an­nui­sce: «Ho ca­pi­to che ciò che vo­glio fa­re è pro­prio in­ter­pre­ta­re un per­so­nag­gio che sia os­ser­va­bi­le. In­vi­dio, per esem­pio, gli at­to­ri che re­ci­ta­no nel­la se­rie The Cro­wn, do­ve Matt Smi­th e Clai­re Foy so­no fan­ta­sti­ci e bril­lan­ti. Vo­glio qual­co­sa del ge­ne­re. Qual­cu­no di cui esi­sto­no im­ma­gi­ni di re­per­to­rio». Per esem­pio? «So­gno da sem­pre di fa­re un film sul­la bo­xe, prima di di­ven­ta­re trop­po vec­chio. Pen­so che i pu­gi­li sia­no af­fa­sci­nan­ti». Qual­cos’al­tro di più spe­ci­fi­co? Chi ri­tie­ne sia ab­ba­stan­za af­fa­sci­nan­te da vo­ler­lo in­ter­pre­ta­re do­po Jon Snow? «Gray­son Per­ry. C’è qual­co­sa di di­ver­so in lui». Per­ry è un ar­ti­sta di gran­de successo in Gran Bre­ta­gna ed è af­fa­sci­nan­te da mol­ti pun­ti di vi­sta, per esem­pio da quel­lo che sta­bi­li­sce i co­di­ci del­la vi­ri­li­tà mo­del­lan­do e a vol­te de­for­man­do la vi­ta de­gli uo­mi­ni: a lui, per esem­pio, spes­so pia­ce in­dos­sa­re abi­ti fem­mi­ni­li.

«Sto leg­gen­do il suo li­bro The De­scent of Man », di­ce Harington. «Mi piac­cio­no la sua ar­te, i suoi com­men­ti e il mo­do mol­to mi­su­ra­to in cui guar­da il mon­do. Sem­bra che non giu­di­chi le per­so­ne, no­no­stan­te in real­tà espri­ma mol­tis­si­mi giu­di­zi».

Que­sta è una com­bi­na­zio­ne con­tra­stan­te di ruo­li: il pu­gi­le e l’ar­ti­sta am­bi­guo. Kit Harington ri­de: «So­no aper­to a qual­sia­si co­sa! Pen­so che sa­reb­be for­te ve­de­re un pu­gi­le di ge­ne­re am­bi­guo, non sa­reb­be fan­ta­sti­co es­se­re sia l’api­ce del­la ma­sco­li­ni­tà, sia il suo con­tra­rio, nel­lo stes­so mo­men­to?».

Ma­rian­na, che la­vo­ra con Harington sin da­gli ini­zi de Il Tro­no di Spa­de co­me sua «sof­fe­ren­te e bril­lan­te ad­det­ta stam­pa», ri­cor­da a Kit che ha un ap­pun­ta­men­to. Il mio tem­po è fi­ni­to, ma il gior­no do­po ci in­con­tria­mo da Dolce & Gabbana. Mi con­fes­sa che gli pia­ce un abi­to di broc­ca­to ne­ro ab­bi­na­to a un cap­pot­to di la­na di mon­to­ne, cu­rio­sa­men­te si­mi­le al suo fa­mo­so man­tel­lo. E quan­do un modello sfi­la con in­dos­so una co­ro­na do­ra­ta, Harington lo fis­sa con uno sguar­do ab­ba­stan­za in­ten­so da far tre­ma­re un estra­neo. Kit Harington sta­rà an­che pen­san­do se­ria­men­te ai suoi pros­si­mi per­so­nag­gi, ma Jon Snow non è an­co­ra mor­to.

«Ma­ga­ri l’an­no pros­si­mo po­trei pren­der­mi due me­si di pau­sa e pas­sar­li con Ro­se da qual­che par­te. Il che mi ren­de en­tu­sia­sta»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.