Il co­di­ce DELLÕELEGANZA

Il nuo­vo guar­da­ro­ba di Mas­si­mo Dutti ri­tro­va nel­la sem­pli­ci­tà la sua mas­si­ma espres­sio­ne

GQ (Italy) - - Promotion - Te­sto di SI­MO­NA A I ROLDI

Un uo­mo so­brio ed ele­gan­te per un new deal este­ti­co che ban­di­sce gli ec­ces­si e ri­tro­va la pu­li­zia del­le li­nee e non ha pau­ra del­la pa­ro­la "sem­pli­ci­tà". È l'uo­mo di Mas­si­mo Dutti per la Pri­ma­ve­ra/esta­te 2018 pre­sen­ta­to a Pa­ri­gi nel­la cor­ni­ce pre­sti­gio­sa del Pa­lais de To­kyo. Una sfi­la­ta im­por­tan­te per il mar­chio del grup­po In­di­tex che ha scel­to la for­mu­la co-ed (far sfi­la­re in­sie­me i ca­pi del men­swear e wo­men­swear) e la mo­da­li­tà see-now-buy-now. Una col­le­zio­ne di ca­pi che pun­ta su un mix ver­sa­ti­le e per­fet­to per ogni mo­men­to del­la gior­na­ta: com­ple­ti dop­pio­pet­to, field jac­ket, ma­glie over­si­ze, spol­ve­ri­ni e pan­ta­lo­ni ka­ki. Tra gli ac­ces­so­ri, bor­se a ma­no, zai­ni, san­da­li in pel­le, mo­cas­si­ni e snea­kers. La pa­let­te di co­lo­ri è per­lo­più to­no su to­no, i tes­su­ti so­no fre­schi e i ta­gli di una leg­ge­rez­za sot­ti­le por­ta­ta al­la sua mas­si­ma espres­sio­ne. Per un uo­mo che pre­sen­ta si­cu­rez­za nel­lo sti­le, che sce­glie un guar­da­ro­ba clas­si­co, an­che se do­ta­to di co­di­ci con­tem­po­ra­nei nei co­lo­ri, nei tes­su­ti e nei ta­gli che so­no slim ma non striz­za­ti, con pan­ta­lo­ni asciut­ti e non più cor­tis­si­mi. Ca­sual e ri­cer­ca­to, co­mo­do e an­che un po' ré­tro. L'este­ti­ca ca­sual di Mas­si­mo Dutti inon­da la stra­da con le sue for­me ri­las­sa­te, una ta­vo­loz­za na­tu­ra­le e di­scre­ta e una con­fe­zio­ne con ma­te­ria­li di qua­li­tà squi­si­ta e un toc­co di ec­cel­len­te sar­to­ria­li­tà. A rap­pre­sen­ta­re la col­le­zio­ne un ca­st di mo­del­li d'ec­ce­zio­ne, a co­min­cia­re da Cle­ment Cha­ber­naud e Hu­go Sau­zay che, con la lo­ro per­so­na­li­tà in pas­se­rel­la, han­no re­so un tri­bu­to al­lo spi­ri­to uni­co di un uo­mo dall'ani­ma con­tem­po­ra­nea che pri­vi­le­gia la sin­go­la­ri­tà e la qua­li­tà al di so­pra del su­per­fluo.

An­che la mu­si­ca svol­ge una par­te im­por­tan­te nel­la sua vi­ta. La mu­si­ca è tut­to. La uso ogni gior­no: sia che la­vo­ri, sia che mi de­di­chi ad al­tro. Mi aiu­ta a stu­dia­re il tim­bro e l’ac­cen­to di vo­ce dei miei per­so­nag­gi. E poi è me­mo­ria, ri­por­ta a luo­ghi, per­so­ne e ri­cor­di all’istan­te.

Da chi trae ispi­ra­zio­ne? Dai sin­go­li in­di­vi­dui. Per­so­nag­gi rea­li, co­mi­ci, at­to­ri e can­tan­ti, mol­to di­ver­si tra lo­ro. No­mi co­me Char­lie Cal­las o Don Ric­kles, Dean Mar­tin, Mar­lon Bran­do e Yul Bryn­ner. Tut­te per­so­na­li­tà mol­to ben de­fi­ni­te e to­tal­men­te uni­che. Pur­trop­po le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni non sen­to­no più il bi­so­gno di te­sti­mo­nia­re il po­te­re dell’in­di­vi­dua­li­tà, ed è un pec­ca­to. L’uni­co de­si­de­rio di og­gi è es­se­re fa­mo­si per il so­lo fat­to di es­ser­lo. Per me non è mai sta­to co­sì.

C’è un per­so­nag­gio che ha a cuo­re e che vor­reb­be in­ter­pre­ta­re? Amo leg­ge­re e so­no af­fa­sci­na­to da mol­ti per­so­nag­gi dei li­bri. Non me la sen­ti­rei pe­rò di in­ter­pre­tar­li. Il lo­ro bel­lo è che vi­vo­no nel­la men­te del let­to­re gra­zie al­le sfac­cet­ta­tu­re che lo scrit­to­re gli di­pin­ge ad­dos­so. Il gio­va­ne Hol­den, per esem­pio: che sen­so avreb­be ve­de­re cri­stal­liz­za­ta sul­lo scher­mo una sto­ria di cui cia­scu­no di noi ha un ri­cor­do co­sì for­te e per­so­na­le? O Sul­la stra­da, di Ke­rouac, la mia bib­bia da ra­gaz­zo. Non ho mai pen­sa­to che do­ves­se di­ven­ta­re un film. Un li­bro, a mio pa­re­re, è trop­po bel­lo per es­se­re toc­ca­to, an­che se in mol­ti lo fan­no.

Co­sa è cool per lei? Tan­te co­se. È l’in­di­vi­duo, la per­so­na che sa sem­pli­ce­men­te es­se­re se stes­sa. Pat­ti Smi­th, Ig­gy Pop, Jim Mor­ri­son. Ho avu­to mo­do di la­vo­ra­re a stret­to con­tat­to con la fon­da­zio­ne Ma­ke-a-wi­sh, e quan­do ve­di bam­bi­ni che com­bat­to­no con tut­te le lo­ro ener­gie un ne­mi­co co­me l’hiv, ec­co lì pen­si che lo­ro so­no dav­ve­ro cool. Non c’è pau­ra nei lo­ro oc­chi, so­lo un im­men­so co­rag­gio.

Lei vie­ne de­scrit­to co­me un uo­mo cool, ne è con­sa­pe­vo­le? Chi mi de­scri­ve co­sì? Non sa­prei a che ti­to­lo rien­tra­re nel­la ca­te­go­ria. For­se per­ché so­no un ti­po tran­quil­lo.

La de­fi­ni­sco­no an­che vi­ri­le. Che si­gni­fi­ca­to da­reb­be a que­sto ag­get­ti­vo? Un uo­mo di pa­ro­la. Ve­ro, lea­le, pron­to a lot­ta­re con­tro ogni in­giu­sti­zia, con o sen­za pau­ra. Un uo­mo in­som­ma af­fi­da­bi­le, sem­pre fe­de­le a se stes­so.

An­che il nuo­vo Sau­va­ge Eau de Par­fum re­sta fe­de­le al­la sua fir­ma ma cam­bia com­ple­ta­men­te nel­la strut­tu­ra. Lei ha sen­ti­to la dif­fe­ren­za? Que­sta fra­gran­za è una svol­ta. Più orien­ta­le e le­gno­sa ri­spet­to all’eau de Toi­let­te. Mi pia­ce per­ché ha una scia più pri­mi­ti­va, sel­vag­gia. Cha­peau a De­ma­chy.

Tra le stan­ze dal­le gran­di pa­re­ti tra­spa­ren­ti del­la Fon­da­tion Car­tier vent’an­ni fa ve­ni­va pre­sen­ta­ta al mon­do Dé­cla­ra­tion, un’eau de Toi­let­te che già nel no­me in­car­na­va un in­ten­to ri­vo­lu­zio­na­rio. Og­gi, tra gli stes­si mu­ri di ve­tro e ac­cia­io, ve­de la lu­ce la rie­di­zio­ne in ver­sio­ne Par­fum del­la fra­gran­za. A rac­con­tar­la all’om­bra del mae­sto­so ce­dro pian­ta­to qua­si due se­co­li fa dal­lo scrit­to­re Cha­teau­briand so­no riu­ni­ti Jean- Clau­de El­le­na, sto­ri­co crea­to­re dell’ori­gi­na­le, e Ma­thil­de Lau­rent, “na­so” in­ter­no del­la mai­son Car­tier.

«Pen­sa­re che un pro­fu­mo con tut­ti que­gli an­ni sul­le spal­le sia at­tua­le an­co­ra og­gi è paz­ze­sco», di­ce il mae­stro El­le­na, og­gi con­su­len­te per Her­mès. «So­li­ta­men­te nel­la pro­fu­me­ria la du­ra­ta me­dia sul mer­ca­to è di 3 an­ni, ma se si su­pe­ra quel­la so­glia vuol di­re che si può re­si­ste­re per mol­to. Ci so­no cen­ti­na­ia di pro­fu­mi che si so­no eclis­sa­ti e di cui non ab­bia­mo più me­mo­ria, men­tre Dé­cla­ra­tion è un’avan­guar­dia che non ha mai per­so la sua for­za». «Per me è un tri­bu­to», pre­ci­sa Ma­thil­de. «E in­fat­ti ho cer­ca­to la mia ispi­ra­zio­ne nel­la fra­gran­za ori­gi­na­le, gio­can­do con le sfac­cet­ta­tu­re e ca­li­bran­do gli in­gre­dien­ti in ma­nie­ra leg­ger­men­te di­ver­sa, ma non ho vo­lu­to stra­vol­ger­la di pro­po­si­to. Non ho ag­giun­to sen­to­ri nuo­vi, l’ho so­lo re­sa più ric­ca e po­ten­te. Avrei po- tu­to vi­ra­re ver­so lo zuc­che­ri­no o il frut­ta­to, co­me vo­glio­no le ten­den­ze del mo­men­to, ma l’avrei sna­tu­ra­ta».

Del­la com­po­si­zio­ne ba­se del 1998, il Par­fum man­tie­ne la fre­schez­za spe­zia­ta del car­da­mo­mo, usa­to all’epo­ca per la pri­mis­si­ma vol­ta in un pro­dot­to par­fu­me­rie, con no­te boi­sé di le­gno di ce­dro e ac­cen­ti dol­ci di fi­co. Ma, og­gi co­me al­lo­ra, la pi­ra­mi­de ol­fat­ti­va pre­ci­sa vie­ne ge­lo­sa­men­te na­sco­sta, un se­gre­to con­di­vi­so da po­chi elet­ti. «Crea­re un pro­fu­mo è un pro­ces­so nar­ci­si­sti­co, per­ché in pri­mis cer­chi qual­co­sa che piac­cia a te, è qual­co­sa di pri­va­to», spie­ga Jean- Clau­de El­le­na. «So­lo do­po sco­pri che pia­ce an­che a tan­ti al­tri. Ma io mi ri­ten­go un ar­ti­sta, quin­di non se­guo stra­de già trac­cia­te, e non mi pre­oc­cu­po di chi lo com­pre­rà. Si trat­ta di una sor­ta di lin­guag­gio istin­ti­vo, co­me scri­ve­re un li­bro o di­pin­ge­re un qua­dro. Cia­scu­no lo fa a mo­do pro­prio, e ov­via­men­te pen­sa che sia il mo­do mi­glio­re».

tap­po di fras­si­no (di col­ti­va­zio­ne so­ste­ni­bi­le) per una fra­gran­za che ri­pro­po­ne l’ac­qua ma la spo­sa sta­vol­ta al le­gno. «L’in­gre­dien­te ma­gi­co si chia­ma Ca­lo­ne», spie­ga Mo­ril­las. «Gli ele­men­ti na­tu­ra­li, il ber­ga­mot­to, il gel­so­mi­no, so­no ne­ces­sa­ri per­ché dan­no al­la for­mu­la la per­fe­zio­ne im­per­fet­ta del­le sta­gio­ni, la pa­ti­na del tem­po. Ma ci so­no pro­fu­mi, co­me il pro­fu­mo dell’ac­qua, che in na­tu­ra non si ri­ca­va­no. La mia azien­da, Fir­me­ni­ch, in­ve­ste ogni an­no una ven­ti­na di mi­lio­ni di eu­ro in ri­cer­ca per tro­va­re una nuo­va mo­le­co­la. Il Ca­lo­ne è la mo­le­co­la che fin dal 1996 dà a Ac­qua di Giò le no­te di sa­le e di ozo­no del ma­re. In Ac­qua di Giò Pro­fu­mo, tre an­ni fa, ab­bia­mo ag­giun­to un’al­tra mo­le­co­la, il Ca­sca­lo­ne, an­co­ra più sa­la­ta, io­da­ta qua­si; e con le no­te scu­re dell’in­cen­so e del ve­ti­ver ab­bia­mo evo­ca­to la tem­pe­sta. Ades­so, in Ab­so­lu, al­la ba­se dell’ac­qua di Giò ori­gi­na­le − Ca­lo­ne, agru­mi, fio­ri, cioè ma­re e so­le − ab­bia­mo com­bi­na­to un’idea di le­gno mol­to mo­der­na, gio­va­ne, leg­ge­ra».

Due gli in­gre­dien­ti «le­gno­si», il lab­da­no, che poi è la re­si­na del ci­sto me­di­ter­ra­neo, e un pat­chou­li del Gua­te­ma­la, che è ri­ca­va­to in mo­do eti­co (prez­zi equi per l’ac­qui­sto del­le fo­glie, pro­mo­zio­ne del­le con­di­zio­ni di vi­ta dei pic­co­li col­ti­va­to­ri, po­li­ti­ca di ri­fo­re­sta­zio­ne) e che è lon­ta­nis­si­mo da­gli ef­flu­vi psi­che­de­li­ci del pat­chou­li in­dia­no dei fi­gli dei fio­ri: Mo­ril­las lo de­fi­ni­sce «pu­ro, cal­do, con l’ir­re­si­sti­bi­li­tà del cioc­co­la­to». Ri­sul­ta­to: una nuo­va ter­za sta­gio­ne per un pro­fu­mo che, a 21 an­ni dal lan­cio, con­ti­nua a ri­sul­ta­re mo­der­nis­si­mo.

«Quan­do lo sen­to per stra­da mi dà gioia», sor­ri­de Mo­ril­las. «Chiu­do gli oc­chi e su­bi­to ve­do la for­mu­la. Che co­no­sco so­lo io: i re­spon­sa­bi­li del­la pro­du­zio­ne ne han­no un pez­zo cia­scu­no. Ci so­no ar­ri­va­to do­po mi­glia­ia di mo­di­fi­che, ma se evo­co la prima idea, è so­stan­zial­men­te an­co­ra lì. Non pen­so trop­po, mi la­scio gui­da­re dall’emo­zio­ne che cer­co. E se la for­mu­la è mol­to com­ples­sa − per­ché far ri­ma­ne­re a lun­go sul­la pel­le quel­la sen­sa­zio­ne di fre­schez­za è, dal pun­to di vi­sta tec­ni­co, un’im­pre­sa, per­ché ogni pel­le è di­ver­sa dal­le al­tre − l’emo­zio­ne che fun­zio­na è sem­pli­cis­si­ma. Ma es­se­re sem­pli­ci è la co­sa più dif­fi­ci­le».

I fio­ri d’aran­cio di Si­vi­glia, l’in­cen­so del­la Cat­te­dra­le, la co­lo­nia spa­gno­la del padre, il Fem­me de Ro­chas del­la ma­dre − og­gi gli dà una no­stal­gia in­sop­por­ta­bi­le −, il suo pri­mo fla­co­ne, Eau Sau­va­ge: quel­la che Mo­ril­las mi rac­con­ta è un’ado­le­scen­za scan­di­ta dai pro­fu­mi, ma to­tal­men­te in­con­sa­pe­vo­le di quel­lo che sa­reb­be sta­to il fu­tu­ro.

Fu la let­tu­ra su Vo­gue di un ar­ti­co­lo su Jean-paul Guer­lain a far scat­ta­re l’im­prov­vi­sa il­lu­mi­na­zio­ne: «“Vo­glio fa­re que­sto me­stie­re”, mi dis­si. Ma le scuo­le non esi­ste­va­no an­co­ra, c’era­no so­lo le azien­de, due o tre in tut­to il mon­do. Scris­si a Fir­me­ni­ch, con la follia del­la pas­sio­ne, e lo­ro, che era­no tut­ti lau­rea­ti in far­ma­cia e in chi­mi­ca, de­ci­se­ro di da­re una chan­ce a me, che ave­vo vent’an­ni ed ero da po­co iscrit­to all’ac­ca­de­mia di Bel­le Ar­ti. So­no an­co­ra lì. Mi la­scia­no li­be­ro di crea­re, di in­con­tra­re ge­ni co­me Gior­gio Armani e Ales­san­dro Mi­che­le di Gucci, di met­te­re in bot­ti­glia le lo­ro ispi­ra­zio­ni. Il mio ca­po è il clien­te, e non pen­so mai se sa­rà uo­mo o don­na. Un pro­fu­mo da uo­mo lo può be­nis­si­mo usa­re una don­na. Il pro­fu­mo è un pia­ce­re, non è un ses­so».

(fan­ghi, ina­la­zio­ni, ac­que sal­so-bro­mo-io­di­che, pro­po­sti in mo­der­ne strut­tu­re) e i ser­vi­zi ti­pi­ci del­le spa (trat­ta­men­ti, esfo­lia­zio­ni, mas­sag­gi di al­ta qua­li­tà) con la me­di­ci­na del­la pre­ven­zio­ne. Una ve­ra full im­mer­sion nel­la di­sci­pli­na del be­nes­se­re: tut­to quel­lo che una per­so­na im­pe­gna­ta si ri­pro­met­te va­na­men­te di fa­re vie­ne rea­liz­za­to. Non si ini­zia con il de­con­trat­tu­ran­te, ma con il pre­lie­vo a di­giu­no. Da prin­ci­pio sem­bra una for­za­tu­ra, in real­tà guar­dar­si den­tro è mol­to più in­te­res­san­te di una scroc­chia­ta al­la schie­na. E su­pe­ra­to il pic­co­lo shock, si en­tra in una mo­da­li­tà di at­ten­zio­ni per­so­na­li che se­gna­no il rit­mo cal­mo di un sog­gior­no tutt’al­tro che pu­ni­ti­vo, an­zi to­tal­men­te, au­ten­ti­ca­men­te ri­ge­ne­ran­te.

«Gli uo­mi­ni, nel no­stro ca­so mol­tis­si­mi pro­fes­sio­ni­sti e ma­na­ger, han­no an­che più pau­ra di in­vec­chia­re», con­ti­nua Ma­gna­ni. «E più pau­ra di fa­re esa­mi ba­na­lis­si­mi, co­me un pre­lie­vo del san­gue. So­no me­di­ta­ti­vi e se­let­ti­vi nel­le scel­te, ma una vol­ta com­piu­te si im­pe­gna­no di più. So­prat­tut­to com­pren­do­no il va­lo­re di pre­ve­ni­re lo stress os­si­da­ti­vo. In più ot­ten­go­no con mag­gio­re ve­lo­ci­tà buo­ni ri­sul­ta­ti nel de­tox».

Le Ter­me di Ca­stro­ca­ro, cir­con­da­te da un va­sto par­co che d’esta­te è un’oa­si con­tro la ca­lu­ra ro­ma­gno­la, han­no una sto­ria fat­ta di al­ti e bas­si. La strut­tu­ra co­nob­be un boom straor­di­na­rio quan­do se ne ap­pas­sio­nò Mus­so­li­ni, tra­sfor­man­do­la nel­le ter­me del­la fer­ti­li­tà del re­gi­me. Og­gi il Grand Ho­tel, che con­ser­va un ric­co pa­tri­mo­nio di Art Dé­co nell’ar­chi­tet­tu­ra e ne­gli ar­re­di, è sta­to re­stau­ra­to co­me un quat­tro stel­le, ma sta per su­bi­re un nuo­vo in­ter­ven­to per mi­glio­ra­re ul­te­rior­men­te il sog­gior­no dei clien­ti. Il ser­vi­zio di hô­tel­le­rie è di buo­na qua­li­tà e si ab­bi­na al pac­chet­to Long Li­fe For­mu­la che con­ta cir­ca 25mi­la clien­ti l’an­no, con l’orgoglio di un 60 per cen­to di re­pea­ters, che tor­na­no per re­set­tar­si. E poi c’è un al­tro orgoglio, per Lu­cia Ma­gna­ni, che è le­ga­to al “co­me” più che al “quan­ti”.

«At­tra­ver­so una app e un di­spo­si­ti­vo che for­nia­mo tra i no­stri ser­vi­zi», spie­ga, «ge­ne­ria­mo un con­trol­lo a di­stan­za. A Ca­stro­ca­ro fac­cia­mo pre­ven­zio­ne ma an­che cul­tu­ra del­la sa­lu­te. Ba­sta­no po­chi giorni per tra­smet­te­re le li­nee gui­da di uno sti­le esi­sten­zia­le che, se pro­trat­to nel tem­po, mo­di­fi­ca le cat­ti­ve abi­tu­di­ni re­ga­lan­do con­sa­pe­vo­lez­za e sa­lu­te».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.