Per­ché GQ Inc.

GQ (Italy) - - Qq Inc. -

GQ Inc. non è un al­le­ga­to. O me­glio: non so­lo. Lo toc­ca­te, lo sfo­glia­te, lo leg­ge­te. Ma non è so­lo ciò che sem­bra. Per­ché è un eco­si­ste­ma. È una piat­ta­for­ma gior­na­li­sti­ca mul­ti­for­ma­to (car­ta­ceo e di­gi­ta­le) che por­ta il mon­do di GQ in luo­ghi, sto­rie, nu­me­ri che sem­bra­no di­ver­si da quel­li so­li­ta­men­te toc­ca­ti da Gen­tle­men’s Quar­ter­ly. Sem­bra­no, e poi ve­dre­mo per­ché. Rac­con­ta il mon­do dell’eco­no­mia, del­la fi­nan­za, del­la tra­sfor­ma­zio­ne di­gi­ta­le, del la­vo­ro. Rac­con­ta, quin­di, pez­zi di uma­ni­tà che ma­ga­ri non ci toc­ca­no di­ret­ta­men­te, ma che in un mo­do o nell’al­tro li con­di­zio­na­no. Per­ché og­gi quel­lo che suc­ce­de nel­le pro­fon­di­tà del Mar Ar­ti­co in­ci­de sul no­stro sti­le di vi­ta an­che se non ce ne ac­cor­gia­mo di­ret­ta­men­te. Di­ce­vo che tut­to que­sto sem­bra di­ver­so dal mon­do in cui so­li­ta­men­te si muo­ve GQ. In real­tà è il mon­do dei no­stri let­to­ri: a lo­ro ogni me­se in edi­co­la e ogni gior­no on­li­ne, ci ri­vol­gia­mo per ag­gior­nar­li sul­le lo­ro pas­sio­ni. Ma le lo­ro vi­te so­no fat­te an­che di al­tro: di viag­gi non so­lo di re­lax, di in­con­tri non so­lo di pia­ce­re, di do­cu­men­ta­zio­ne non so­lo spen­sie­ra­ta. Ci ri­vol­gia­mo a uo­mi­ni moderni, com­ples­si e com­ple­ti: ma­na­ger, pro- fes­sio­ni­sti, clas­se crea­ti­va, stu­den­ti. Tut­ti lo­ro han­no una vi­ta e han­no un la­vo­ro e le due co­se si me­sco­la­no sem­pre di più. GQ Inc. ri­spon­de a que­sta esi­gen­za. A un bi­so­gno che non è un bi­so­gno, ma un’op­por­tu­ni­tà di com­ple­tez­za. È un pro­get­to edi­to­ria­le che di­mo­stra una co­sa sem­pli­ce: i gior­na­li so­no an­co­ra vi­vi. Non im­por­ta su che for­ma­to ven­ga­no di­stri­bui­ti, né che for­ma ab­bia­no. Im­por­ta, in­ve­ce, che fac­cia­no ciò per cui so­no na­ti ed esi­sto­no: rac­con­ta­re la con­tem­po­ra­nei­tà. E que­sto fa­re­mo su que­ste pa­gi­ne e nel­la se­zio­ne de­di­ca­ta a Inc. di gqi­ta­lia.it: spie­ga­re, mo­stra­re, il­lu­stra­re co­me sta cam­bian­do il no­stro mon­do. Per far­lo use­re­mo il lin­guag­gio e l’este­ti­ca che han­no fat­to la sto­ria di GQ: pa­ro­le e im­ma­gi­ni del­la mas­si­ma qua­li­tà, fir­me in­ter­na­zio­na­li, fo­to­gra­fi e il­lu­stra­to­ri tra i più im­por­tan­ti del mon­do. In que­sto pri­mo nu­me­ro ci ac­com­pa­gna­no Wal­ter Isaac­son (di­ven­ta­to fa­mo­so per es­se­re sta­to il bio­gra­fo di Ste­ve Jobs), Si­mon Ku­per, una del­le prin­ci­pa­li fir­me del Fi­nan­cial Ti­mes, co­sì co­me Lu­ca Lo­ca­tel­li, can­di­da­to al­la vit­to­ria del World Press Pho­to del 2018. So­no i pri­mi com­pa­gni di un viag­gio lun­go e bel­lo che co­min­cia og­gi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.