Il la­to peg­gio­re del ma­schio

Spie­ta­to, vio­len­to con le don­ne: tor­na The Hand­maid’s Ta­le, e il Co­man­dan­te «è sem­pre più vi­sci­do». Co­me cer­ti po­li­ti­ci

GQ (Italy) - - Life / Serial -

Jo­se­ph Fien­nes tor­na nel ruo­lo del co­man­dan­te Wa­ter­ford, lo schia­vi­sta ap­pas­sio­na­to di Sca­ra­beo pro­ta­go­ni­sta di The Hand­maid’s Ta­le. Se­rie pre­mia­tis­si­ma trat­ta dal ro­man­zo omo­ni­mo di Mar­ga­re­th At­wood e am­bien­ta­ta in un’ame­ri­ca fon­da­men­ta­li­sta in cui le don­ne so­no to­tal­men­te suc­cu­bi, rac­con­ta la re­la­zio­ne tra un mi­li­ta­re di al­to ran­go e una “an­cel­la” (Eli­sa­be­th Moss) ob­bli­ga­ta a dar­gli un fi­glio. La se­con­da sta­gio­ne sa­rà su Tim Vi­sion dal 26 apri­le.

A li­bro con­clu­so, il se­gui­to è pu­ra in­ven­zio­ne... Ma non si sco­sta dal­la li­nea nar­ra­ti­va. Si svol­ge­rà in luo­ghi già no­ti, co­me le Co­lo­nie, sve­le­rà qual­co­sa in più sul pas­sa­to del Co­man­dan­te, e si con­cen­tre­rà sull’an­cel­la e sul bim­bo che por­ta in grem­bo.

Il Co­man­dan­te cam­bie­rà? Di­ven­te­rà più si­mi­le al­la ma­sche­ra che in­dos­sa, co­me ac­ca­de spes­so agli uo­mi­ni che si na­scon­do­no die­tro ai re­gi­mi to­ta­li­ta­ri­sti: pa­te­ti­co e sem­pre più vi­sci­do.

Per in­ter­pre­tar­lo si è ispi­ra­to a po­li­ti­ci rea­li? Non a qual­cu­no in par­ti­co­la­re, ma a tut­ti quel­li cor­rot­ti dal po­te­re che abu­sa­no dei pro­pri pri­vi­le­gi.

Gi­ra­re le sce­ne de­gli stu­pri è sta­to dif­fi­ci­le? Pa­rec­chio. Ma ho avu­to ac­can­to due ot­ti­me at­tri­ci ( Moss e Yvon­ne Stra­ho­v­ski, ndr) e, cre­do, sia­mo riu­sci­ti a im­pe­di­re che di­ven­tas­se­ro gra­tui­te o trop­po espli­ci­te.

Che co­sa pen­sa del mo­vi­men­to #Me­too? Per­so­nal­men­te, so­no fie­ro che un grup­po di at­tri­ci ab­bia avu­to il co­rag­gio di di­re ba­sta a cer­te si­tua­zio­ni. E cre­do che que­sto slan­cio deb­ba con­ti­nua­re an­che con l’aiu­to di noi uo­mi­ni, per­ché co­mun­que vi­via­mo fian­co a fian­co e ab­bia­mo bi­so­gno di so­ste­ner­ci.

E del cri­stia­ne­si­mo estre­mo del se­rial? Dio e la Chie­sa han­no sem­pre avu­to un ruo­lo mol­to im­por­tan­te nel­la mia vi­ta, ma par­lia­mo di una gran­de isti­tu­zio­ne: ci so­no co­se che ac­cet­to, al­tre me­no.

Per esem­pio? I tan­ti abu­si per­pe­tra­ti da uo­mi­ni di Chie­sa, e di cui or­mai sia­mo tut­ti al cor­ren­te, mi han­no cau­sa­to una pro­fon­da sof­fe­ren­za. Io stes­so so­no sta­to più vol­te pic­chia­to con un ba­sto­ne, da una suo­ra, quan­do an­da­vo a scuo­la in Ir­lan­da ne­gli An­ni 70. Non è un bel ri­cor­do. _ (Eli­sa­bet­ta Co­lan­ge­lo)

Jo­se­ph Fien­nes, 47 an­ni, è il ca­pi­ta­no Wa­ter­ford in The Hand­maid’s Ta­le (sot­to). Su Tim Vi­sion, dal 26 apri­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.