Hen­ry Ca­vill

L’elo­gio del­la gen­ti­lez­za

GQ (Italy) - - Sommario - Te­sto di LU­CA DI­NI Ri­trat­ti di MI­CHE­LAN­GE­LO DI BAT­TI­STA Ser­vi­zio di AN­DREA TE­NE­RA­NI

Il baf­fo non c’è più: è la pri­ma co­sa che no­to quan­do si sie­de da­van­ti a me, nel­lo stu­dio di Mi­la­no do­ve ha po­sa­to. Gli ha det­to ad­dio pro­prio og­gi, per le fo­to che sta­te guar­dan­do. Quan­do rien­tre­rò in re­da­zio­ne ve­drò il di­ver­ten­te po­st In­sta­gram do­ve si mo­stra, per la pri­ma vol­ta da un an­no, a vol­to gla­bro, as­si­cu­ra che non è un ef­fet­to spe­cia­le, e in­tro­du­ce con una mu­si­ca emo­zio­na­le e la scrit­ta Sha­ved but not for­got­ten (“ra­sa­to ma non di­men­ti­ca­to”) una gal­le­ry fin­to-com­mo­ven­te di ri­cor­di baf­fu­ti.

Hen­ry Ca­vill ha una dop­pia mo­da­li­tà di co­mu­ni­ca­zio­ne. Su­per­se­rio nell’in­ter­vi­sta, co­me quan­do sta sal­van­do l’uma­ni­tà fa­scia­to nel­la tu­ta da Su­per­man che l’ha re­so fa­mo­so. Sor­pren­den­te­men­te (per un di­vo) au­toi­ro­ni­co sui so­cial me­dia, do­ve po­sa con im­pro­ba­bi­li cap­pel­li­ni per por­ta­re for­tu­na al­la Na­zio­na­le in­gle­se di rug­by, per la Festa del­la don­na por­ge una ro­sa ab­brac­cia­to al gi­gan­te­sco e in­se­pa­ra­bi­le ca­ne aki­ta Kal − da Kal-el, il no­me kryp­to­nia­no di Clark Kent − con cui di­vi­de la sua vi­ta da neo­sin­gle, si ve­ste da Ti­gro per il Dur­rell Wild­li­fe Con­ser­va­tion Tru­st (ve­di sot­to), scher­za su Goo­gle che qual­che gior­no fa l’ha da­to per mor­to. E tra­sfor­ma ap­pun­to il baf­fo in una star a pro­prio ti­to­lo, ar­ri­van­do a far­gli fir­ma­re un po­st in cui si ram­ma­ri­ca di non ave­re gli oc­chi per ve­de­re la fi­na­le del Su­per Bo­wl. Il baf­fo, se è scom­par­so − per ora − nel­la vi­ta rea­le, ha un’ex­ten­sion di esi­sten­za al ci­ne­ma, do­ve lo ve­dre­mo la pros­si­ma esta­te in Mis­sion: Im­pos­si­ble - Fal­lout, se­sto epi­so­dio del­la sa­ga di Ethan Hunt/tom Crui­se, e (com­ple­to di bar­ba) nel th­ril­ler No­mis.

Dif­fi­ci­le cre­der­ci a guar­dar­lo ades­so, scol­pi­to co­me un’ac­tion fi­gu­re, ma quan­do uscì il pri­mo Mis­sion: Im­pos­si­ble, nel 1996, Hen­ry era un tre­di­cen­ne cic­ciot­tel­lo e bul­liz­za­to: quell’espe­rien­za ha una par­te im­por­tan­te nel­la sua idea di che co­sa si­gni­fi­chi, og­gi, es­se­re un gen­ti­luo­mo.

«So­no cre­sciu­to nell’iso­la di Jer­sey, nel­la Ma­ni­ca», rac­con­ta. «Un po­sto splen­di­do, una spe­cie di pa­ra­di­so di eter­ne va­can­ze: quan­do ci tor­no e scen­do dall’ae­reo e re­spi­ro il ma­re − una par­te del­la mia fa­mi­glia vi­ve an­co­ra là − è sem­pre bel­lis­si­mo. Ma è pic­co­lo, iso­la­to, e se da bam­bi­no ci stai be­nis­si­mo man ma­no che cre­sci ti va sem­pre più stret­to. A do­di­ci an­ni ero pron­to per an­da­re in In­ghil­ter­ra in col­le­gio: non sa­pe­vo

«Non mi im­mi­schio nel­le co­se per­so­na­li de­gli al­tri, ma c’è sem­pre un mo­do di lan­cia­re un’of­fer­ta di aiu­to, un “se hai bi­so­gno ci so­no”. Io cer­co di vi­ve­re co­sì»

co­sa mi aspet­ta­va. Ero so­vrap­pe­so, e i ra­gaz­zi­ni possono es­se­re cat­ti­vi. O me­glio, non è giu­sto di­re cat­ti­vi: stan­no met­ten­do al­la pro­va lo­ro stes­si e gli al­tri, i lo­ro limiti, il pro­prio po­sto nel mon­do. Ri­mos­si i ge­ni­to­ri dall’equa­zio­ne, può ri­ma­ne­re un pic­co­lo eroe o un pic­co­lo mo­stro. Non è sta­to un bel pe­rio­do. Il mio su­pe­re­roe, in quel­la si­tua­zio­ne, è sta­ta mia ma­dre, che ha sa­pu­to dar­mi l’amo­re più dif­fi­ci­le, quel­lo del di­stac­co. “Se con­ti­nui a chia­ma­re tre-quat­tro vol­te al gior­no, non ne usci­rai mai”, mi ha det­to un po­me­rig­gio, e pos­so im­ma­gi­na­re quan­to le sia co­sta­to, “de­vi far­ti for­te, e af­fron­ta­re que­sta co­sa da so­lo”. E poi ci so­no sta­ti tan­ti eroi mi­no­ri, i com­pa­gni di clas­se, o quel­li più gran­di, che ti sor­ri­do­no quan­do non avreb­be­ro nessun do­ve­re di far­lo, che ti chie­do­no se è tut­to ok, sem­bra un nien­te ma in quel mo­men­to in­ve­ce è tan­tis­si­mo».

Hen­ry non ha di­men­ti­ca­to. «Cam­mi­ni per stra­da e ve­di una per­so­na che pian­ge, ov­via­men­te non sai per­ché, ma se in­ter­cet­ti il suo sguar­do e ac­cen­ni un sor­ri­so puoi ren­de­re ma­ga­ri la sua vi­ta un po’ me­no cu­pa, re­ga­la­re un istan­te di spe­ran­za. Mi fac­cio gli af­fa­ri miei chia­ra­men­te, non mi im­mi­schio nel­le co­se per­so­na­li de­gli al­tri, ma c’è un mo­do di lan­cia­re un’of­fer­ta di aiu­to, un “se hai bi­so­gno io ci so­no”. Io cer­co di vi­ve­re co­sì».

C’è, in lui, una bel­la com­bi­na­zio­ne di mo­der­ni­tà e va­lo­ri all’an­ti­ca. Per esem­pio, l’at­tac­ca­men­to all’idea di pa­tria co­me qual­co­sa da di­fen­de­re. Una del­le sue prin­ci­pa­li at­ti­vi­tà di be­ne­fi­cen­za è a fa­vo­re dei ve­te­ra­ni dei Royal Ma­ri­nes, co­me uno dei suoi tre fra­tel­li, me­da­glia al va­lo­re per azio­ni in Iraq e Af­gha­ni­stan. «In real­tà avrei vo­lu­to ar­ruo­lar­mi, e sta­vo per far­lo quan­do so­no sta­to ri­suc­chia­to nell’av­ven­tu­ra del­la re­ci­ta­zio­ne. Nei ca­sting pe­rò con­ti­nua­va­no a dir­mi che ave­vo po­ten­zia­le, ma non mi da­va­no le par­ti per­ché non ero an­co­ra fa­mo­so − una spe­cie di ca­ne che si mor­de la coda ( Ro­bert Pat­tin­son gli sof­fiò pri­ma la par­te di Ce­dric Dig­go­ry in Har­ry Pot­ter, poi quel­la di Ed­ward Cul­len in Twi­light, ndr). A un cer­to pun­to mi so­no det­to: ba­sta, fi­ni­sco le scuo­le su­pe­rio­ri da pri­va­ti­sta e mi ar­ruo­lo. Pro­prio in quel pe­rio­do mi han­no pro­vi­na­to per Ja­mes Bond. Al­la fi­ne han­no pre­so Da­niel Craig, ma il fat­to che fos­si sta­to in liz­za ha cam­bia­to tut­to. La mia car­rie­ra è fi­nal­men­te de­col­la­ta. An­co­ra og­gi, quan­do in­con­tro mio fra­tel­lo e i miei ami­ci che si so­no ar­ruo­la­ti, pen­so che mi spia­ce non aver po­tu­to fa­re il mio do­ve­re − pro­teg­ge­re quel­li che amo. La co­sa buo­na è che ho la pos­si­bi­li­tà, gra­zie al­la mia car­rie­ra, di pro­teg­ge­re quel­li che pro­teg­go­no, di da­re lo­ro una vi­ta mi­glio­re quan­do tor­na­no a ca­sa».

Que­sto, per ca­pi­re il ti­po, è un uo­mo che si è pro­fu­sa­men­te scu­sa­to per un’ere­zio­ne. Gli è suc­ces­so gi­ran­do una sce­na d’amo­re nel­la se­rie I Tu­dors: ben­ché non l’aves­se cer­to fat­to ap­po­sta, si è co­per­to il ca­po di ce­ne­re da­van­ti all’at­tri­ce per il pro­prio «com­por­ta­men­to inac­cet­ta­bi­le». Ed è an­che un uo­mo che non an­dreb­be mai sen­za smo­king a un even­to black tie: «Ve­stir­si in mo­do ap­pro­pria­to è un se­gno di ri­spet­to ver­so l’oc­ca­sio­ne, ver­so l’ospi­te, ver­so l’even­to, ver­so la per­so­na che si va a in­con­tra­re».

Di Mis­sion: Im­pos­si­ble, di­ce che il suo per­so­nag­gio è un agen­te del­la Cia che Ethan Hunt si tro­va fra i pie­di, e che «sul set ogni tan­to mi da­vo un piz­zi­cot­to e mi di­ce­vo: ca­vo­lo, ma que­sto è Tom Crui­se, so­no cre­sciu­to guar­dan­do i suoi film, era una star pri­ma che io na­sces­si. Se mi aves­se­ro det­to da ra­gaz­zo che avrei fat­to un Mis­sion: Im­pos­si­ble con lui, mi sa­rei mes­so a ri­de­re». Di No­mis può di­re so­lo che è una sto­ria di don­ne ra­pi­te, e che lui è un cac­cia­to­re di cri­mi­na­li a cui tut­to nel­la vi­ta va stor­to. Inu­ti­le ten­ta­re di estor­cer­gli di più. Pre­fe­ri­sce par­la­re dei suoi hob­by: la mo­to (ha una Du­ca­ti spet­ta­co­la­re) e il jiu jitsu bra­si­lia­no che pra­ti­ca ogni vol­ta che può al­la leg­gen­da­ria Ro­ger Gra­cie Aca­de­my «per­ché quan­do com­bat­ti a ter­ra de­vi con­cen­trar­ti su quel­lo, e co­sì per un’ora o due non c’è la­vo­ro o stress, so­lo jiu jitsu».

An­co­ra più fa­ci­le far­lo chiac­chie­ra­re dell’at­ti­vi­tà che svol­ge per il Dur­rell Wild­li­fe Con­ser­va­tion Tru­st, e del per­ché sa­reb­be mol­to più uti­le scan­da­liz­zar­si sui so­cial me­dia per il de­sti­no dei ri­no­ce­ron­ti che per il no­me di Leo­ne, il fi­glio di Chia­ra Fer­ra­gni. «Gior­ni fa è mor­to l’ul­ti­mo ma­schio di ri­no­ce­ron­te set­ten­trio­na­le bian­co: si chia­ma­va Su­dan. Si­gni­fi­ca che non ci sa­ran­no più, in na­tu­ra, na­sci­te di que­sta spe­cie. La co­sa in­cre­di­bi­le è che sa­pe­va­mo che sta­va per suc­ce­de­re − la brac­co­ne­ria è ali­men­ta­ta dal­la su­per­sti­zio­ne di chi cre­de che dal cor­no si ri­ca­vi una pol­ve­re che po­ten­zia la vi­ri­li­tà − e ab­bia­mo cer­ca­to di im­pe­dir­lo, ma è suc­ces­so sot­to ai no­stri oc­chi. Mi ado­pe­ro per con­ti­nua­re il la­vo­ro di Ge­rald Dur­rell per­ché, ol­tre a es­se­re co­me me dell’iso­la di Jer­sey, era un uo­mo straor­di­na­rio. Lui si con­cen­tra­va su quel­li che chia­ma­va “pic­co­li co­si mar­ro­ni”, gli ani­ma­li più pic­co­li, più ano­ni­mi, più sco­no­sciu­ti: se può spa­ri­re co­sì un mae­sto­so ri­no­ce­ron­te, fi­gu­rar­si quel­le crea­tu­re che nes­su­no con­si­de­ra. È fa­ci­le di­strar­si, con­cen­trar­si su una ce­le­bri­ty, su­gli abi­ti che in­dos­sa, sul no­me che dà al suo bam­bi­no, e in­tan­to di­men­ti­chia­mo che stia­mo uc­ci­den­do il pia­ne­ta, e se uc­ci­dia­mo il pia­ne­ta uc­ci­dia­mo noi stes­si».

Ma Su­per­man fa­rà tut­to il pos­si­bi­le per­ché que­sto non ac­ca­da.

«Cre­do che ve­stir­si in mo­do ap­pro­pria­to sia una di­mo­stra­zio­ne di ri­spet­to ver­so l’oc­ca­sio­ne, ver­so l’ospi­te, ver­so l’even­to, ver­so la per­so­na che si va a in­con­tra­re»

MI­GLIO­RE AMI­CO Chi se­gue Ca­vill su In­sta­gram sa due co­se: che il suo com­pa­gno di vi­ta è il ca­ne Kal; e che, do­po un an­no, l’at­to­re è sen­za baf­fi. Glie­li ave­va im­po­sti, per con­trat­to, Mis­sion: Im­pos­si­ble 6

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.