Ru­pert Eve­rett

Oscar Wil­de che os­ses­sio­ne

GQ (Italy) - - Sommario - Te­sto di CRIST I A N A A L L I EV I Fo­to di S U K I DHANDA

«Ho scrit­to la pri­ma sce­neg­gia­tu­ra nel 2007, le ri­pre­se so­no ini­zia­te so­lo nel 2016. È sta­ta una lot­ta du­ra, i fi­nan­zia­men­ti non ar­ri­va­va­no mai. È di­ven­ta­ta una que­stio­ne di vi­ta o di mor­te, il per­so­nag­gio si è im­pos­ses­sa­to di me e mi ha pre­so un sen­so di di­spe­ra­zio­ne: te­me­vo che al­la fi­ne non sa­rei riu­sci­to a fa­re nien­te». È evi­den­te, sen­ten­do­lo par­lar­ne, che per Ru­pert Eve­rett The Hap­py Prin­ce − in cui ri­per­cor­re gli ul­ti­mi an­ni di vi­ta di Oscar Wil­de − è mol­to più che un film: è una pas­sio­ne che lo ha ra­pi­to per un de­cen­nio, e che do­po l’an­te­pri­ma mon­dia­le all’ul­ti­mo Sun­dan­ce, e poi la Ber­li­na­le, dal 12 apri­le è fi­nal­men­te in sa­la.

Eve­rett, 58 an­ni di fa­sci­no, si por­ta ad­dos­so il mar­chio dell’up­per class da cui pro­vie­ne, da di­scen­den­te del­la fa­mi­glia rea­le di Car­lo II Stuart, re d’in­ghil­ter­ra e di Sco­zia. Per lui que­sto è un esor­dio al­la re­gia, ma an­che l’in­ter­pre­ta­zio­ne per cui è na­to, vi­sto che rac­con­ta gli scan­da­li, gli ec­ces­si, le ri­bel­lio­ni e l’an­ti­con­for­mi­smo di un gi­gan­te la cui vi­ta so­mi­glia per mol­ti aspet­ti al­la sua: cre­sciu­to a Nor­folk, in In­ghil­ter­ra, l’at­to­re ha da­to scan­da­lo fin dai tem­pi del­la scuo­la. Fin­ché nel 1989 ha fat­to co­ming out, di­strug­gen­do le sue pos­si­bi­li­tà di di­ven­ta­re un’ico­na a Hol­ly­wood.

«Gli An­ni 70, 80 e 90 so­no sta­ti for­te­men­te ete­ro­ses­sua­li e do­mi­na­ti da un cer­to ti­po di ma­schio», rac­con­ta. «E il ci­ne­ma è co­me il calcio, stes­sa cul­tu­ra: quan­do ho ini­zia­to a re­ci­ta­re io, per un gay era co­me nuo­ta­re con­tro cor­ren­te». Pe­rò lui, in­ve­ce di na­scon­de­re l’omo­ses­sua­li­tà die­tro il suo fa­sci­no al­la Ca­ry Grant, è sta­to gui­da­to dal­la con­vin­zio­ne che es­se­re se stes­so va­les­se più del re­sto. Un te­ma pre­sen­te in The Hap­py Prin­ce, che par­te dall’in­car­ce­ra­zio­ne del poe­ta e scrit­to­re, tra il 1895 e il 1897, per “in­de­cen­za con gli uo­mi­ni” (a cau­sa del­la sua re­la­zio­ne con Lord Al­fred “Bo­sie” Dou­glas) e lo se­gue quan­do, fi­ni­to di scon­ta­re la pe­na, tra­scor­re l’ul­ti­mo an­no di vi­ta in esi­lio fra Na­po­li e la Fran­cia, im­po­ve­ri­to e de­bo­le, in in­co­gni­to e sen­za un sol­do, fra i sen­si di col­pa e i do­lo­ri per un asces­so a un orec­chio. Mo­ri­rà a 46 an­ni e ver­rà se­pol­to a Pa­ri­gi. «I film su di lui fi­ni­sco­no sem­pre con la ga­le­ra e, a par­te il fat­to che ne ho già vi­sti tre, ho sem­pre tro­va­to più in­te­res­san­te la par­te dell’esi­lio».

Eve­rett ha tra­scor­so gli ul­ti­mi due me­si in Ita­lia, im­pe­gna­to nel­le ri­pre­se del No­me del­la ro­sa, una se­rie tv in ot­to epi­so­di ispi­ra­ta al be­st sel­ler di Um­ber­to Eco in cui, rias­su­me con la sua so­li­ta schiet­tez­za, «so­no l’in­qui­si­to­re Ber­nar­do Gui e uc­ci­do tut­ti!». Co­me spes­so gli ca­pi­ta nel­le in­ter­vi­ste, spen­de po­che pa­ro­le sul pro­get­to del mo­men­to, poi la sua at­ten­zio­ne va al­tro­ve. Per­ché rac­con­ta­re la vi­ta d’un uo­mo che tut­ti pri­ma osan­na­no e poi trat­ta­no da reiet­to è per lui il pun­to di ar­ri­vo di una car­rie­ra e an­che un per­cor­so per­so­na­le, che ne­ces­si­ta di una ri­co­stru­zio­ne.

Pa­ri­gi, 2011

Sia­mo in un caf­fè a po­chi pas­si dal ci­mi­te­ro di Pè­re La­chai­se. In­sie­me a Mer­lin Hol­land, l’uni­co ni­po­te di Oscar Wil­de, Eve­rett è ap­pe­na sta­to pro­ta­go­ni­sta del­la ce­ri­mo­nia che ha re­sti­tui­to la tom­ba del­lo scrit­to­re ai cit­ta­di­ni. «È sta­ta ri­pu­li­ta dai ba­ci col ros­set­to e pro­tet­ta tutt’in­tor­no con il ve­tro. Lui sa­reb­be sta­to fe­li­ce di sa­pe­re che mi­glia­ia di am­mi­ra­to­ri avreb­be­ro ba­cia­to la sua la­pi­de. Ma in­dos­sa­va abi­ti per­fet­ti e vi­ve­va in ca­se im­pec­ca­bi­li, quin­di so­no cer­to che avreb­be pre­fe­ri­to una tom­ba lin­da». Sul pro­get­to del film ha brut­te no­ti­zie: «So­no mol­to stan­co, non tro­vo fi­nan­zia­to­ri, si sta ri­ve­lan­do un viag­gio lun­ghis­si­mo».

Eve­rett non ha un ca­rat­te­re fa­ci­le. A set­te an­ni fi­nì in col­le­gio, un isti­tu­to dei mo­na­ci Be­ne­det­ti­ni. Que­sto, uni­to al fat­to che il pa­dre era un uf­fi­cia­le, spie­ga co­me ab­bia svi­lup­pa­to una cer­ta al­ler­gia al­le im­po­si­zio­ni: «So­no sta­to un bam­bi­no so­li­ta­rio e ri­fles­si­vo, mi han­no cre­sciu­to se­con­do il vec­chio sti­le, sen­za la tv e con po­che co­se. Ero cu­rio­so di sot­ti­gliez­ze co­me la pol­ve­re colpita da un rag­gio di so­le, poi il col­le­gio mi ha tra­sfor­ma­to. So­no di­ven­ta­to esi­bi­zio­ni­sta, ur­la­vo e mi fa­ce­vo no­ta­re». Fin­ché, a 15 an­ni, si iscris­se al­la Cen­tral School of Spee­ch and Dra­ma di Lon­dra. «I miei avreb­be­ro vo­lu­to qual­co­sa di più con­ven­zio­na­le, ma la vi­ta va­ga­bon­da mi pia­ce­va, era per­fet­ta per scap­pa­re da quel mon­do ge­li­do». Il dio dell’ar­te è dal­la sua: all’esor­dio, nei pan­ni del­lo stu­den­te omo­ses­sua­le del film Ano­ther Coun­try, nel 1984, ha un suc­ces­so sfac­cia­to.

Ro­ma, 2012

Hy­ste­ria sta per ar­ri­va­re nei ci­ne­ma ita­lia­ni e lui me ne rac­con­ta l’in­so­li­ta tra­ma: è la sto­ria di un in­ven­to­re paz­zo che, nell’in­ghil­ter­ra vit­to­ria­na, crea per ca­so il pri­mo vi­bra­to­re. Pas­se­ran­no al­tri quat­tro an­ni pri­ma del pros­si­mo film. Ru­pert Eve­rett ha già pas­sa­to lun­ghi pe­rio­di sen­za la­vo­ra­re, è fi­ni­to per­si­no in ro­vi­na. Ma spes­so, quan­do non era al ci­ne­ma, in

«L’OMOSESSUA in In­ghil­ter­ra è sta­ta le­ga­liz­za­ta so­lo nel 1967. Era tol­le­ra­ta quan­do so­no ar­ri­va­to io sul­la sce­na gay, ma la po­li­zia con­trol­la­va che non suc­ce­des­se nien­te in pub­bli­co: se da­vi un bacio in un bar ve­ni­vi ar­re­sta­to, fi­no agli An­ni 80»

real­tà re­ci­ta­va a tea­tro o scri­ve­va (ha pub­bli­ca­to due ro­man­zi, ar­ti­co­li per Va­ni­ty Fair e un’ac­cla­ma­ta au­to­bio­gra­fia, Buc­ce di ba­na­na).

«Ogni mia ener­gia è fo­ca­liz­za­ta sul­la sto­ria di Oscar Wil­de», mi di­ce, più po­si­ti­vo dell’an­no pri­ma. Sta cer­can­do fi­nan­zia­men­ti in Ita­lia, Fran­cia e Ger­ma­nia: «So­no de­ter­mi­na­tis­si­mo, i ri­fiu­ti mi gal­va­niz­za­no». Gli chie­do per­ché il pro­get­to gli stia co­sì a cuo­re. «Pri­ma del suo scan­da­lo la pa­ro­la omo­ses­sua­le non esi­ste­va nem­me­no, e a me­tà dell’ot­to­cen­to ave­va già at­tra­ver­sa­to l’ame­ri­ca. Re­sta una mo­der­nis­si­ma su­per­star che ha da­to scan­da­lo, una spe­cie di pre­cur­so­re dell’au­to­di­stru­zio­ne di Brit­ney Spears». Gli chie­do an­che, a pro­po­si­to di au­to­di­stru­zio­ne, per­ché Wil­de non sia scap­pa­to in­ve­ce di se­der­si al Ca­do­gan Ho­tel, far­si ar­re­sta­re e fi­ni­re in pri­gio­ne. «Den­tro di sé cre­do sa­pes­se che l’uni­co mo­do per so­prav­vi­ve­re era fi­ni­re in cro­ce: con quel sa­cri­fi­cio si è re­so im­mor­ta­le. Ci so­no sta­ti ot­ti­mi scrit­to­ri nell’ot­to­cen­to, ma so­no sta­ti tut­ti di­men­ti­ca­ti».

Lon­dra, 2012-2013

«Ho con­tat­ta­to al­me­no die­ci re­gi­sti, e vo­glio­no fa­re tut­ti le co­se a mo­do lo­ro. Ho ca­pi­to che o que­sto pro­get­to muo­re o lo di­ri­go io. Quin­di sa­rò in­ter­pre­te, re­gi­sta e sce­neg­gia­to­re: un nuo­vo Or­son Wel­les».

Po­chi me­si do­po Eve­rett ha un’idea vin­cen­te: «Una tour­née tea­tra­le per ri­sve­glia­re l’in­te­res­se nei con­fron­ti di Oscar Wil­de. Por­to in sce­na una ri­vi­si­ta­zio­ne di The Ju­das Kiss di Da­vid Ha­re, che nel 1998 ave­va esplo­ra­to l’in­na­mo­ra­men­to, il tra­di­men­to e la ca­du­ta del poe­ta. È un ri­trat­to mol­to uma­no di un uo­mo cui è ca­pi­ta­to di es­se­re bi­ses­sua­le, o fon­da­men­tal­men­te omo­ses­sua­le, pur aven­do mo­glie e fi­gli».

Lo spet­ta­co­lo ha un ta­le suc­ces­so da gi­ra­re l’in­ghil­ter­ra, per fi­ni­re a Du­bli­no. È la svol­ta: la BBC di­ven­ta uno dei pro­dut­to­ri del film, a cui si af­fian­che­ran­no Pa­lo­mar, Te­le Mün­chen, Car­lo de­gli Espo­sti e Ni­co­la Ser­ra.

Ve­ne­zia, 2015

«Le ri­pre­se ini­zia­no l’an­no pros­si­mo, non mi sem­bra ve­ro», mi rac­con­ta do­po aver ri­ti­ra­to il Ki­néo In­ter­na­tio­nal Mo­vie Award. «So­no or­go­glio­so di po­ter ren­de­re omag­gio a que­sto ir­lan­de­se co­rag­gio­so, ra­di­ca­le so­cia­li­sta, cri­ti­co del­la so­cie­tà, fi­gu­ra cri­sti­ca per il mo­vi­men­to omo­ses­sua­le». Tor­nan­do sul pro­prio co­ming out, lo col­lo­ca in un con­te­sto più am­pio. «L’omo­ses­sua­li­tà in In­ghil­ter­ra è sta­ta le­ga­liz­za­ta so­lo nel 1967. Quan­do so­no com­par­so sul­la sce­na gay, ne­gli An­ni 70, era tol­le­ra­ta, ma la po­li­zia con­trol­la­va che non ci

fos­se­ro at­ti ma­ni­fe­sti in luo­ghi pub­bli­ci. Po­te­vi es­se­re omo­ses­sua­le in pri­va­to, ma se da­vi un bacio in un bar ve­ni­vi ar­re­sta­to. Ed è sta­to co­sì fi­no agli An­ni 80». Mai avu­to pau­ra? «Ec­co­me, ma que­sto non mi ha mai im­pe­di­to di vi­ve­re la mia vi­ta. Non ho idea di co­me me la ca­ve­rò con la re­spon­sa­bi­li­tà di un film sul­le mie spal­le, su una co­sa pe­rò so di po­ter con­ta­re: l’or­go­glio per non aver pas­sa­to l’esi­sten­za a na­scon­der­mi».

New York, 2016

A mag­gio il tour tea­tra­le di The Ju­das Kiss ar­ri­va in Nord Ame­ri­ca. Per la sua per­for­man­ce leg­gen­da­ria, Eve­rett vie­ne can­di­da­to agli Oli­ver Awards.

«Tut­to quel­lo che va ma­le, nel­la vi­ta, fi­ni­sce per ri­ve­lar­si una co­sa buo­na», mi di­ce com­men­tan­do la no­ti­zia del­la no­mi­na­tion. «Ho avu­to mol­ti an­ni per in­ter­ro­gar­mi su quel­lo che vo­le­vo fa­re di Oscar Wil­de, og­gi è tut­to più chia­ro den­tro di me. Quan­do qual­cu­no di­ce che il tuo pro­get­to è inu­ti­le de­vi guar­dar­ti den­tro e de­ci­de­re: o sei d’ac­cor­do o non lo sei af­fat­to. Nel se­con­do ca­so, ogni pas­so che fai ti raf­for­za».

Le ri­pre­se di The Hap­py Prin­ce so­no ini­zia­te in Ba­vie­ra, per poi spo­star­si in Bel­gio, in Fran­cia e in Ita­lia. «Il ci­ne­ma che amo, quel­lo di Vi­scon­ti e di An­to­nio­ni, è spa­ri­to. Re­gi­sti che la­vo­ra­va­no con tec­ni­ci di pri­mis­si­mo li­vel­lo, co­stu­mi son­tuo­si, de­co­ra­zio­ni raf­fi­na­te. Vo­glio ten­ta­re di ri­pro­dur­re quel so­gno».

Ber­li­no, 2018

Fi­nal­men­te Eve­rett mo­stra al mon­do il suo film, in cui lo af­fian­ca­no Emi­ly Wa­tson (nel­la par­te del­la mo­glie Con­stan­ce) e i due Co­lin, Fir­th e Mor­gan (ri­spet­ti­va­men­te l’ami­co Reg­gie Tur­ner e l’aman­te Al­fred). Vul­tu­re scri­ve di una «stra­to­sfe­ri­ca in­ter­pre­ta­zio­ne», The Guar­dian di «un la­vo­ro tre­men­da­men­te co­rag­gio­so». «È un film du­ris­si­mo, lo so», di­ce lui. «Ma og­gi in Rus­sia, Ugan­da, In­dia e an­che in Sud Ame­ri­ca le co­se van­no an­co­ra co­sì. Pe­rò non è ve­ro che la sto­ria non in­se­gna nien­te. Quan­do pro­via­mo un sen­so di clau­stro­fo­bia do­vrem­mo ri­cor­da­re co­me si vi­ve­va cent’an­ni fa e sen­tir­ci sol­le­va­ti: tut­to è cam­bia­to in me­glio».

Rac­con­ta la sfi­da di di­ri­ge­re e re­ci­ta­re al­lo stes­so tem­po. «Avrei vo­lu­to gi­ra­re di nuo­vo ogni sce­na. Ho mi­glio­ra­to del 50% la mia per­for­man­ce di at­to­re in fa­se di mon­tag­gio, co­sa che rie­sce so­lo a un re­gi­sta mol­to em­pa­ti­co col pro­prio at­to­re».

Que­sto film è il co­ro­na­men­to del­la sua car­rie­ra? «Po­treb­be es­ser­lo, ma ora vo­glio pro­va­re co­se di­ver­se. So­no cu­rio­so di ve­de­re co­sa suc­ce­de».

Ru­pert Eve­rett ha di­chia­ra­to la sua omo­ses­sua­li­tà nel 1989: «Il mo­vi­men­to di liberazion­e LGBTQ», di­ce, «è na­to con Wil­de»

Ja­cu­zia, Si­be­ria orien­ta­le: un cer­ca­to­re di mam­mut con una zan­na (due­mi­la eu­ro al chi­lo). Il re­cen­te boom dell’avo­rio fos­si­le di­pen­de dal cli­ma: lo scio­gli­men­to del ghiac­cio ha in­fat­ti fa­vo­ri­to gli sca­vi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.