Mo­re­no Za­ni

I sol­di, que­stio­ne di fa­mi­glie

GQ (Italy) - - Sommario - Te­sto di ELEONORA BAR­BIE­RI Fo­to di CLAU­DIA FER­RI

Mo­re­no Za­ni rac­con­ta che nel 2010, quan­do de­ci­se di fon­da­re Ten­der­ca­pi­tal, gli ami­ci all’este­ro lo in­co­rag­gia­ro­no co­sì: «Non ar­ri­vi a fi­ne an­no». In­ve­ce all’an­no suc­ces­si­vo è ar­ri­va­to e ha an­che de­ci­so, in pie­na cri­si fi­nan­zia­ria, di in­ve­sti­re in cul­tu­ra − so­prat­tut­to in ar­te − con il pro­get­to Ten­der­toart. Che per una so­cie­tà di as­set ma­na­ge­ment non è pro­prio una scel­ta scon­ta­ta. Del re­sto Za­ni, 49en­ne «mol­to» mi­la­ne­se, a Lon­dra per la sua so­cie­tà non ha cer­ca­to una se­de nel­la Ci­ty, ben­sì a May­fair, il ve­ro cuo­re del­la cit­tà – do­ve si riu­ni­va il Bloom­sbu­ry di Vir­gi­nia e Leo­nard Woolf e do­ve gi­ra­no per lo­ca­li i prin­ci­pi di Gal­les – ric­chis­si­mo di gal­le­rie d’ar­te. Non a ca­so, una del­le pas­sio­ni di Za­ni è pro­prio l’ar­te contempora­nea: «Ab­bia­mo la se­de in Brook Street, che pur­trop­po in­cro­cia New Bond Street. La se­ra, quan­do esco dal la­vo­ro, ve­do quel­le ve­tri­ne... Ogni tan­to ce­do e com­pro qual­che ope­ra per me».

Ten­der­ca­pi­tal, che og­gi ge­sti­sce pa­tri­mo­ni per di­ver­si mi­liar­di di eu­ro, ha uf­fi­ci an­che a Du­bli­no, in Sviz­ze­ra, e a bre­ve apri­rà in Fran­cia. Ha pu­re una se­de a Mi­la­no, a due pas­si dal­la sta­zio­ne Ca­dor­na. Qui, sui mu­ri e su­gli scaf­fa­li ci so­no le ope­re de­gli ar­ti­sti che han­no par­te­ci­pa­to ai pro­get­ti di Ten­der to Art. Pri­ma di espor­re i suoi pro­dot­ti fi­nan­zia­ri, Za­ni mo­stra or­go­glio­so il log­gia­to cin­que­cen­te­sco, che ap­par­te­ne­va a un con­ven­to di ver­gi­ni spa­gno­le. E il sa­lo­ne del Set­te­cen­to do­ve ave­va il suo uf­fi­cio nien­te me­no che il ma­re­scial­lo Ra­detz­ky. Per­ché lei, co­sì mi­la­ne­se, ha fon­da­to una so­cie­tà a Lon­dra? Tut­te le per­so­ne con cui ho con­di­vi­so il pro­get­to, che mi han­no aiu­ta­to e che og­gi so­no i top ma­na­ger dell’azien­da, all’epo­ca la­vo­ra­va­no all’este­ro. Io ve­ni­vo da un’espe­rien­za di as­set ma­na­ge­ment in una gros­sa real­tà in­ter­na­zio­na­le fran­ce­se. Era il 2010, un mo­men­to fu­ne­sto, do­po la cri­si di Leh­man Bro­thers. Ma pen­sa­vo ci fos­se spa­zio per una strut­tu­ra me­dia, o me­dio pic­co­la – quel­le che og­gi si chia­ma­no bou­ti­que – che fa­ces­se un la­vo­ro su mi­su­ra. Che co­sa vuol di­re «su mi­su­ra»? Qua­lun­que gros­so in­ve­sti­to­re ha bi­so­gno di un fon­do che non sia stan­dard. Quin­di cer­ca una bou­ti­que che glie­lo co­strui­sca se­con­do le sue esi­gen­ze spe­ci­fi­che. Que­sto è lo spa­zio che ave­vo in­tra­vi­sto nel mer­ca­to, una nic­chia del set­to­re an­co­ra da oc­cu­pa­re. Da do­ve vie­ne il no­me Ten­der­ca­pi­tal? Dal­la mia pas­sio­ne per i ca­val­li, che ho da sem­pre. Fa­ce­vo an­che ga­re di sal­to a osta­co­li con il mio Non­ten­der, che og­gi è in­vec­chia­to e ci fa da ma­scot­te. Il non­no era un gran­de cam­pio­ne, Con­ten­der. Og­gi Non­ten­der sta a Pa­ri­gi, nel­la no­stra scu­de­ria. An­ch’io non so­no più un ra­gaz­zi­no, quin­di in­sie­me fac­cia­mo so­lo osta­co­li­ni fa­ci­li fa­ci­li. Ec­co, Non­ten­der è un ca­stro­ne, ma con­ti­nua ad ave­re un pi­glio da stal­lo­ne: è il re del ma­neg­gio. E poi la pa­ro­la ten­der ri­man­da an­che al­la gen­ti­lez­za, al ten­de­re a qual­co­sa. Chi so­no, esat­ta­men­te, i suoi clien­ti? Fon­da­zio­ni. E al­cu­ne gran­di fa­mi­glie che nel mer­ca­to eu­ro­peo ave­va­no sem­pre più as­set, ge­sti­ti pe­rò al­la vec­chia ma­nie­ra. In­som­ma, il lo­ro pro­ble­ma era la ge­stio­ne dei be­ni e i re­la­ti­vi co­sti. Inol­tre, nel pas­sag­gio ge­ne­ra­zio­na­le c’era la pos­si­bi­li­tà di uni­re i pa­tri­mo­ni fa­mi­lia­ri sot­to un uni­co cap­pel­lo. Pro­prio nel 20102011 so­no ar­ri­va­te le pri­me di­ret­ti­ve eu­ro­pee sui fon­di al­ter­na­ti­vi: ap­pe­na so­no sta­te ap­pro­va­te, noi sia­mo en­tra­ti su­bi­to in que­sto mer­ca­to. Al­ter­na­ti­vo si­gni­fi­ca an­che eti­co? Si trat­ta di fon­di che ri­guar­da­no in­ve­sti­men­ti nel­le ener­gie al­ter­na­ti­ve, ap­pun­to, nel­la sa­ni­tà pri­va­ta, an­che nell’ar­te. All’epo­ca le so­cie­tà pre­sen­ti in que­sti set­to­ri era­no dav­ve­ro po­che. Noi ave­va­mo il know how ed è an­da­ta be­ne, ci han­no se­gui­ti mol­ti investitor­i. Una par­te del no­stro la­vo­ro re­sta co­mun­que de­di­ca­to al re­tail, cioè al­le per­so­ne “nor­ma­li” che possono per­met­ter­si di cor­re­re me­no ri­schi. Ma qua­li so­no, esat­ta­men­te, i set­to­ri al­ter­na­ti­vi? I co­sid­det­ti Esg, in­ve­sti­men­ti so­ste­ni­bi­li in ac­qua, agri­col­tu­ra, ro­bo­ti­ca, me­di­ci­na di ba­se, eo­li­co, fo­to­vol­tai­co, big da­ta, co­ding. At­ti­vi­tà che possono por­ta­re gran­di ri­tor­ni eco­no­mi­ci nel tem­po, e che mo­di­fi­che­ran­no il no­stro sti­le di vi­ta. Il pri­mo in­ve­sti­men­to nei big da­ta l’ab­bia­mo fat­to ad­di­rit­tu­ra nel 2012, ma non per­ché sia­mo dei ge­ni: ne­gli obiet­ti­vi di in­ve­sti­men­to del­la co­mu­ni­tà eu­ro­pea c’era­no già, e noi sia­mo per­so­ne che stu­dia­no e si do­cu­men­ta­no. Nel­la fi­nan­za i ge­ni non ci so­no. E nel ca­so: so­no pe­ri­co­lo­si.

Qual è la fi­lo­so­fia del­la sua azien­da? Sem­pli­ci­tà, in­te­gri­tà, ta­len­to. Do­ve la sem­pli­ci­tà è il pre­sup­po­sto: in ge­ne­ra­le, in­fat­ti, le co­se so­no sem­pli­ci, sia­mo noi a com­pli­car­le, so­prat­tut­to nel­la fi­nan­za. Il no­stro la­vo­ro, co­me quel­lo di tut­ti, è com­ples­so nel­la ge­stio­ne, per le re­go­le e i ri­schi che cor­ria­mo, ma non quan­do si trat­ta di spie­ga­re un in­ve­sti­men­to. Le cri­si, gli squa­li, l’in­te­gri­tà del­la fi­nan­za... È un te­ma for­te. Si di­ce che la sto­ria in­se­gni. Il no­stro la­vo­ro è par­ti­co­la­re: in­di­ret­ta­men­te trat­tia­mo sol­di, che per de­fi­ni­zio­ne ten­do­no a far fa­re quel­lo che non si do­vreb­be. È nel­la na­tu­ra uma­na. Quin­di l’in­te­gri­tà è fon­da­men­ta­le: noi tra l’al­tro sia­mo pic­co­li, il va­lo­re più im­por­tan­te da per­de­re sa­reb­be la re­pu­ta­zio­ne. Per­ciò, quan­do ven­go­no pro­po­ste cer­te ope­ra­zio­ni che non si rie­sco­no a ca­pi­re, di­co: me­glio ri­nun­cia­re, è ri­schio­so. Per mi­ni­miz­za­re il ri­schio che qual­cu­no ce­da al­le ten­ta­zio­ni, l’an­no scor­so ab­bia­mo fat­to an­che un gros­so in­ve­sti­men­to in In­for­ma­tion tech­no­lo­gy. Gli in­ve­sti­men­ti eti­ci non so­no an­che un po’ una mo­da? Bi­so­gna tra­dur­re l’in­ve­sti­men­to in qual­co­sa di so­cial­men­te re­spon­sa­bi­le, co­me le ener­gie al­ter­na­ti­ve, che pe­rò de­ve fa­re red­di­to. Ma nel ca­so di co­ding, big da­ta o in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le si trat­ta di ipo­tiz­za­re il fu­tu­ro, in am­bi­ti che su­sci­ta­no dub­bi. L’in­ve­sti­men­to so­cial­men­te re­spon­sa­bi­le è per­fet­to, ci aiu­ta. Non è il man­tra to­ta­le, ma di si­cu­ro con­tri­bui­sce a fa­re pas­si avan­ti nel­la tu­te­la del mon­do. E il ta­len­to? Al­la fi­ne del 2011, quan­do la so­cie­tà ha ini­zia­to a svi­lup­par­si, ave­va­mo bi­so­gno di co­mu­ni­car­lo all’ester­no. L’idea più sem­pli­ce sa­reb­be sta­ta quel­la di uti­liz­za­re un te­sti­mo­nial. In­ve­ce ab­bia­mo scel­to di fa­re una co­sa di­ver­sa: co­mu­ni­ca­re la so­cie­tà, mo­stran­do il ta­len­to de­gli al­tri. Co­sì è na­to Ten­der­toart, un in­cu­ba­to­re d’ar­te: non sia­mo gal­le­ri­sti, non lo fac­cia­mo per gua­da­gna­re, ma ab­bia­mo mes­so un bud­get ri­le­van­te a di­spo­si­zio­ne di que­sto pro­get­to. Per­ché so­ste­ne­re l’ar­te? Per da­re un’oc­ca­sio­ne a tan­ti gio­va­ni ta­len­ti. Per esem­pio con il pro­get­to Io è Te, che ha mes­so in­sie­me 19 ar­ti­sti, fa­mo­si e non, tra Mi­la­no e Lon­dra. Ne­gli an­ni ave­te col­la­bo­ra­to con Le­ti­zia Bat­ta­glia, Da­vid La­cha­pel­le, Ce­sa­re Ful­lo­ne, Mim­mo Jo­di­ce, Se­ba­stia­no Mau­ri, An­na­li­sa Ri­va, An­to­nio Mar­ras... Ab­bia­mo por­ta­to avan­ti l’idea di fi­nan­zia­re il ta­len­to, non so­lo dei gio­va­ni. Co­me con­tro­par­ti­ta, pos­sia­mo uti­liz­za­re le im­ma­gi­ni del­le ope­re e dei film − co­me il cor­to­me­trag­gio rea­liz­za­to con Va­le­ria Go­li­no e Va­le­ria So­la­ri­no − per co­mu­ni­ca­re la so­cie­tà. Non sia­mo uno spon­sor. Par­te­ci­pia­mo al pro­get­to, ci en­tria­mo. Lo stu­dia­mo in­sie­me con l’ar­ti­sta e ne se­guia­mo la rea­liz­za­zio­ne, pas­so do­po pas­so. Di re­cen­te ab­bia­mo an­che so­ste­nu­to la mo­stra di Fri­da Ka­hlo, al Mu­dec di Mi­la­no, per l’ami­ci­zia che ho con il cu­ra­to­re, Die­go Si­leo, e per­ché mi pia­ce l’ar­ti­sta. Mi af­fa­sci­na­va l’idea al­la ba­se dell’espo­si­zio­ne, ol­tre al fat­to di rea­liz­zar­la a Mi­la­no e di con­tri­bui­re a por­ta­re fuo­ri dal Mes­si­co due ope­re che pri­ma non era­no mai sta­te vi­ste al­tro­ve. Co­me mai ave­te scel­to que­sto set­to­re spe­ci­fi­co? È una pas­sio­ne per­so­na­le. Trat­tia­mo so­lo ar­te contempora­nea per­ché è quel­la che pia­ce a me: è l’uni­ca co­sa in cui rie­sco a im­por­mi in azien­da. Mol­ti ar­ti­sti ci han­no la­scia­to le lo­ro crea­zio­ni e ora so­no espo­ste nei no­stri uf­fi­ci. È bel­lo: ti gi­ri e ve­di le lo­ro ope­re, ve­di la sto­ria di quel­lo che è suc­ces­so. Ci so­no qua­dri, fo­to­gra­fie, e an­che pez­zi di ci­ne­ma. Il pro­get­to con Va­le­ria Go­li­no, nel 2015, è sta­to bel­lis­si­mo: è na­to da tre rac­con­ti, di tre scrit­to­ri di­ver­si, poi di­ven­ta­ti un cor­to­me­trag­gio. E a set­tem­bre sa­re­te al­la Mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia. Ab­bia­mo un pro­get­to che sa­rà sve­la­to al Li­do. La re­gi­sta è Mar­tha Fien­nes, so­rel­la di Ral­ph: ha crea­to un’ope­ra di vi­deoar­te, noi la pro­du­cia­mo e la pro­ta­go­ni­sta sa­rà un’at­tri­ce mol­to fa­mo­sa. Per noi è un pro­get­to mol­to im­por­tan­te, an­che per­ché die­tro que­sto fi­lo­ne del mo­ving ima­ge c’è un la­vo­ro enor­me di co­ding: lo tro­vo me­ra­vi­glio­so, è bel­lo spe­ri­men­ta­re co­se nuo­ve, che po­tran­no di­ven­ta­re par­te del no­stro do­ma­ni. Esi­sto­no an­che fon­di che in­ve­sto­no nell’ar­te. Sì, ma su ar­ti­sti che, se­con­do noi, po­tran­no ave­re ap­prez­za­men­ti ne­gli an­ni. Ten­der­toart è un’al­tra co­sa. Ed è an­che un pic­co­lo mo­do per ri­di­stri­bui­re le op­por­tu­ni­tà. Il ri­tor­no è uni­ca­men­te a li­vel­lo di im­ma­gi­ne, non di de­na­ro. È mol­to bel­lo par­te­ci­pa­re al pro­get­to, l’ar­ti­sta ti re­ga­la mol­to, uma­na­men­te. La fi­nan­za non de­ve es­se­re au­to­re­fe­ren­zia­le: de­ve pren­de­re spun­to da quel­lo che av­ver­te nel­la vi­ta quo­ti­dia­na, dal su­do­re del­la stra­da. E nel ci­ne­ma, in­ve­ce? Al Sa­lo­ne del ri­spar­mio, a Mi­la­no, por­tia­mo un ti­po di in­ve­sti­men­to al­ter­na­ti­vo che fi­no­ra non è mai sta­to pro­po­sto al gran­de pub­bli­co, ed è pro­prio nel ci­ne­ma, at­tra­ver­so il mec­ca­ni­smo del tax cre­dit. Fun­zio­na co­sì: uno fi­nan­zia la ca­sa di pro­du­zio­ne e, a fron­te, ha un tax cre­dit in per­cen­tua­le sull’im­por­to in­ve­sti­to. Ol­tre a una se­rie di pri­vi­le­gi su­gli in­cas­si del film, co­me cre­di­to­re. In­som­ma un dop­pio gua­da­gno. Sen­za con­ta­re la bel­la ci­ta­zio­ne nei ti­to­li di te­sta. Nel suo la­vo­ro ha un mo­del­lo?

Di­rei di no. Se­guo il mio istin­to. Pros­si­mi obiet­ti­vi? Far cre­sce­re la so­cie­tà do­ve non sia­mo an­co­ra pre­sen­ti. E ma­tu­ra­re una sto­ria di suc­ces­so ita­lia­no che val­ga la pe­na rac­con­ta­re. Ca­val­li, fi­nan­za, ar­te, ci­ne­ma, big da­ta. Al­tre pas­sio­ni?

I miei fi­gli.

«Ab­bia­mo de­ci­so di fi­nan­zia­re il ta­len­to. Co­me con­tro­par­ti­ta, pos­sia­mo usa­re le ope­re de­gli ar­ti­sti per CO­MU­NI­CA­RE la so­cie­tà»

Mo­re­no Za­ni, 49 an­ni, mi­la­ne­se, ha fon­da­to la so­cie­tà di ge­stio­ne in­di­pen­den­te Ten­der­ca­pi­tal a Lon­dra, nel 2010. Og­gi ha se­di an­che a Du­bli­no, a Mi­la­no, in Sviz­ze­ra e, a bre­ve, in Fran­cia

A PRAN­ZO Mo­re­no Za­ni viag­gia mol­tis­si­mo. La sua co­la­zio­ne pre­fe­ri­ta è fir­ma­ta da Phi­lip­pe Mil­le, 2 stel­le Mi­che­lin, al Le Parc dell'ho­tel Les Crayè­res di Reims

DOPOCENA Il po­sto giu­sto per con­clu­de­re la se­ra­ta, per Za­ni, è il The Blue Bar del Ber­ke­ley Ho­tel di Lon­dra: è ele­gan­tis­si­mo, e ha ot­ti­mi cock­tail di­vi­si in me­nu per ti­po­lo­gie cro­ma­ti­che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.