Ge­ne­ra­to­re di fe­no­me­ni

GQ (Italy) - - Talks -

Qual è il sin­go­lo ita­lia­no più ven­du­to del XXI se­co­lo? La can­zo­ne del ca­pi­ta­no di DJ Fran­ce­sco, con 1,6 mi­lio­ni di co­pie. Era il 2003 e dif­fi­cil­men­te que­sto re­cord ver­rà bat­tu­to, vi­sto che più o me­no in quel pe­rio­do Nap­ster of­frì la pri­ma con­di­vi­sio­ne peer-to-peer dei fi­le mu­si­ca­li, ab­bat­ten­do di fat­to − e per sem­pre − l’ac­qui­sto di di­schi.

Og­gi Fran­ce­sco Fac­chi­net­ti ha 38 an­ni e non can­ta più da di­ver­so tem­po, ma in com­pen­so è il ma­na­ger dell’ar­ti­sta ita­lia­no più ven­du­to del 2017: Ri­ki, che con 150mi­la co­pie ha bat­tu­to (di ol­tre 30mi­la) la pre­mia­ta dit­ta Fe­dez e J-AX.

«Ho smes­so di can­ta­re pre­sto, quan­do ho ca­pi­to che ave­vo so­gni trop­po gran­di ri­spet­to al mio ta­len­to», rac­con­ta. «Ma so­prat­tut­to, cre­scen­do non sta­vo più nei pan­ni del per­so­nag­gio di DJ Fran­ce­sco, che ave­vo crea­to a ta­vo­li­no con Clau­dio Cec­chet­to». Già, per­ché Fac­chi­net­ti è l’ul­ti­ma sco­per­ta del più gran­de ta­lent scout ita­lia­no, ed è an­che l’uni­co ad aver­ne se­gui­to le or­me.

«Cec­chet­to è un ge­nio. Ed è l’uni­ca per­so­na a cui an­co­ra og­gi af­fi­de­rei la vi­ta. All’epo­ca mi dis­se tan­te co­se, che pun­tual­men­te si so­no av­ve­ra­te. An­che che un gior­no avrei fat­to il suo la­vo­ro. Da lui ho im­pa­ra­to che que­sta pro­fes­sio­ne è fat­ta di det­ta­gli e che bi­so­gna cu­ra­re ogni pro­get­to in ma­nie­ra chi­rur­gi­ca. Il suo man­tra è: “Sul­la stra­da si ri­schia di mo­ri­re, ma an­che di vi­ve­re”, nel sen­so che bi­so­gna pro­var­ci sem­pre, sen­za pau­ra».

Do­po gli esor­di ca­no­ri, Fran­ce­sco Fac­chi­net­ti ha fat­to tan­ta te­le­vi­sio­ne e un po’ di ci­ne­ma, ma da set­te an­ni cir­ca è un ma­na­ger a tem­po pie­no, sia di mu­si­ci­sti che di web­star. «La pas­sio­ne per i na­ti­vi di­gi­ta­li è na­ta in un ap­par­ta­men­to in Brian­za, in­sie­me a Lu­ca Ca­sa­dei, Da­nie­le Bat­ta­glia, Eu­ge­nio Scot­to, Ste­fa­no Lon­go­ni: ci sia­mo in­te­res­sa­ti per pri­mi ai ta­lent di You­tu­be, co­me Frank Ma­ta­no, ca­po­sti­pi­te di una nuo­va ge­ne­ra­zio­ne di ar­ti­sti. Og­gi ognu­no di noi ha un’agen­zia di ma­na­ge­ment di web­star, ma la pri­ma scin­til­la di que­sta new eco­no­my si è ac­ce­sa in quel­la che per me è la Si­li­con Val­ley ita­lia­na: Ma­ria­no Co­men­se».

«La co­sa più sor­pren­den­te che ho im­pa­ra­to in que­sto la­vo­ro è che la pas­sio­ne non può es­se­re l’uni­ca mo­ti­va­zio­ne. Ci vuo­le cuo­re, cer­to, ma so­prat­tut­to te­sta, lu­ci­di­tà e fred­dez­za nel pren­de­re le de­ci­sio­ni. An­che per­ché i ra­gaz­zi di og­gi so­no mol­to più ne­ga­ti­vi e dif­fi­den­ti ri­spet­to al­la mia ge­ne­ra­zio­ne, ed è pos­si­bi­le con­vin­cer­li so­lo con i ri­sul­ta­ti. Al­la lo­ro età io ero più in­co­scien­te, co­no­sce­vo me­no il mon­do: ades­so in­ve­ce, gra­zie ai so­cial, i gio­va­ni so­no mol­to più in­for­ma­ti, ma an­che più spa­ven­ta­ti e pru­den­ti nel­le lo­ro scel­te».

Quan­to con­ta, per un ta­lent scout, ave­re un pas­sa­to da pop­star? «Mol­to. Rie­sco a ca­pi­re me­glio i miei ar­ti­sti, per­ché so co­me ra­gio­na­no. Lo­ro lo per­ce­pi­sco­no, si fi­da­no e mi se­guo­no an­che nel­le idee ap­pa­ren­te­men­te più spe­ri­co­la­te».

In re­te gi­ra­no ci­fre astro­no­mi­che sul pa­tri­mo­nio per­so­na­le di Fac­chi­net­ti, che si ag­gi­re­reb­be tra i 30 e 50 mi­lio­ni di eu­ro... «Non bi­so­gna fi­dar­si di tut­to quel­lo che si leg­ge in Re­te. Pe­rò è ve­ro, ho sem­pre avu­to un ani­mo im­pren­di­to­ria­le. Da ra­gaz­zi­no per esem­pio vo­le­vo lo scoo­ter, ma i miei ge­ni­to­ri non mi ac­con­ten­ta­va­no: pa­pà è tir­chis­si­mo, mam­ma una hip­py. Co­sì, con gli ami­ci del pae­se mi so­no mes­so a or­ga­niz­za­re fe­ste, era il pia­no più sem­pli­ce per fa­re ve­lo­ce­men­te un po’ di sol­di. Do­po un an­no ave­va­mo gua­da­gna­to co­sì tan­to che, ol­tre agli scoo­ter, ci sia­mo com­pra­ti un mo­no­lo­ca­le do­ve ab­bia­mo al­le­sti­to una sa­la gio­chi. In se­gui­to l’ab­bia­mo af­fit­ta­to e ne ab­bia­mo com­pra­to un al­tro, poi un al­tro e un al­tro an­co­ra. E co­sì via, espan­den­do­ci ben ol­tre la Brian­za, fi­no a Ro­ma. Col pas­sa­re del tem­po ho ini­zia­to a in­ve­sti­re in star­tup: al­cu­ne so­no an­da­te mol­to be­ne e al­tre de­ci­sa­men­te me­no, ma que­sti so­no i ri­schi del bu­si­ness».

Ri­schi co­me quel­li che si cor­ro­no an­che in cam­po mu­si­ca­le. «In que­sto mo­men­to Ri­ki, En­ri­co Ni­giot­ti e i The Ko­lors so­no i più for­ti che ab­bia­mo, ma ci so­no tan­te al­tre no­vi­tà su cui stia­mo la­vo­ran­do: Da­vi­de Locatelli per esem­pio, un pia­ni­sta in­cre­di­bi­le; una ven­ten­ne in­die che si chia­ma Mar­te; un rap­per di Va­re­se di no­me Ch­ri­stian. E poi Ira­ma, que­st’an­no ad Ami­ci di Ma­ria De Fi­lip­pi, con cui vor­rei dav­ve­ro la­vo­ra­re in fu­tu­ro per­ché ha una gran­de ca­pa­ci­tà di scrit­tu­ra me­lo­di­ca. Il mio è un per­cor­so fa­ti­co­so e ri­schio­so, lo so, ma vo­glio ri­ma­ne­re in­di­pen­den­te per ave­re to­ta­le li­ber­tà. Per­ché co­me di­ce l’uo­mo Ra­gno: “Da un gran­de po­te­re de­ri­va una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà”».

«In que­sto la­vo­ro ci vuo­le cuo­re, ma so­prat­tut­to lu­ci­di­tà nel pren­de­re le de­ci­sio­ni. Per­ché i ra­gaz­zi di og­gi si con­vin­co­no so­lo con i ri­sul­ta­ti»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.