Espe­rien­ze fuo­ri ban­da

Ora che can­ta da so­lo NIALL HO­RAN è li­be­ro di ispi­rar­si al rock ca­li­for­nia­no de­gli An­ni 70. Sen­za rin­ne­ga­re gli One Di­rec­tion: «Non ci scio­glia­mo. Sa­reb­be stu­pi­do non tor­na­re in­sie­me, pri­ma o poi»

GQ (Italy) - - Cover Story -

Niall Ho­ran è tor­na­to a Lon­dra, e Lon­dra lo sa. Tra po­che ore ter­rà un con­cer­to in cit­tà, è so­lo la se­con­da vol­ta dal 2015, quan­do fa­ce­va par­te de­gli One Di­rec­tion: la co­da fuo­ri dal­la O2 Aca­de­my Brix­ton è lun­ghis­si­ma, so­no cen­ti­na­ia le fan che at­ten­do­no l’aper­tu­ra dei can­cel­li. Men­tre lo aspet­to nel­la green room, le pa­re­ti tre­ma­no per le ur­la di ec­ci­ta­zio­ne che pro­ven­go­no dall’ester­no.

Rie­sco a sen­ti­re an­che la band che sta pro­van­do. Una chi­tar­ra ro­ton­da, il suo­no sec­co del­la bat­te­ria e le pro­fon­de no­te del bas­so ri­suo­na­no in ar­mo­nio­sa sin­cro­nia. Il sound ri­cor­da il blues, il folk, è qual­co­sa di or­ga­ni­co, nul­la di più lon­ta­no dal pop me­ti­co­lo­sa­men­te co­strui­to che ha con­dot­to gli One Di­rec­tion al­la con­qui­sta del mon­do. Le fan ap­prez­ze­ran­no?

Niall ar­ri­va tra­fe­la­to. A 24 an­ni è an­co­ra il per­fet­to can­tan­te da boy band: oc­chi chia­ri, ca­pel­li dal­lo sty­ling per­fet­to, giub­bot­to di jeans Per­ci­val li­mi­ted edi­tion sciu­pa­to ad ar­te. Per un bre­ve mo­men­to pen­sia­mo di gio­chic­chia­re a bi­liar­do du­ran­te l’in­ter­vi­sta (c’è un vec­chio ta­vo­lo sgual­ci­to e io mi so­no ba­loc­ca­to un po’ nell’at­te­sa), ma quan­do gli fac­cio pre­sen­te che le stec­che so­no ap­pic­ci­co­se de­ci­de sag­gia­men­te di ac­co­mo­dar­si sul di­va­no.

Quan­ti con­cer­ti avrà fat­to fi­no­ra? « Oh mio Dio!», sbot­ta scon­cer­ta­to pri­ma di ini­zia­re a fa­re i con­ti ad al­ta vo­ce. «Ok, 135 da­te per il tour di Ta­ke Me Ho­me. Poi ab­bia­mo fat­to due an­ni ne­gli sta­di… di­rei 800, più o me­no».

È un bel po’ di pra­ti­ca. Con tut­ta que­sta espe­rien­za, sen­te an­co­ra i ner­vi a fior di pel­le pri­ma di an­da­re in sce­na? «Amo fa­re i con­cer­ti. I pri­mi spet­ta­co­li di un tour so­no sem­pre i più im­pe­gna­ti­vi dal pun­to di vi­sta psi­co­lo­gi­co, ma io ado­ro tut­to que­sto. Sul pal­co mi sen­to to­tal­men­te a mio agio. Suo­na­re nel­le gran­di cit­tà fa si­cu­ra­men­te sa­li­re il ner­vo­si­smo, co­me que­sta se­ra: io vi­vo non mol­to lon­ta­no da qui e og­gi sa­ran­no pre­sen­ti tan­tis­si­mi miei ami­ci e pa­ren­ti. Ma so­li­ta­men­te so­no ab­ba­stan­za ri­las­sa­to».

Man­tie­ne un at­teg­gia­men­to di­stac­ca­to? «No, nes­sun di­stac­co. Mi sen­to si­cu­ro di me, quin­di de­vo sem­pli­ce­men­te fa­re quel­lo che so. C’è una co­sa che mi dà ve­ra­men­te la spin­ta, lo ri­pe­to sem­pre, an­che se pro­ba­bil­men­te sem­bra una stu­pi­da­ta, ma il mio obiet­ti­vo è da­re al­la gen­te qual­co­sa che val­ga il de­na­ro spe­so. Ho fat­to ab­ba­stan­za con­cer­ti e or­mai pos­so ca­pi­re dal­lo sguar­do se una per­so­na si sta di­ver­ten­do op­pu­re no (e può ca­pi­ta­re a tut­ti). Mi pia­ce pen­sa­re che, se qual­cu­no spen­de 30 o 40 ster­li­ne per ve­ni­re a ve­der­mi, io pos­sa riu­sci­re a dar­gli qual­co­sa che va­le quel prez­zo».

Quel­lo che Ho­ran of­fre og­gi ai fan è Flic­ker, un al­bum scrit­to qua­si in­te­ra­men­te da lui, in­sie­me ad al­cu­ni col­la­bo­ra­to­ri, do­po lo scio­gli­men­to (an­zi, no: ve­di sot­to) de­gli One Di­rec­tion. «Ho sem­pre det­to che, se aves­si scrit­to un al­bum, avrei vo­lu­to che suo­nas­se il più na­tu­ra­le pos­si­bi­le. Pro­ba­bil­men­te ha a che fa­re con il mo­do in cui so­no cre­sciu­to, con i pri­mi pez­zi che ho ascol­ta­to sul gi­ra­di­schi di ca­sa. Pa­pà e mam­ma era­no gran­di fan di Jack­son Bro­w­ne e de­gli Eagles».

Il pri­mo con­cer­to a cui ha as­si­sti­to, in Ir­lan­da quan­do ave­va 4 an­ni, fu pro­prio quel­lo de­gli Eagles: og­gi par­la re­go­lar­men­te con Don Hen­ley, e a suo me­ri­to va det­to che ap­pa­re sin­ce­ra­men­te stu­pi­to quan­do lo rac­con­ta. «Ci sia­mo det­ti che un gior­no po­trem­mo scri­ve­re qual­co­sa in­sie­me, ma non so se ac­ca­drà, o quan­do.

«Ho sem­pre det­to che, se aves­si scrit­to un al­bum, avrei vo­lu­to che suo­nas­se il più na­tu­ra­le pos­si­bi­le. For­se que­sto ha a che fa­re con il mo­do in cui so­no cre­sciu­to, con i pri­mi pez­zi che ho ascol­ta­to sul gi­ra­di­schi di ca­sa: pa­pà e mam­ma era­no gran­di fan di e de­gli »

Se av­ve­nis­se ve­ra­men­te, e la can­zo­ne fos­se un suc­ces­so, cre­do che non scri­ve­rei mai più nes­sun al­tro pez­zo».

Ho­ran è fi­ni­to ne­gli One Di­rec­tion do­po es­se­re sta­to scar­ta­to da Che­ryl Twee­dy (fu poi sal­va­to da Ka­ty Per­ry) nel­la ver­sio­ne bri­tan­ni­ca di X Fac­tor del 2010. Giu­sto per fa­re un espe­ri­men­to, Si­mon Co­well de­ci­se di met­te­re Ho­ran e al­tri gio­va­ni di bel­le spe­ran­ze co­me Har­ry Sty­les, Liam Pay­ne, Louis Tom­lin­son e Zayn Ma­lik in un grup­po che Sty­les sug­ge­rì di chia­ma­re One Di­rec­tion. Nel 2012 il lo­ro di­sco, Up All Night, di­ven­ne il pri­mo al­bum di de­but­to di un grup­po bri­tan­ni­co a rag­giun­ge­re la vet­ta del­la clas­si­fi­ca ne­gli Sta­ti Uni­ti. All’im­prov­vi­so il mon­do era ai lo­ro pie­di, qua­si si trat­tas­se dei nuo­vi Bea­tles nell’era dei rea­li­ty show.

Per pre­pa­ra­re l’in­ter­vi­sta ho guar­da­to il film sul con­cer­to del 2014 rea­liz­za­to a San Si­ro du­ran­te il tour Whe­re We Are: se vo­le­te ca­pi­re il si­gni­fi­ca­to di iste­ria, an­da­te a ve­der­lo su You­tu­be. Ho­ran ri­de: «Fu una bol­gia. Lo ri­cor­do co­me uno dei miei mi­glio­ri con­cer­ti di sem­pre. È sta­to un ono­re en­tra­re nel­lo spo­glia­to­io dell’in­ter, ma an­che pu­ra paz­zia. Gli ita­lia­ni so­no co­sì pas­sio­na­li!». Qual­che set­ti­ma­na fa il film è com­par­so sul­la sua scher­ma­ta itu­nes. Ne ha vi­sto qual­che mi­nu­to pri­ma di spe­gner­lo: «Ho pen­sa­to che for­se era me­glio aspet­ta­re an­co­ra qual­che an­no».

Gli One Di­rec­tion sem­bra­va­no giun­ti al ca­po­li­nea nel mar­zo del 2015, con l’ab­ban­do­no di Zayn Ma­lik e la suc­ces­si­va se­pa­ra­zio­ne dei re­stan­ti quat­tro mem­bri del­la band. Ma Niall ci tie­ne a pun­tua­liz­za­re: «Non ab­bia­mo in­ten­zio­ne di an­nun­cia­re uno scio­gli­men­to per­ché so­no con­vin­to che nes­su­no di noi ci cre­da. Sa­reb­be stu­pi­do non tor­na­re in­sie­me, pri­ma o poi». Tut­ta­via, per ades­so «è di­ver­ten­te ave­re un po’ di li­ber­tà. Vo­la­re con le pro­prie ali. Cer­ca­re di fa­re qual­co­sa di di­ver­so».

Per Niall Ho­ran, “qual­co­sa di di­ver­so” suo­na co­me i riff del rock ca­li­for­nia­no An­ni 70. «Quel­la è ve­ra mu­si­ca. La vo­glio ri­por­ta­re in vi­ta, ma con un toc­co di mo­der­ni­tà». Que­sto non si­gni­fi­ca che in­ten­da li­mi­tar­si a un uni­co ge­ne­re mu­si­ca­le: «Cre­do che met­te­re in­sie­me di­ver­si ti­pi di mu­si­ca sia la co­sa più di­ver­ten­te per chi fa il no­stro la­vo­ro. Al mo­men­to non rie­sco a smet­te­re di ascol­ta­re Kha­lid – l’an­no scor­so ave­va un pez­zo paz­ze­sco, Young Dumb & Bro­ke – e lo tro­vo in­cre­di­bi­le: la sua vo­ce è so­vru­ma­na. Mi pia­ce­reb­be la­vo­ra­re con lui, con Sha­wn Men­des, che è un mio ami­co, e an­che met­ter­mi a scri­ve­re con Ju­lia Mi­chaels. Og­gi nel­la mu­si­ca non si col­la­bo­ra ab­ba­stan­za».

Un al­tro ti­po di col­la­bo­ra­zio­ne, che as­sor­be pro­fon­da­men­te Ho­ran al mo­men­to, è quel­la con El­lie Sti­dol­ph, la sua sty­li­st. «Ero or­ren­do», con­fes­sa par­lan­do del­le sue scel­te ai tem­pi de­gli One Di­rec­tion: «E pro­ba­bil­men­te non so­no an­co­ra a po­sto. Ma El­lie mi aiu­ta a espri­mer­mi un po’ me­glio. Mi pia­ce la­vo­ra­re con pic­co­li mar­chi lon­di­ne­si, co­me Per­ci­val. E so­no di­ven­ta­to mol­to ami­co di Paul Smi­th: lui è il mi­glio­re. Non rie­sco più a fa­re a me­no dei suoi abi­ti, an­zi ne in­dos­se­rò uno an­che que­sta se­ra sul pal­co. Va­le per ogni co­sa: nel­la vi­ta bi­so­gna sem­pre ri­schia­re un po’ e ve­de­re che co­sa suc­ce­de».

Il tour di Flic­ker è so­lo all’ini­zio. «Ma ho già ini­zia­to a pen­sa­re al pros­si­mo di­sco. So­no tran­quil­lo e ri­las­sa­to. Ho vo­glia di fa­re co­se nuo­ve». E schiz­za via, ver­so il palcosceni­co.

«Ai tem­pi de­gli ero or­ren­do. Pro­ba­bil­men­te non so­no an­co­ra a po­sto, ma a po­co a po­co la mia sty­li­st mi aiu­ta a espri­mer­mi un po’ me­glio. Mi pia­ce la­vo­ra­re con pic­co­li mar­chi lon­di­ne­si. E so­no di­ven­ta­to mol­to ami­co di Paul Smi­th»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.