Mo­del­lo uni­co

Ha bu­ca­to la Cham­pions con il Bayern, ma JAMES RO­DRÍ­GUEZ, star del­la Colombia, ha vin­to la par­ti­ta dei so­cial con 85 mi­lio­ni di fol­lo­wers

GQ (Italy) - - Storie - Te­sto di LU­CA BERGAMIN Fo­to di STE­FA­NO GUINDANI

«Il nuo­vo Bec­kham? Per ca­ri­tà. Io so­no James, James Ro­drí­guez. Non mi piac­cio­no i pa­ra­go­ni, e non vo­glio es­se­re ac­co­sta­to ad al­tri cal­cia­to­ri». Il nu­me­ro die­ci del­la Colombia pre­fe­ri­sce con­si­de­rar­si «un mo­del­lo uni­co». E i bam­bi­ni su­da­me­ri­ca­ni so­no d’ac­cor­do: a chi chie­de lo­ro chi vor­reb­be­ro es­se­re da gran­di, e co­me vor­reb­be­ro ve­stir­si, ri­spon­do­no tut­ti con un no­me di cin­que let­te­re: James.

Se c’è un’ico­na di sti­le al Mon­dia­le 2018, è si­cu­ra­men­te la stel­la 27en­ne del Bayern Mo­na­co. La sua vi­ta è qua­si tut­ta in Re­te, per­ché è lui stes­so a rac­con­tar­la. Su In­ter­net ap­pa­re a to­ra­ce sco­per­to, col ta­tuag­gio di uno scet­tro a vi­sta (sull’avam­brac­cio de­stro c’è il no­me di Sa­lo­mé, la fi­glia avu­ta da Da­nie­la Ospina, mo­del­la e gio­ca­tri­ce di vol­ley, da cui si è se­pa­ra­to po­chi me­si fa), op­pu­re ve­sti­to con abi­ti che sce­glie di per­so­na o che gli for­ni­sco­no i brand ai qua­li è le­ga­to. Uno di que­sti è Marc Jacobs, di cui è am­bas­sa­dor per l’eyewear: in Su­da­me­ri­ca i fan in­dos­sa­no i suoi oc­chia­li per so­mi­gliar­gli il più pos­si­bi­le. Si ta­glia­no e ac­con­cia­no i ca­pel­li a se­con­da di co­me li ha pet­ti­na­ti lui nel­le fo­to­gra­fie che po­sta. La Play­sta­tion, sua pas­sio­ne, gli ha de­di­ca­to un gio­co. Sia­mo in pie­na James-mania. Non le pia­ce­rà es­se­re ac­co­sta­to al­lo Spi­ce Boy de­gli An­ni 2000, pe­rò il fa­na­ti­smo che lei su­sci­ta, so­prat­tut­to in Ame­ri­ca La­ti­na, è ad­di­rit­tu­ra su­pe­rio­re a quel­lo che per­mi­se a Bec­kham di con­qui­sta­re le co­per­ti­ne dei gior­na­li che al­lo­ra san­ci­va­no la fa­ma pla­ne­ta­ria. Ora in­fat­ti, in­sie­me al cam­po di cal­cio, è la Re­te ad aver­la pro­mos­sa a star. «In que­sto mo­men­to ho 17 mi­lio­ni di fol­lo­wer su Twit­ter, 36 su In­sta­gram e 32 di fan su Fa­ce­book: in to­ta­le, 85 mi­lio­ni. So­no nu­me­ri più che buo­ni. Mi sem­bra giu­sto rac­con­ta­re at­tra­ver­so i sel­fie e le fo­to­gra­fie quel­lo che so­no e quel­lo che fac­cio». Oc­chia­li, scar­pe, giac­che, T- shirt... Co­no­scia­mo tut­to del suo mo­do di ve­sti­re: qua­li so­no i ca­pi e gli ac­ces­so­ri che cu­ra par­ti­co­lar­men­te, pri­ma di guar­dar­si da­van­ti al­lo spec­chio di ca­sa o met­ter­si di fron­te al­la te­le­ca­me­ra del­lo smart­pho­ne? «Io so­no fa­na­ti­co di oc­chia­li da so­le, mi piac­cio­no le mon­ta­tu­re, le len­ti dal­le va­rie co­lo­ra­zio­ni. E poi im­paz­zi­sco per le scar­pe. Il mio sti­le è ca­sual, non di­sde­gno co­mun­que gli abi­ti ele­gan­ti. Un ca­po che non amo so­no le giac­che, an­che per­ché ven­go da un Pae­se do­ve c’è un cli­ma spet­ta­co­la­re». Ora vi­ve in Ger­ma­nia: co­me si tro­va un co­lom­bia­no tra le ne­vi del­la Ba­vie­ra? « Sto be­nis­si­mo, an­che per­ché ab­bia­mo vin­to la Bun­de­sli­ga con cin­que gior­na­te di an­ti­ci­po e l’an­no pros­si­mo sa­re­mo più for­ti. Vin­ce­re tut­to è il mo­do mi­glio­re per sen­tir­si be­ne in un luo­go. Al fred­do si tro­va una so­lu­zio­ne, ci so­no i ve­sti­ti ap­po­sta. Con­ta an­che l’umo­re. E io so­no una per­so­na po­si­ti­va». Un gior­no po­treb­be fa­re lo sti­li­sta, di­se­gna­re una col­le­zio­ne tut­ta sua. «Pen­so pro­prio di sì, ma­ga­ri quan­do smet­te­rò di gio­ca­re a pal­lo­ne. Ho già qual­che idea». Suo pa­dre era un cal­cia­to­re pro­fes­sio­ni­sta. Lei è cre­sciu­to con sua ma­dre gio­can­do a pal­lo­ne per stra­da. È la con­fer­ma che i fuo­ri­clas­se na­sco­no so­lo “por la cal­le”, co­me di­co­no a Ma­drid, do­ve è ar­ri­va­to do­po che il Real ha sbor­sa­to 80 mi­lio­ni di eu­ro? «Io ho sem­pre de­si­de­ra­to di­ven­ta­re cal­cia­to­re, ave­vo in te­sta sem­pre e so­lo quel­lo e gra­zie a Dio ci so­no riu­sci­to. Quan­do usci­vo da scuo­la, qua­si sem­pre nel po­me­rig­gio, non an­da­vo a ca­sa: mi fer­ma­vo a gio­ca­re con gli ami­ci al cam­pet­to e per stra­da, fa­ce­va­mo le por­te con le ma­gliet­te e gli zai­ni. Ti­ra­va­mo in por­ta si­no al­le no­ve del­la se­ra, a vol­te an­che più tar­di, tor­na­vo so­lo quan­do qual­cu­no del­la mia fa­mi­glia ve­ni­va a cer­car­mi. An­che quan­do ero da so­lo ave­vo sem­pre un pal­lo­ne tra i pie­di. In Sud Ame­ri­ca i bam­bi­ni ado­ra­no an­co­ra la pal­la». Ha gio­ca­to in Colombia, Ar­gen­ti­na, Por­to­gal­lo, Fran­cia, Spa­gna e, ades­so, in Ger­ma­nia. A que­sto pun­to le man­ca sol­tan­to l’ita­lia. «Chis­sà, un gior­no po­trei an­che ve­ni­re da voi, ma per ades­so sto be­ne a Mo­na­co. Ab­bia­mo ap­pe­na vin­to il cam­pio­na­to. E con i miei com­pa­gni vor­rei con­qui­sta­re quel­la che sa­reb­be la mia ter­za Cham­pions Lea­gue». Pri­ma pe­rò ci so­no que­sti Mon­dia­li in Rus­sia ai qua­li la Colombia è ac­cre­di­ta­ta tra le pos­si­bi­li vin­ci­tri­ci. E Ro­drí­guez, do­po la scar­pa d’oro ot­te­nu­ta in qua­li­tà di ca­po­can­no­nie­re del­la Cop­pa in Bra­si­le, è in­di­ca­to tra gli at­tac­can­ti più for­ti del­la com­pe­ti­zio­ne. «Sin­ce­ra­men­te con­fi­do mol­to nel­le qua­li­tà del­la mia na­zio­na­le. In ge­ne­ra­le, pos­se­dia­mo le ca­pa­ci­tà tec­ni­che per so­gna­re di fa­re co­se dav­ve­ro gran­dio­se. Pen­so che sì, pos­sia­mo an­che vin­ce­re il ti­to­lo: ab­bia­mo fa­me di trion­fi e con umil­tà pos­sia­mo far­ce­la ad ar­ri­va­re si­no in fon­do. È il mio so­gno, e an­che quel­lo di tut­ti i miei con­na­zio­na­li». È pron­to a su­bi­re fal­li a raf­fi­ca? I di­fen­so­ri la pren­de­ran­no di mi­ra pa­rec­chio, con­si­de­ran­do le sue qua­li­tà nel drib­bling. «Ci so­no abi­tua­to, quin­di non mi pre­oc­cu­po e non te­mo nes­sun mar­ca­to­re. Li ri­spet­to». Cer­to, sen­za di­fen­so­ri ita­lia­ni sta­vol­ta per gli at­tac­can­ti del­le al­tre na­zio­ni è tut­to un po’ più fa­ci­le. Ma a lei non di­spia­ce al­me­no un po’ di non po­ter se­gna­re con­tro Buf­fon? «Sì, è ve­ro. Gian­lui­gi avreb­be do­vu­to es­se­re pre­sen­te, è un sim­bo­lo del cal­cio e la sua as­sen­za rap­pre­sen­ta una del­le cat­ti­ve no­ti­zie di que­sto Mon­dia­le. In un cam­pio­na­to co­sì im­por­tan­te do­vreb­be­ro con­ce­de­re una wild card spe­cia­le per­ché non man­chi­no i mi­glio­ri cal­cia­to­ri del­la Ter­ra.

SU­PER CAR Que­st’an­no James Ro­drí­guez gui­da un’au­di RS7 Sport­back 4.0: l’ha scel­ta lui stes­so nel­la fab­bri­ca di In­gol­stadt, po­chi me­si fa. Un omag­gio del­la ca­sa au­to­mo­bi­li­sti­ca, sponsor del Bayern Mo­na­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.