TRENT’AN­NI IN PRI­MA CLAS­SE

La BMW M4 Ca­brio è un in­sie­me di grin­ta e do­ci­li­tà. Nel­la ca­te­go­ria nic­chia che am­ma­lia

GQ (Italy) - - Passioni / Motors - Te­st odi VA­LE­RIO BO­NI

Ri­spet­to al­la M4 Cou­pé, la scheda tec­ni­ca com­pren­de un pa­io di da­ti in più che non pas­sa­no inos­ser­va­ti. Quei 20 se­con­di e i 18 km/h non de­vo­no pre­oc­cu­pa­re, BMW non ha mes­so in at­to al­cu­na ope­ra­zio­ne di do­wn­si­zing e so­no nu­me­ri “da calendario” che non si ri­fe­ri­sco­no a nes­su­na pre­sta­zio­ne, so­no sem­pli­ce­men­te il tem­po ne­ces­sa­rio per pas­sa­re dal­la con­fi- gu­ra­zio­ne chiu­sa a quel­la per viag­gia­re con il ven­to tra i ca­pel­li, e la ve­lo­ci­tà mas­si­ma al­la qua­le si può ef­fet­tua­re que­sta ope­ra­zio­ne.

Quel­la M è una ga­ran­zia di spor­ti­vi­tà, che è con­ces­sa so­lo al­le ver­sio­ni del­la gam­ma che se la me­ri­ta­no sul cam­po co­me una me­da­glia. Co­sì gli aman­ti del­le ci­fre pos­so­no sta­re tran­quil­li: la M4 Ca­brio rag­giun­ge i 250 km ora­ri (po­treb­be an­da­re ol­tre, fi­no a 280, ma si è scel­to di li­mi­tar­la) e pas­sa da 0 a 100 in 4,4 se­con­di, me­no di un quar­to del tem­po ri­chie­sto per ab­bas­sa­re il tet­to. So­no da­ti da supercar, che pe­rò BMW co­niu­ga con ele­gan­za e com­fort, per da­re vi­ta a un mo­del­lo esclu­si­vo, dal de­si­gn af­fa­sci­nan­te e ca­pa­ce di re­ga­la­re una gui­da a mi­su­ra di pi­sta.

Co­me tut­te le M, an­che que­sta par­te dal­la ba­se di un’au­to di se­rie, nel­lo spe­ci­fi­co la se­rie 4 de­cap­pot­ta­bi­le, con l’ag­giun­ta di al­cu­ni ele­men­ti este­ti­ci che van­no dai pas­sa­ruo­ta bom­ba­ti al co­fa­no mu­sco­lo­so che la ren­do­no in­con­fon­di­bi­le. Pas­san­do per le esclu­si­ve bran­chie nei pa­ra­fan­ghi e i quat­tro gran­di ter­mi­na­li di sca­ri­co a se­zio­ne ton­da che han­no un ruo­lo fon­da­men­ta­le nell’este­ti­ca del suo­no, ca­rat­te­ri­sti­ca di que­sta vet­tu­ra. So­no det­ta­gli sti­li­sti­ca­men­te equi­li­bra­ti che non rap­pre­sen­ta­no una for­za­tu­ra, ma la na­tu­ra­le con­se­guen­za di un equi­pag­gia­men­to da supercar. Co­sì il fron­ta­le ap­pa­re più ma­schio per con­te­ne­re l’in­gom­bran­te ed esu­be­ran­te mo­to­re, un sei ci­lin­dri 3.000 che con la tec­no­lo­gia M Twin Po­wer Tur­bo ar­ri­va a sca­ri­ca­re sull’asfal­to 431 cavalli, più di quan­ti ne aves­se­ro le For­mu­la 1 de­gli An­ni 60 e 70.

La M4 pia­ce, am­ma­lia, ma non è so­lo for­me, è un con­cen­tra­to di so­lu­zio­ni tec­ni­che di al­to li­vel­lo, in­di­spen­sa­bi­li per cer­ca­re di con­te­ne­re il pe­so di un’au­to che nel pas­sag­gio da cou­pé a con­ver­ti­bi­le è au­men­ta­ta di 250 kg, di­stri­bui­ti tra mec­ca­ni­smi per l’aper­tu­ra e rin­for­zi per ga­ran­ti­re la ri­gi­di­tà che ser­ve an­che quan­do si viag­gia sen­za tet­to. Co­sì mol­te par­ti so­no rea­liz­za­te in

al­lu­mi­nio, al­tre in CFRP, si­gla die­tro la qua­le si na­scon­de un ma­te­ria­le leg­ge­ro quan­to re­si­sten­te, rin­for­za­to con fi­bra di car­bo­nio.

Non è sem­pli­ce clas­si­fi­ca­re que­sta BMW, non so­lo per­ché si trat­ta di un mo­del­lo di nic­chia, ma an­che e so­prat­tut­to per­ché ha una dop­pia per­so­na­li­tà mol­to mar­ca­ta. Le pre­sta­zio­ni adre­na­li­ni­che e i par­ti­co­la­ri spor­ti­vi ti­pi­ci del­la fa­mi­glia M, dal­le cu­ci­tu­re in con­tra­sto al­le cro­ma­tu­re che met­to­no in ri­sal­to le par­ti che non è pos­si­bi­le pas­si­no inos­ser­va­te, con­vi­vo­no con la ti­pi­ca ac­co­glien­za ma­de in Ger­ma­ny. Co­sì all’in­ter­no non c’è nul­la di estre­mo, di ki­tsch, ma un toc­co di ele­gan­za che rag­giun­ge i li­vel­li più al­ti nel ri­ve­sti­men­to dei se­di­li. Que­sti han­no la stes­sa for­ma av­vol­gen­te di quel­li che si usa­no in pi­sta, ma so­no ri­ve­sti­ti con la mor­bi­da pel­le di qua­li­tà del­le am­mi­ra­glie del viag­gio di BMW.

Far con­vi­ve­re due ani­me tan­to di­stan­ti tra lo­ro non è sem­pli­ce, ma la M4 può con­ta­re su una for­mu­la magica, mes­sa a pun­to in 30 an­ni di espe­rien­za: quel­la ma­tu­ra­ta da quan­do fu pre­sen­ta­ta la pri­ma M3 Ca­brio. Nell’esta­te del 1988 la stra­da era mol­to più in sa­li­ta di quan­to lo sia og­gi e i ri­sul­ta­ti so­no evi­den­ti: al­lo­ra sem­bra­va im­pos­si­bi­le riu­sci­re a ot­te­ne­re una ca­brio da una spor­ti­va, che a sua vol­ta de­ri­va­va da una ber­li­na di gran­de se­rie. Nel 2018 i pre­giu­di­zi so­no qua­si del tut­to su­pe­ra­ti e per can­cel­la­re ogni dub­bio re­si­duo c’è so­lo un me­to­do: met­ter­si al vo­lan­te.

Con il tet­to in po­si­zio­ne la gui­da non cam­bia mol­to ri­spet­to al­la Cou­pé, ma l’aspet­to più sor­pren­den­te è che il com­por­ta­men­to ri­ma­ne pres­so­ché iden­ti­co an­che in con­fi­gu­ra­zio­ne aper­ta. Ma con un ef­fet­to che non è sem­pli­ce de­scri­ve­re, per­ché sen­za un abi­ta­co­lo chiu­so, con l’aria e il sound del mo­to­re che en­tra­no da ogni par­te, la gui­da è an­co­ra più gra­ti­fi­can­te. I sei ci­lin­dri, il cam­bio, lo ster­zo e le so­spen­sio­ni la­vo­ra­no in ar­mo­nia, con la pos­si­bi­li­tà di sce­glie­re il se­tup più in­di­ca­to in ba­se al­le con­di­zio­ni del­la stra­da, del­le ca­pa­ci­tà di gui­da, o più sem­pli­ce­men­te di co­me ci si sen­te di gui­da­re in un de­ter­mi­na­to mo­men­to. Da ol­tre 400 cavalli è lo­gi­co aspet­tar­si ri­spo­ste ca­ri­che di grin­ta, tut­ta­via se al se­ma­fo­ro si pre­me a fon­do sull’ac­ce­le­ra­to­re la M4 rie­sce co­mun­que a sor­pren­de­re ogni vol­ta che si ac­cen­de il ver­de. Sen­za mai per­de­re di vi­sta il ca­rat­te­re li­be­ro e do­ci­le che una con­ver­ti­bi­le de­ve of­fri­re, per go­der­si il lun­go­ma­re a pas­so di pa­ra­ta al tra­mon­to, lo stes­so che con­sen­te (con un piz­zi­co di az­zar­do) di an­da­re in mon­ta­gna a scia­re in pie­no in­ver­no con il tet­to ri­go­ro­sa­men­te ab­bas­sa­to.

Ec­co al­lo­ra che quan­do ar­ri­va il mo­men­to di rior­ga­niz­za­re la mo­bi­li­tà di ca­sa, al po­sto del­la pri­ma, del­la se­con­da e dell’even­tua­le ter­za au­to si può az­zar­da­re e pun­ta­re tut­to su una M4 Ca­brio. Non sa­rà il mas­si­mo per fa­re il pie­no di ac­qua mi­ne­ra­le al cen­tro com­mer­cia­le, ma ha sti­le e com­fort da ven­de­re. Sen­za di­men­ti­ca­re che si può sem­pre con­ta­re sul­la po­ten­za che ser­ve per ogni si­tua­zio­ne.

La BMW M4 Ca­brio ha un so­lo mo­to­re: il sei ci­lin­dri di 3.000 cc. Si può pun­ta­re sul­la ver­sio­ne più clas­si­ca con cam­bio ma­nua­le, da 91.892 € , op­pu­re su quel­la con tra­smis­sio­ne au­to­ma­ti­ca a dop­pia fri­zio­ne da 95.932 €

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.