L’evo­lu­zio­ne è di­gi­tal, sen­za per­de­re con­tat­to

Alessandro Ma­ri­nel­la è il fu­tu­ro del brand. Che del rap­por­to col clien­te ha fat­to un pa­tri­mo­nio

GQ (Italy) - - Style - Te­sto di GIO­VAN­NI AUDIFFREDI

Quar­ta ge­ne­ra­zio­ne. Alessandro Ma­ri­nel­la, fi­glio uni­co, lau­rea in eco­no­mia azien­da­le al­la Fe­de­ri­co II di Napoli, è la nuo­va lin­fa dell’azien­da di fa­mi­glia. Agli esor­di, con pa­pà Mau­ri­zio ha avu­to qual­che ra­gio­ne­vo­le scos­sa di as­se­sta­men­to: «Per me è sem­pre sta­to un su­pe­re­roe che la mat­ti­na usci­va di ca­sa per la­vo­ra­re con una pas­sio­ne im­pla­ca­bi­le. Ci so­no sta­ti scon­tri di vi­sio­ni, ma ora sia­mo in­sie­me sul bi­na­rio giu­sto. Pos­sia­mo fa­re un salto an­che sul la­to ge­stio­na­le e pro­dut­ti­vo». E.ma­ri­nel­la è un ci­clo con­ti­nuo da 150 cra­vat­te al gior­no. Non è fa­ci­le fer­mar­si a pen­sa­re co­me tro­va­re l’equi­li­brio tra il sa­pe­re del­le sar­ti­ne che im­ba­sti­sco­no la se­ta e il do­ve­re di sta­re su un mer­ca­to che por­ta gli ac­ces­so­ri ma­schi­li pre­va­len­te­men­te sull’e-com­mer­ce. «Per pa­pà il ne­go­zio è la sua vi­ta, il con­tat­to con il pub­bli­co la stra­te­gia. Ma do­ve tro­vi al mon­do un brand la cui pro­prie­tà ri­spon­de di­ret­ta­men­te al te­le­fo­no al clien­te? Que­sta ere­di­tà ov­via­men­te un po’ di an­sia la met­te». E.ma­ri­nel­la è cre­sciu­ta del 20% ne­gli ul­ti­mi due an­ni, ha un fat­tu­ra­to con­so­li­da­to di 17 mi­lio­ni di eu­ro, quat­tro ne­go­zi in Ita­lia e due in Giap­po­ne, ha ac­qui­si­to il 10% del­la stam­pe­ria in­gle­se che la­vo­ra sui tes­su­ti ma­te­ria pri­ma, ac­ce­den­do co­sì a pre­zio­si ar­chi­vi vec­chi di 104 an­ni. Viag­gia for­te in Asia e gli Usa so­no il mer­ca­to che più met­te in cri­si la fi­lo­so­fia del­la ca­sa. «La no­stra do­ve­ro­sa espan­sio­ne non può av­ve­ni­re a di­sca­pi­to del­la qua­li­tà. E la ne­ces­si­tà di aprir­si al­le ven­di­te on­li­ne ov­via­men­te fa per­de­re quel con­tat­to di­ret­to che è un ca­pi­ta­le ine­sti­ma­bi­le. Per que­sto vor­rei in­tro­dur­re un mo­del­lo di bu­si­ness di­gi­ta­le che pre­ser­vi i ne­go­zi ita­lia­ni co­me luo­ghi do­ve fa­re un’espe­rien­za. Pro­prio il luo­go, per chi co­me noi è di­ven­ta­to lea­der pri­ma a li­vel­lo ter­ri­to­ria­le, do­ve la re­la­zio­ne dal vi­vo è tut­to, è pa­ra­dos­sal­men­te an­che fre­no. Ba­sti pen­sa­re al no­stro prez­zo, 110 eu­ro per una cra­vat­ta ar­ti­gia­na­le nel­la qua­le un uo­mo ha scel­to tes­su­ti, mi­su­re, cu­ci­tu­re, ogni det­ta­glio. In que­sto l’es­se­re a Napoli, cit­tà fur­ba, con­ta. Qui si vuo­le sem­pre il me­glio al mi­glior prez­zo. Fos­si­mo al­tro­ve co­ste­rem­mo di più». Cra­vat­te E.ma­ri­nel­la che da 10 cen­ti­me­tri si re­strin­go­no sem­pre più ver­so gli 8, che dal col­lo dei pa­dri trop­po spes­so pas­sa­no a quel­lo dei fi­gli. «Vor­rei cer­ca­re di ri­bal­ta­re que­sta tra­di­zio­ne mo­stran­do ai più gio­va­ni quan­to sia in­di­spen­sa­bi­le crear­si un pro­prio sti­le. Non è una que­stio­ne di ac­ces­so­rio al­la mo­da. Non esi­ste una grif­fe fa­shion che ri­nun­ci a in­ter­pre­ta­re la cra­vat­ta. Il che di­mo­stra la sua co­stan­te at­tua­li­tà. Ma se puoi ave­re qual­co­sa di dav­ve­ro tuo, per­ché ac­cet­ta­re il com­pro­mes­so del­la se­ria­li­tà? La cra­vat­ta va vis­su­ta co­me una sfi­da po­si­ti­va, co­me un’af­fer­ma­zio­ne di in­di­pen­den­za».

So­pra, Alessandro Ma­ri­nel­la, 24 an­ni. E.ma­ri­nel­la lan­ce­rà per l’au­tun­no-in­ver­no an­che una nuo­va col­le­zio­ne di sciar­pe

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.