LE SFU­MA­TU­RE ROMPONO GLI SCHE­MI

Do­po i film trat­ti dai bestsel­ler di E.L. Ja­mes, Ja­mie Dor­nan (che por­ta la cro­ce di Mister Grey) se­du­ce con un’eau de toi­let­te, che ha la fac­cia di bron­zo

GQ (Italy) - - Passioni / Beauty - Te­sto di SI­MO­NA A I ROLDI

Da tem­po l’at­to­re e mo­del­lo Ja­mie Dor­nan cer­ca di scrol­lar­si di dos­so Ch­ri­stian Grey, il per­so­nag­gio sen­sua­le che l’ha re­so fa­mo­so nel­la tri­lo­gia del­le Cin­quan­ta sfu­ma­tu­re ( di gri­gio, di ne­ro e di rosso). Ma è sta­to an­co­ra per il suo ru­vi­do ma­gne­ti­smo che l’at­to­re nor­dir­lan­de­se, 36 an­ni, è sta­to scel­to co­me nuo­vo vol­to di Boss The Scent: nel cor­to­me­trag­gio gi­ra­to nel fu­tu­ri­sti­co Au­di­to­rium di Ba­ku, pro­get­ta­to da Za­ha Ha­did in Azer­bai­jan, qua­si non sfio­ra la mo­del­la Bir­git Kos, ep­pu­re la ten­sio­ne se­dut­ti­va toc­ca li­vel­li al­tis­si­mi.

«L’at­mo­sfe­ra crea­ta sul set dal re­gi­sta, Dra­ke Do­re­mus, ha fat­to in mo­do che tut­to fluis­se in mo­do na­tu­ra­le e sem­bras­se il più rea­li­sti­co pos­si­bi­le», rac­con­ta Ja­mie Dor­nan, nel­la sua stan­za del Cla­rid­ge’s, a Londra. «Cre­do che il ri­sul­ta­to si ve­da: chiun­que può im­me­de­si­mar- si, an­che se la re­la­zio­ne mes­sa in sce­na re­sta vo­lu­ta­men­te mi­ste­rio­sa».

Il mi­ste­ro è al­la ba­se del­la se­du­zio­ne? La se­du­zio­ne as­su­me for­me mol­to di­ver­se e ognu­no ne ha una pro­pria in­ter­pre­ta­zio­ne, so­prat­tut­to ades­so che vi­via­mo nell’era di­gi­ta­le. Il mo­do con cui ci ap­proc­cia­mo agli al­tri og­gi ha una dop­pia va­len­za: fi­si­ca e vir­tua­le. Pen­so che esplo­ra­re e rom­pe­re gli sche­mi, co­me ac­ca­de nel vi­deo, sia la scel­ta più in­te­res­san­te.

Co­sa le pia­ce di que­sto pro­fu­mo? Non è in­va­si­vo, si in­dos­sa fa­cil­men­te. Ci so­no ac­cen­ti fre­schi e frut­ta­ti che ri­man­da­no all’esta­te, ma an­che no­te pro­fon­de e le­gno­se de­ci­sa­men­te più in­ver­na­li. Lo tro­vo ma­sco­li­no al punto giu­sto, cre­do sia la per­fet­ta chiu­su­ra del­la rou­ti­ne mat­tu­ti­na. An­che se de­vo am­met­te­re di non aver­ne una.

Nes­sun ri­tua­le mat­tu­ti­no? Non so­no un gran­de groo­mer, non lo so­no mai sta­to e ora che ho fi­gli an­cor me­no. So che do­vrei pren­der­mi più cu­ra del­la pel­le e dei ca­pel­li, ma non è una co­sa a cui de­di­co mol­to tem­po ed ener­gie, pre­fe­ri­sco fa­re al­tro.

Co­me si tie­ne in for­ma? Mi al­le­no, e mi pia­ce mol­to. Va­do a fa­si, di­vi­den­do­mi tra va­ri sport, ma so­no sem­pre sta­to mol­to at­ti­vo. Non l’ho mai fat­to per una que­stio­ne este­ti­ca, è che mi fa sta­re be­ne den­tro, fin da quan­do ero pic­co­lo.

Un ri­cor­do del­la sua in­fan­zia? L’odo­re di er­ba ap­pe­na ta­glia­ta. Mi ri­por­ta a in­fi­ni­te se­ra­te nei pra­ti, da bam­bi­no, a rin­cor­re­re un pal­lo­ne con gli ami­ci.

Se non fos­se di­ven­ta­to at­to­re…? Sa­rei di­ven­ta­to un pro­cu­ra­to­re spor­ti­vo, ma­ga­ri nel mon­do del golf.

Un ruo­lo che le pia­ce­reb­be in­ter­pre­ta­re? One­sta­men­te, non ho aspi­ra­zio­ni par­ti­co­la­ri. Ognu­no ha il pro­prio per­cor­so: a me in­te­res­sa la­vo­ra­re so­do e riu­sci­re a prov­ve­de­re al­la mia fa­mi­glia. È que­sto che mi fa sen­ti­re un uo­mo for­tu­na­to.

Una do­man­da che le pia­ce­reb­be sen­ti­re? In mi­glia­ia di in­ter­vi­ste, non me l’han­no an­co­ra mai fat­ta: “Ti va di be­re qual­co­sa?”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.