L’ar­te di fo­to­gra­fa­re il me­glio del viaggio

GQ (Italy) - - Talks - Te­sto di GEA SCANCARELL­O

Sce­glie­te li­fe. Sce­glie­te la vi­ta. Sce­glie­te i viag­gi, gli ae­rei low co­st, il fuo­ri sta­gio­ne. Sce­glie­te il rit­mo, il tem­po, il mo­vi­men­to. Sce­glie­te le dif­fe­ren­ze. Ma im­pa­ra­te le con­ti­nui­tà. Per­si­no quel­le rac­con­ta­te dai ve­sti­ti oc­ci­den­ta­li di scar­sa qua­li­tà di­stri­bui­ti sul­le ban­ca­rel­le di mez­zo mon­do. «Per­ché an­che que­sta omo­lo­ga­zio­ne può sem­pre in­se­gna­re qual­co­sa: per esem­pio a smet­te­re di cer­ca­re sol­tan­to gli eso­ti­smi, con­cen­tran­do­si in­ve­ce sul­le ra­di­ci co­mu­ni». Mi­ca de­gli abi­ti: del­le cul­tu­re.

Ste­fa­no Pen­sot­ti è uno del­la vec­chia scuo­la. Vec­chia par­roc­chia, an­zi: la pri­ma mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca glie­la mi­se in ma­no, più di 40 anni fa, il sa­cer­do­te dell’ora­to­rio. C’era da rea­liz­za­re il gior­na­li­no e lui de­ci­se di in­te­res­sar­si del­le im­ma­gi­ni: fi­nì con l’in­na­mo­rar­si del­la pel­li­co­la e del­la ca­me­ra oscu­ra. Quin­di­ci anni do­po, nel 1989, tren­ten­ne, era tra i gio­va­ni espo­sti al­la Bien­na­le In­ter­na­zio­na­le di Fo­to­gra­fia di Ve­ne­zia. «Scat­ta­re, all’ini­zio, era la pos­si­bi­li­tà di viag­gia­re, il mez­zo per co­no­sce­re nuo­ve cul­tu­re. E viag­gia­re era la ri­cer­ca del­la di­ver­si­tà: a quell’epo­ca – era­no gli Anni 80 e 90 – non c’era an­co­ra l’omo­lo­ga­zio­ne cul­tu­ra­le di og­gi, la gen­te si spo­sta­va di me­no e an­che i po­po­li che an­da­vi a co­no­sce­re era­no mol­to di­ver­si, da noi e fra lo­ro», rac­con­ta. «Og­gi tut­to è di­ven­ta­to più uni­for­me: per­si­no in Afri­ca, il con­ti­nen­te che me­no si è svi­lup­pa­to, tro­vi pa­no­ra­mi cul­tu­ra­li ab­ba­stan­za si­mi­li. Vi­si­ta­re i Pae­si e de­ci­de­re di fo­to­gra­far­li si è quin­di tra­sfor­ma­to nel­la ri­cer­ca di quel­lo che ci ac­co­mu­na nel­la di­ver­si­tà: la ri­cer­ca di quel­lo che ci uni­sce, non che ci se­pa­ra».

Per riu­scir­ci bi­so­gna ren­de­re più pro­fon­do lo sguar­do, sca­va­re sot­to la su­per­fi­cie. «Sia­mo di­ver­si nel co­lo­re del­la pel­le, nel­la re­li­gio­ne, ma­ga­ri ne­gli abi­ti. Ma quan­do sei in Eri­trea e pas­si la not­te nel­le grot­te a ve­de­re la gen­te che

ce­le­bra il Na­ta­le cop­to or­to­dos­so, con i pel­le­gri­ni che han­no cam­mi­na­to per gior­ni e dor­mo­no sul­la roc­cia nu­da, quel­la che stai guar­dan­do è sem­pli­ce­men­te la fe­de. Ed è la stes­sa che puoi tro­va­re da noi». O tra i mu­sul­ma­ni che ba­cia­no la pie­tra ne­ra al­la Mec­ca, tra i mo­na­ci bud­di­sti in Ne­pal, tra gli in­dui­sti a Va­ra­na­si.

Non ser­ve sa­per fo­to­gra­fa­re per af­fron­ta­re que­sta ri­cer­ca: «Bi­so­gna pe­rò sa­per guar­da­re», spie­ga Pen­sot­ti, pre­mia­to nel 2018 co­me Tra­vel Pho­to­gra­pher of the Year, e ab­ba­stan­za pa­zien­te da or­ga­niz­za­re viag­gi e work­shop in gi­ro per il mon­do con chi vuo­le im­pa­ra­re l’ar­te del­lo sguar­do e del­lo scat­to. «De­cen­ni fa, Li­fe era una ri­vi­sta che rac­con­ta­va at­tra­ver­so im­ma­gi­ni quel­lo che suc­ce­de­va sul pia­ne­ta: le fo­to era­no uno stru­men­to di ap­pren­di­men­to. Lo so­no an­co­ra, ov­via­men­te, an­che se nel frat­tem­po so­no ar­ri­va­ti la te­le­vi­sio­ne e i so­cial net­work. La fo­to­gra­fia re­sta uno straor­di­na­rio stru­men­to di in­da­gi­ne, ana­li­ti­co. Pe­rò bi­so­gna non ave­re fret­ta nel ma­neg­giar­la, bi­so­gna dar­si tem­po. Leg­ger­la, co­me se fos­se un te­sto. Più vol­te: e ogni vol­ta emer­go­no mes­sag­gi più com­ple­ti».

Af­fi­na­re lo sguar­do, in­som­ma, è an­che e so­prat­tut­to una que­stio­ne di len­tez­za. Cioè dell’an­da­re con­tro­cor­ren­te, ri­fiu­tan­do di ap­pli­ca­re le mo­da­li­tà dei so­cial, i cuo­ri di­stri­bui­ti a piog­gia su In­sta­gram e le oc­chia­te di­strat­te con cui si as­sor­bo­no por­zio­ni di co­lo­ri, di pae­sag­gi, di sto­rie. «Su In­ter­net non si guar­da più. Ci si li­mi­ta a scan­sio­na­re im­ma­gi­ni, che spes­so han­no po­co da di­re. In­ve­ce la fo­to­gra­fia ha un’al­tra fun­zio­ne: de­ve es­se­re un rac­con­to».

Per ri­co­min­cia­re a viag­gia­re con la men­te, per guar­da­re e ca­pi­re, bi­so­gna in­som­ma ro­ve­scia­re il pa­ra­dig­ma. Tor­na­re in­die­tro, che si­gni­fi­ca in que­sto ca­so an­che fa­re un pas­so avan­ti. «Smet­ter­la di an­da­re a cer­ca­re sol­tan­to quel­lo che ci pia­ce: bei co­lo­ri, bel­le gra­fi­che, qua­dret­ti ben al­le­sti­ti ai qua­li di­stri­bui­re li­ke. È tem­po di ri­met­ter­si a cer­ca­re le fo­to­gra­fie che rac­con­ta­no. E poi pren­der­le in ma­no, con len­tez­za ri­tro­va­ta, per leg­ge­re tut­te le sto­rie che san­no con­te­ne­re».

Chi sa­prà guar­da­re sco­ve­rà un’uma­ni­tà più vi­ci­na e più si­mi­le. Tro­ve­rà qual­co­sa che uni­sce, e non so­lo che stu­pi­sce.

«La fo­to­gra­fia re­sta uno straor­di­na­rio stru­men­to di in­da­gi­ne, ana­li­ti­co. Pe­rò bi­so­gna non ave­re fret­ta nel ma­neg­giar­la, bi­so­gna dar­si tem­po»

Ste­fa­no Pen­sot­ti, na­to in pro­vin­cia di Lec­co nel 1959, Tra­vel Pho­to­gra­pher of the Year 2018. Ef­fet­tua spe­di­zio­ni in Eu­ro­pa, Afri­ca e Asia per la pro­du­zio­ne di ser­vi­zi fo­to­gra­fi­ci o ac­com­pa­gnan­do pic­co­li grup­pi di viag­gia­to­ri

Al­cu­ne fo­to di Pen­sot­ti. A de­stra, Salt pans of La­ke Asa­le, Etio­pia, 2014. So­pra, Ma­chen, Ti­bet Orien­ta­le di Am­do, Ci­na, 2004. In al­to, cam­po del Ta­giuk di Li­tang, Ti­bet Orien­ta­le di Kham, 1999

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.