UN GRAN SAL­TO PER LE OLIM­PIA­DI

Dal­le scu­de­rie top a To­kyo 2020: co­me si di­ven­ta un cam­pio­ne (ma il ca­val­lo con­ta per il 90%)

GQ (Italy) - - SPORT - Te­sto di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

Dal tac­co agli zoc­co­li, Lo­ren­zo De Lu­ca è uno dei ta­len­ti dell’equi­ta­zio­ne ita­lia­na (sal­to a osta­co­li) e il rac­con­to del suo per­cor­so par­te sem­pre da lì: la fa­mi­glia sa­len­ti­na sen­za ca­va­lie­ri e ca­val­li e un amo­re na­to guar­dan­do­li dal­la stra­da. Og­gi, a 32 an­ni, è in for­za al­la Ste­phex Sta­bles di Ste­phan Con­ter, una del­le scu­de­rie più pre­sti­gio­se al mon­do, nel 2018 ha vin­to il Gran Pre­mio Ro­ma. «Ogni pez­zo del per­cor­so è sta­to av­ven­tu­ra, ogni con­cor­so, ogni scel­ta. La mia sto­ria sen­za ri­schio non esi­ste­reb­be», di­ce Lo­ren­zo, che − ca­val­li a par­te − è or­go­glio­so di due co­se: es­se­re avie­re dell’ae­ro­nau­ti­ca e brand am­bas­sa­dor di Land Ro­ver, da an­ni im­pe­gna­ta a fian­co del­la Fe­de­ra­zio­ne Ita­lia­na Sport Eque­stri. «Que­sto sport è clas­se, sti­le, ma an­che cam­pa­gna, stra­de dif­fi­ci­li: l’af­fi­ni­tà c’è tut­ta».

Co­me è scat­ta­to l’amo­re? «Pra­ti­ca­men­te dal pri­mo ca­val­lo a don­do­lo. Pas­sa­va­mo da­van­ti a un ma­neg­gio a San Ca­tal­do, riu­scii a con­vin­ce­re i miei e fu un col­po di ful­mi­ne. Ho ini­zia­to con i po­ny, Stel­li­na, Nu­vo­let­ta».

Com’è il pro­ces­so di ap­pren­di­men­to? «È uno sport che re­spon­sa­bi­liz­za su­bi­to, già per il fat­to di sta­re vi­ci­no a un ani­ma­le co­sì gran­de. Ti in­se­gna a te­ne­re gli oc­chi aper­ti, e a pren­der­ti cu­ra: dei ca­val­li, in­nan­zi­tut­to».

Quan­do si è re­so con­to che ce la sta­va fa­cen­do?

«Non tan­to per le vit­to­rie, quan­to per la re­pu­ta­zio­ne. Quan­do al­la gen­te pia­ce co­me mon­ti, co­me ti ap­proc­ci, ti ven­go­no af­fi­da­ti ca­val­li sem­pre mi­glio­ri, e lì ca­pi­sci».

Il pri­mo di cui fu en­tu­sia­sta?

«Zoe, sei an­ni fa. Gran­di qua­li­tà, mol­to ca­rat­te­ria­le, con tan­ti buo­ni ca­va­lie­ri ave­va da­to pro­ble­mi. Sa­pe­vo che avrei tro­va­to la chiave: do­po un an­no di la­vo­ro Zoe è ve­nu­ta dal­la mia par­te».

Co­me si con­vin­ce un ca­val­lo?

«È il ca­val­lo che de­ve ve­ni­re ver­so di te, gli chie­di ge­sti che non so­no na­tu­ra­li al 100%, è co­me con le per­so­ne: ser­vo­no di­plo­ma­zia, ri­spet­to del ca­rat­te­re e al­la fi­ne la­vo­ra­no per te».

Qua­li so­no le ca­rat­te­ri­sti­che che cer­ca in un ca­val­lo?

«Più che la pre­stan­za, il cer­vel­lo: ca­val­li bra­vi, com­pe­ti­ti­vi, che sen­ta­no la ga­ra. Ce ne so­no al­cu­ni che nel cam­po cam­bia­no, vo­glio­no vin­ce­re».

Con­ta più il ca­val­lo o il ca­va­lie­re?

«Il ca­val­lo con­ta al 90%. Il com­pi­to è por­tar­lo al top del­la for­ma ne­gli ap­pun­ta­men­ti che val­go­no. Un buon ca­val­lo ge­sti­to ma­le ren­de la me­tà. Ho vi­sto una ga­ra di ama­to­ri a Pa­ri­gi e ti ac­cor­gi di quan­to sia dif­fi­ci­le, uno che sa an­da­re a ca­val­lo fa sem­bra­re tut­to fa­ci­le».

Co­sa vuol di­re sa­per mon­ta­re a ca­val­lo? «Ca­pir­lo, in­nan­zi­tut­to. E poi ave­re equi­li­brio: quel­lo per­fet­to è fat­to di cen­ti­me­tri, il ca­val­lo li per­ce­pi­sce. Con­trol­lo as­so­lu­to del cor­po, cau­te­la e sen­si­bi­li­tà».

Ha l’olim­pia­de nel mi­ri­no?

«È il so­gno di ogni spor­ti­vo. Il pia­no c’è, co­sì co­me il ca­val­lo, En­sor de Li­tran­ge, buo­na te­sta, ri­spet­to­so, ci co­no­scia­mo al­la per­fe­zio­ne».

Lo­ren­zo De Lu­ca, 32 an­ni, vit­to­rio­so al Gran Pre­mio Ro­ma nel 2018, in for­za al­la Ste­phex Sta­bles di Ste­phan Con­ter e brand am­bas­sa­dor di Land Ro­ver

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.