IG CE­LE­BRI­TY

L’in­fluen­cer LEO MAN­DEL­LA, aka Gul­ly Guy Leo, in­ter­pre­ta la mo­da PRE FALL 2019-20 di Louis Vuitton Man­te­ne­re in­tat­ta la pro­pria iden­ti­tà è mol­to dif­fi­ci­le, spe­cial­men­te quan­do si gua­da­gna­no tan­ti fol­lo­wer co­sì ve­lo­ce­men­te. Ci si tro­va al fian­co di per­so­ne

GQ (Italy) - - WARDROBE - Te­sto di ESSIA SAHLI

So­no quel­li del­la ge­ne­ra­zio­ne Z, i co­sid­det­ti po­st-mil­len­nials, co­lo­ro che, na­ti do­po la se­con­da me­tà de­gli An­ni 90, han­no con­tri­bui­to al­la ri­vo­lu­zio­ne dei so­cial me­dia tra­sfor­man­do­li, di fat­to, in una piat­ta­for­ma di vi­si­bi­li­tà per­so­na­le, sfrut­tan­do­la a se­con­da del­la pro­pria at­ti­tu­de. Uno di que­sti che è riu­sci­to a far­si no­ta­re dal mon­do del­la mo­da è Leo Man­del­la aka Gul­ly Guy Leo. Con ol­tre 720mi­la fol­lo­wer su In­sta­gram, il 17en­ne del­la con­tea di War­wick­shi­re, non lon­ta­no da Lon­dra, si è fat­to co­no­sce­re in tut­to il mon­do gra­zie ai suoi ori­gi­na­li look e ai suoi po­st su­per­pop.

In oc­ca­sio­ne del­la Pa­ris Fa­shion Week ma­schi­le, lo ab­bia­mo in­con­tra­to per ren­der­lo pro­ta­go­ni­sta del no­stro ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co, e ap­pro­fit­ta­to dell’oc­ca­sio­ne per chie­der­gli di sé e de­gli ste­reo­ti­pi nel mon­do del­la mo­da.

Co­me è na­ta la tua pas­sio­ne per la mo­da e co­sa ti spin­ge a spe­ri­men­ta­re crea­ti­va­men­te?

Ho co­min­cia­to a fre­quen­ta­re Lon­dra e a in­con­tra­re per­so­ne con i miei stes­si in­te­res­si a 13 an­ni. Cre­scen­do, mi so­no re­so con­to poi che ciò che fac­cio va ben al di là del­lo scat­ta­re e del pub­bli­ca­re sem­pli­ci fo­to: è la spin­ta dell’an­da­re “ol­tre” a dar­mi la vo­glia di spe­ri­men­ta­re, per­ché in que­sto set­to­re non ci si può fer­ma­re.

Sei cre­sciu­to a War­wick, una pic­co­la cit­ta­di­na a cir­ca due ore da Lon­dra: do­ve tro­vi gli sti­mo­li giu­sti?

Va­do a Lon­dra mol­to spes­so ma, chia­ra­men­te, c’è un’enor­me dif­fe­ren­za tra la mia cit­tà e la ca­pi­ta­le. Tut­ta­via, cer­co di usa­re que­sto di­va­rio a mio van­tag­gio. A War­wick, per esem­pio, po­trei in­cro­cia­re una cop­pia di an­zia­ni che in­dos­sa un bel pa­io di pan­ta­lo­ni di vel­lu­to a co­ste, e a Lon­dra un ado­le­scen­te con un pa­io di snea­kers fan­ta­sti­che, per ser­vir­mi poi di en­tram­be le ispi­ra­zio­ni. Le idee pos­so­no ar­ri­va­re dav­ve­ro da ovun­que!

Co­sa ti pia­ce di più e co­sa cam­bie­re­sti del­la sce­na street­wear con­tem­po­ra­nea?

Ciò che più amo dell’uni­ver­so street­wear è la sua ca­pa­ci­tà di ac­co­glie­re la no­vi­tà: nul­la vie­ne esclu­so a prio­ri. Vie­ne da­ta una pos­si­bi­li­tà a tut­te le nuo­ve ten­den­ze, an­che se do­ves­se­ro du­ra­re un so­lo gior­no. Ciò che si­cu­ra­men­te de­ve mi­glio­ra­re è lo sdo­ga­na­men­to de­gli ste­reo­ti­pi di ge­ne­re. Io, per esem­pio, ado­ro met­te­re lo smal­to, ma con­ti­nuo a leg­ge­re com­men­ti di chi pen­sa sia ri­ser­va­to esclu­si­va­men­te al­le don­ne. Que­sto è di cer­to qual­co­sa che de­ve cam­bia­re.

Co­me ge­sti­sci la pres­sio­ne in­di­ret­ta dei ca­no­ni este­ti­ci espres­si sui so­cial, pre­ser­van­do la tua iden­ti­tà?

sco­no­sciu­te che non sem­pre vo­glio­no il me­glio per te, di­cen­do­ti co­sa do­vre­sti fa­re e co­sa no. Vor­rei di­re a chiun­que si tro­vi a vi­ve­re que­sta espe­rien­za di cer­ca­re di fa­re un pas­so in­die­tro per ren­der­si con­to che se sei do­ve sei, è per via di chi sei. Ov­via­men­te è im­por­tan­te ascol­ta­re i con­si­gli del pros­si­mo, ma bi­so­gna in­nan­zi­tut­to se­gui­re il pro­prio istin­to.

Chi so­no le tue ico­ne di sti­le fuo­ri dal mon­do del­la mo­da?

Tra le più gran­di c’è Jor­dan Pee­le, re­gi­sta di Get Out e Us. Do­po aver vi­sto en­tram­bi i suoi film, ri­ten­go che il suo mo­do di pen­sa­re sia qual­co­sa da cui chiun­que può trar­re ispi­ra­zio­ne, a pre­scin­de­re dal suo set­to­re. Per quan­to ri­guar­da lo sti­le di per sé, le mie più gran­di ico­ne so­no sem­pre sta­te Phar­rell Wil­liams e il rap­per Ty­ler, The Crea­tor: ado­ro la lo­ro at­ti­tu­di­ne da “non me ne fre­ga nien­te”.

Qua­li so­no, per ora, gli hi­ghlight del­la tua car­rie­ra e co­sa de­si­de­ri per il pros­si­mo fu­tu­ro?

Un gran­de mo­men­to clou è sta­ta la cam­pa­gna di Con­ver­se nel 2017. Ve­der­mi sui bus e sui car­tel­lo­ni pub­bli­ci­ta­ri è sta­to paz­ze­sco! In ge­ne­ra­le, so­no dav­ve­ro gra­to per tut­to ciò che mi è ac­ca­du­to si­no a ora. Ul­ti­ma­men­te sto la­vo­ran­do co­me dj, una pas­sio­ne che ho sem­pre avu­to, e mi sto av­ven­tu­ran­do an­che nel­la Tv e nel­la ra­dio, do­ve mi pia­ce­reb­be la­vo­ra­re en­tro la fi­ne del 2020. Ve­dre­mo, ve­dre­te!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.