IL CUO­RE NEL PAL­LO­NE

GQ (Italy) - - TALK - Te­sto di RE­GI­NA BA­RE­SI

I pre­giu­di­zi so­no una brut­ta be­stia. Fan­no ma­le, al­lon­ta­na­no dal­la felicità. A me, per esem­pio, han­no te­nu­to lon­ta­na dal pri­mo amo­re per do­di­ci an­ni. I pri­mi del­la mia vita. Un’eter­ni­tà.

Vo­le­vo so­lo cal­cia­re un pal­lo­ne per­ché ap­pun­to lo ama­vo, e sa­pe­vo di amar­lo, da sem­pre. Sa­rà l’aria che si re­spi­ra­va a ca­sa, sa­rà che mio zio è uno dei di­fen­so­ri più for­ti di tut­ti i tem­pi e mio pa­pà una del­le ban­die­re dell’in­ter, sa­rà che tut­te le do­me­ni­che an­da­vo a San Si­ro, pri­ma a ve­de­re mio pa­dre in cam­po e poi con lui, quan­do già non gio­ca­va più. Co­sì cor­re­vo die­tro al­la pal­la all’ora­to­rio, la in­se­gui­vo nel cor­ti­le del­la scuo­la, me la pas­sa­vo con mio fra­tel­lo nei

CO­ME SEM­PRE FA L’AMO­RE, DI OGNI TI­PO, HA INI­ZIA­TO A RIEMPIRMI LE GIOR­NA­TE, A RE­GA­LAR­MI GIO­IA, A FAR­MI STA­RE BE­NE

cor­ri­doi di ca­sa. Pe­rò il tem­po li­be­ro, quel­lo che si de­di­ca al­le pas­sio­ni, lo do­ve­vo tra­scor­re­re con qual­cun al­tro. O con qual­cos’al­tro: le gi­noc­chie­re del­la pal­la­vo­lo, il ca­ne­stro del mi­ni­ba­sket, i pat­ti­ni da ghiac­cio, la rac­chet­ta da tennis, per­si­no la sel­la su cui do­ve­vo sa­li­re per pro­va­re ad ap­pas­sio­nar­mi all’equi­ta­zio­ne. Qual­sia­si co­sa, pur di te­ner­mi lon­ta­na dal cal­cio. Col­pa del­le di­ce­rie, de­gli ste­reo­ti­pi: lo sai che brutte gam­be che ti pos­so­no ve­ni­re? E poi mi­ca vor­rai di­ven­ta­re un ma­schiac­cio! Non è uno sport adat­to al­le fem­mi­ne!, di­ce­va­no con un po’ di preoccupaz­ione per­si­no i miei ge­ni­to­ri. È sta­to ne­ces­sa­rio che ini­zias­si a rac­co­glie­re le pal­li­ne da tennis con i pie­di per­ché si ras­se­gnas­se­ro: do­po do­di­ci an­ni di fi­dan­za­men­to un po’ se­gre­to, fi­nal­men­te il mio amo­re si com­pi­va.

E co­me sem­pre fa l’amo­re, di ogni ti­po, ha ini­zia­to a riempirmi le gior­na­te, a re­ga­lar­mi gio­ia, a far­mi sta­re be­ne. L’amo­re dà un sen­so al­la fa­ti­ca che fai, ogni gior­no, quan­do ti al­le­ni. Ti tra­vol­ge quan­do se­gni un gol, e ti so­stie­ne quan­do lo man­chi. Ti ren­de or­go­glio­so di quel­lo che fai

e di quel­lo che vi­vi. E con­tri­bui­sce an­che a ren­der­ti una per­so­na mi­glio­re: in­se­gna dei va­lo­ri, dei prin­ci­pi. Nel mio ca­so, tut­to si è sal­da­to quan­do ho in­dos­sa­to la ma­gliet­ta dell’in­ter: l’esem­pio fa­mi­lia­re, le le­zio­ni di mio pa­dre, le ispi­ra­zio­ni pro­fon­de, e la pos­si­bi­li­tà di di­ven­ta­re io stes­sa vei­co­lo di tut­te que­ste co­se. Un atle­ta − in­se­gna­no i Ba­re­si, ma so­prat­tut­to lo sport − è una per­so­na che ri­spet­ta le re­go­le, che è cor­ret­ta, che è educata con gli al­tri, che si fer­ma ad aiu­ta­re chi ha bi­so­gno. Una cal­cia­tri­ce, tan­to più se por­ta la di­vi­sa che ha sem­pre ama­to e a cui ha aspi­ra­to, tra­sfor­ma l’amo­re e la pas­sio­ne che la ani­ma­no in for­za ed ener­gia: e pen­sa­te co­sa pos­so­no fa­re 24 ra­gaz­ze in uno spo­glia­to­io quan­do con­di­vi­do­no sen­ti­men­ti e obiet­ti­vi, quan­do tut­te si im­pe­gna­no al­la stes­sa ma­nie­ra, fa­ti­ca­no, gioi­sco­no per quel­lo che han­no e lot­ta­no per nuo­vi tra­guar­di. Quan­do hai un grup­po di ra­gaz­ze co­sì, il cam­po di­ven­ta la ca­sa co­mu­ne, quel­la in cui ogni gior­no si ce­le­bra l’amo­re per il cal­cio. Nel­la spe­ran­za che an­che a noi toc­chi un gior­no di po­ter­lo con­sa­cra­re nel tem­pio di Mi­la­no: San Si­ro. E quin­di quan­do ci ve­de­te gio­ca­re, quan­do al ma­re mi guar­da­te pal­leg­gia­re fis­san­do­mi co­me fos­si un’alie­na, un es­se­re ar­ri­va­to da Mar­te, ri­cor­da­te­vi an­che del vo­stro, di amo­re. Del sen­ti­men­to che scal­da i ti­fo­si e li fa su­da­re, sof­fri­re e fe­steg­gia­re die­tro al pal­lo­ne, qua­si gio­cas­se­ro in­sie­me a noi.

Un amo­re che in­se­gna che l’er­ro­re più gran­de che si può fa­re è aspet­tar­si l’uni­for­mi­tà, vo­ler­ci ugua­li a quel­lo che non pos­sia­mo es­se­re. Per poi trar­re con­clu­sio­ni scioc­che, che pos­so­no fe­ri­re, o che pos­so­no al­lon­ta­na­re al­tre don­ne da que­sto sport. Il cal­cio ma­schi­le e quel­lo fem­mi­ni­le non so­no la stes­sa co­sa: i fi­si­ci dell’uo­mo e del­la donna non so­no ugua­li, la no­stra mo­bi­li­tà è di­ver­sa, il no­stro mo­do di in­ter­pre­ta­re il gio­co lo è. Non ci si può aspet­ta­re che uo­mi­ni e don­ne gio­chi­no al­la stes­sa ma­nie­ra, per­ché non è pos­si­bi­le, e per­ché non è lo stes­so sport.

Il Mon­dia­le dell’esta­te 2019 ci ha aiu­ta­to tan­to ad an­da­re ol­tre gli ste­reo­ti­pi, a con­di­vi­de­re la no­stra pas­sio­ne con il pub­bli­co, a mo­stra­re tut­to il bel­lo che c’è nel­le ra­gaz­ze che si pas­sa­no il pal­lo­ne e fan­no gol. Ora ab­bia­mo l’oc­ca­sio­ne di tra­sfor­ma­re lo spet­ta­co­lo in con­sa­pe­vo­lez­za. Se ama­te il cal­cio, non ascol­ta­te i pre­giu­di­zi, non fa­te pa­ra­go­ni. Im­pa­ria­mo tut­ti a vi­ver­lo in li­ber­tà.

L’ATLE­TA È UNA PER­SO­NA CHE RI­SPET­TA LE RE­GO­LE, CHE È COR­RET­TA, CHE È EDUCATA CON GLI AL­TRI, CHE SI FER­MA AD AIU­TA­RE CHI HA BI­SO­GNO

RE­GI­NA BA­RE­SI Na­ta a Mi­la­no il 26 set­tem­bre 1991, è at­tac­can­te e ca­pi­ta­no dell’in­ter fem­mi­ni­le. Suo pa­dre è Giu­sep­pe Ba­re­si (con lei nel­la fo­to), a sua vol­ta ex ca­pi­ta­no dell’in­ter. Lo zio, Fran­co Ba­re­si, è sta­to il di­fen­so­re del Mi­lan, non­ché tra i cam­pio­nis­si­mi dei Mon­dia­li ‘82

A fian­co, Re­gi­na Ba­re­si du­ran­te la partita In­ter-ro­ma a Se­dria­no (Mi), il 14 apri­le 2019. Que­st’an­no le ne­roaz­zur­re, pro­mos­se in Se­rie A, so­no al­le­na­te da At­ti­lio Sor­bi, che l’esta­te scor­sa era al fian­co del­le Az­zur­re ai Mon­dia­li in qua­li­tà di as­si­sten­te-al­le­na­to­re. In al­to, Re­gi­na du­ran­te una pau­sa da­gli al­le­na­men­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.