LO SGUAR­DO SUL SU­DA­FRI­CA

Nel­la ri­ser­va di Phin­da ar­ma­ti di uno smart­pho­ne

GQ (Italy) - - TRAVEL - Te­sto di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

Po­chi luo­ghi al­le­na­no gli oc­chi e la ca­pa­ci­tà di guar­da­re quan­to l’afri­ca. Nel­lo spe­ci­fi­co: la ri­ser­va di Phin­da, pro­vin­cia orien­ta­le del Kwa­zu­lu-na­tal, è con­si­de­ra­ta uno de­gli an­go­li mi­glio­ri del Su­da­fri­ca per os­ser­va­re gli ani­ma­li. Non sem­pre i safari man­ten­go­no le pro­mes­se in mo­do ef­fi­cien­te, ma qui ba­sta per­cor­re­re un cen­ti­na­io di me­tri fuo­ri dal­la stri­scia di terra che fun­ge da ae­ro­por­to per av­vi­sta­re un bran­co di tre leo­nes­se e cin­que cuc­cio­li. Po­co più in là c’è la car­cas­sa di uno gnu: la cac­cia è av­ve­nu­ta al mas­si­mo un’ora pri­ma.

Que­sta è la terra zu­lu scel­ta da Ta­ra Getty, del­la ce­le­bre di­na­stia ame­ri­ca­na fon­da­ta nel XX se­co­lo sul com­mer­cio del pe­tro­lio, co­me di­mo­ra e ba­se per i suoi pro­get­ti di eco-tu­ri­smo a mar­chio &Beyond. La ri­ser­va, che gli abi­tan­ti an­ce­stra­li chia­ma­va­no Mun-ya-wa­na, si tro­va tra l’estua­rio del la­go St. Lu­cia e le mon­ta­gne del Lim­po­po ed è at­tra­ver­sa­ta da gi­raf­fe, ele­fan­ti, ze­bre, bu­fa­li, leo­par­di, ie­ne. La con­cen­tra­zio­ne di fau­na è im­pres­sio­nan­te: a una man­cia­ta di mi­nu­ti dall’en­tra­ta del lod­ge, due ghe­par­di ma­sti­ca­no quel che re­sta di un im­pa­la. È qui che da un pa­io d’an­ni Hua­wei in­vi­ta la stam­pa a te­sta­re le ca­pa­ci­tà fo­to­gra­fi­che dei suoi smart­pho­ne, col sup­por­to di ve­ri re­por­ter fau­ni­sti­ci e la te­si di fon­do che si pos­sa fa­re un in­te­ro safari fotografic­o con un P30 Pro. Uno dei tu­tor è Ar­chie Brook­sbank, in­gle­se, fre­quen­ta­zio­ni mo­nar­chi­che, ve­sti­to co­me una spia di Gra­ham Gree­ne, che in un film sa­reb­be in­ter­pre­ta­to da Hu­gh Grant. Ar­chie tie­ne una ra­pi­da le­zio­ne di fo­to­gra­fia e fi­lo­so­fia: «Non si può scat­ta­re be­ne sen­za aver pri­ma guar­da­to a lun­go, co­glien­do il pri­vi­le­gio di es­se­re do­ve ci si tro­va». Il di­lem­ma è an­co­ra più vi­vo nel bu­sh su­da­fri­ca­no, do­ve gli in­con­tri so­no im­prov­vi­si, im­pre­ve­di­bi­li e bre­vi. Per co­glie­re il pri­vi­le­gio si ri­schia di tor­na­re a ca­sa sen­za im­ma­gi­ni, op­pu­re si pas­sa­no ore al­la ri­cer­ca di una fo­to de­cen­te sen­za mai guar­da­re dav­ve­ro. La sintesi è un og­get­to in gra­do di scat­ta­re be­ne al pri­mo col­po, ed ec­co il P30 Pro, smart­pho­ne con comparto

fo­to d’ec­cel­len­za, quat­tro fo­to­ca­me­re Lei­ca e un’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le che si adat­ta al­la lu­ce in tem­po rea­le. Ar­chie fa una bat­tu­ta ner­vo­sa su­gli smart­pho­ne che gli ru­be­ran­no il la­vo­ro e poi chio­sa: «Il se­gre­to è da­re sem­pre un con­te­sto, que­sto dif­fe­ren­zia le im­ma­gi­ni dram­ma­ti­che dal­le car­to­li­ne».

Nel con­te­sto di Phin­da, ver­so est, c’è la bar­rie­ra co­ral­li­na più meridional­e dell’afri­ca, un trat­to di co­sta che spes­so vie­ne in­se­ri­to nel­lo stes­so iti­ne­ra­rio di viaggio e lun­go il qua­le non è in­fre­quen­te nuo­ta­re tra i pa­ci­fi­ci squa­li ba­le­na. È un’area ot­ti­ma per te­sta­re la cover su­bac­quea, che por­ta a scat­ta­re fi­no a die­ci me­tri di pro­fon­di­tà. An­che nell’ocea­no va­le la re­go­la: guar­da­re, as­sa­po­ra­re il va­lo­re, con­si­de­ra­re il con­te­sto. E que­st’ul­ti­mo può tal­vol­ta ri­sul­ta­re mol­to com­ples­so.

Il Su­da­fri­ca ha un enor­me pro­ble­ma di brac­co­nag­gio, Hua­wei ha scel­to Phin­da an­che per i pro­get­ti di con­ser­va­zio­ne a tu­te­la dei suoi abi­tan­ti più mi­nac­cia­ti: i ri­no­ce­ron­ti. La che­ra­ti­na del cor­no va­le 90mi­la dol­la­ri al chi­lo sul mer­ca­to ne­ro, più del­la co­cai­na. Nell’ul­ti­mo de­cen­nio ne so­no sta­ti uc­ci­si qua­si 9mi­la per ven­de­re que­sta so­stan­za in Ci­na e Viet­nam co­me pro­dot­to dal­le pro­prie­tà mi­ra­co­lo­se. Una su­per­sti­zio­ne le­ta­le: «Ri­schia­mo di non ave­re più ri­no­ce­ron­ti sel­va­ti­ci en­tro il 2030», spie­ga Les Car­li­sle, pro­ject ma­na­ger di Rhi­nos Wi­thout Bor­ders, una vita spe­sa a pren­der­si cu­ra di que­sti ani­ma­li. I pro­get­ti spa­zia­no dal ra­dio-mo­ni­to­rag­gio ai tra­sfe­ri­men­ti in Bo­tswa­na, Pae­se con sor­ve­glian­za mi­glio­re e leg­gi più se­ve­re. «In Su­da­fri­ca ne han­no uc­ci­si 2.500, pri­ma che par­tis­se il pri­mo ar­re­sto».

La con­ser­va­zio­ne pas­sa an­che da ope­ra­zio­ni do­lo­ro­se, co­me la de­cor­na­zio­ne, il ta­glio del cor­no. La sce­na ha luo­go una mat­ti­na, il ru­mo­re del­la mo­to­se­ga del ve­te­ri­na­rio è as­sor­dan­te, l’ani­ma­le è nar­co­tiz­za­to. In tre an­ni sa­rà ri­cre­sciu­to, ma è una co­sa dif­fi­ci­le da ac­cet­ta­re e fo­to­gra­fa­re: è co­me di­strug­ge­re i gio­iel­li per non far­si bru­cia­re la ca­sa dai la­dri. In Afri­ca, ol­tre al­la ca­pa­ci­tà di guar­da­re, serve quel­la di non di­sto­glie­re lo sguar­do.

So­pra, da si­ni­stra a de­stra: Les Car­li­sle, pro­ject ma­na­ger di Rhi­nos Wi­thout Bor­ders; un trat­to del­la co­sta del Kwa­zu­lu-na­tal, sull’ocea­no Indiano. Nell’al­tra pa­gi­na: la de­cor­na­zio­ne di un ri­no­ce­ron­te per pro­teg­ger­lo dai brac­co­nie­ri. Tut­te le fo­to so­no sta­te scat­ta­te con Hua­wei P30 Pro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.