TEMPLES

La band Brit del mo­men­to che pia­ce per­fi­no a Noel Gal­la­gher

GQ (Italy) - - SOMMARIO - Te­sto di CRI­STI­NA MARINONI

Che gli uo­mi­ni che li han­no già per­si fac­cia­no pa­ce con il cer­vel­lo: i ca­pel­li lun­ghi so­no tor­na­ti. E fan­no bel­la sce­na sul­le te­ste del­le band più bla­so­na­te del mo­men­to: co­me i Temples, in­gle­si di Ket­te­ring, di­stret­to di Nor­thamp­ton­shi­re. Per Noel Gal­la­gher (Oa­sis) e John­ny Marr (The Smi­ths), so­no il grup­po da se­gui­re su­bi­to, se non è già co­sa fat­ta. Per chi ne ha scrit­to sin dall’ini­zio, so­no da ascol­ta­re quan­do si è in ve­na di rock psi­che­de­li­co al­la In­cen­se and Pep­per­min­ts. Per il pub­bli­co ita­lia­no, i Temples so­no sta­ti una sco­per­ta ai fe­sti­val più ener­gi­ci del­le scor­se esta­ti. Be­ne: i Temples stan­no tor­nan­do per il lo­ro pri­mo, ve­ro li­ve le­ga­to al nuo­vo di­sco; il ter­zo, Hot Mo­tion, usci­to a fi­ne set­tem­bre. La band suo­ne­rà il 23 no­vem­bre al Lo­co­mo­tiv Club di Bo­lo­gna e il 24 al Cir­co­lo Ma­gno­lia di Mi­la­no, due da­te di un tour eu­ro­peo che ri­pren­de do­po le tap­pe ne­gli Sta­ti Uni­ti.

«Ri­cor­dia­mo be­ne la no­stra pri­ma vol­ta in Ita­lia: sot­to il di­lu­vio uni­ver­sa­le,

GQITALIA.IT

a Bo­lo­gna, mal­gra­do fos­se lu­glio». Ja­mes Bag­shaw, front­man e chi­tar­ra, e Tom Warm­sley, bas­so, so­no in­sie­me quan­do vie­ne fat­ta que­sta te­le­fo­na­ta dall’ita­lia in In­ghil­ter­ra. 33 an­ni il pri­mo e 31 il se­con­do, so­no la ve­ra ori­gi­ne di tut­to. Ed è que­sto il mo­ti­vo per il qua­le so­no in due − lo­ro due − a par­la­re nell’in­ter­vi­sta. Adam Smi­th, chi­tar­ra rit­mi­ca e ta­stie­re, e Sam Toms, bat­te­ria (si è stac­ca­to dal grup­po a fi­ne 2018) si so­no ag­giun­ti quan­do Bag­shaw e Warm­sley, do­po un pa­io di bra­ni pub­bli­ca­ti su Youtu­be, ven­ne­ro con­tat­ta­ti dal­la Hea­ven­ly Re­cords, eti­chet­ta in­di­pen­den­te di Lon­dra, per par­te­ci­pa­re a uno show. Era il 2012. «Era chia­ro che in cop­pia avrem­mo com­bi­na­to ben po­co: quel de­but­to ci avreb­be tar­pa­to le ali pri­ma an­co­ra di spic­ca­re il vo­lo. Per­ciò ci sia­mo det­ti: ab­bia­mo bi­so­gno di un grup­po». Og­gi quel grup­po è un trio al qua­le si ag­giun­ge, per i li­ve, il bat­te­ri­sta Rens Ot­tink. E Ja­mes Bag­shaw si tie­ne ben stret­ti i suoi ca­pel­lo­ni ric­ci, di cui si era in­na­mo­ra­to per pri­mo He­di Sli­ma­ne, tan­to da in­se­ri­re can­tan­te e boc­co­li in un ca­pi­to­lo del suo pro­get­to fo­to­gra­fi­co di dia­ri rock, So­nic. Ka­sa­bian, Sue­de e The Vac­ci­nes vi han­no for­tis­si­ma­men­te vo­lu­ti per apri­re i lo­ro con­cer­ti. Che ti­po di scos­sa vi da­va quel­la ri­chie­sta?

Ja­mes Bag­shaw: Non so de­fi­nir­la a pa­ro­le, ma è sta­ta una bel­la bot­ta. Sa­pe­re che do­po di te sa­li­ran­no sul pal­co del­le rock­star met­te pres­sio­ne, ed è quel­la che ti spro­na a fa­re co­se che al­tri­men­ti evi­te­re­sti. Cer­to: l’ansia non ti mol­la mai.

E ades­so che i con­cer­ti so­no so­lo vo­stri, co­me vi sen­ti­te?

Tom Warm­sley: Il pal­co è di­ven­ta­to il no­stro ha­bi­tat na­tu­ra­le, il ful­cro at­tor­no al qua­le ruo­ta il la­vo­ro. C’è una co­sa che i mu­si­ci­sti non di­co­no: le can­zo­ni si ani­ma­no nel mo­men­to in cui c’è qual­cu­no che le ascol­ta, non pri­ma. Per­ciò cer­chia­mo di ag­giun­ge­re un toc­co di­ver­so in ogni li­ve. Qual è il pez­zo che vi dà mag­gio­re sod­di­sfa­zio­ne dal vi­vo?

Bag­shaw: Ato­mi­se. In sa­la di in­ci­sio­ne fa­ce­va­mo un eser­ci­zio di im­ma­gi­na­zio­ne: co­me avreb­be suo­na­to in con­cer­to? È il no­stro bra­no più hea­vy e la sua ener­gia de­to­na at­tra­ver­so le cas­se po­ten­ti.

Warm­sley: Ne ho un pa­io. You’re Ei­ther on So­me­thing con il suo pop al­la Bea­tles e Step Do­wn, la no­stra ver­sio­ne del glam per ec­cel­len­za; quel­lo de­gli Sla­de, dei T. Rex e di Da­vid Bo­wie.

Do­po Sun Struc­tu­res e Vol­ca­no ar­ri­va il ter­zo al­bum, Hot Mo­tion. Una pa­ro­la per de­scri­ver­lo?

Warm­sley: De­vo usar­ne due. La pri­ma è “fi­glio”: ab­bia­mo con­ce­pi­to l’al­bum in no­ve me­si, e quin­di è il no­stro bam­bi­no. La se­con­da è “egoi­smo”: l’ab­bia­mo rea­liz­za­to in­nan­zi­tut­to per noi, di te­sta no­stra, sen­za scen­de­re a com­pro­mes­si, ed è usci­to esat­ta­men­te co­me lo vo­le­va­mo. Pa­zien­za se pia­ce­rà me­no dei pre­ce­den­ti: ci in­te­res­sa es­se­re fe­de­li, ma a noi stes­si.

«I TA­LENT? UN MU­SI­CI­STA DO­VREB­BE COM­PE­TE­RE SO­LO CON SE STES­SO»

Bag­shaw: Io scel­go “raz­zo”. Non sia­mo mai an­da­ti tan­to ve­lo­ci. È sta­to me­ri­to, an­che, del­lo spa­zio: pri­ma do­ve­va­mo far­ci ba­sta­re una stan­za in cui ci toc­ca­va spo­sta­re il di­va­no per mon­ta­re la bat­te­ria; ora ab­bia­mo me­tra­tu­ra a suf­fi­cien­za per ap­pog­gia­re tut­ti gli stru­men­ti. Ri­sul­ta­to: le un­di­ci trac­ce so­no sta­te pron­te in quat­tro set­ti­ma­ne.

Do­ve ave­te re­gi­stra­to?

Bag­shaw: Sem­pre a Ket­te­ring, la no­stra cit­tà, nel so­li­to ga­ra­ge umi­do e fred­do di ca­sa do­ve, ades­so, ho ri­ca­va­to uno stu­dio nuo­vo di zec­ca. È un edi­fi­cio del Set­te­cen­to, con i suoi di­fet­ti: man­ca­no an­co­ra i bat­ti­sco­pa e al­tre ri­fi­ni­tu­re, ma il tut­to fun­zio­na già a pie­no re­gi­me.

Quan­do non vi chiu­de­te là den­tro, co­sa fa­te?

Bag­shaw: Io col­le­zio­no chi­tar­re, che al­ter­no nei no­stri di­schi. Ognu­na crea un suo­no uni­co e può cam­bia­re un riff. So­no un bri­co­leur: so­no io che ho ri­fat­to il pa­vi­men­to del­lo stu­dio. E poi esco con il ca­ne: nien­te mi ri­ge­ne­ra più del­le no­stre lun­ghe pas­seg­gia­te in cam­pa­gna. Warm­sley: Ca­vo­lo, a me re­sta di par­la­re del pub: sia­mo ami­ci e ci ve­dia­mo an­che lì... Ave­va­te qual­che piano B per fa­re al­tro nel­la vi­ta?

Bag­shaw: Il re­gi­sta. Aspet­to l’in­tui­zio­ne buo­na per un film. Nel frat­tem­po, vorrei scri­ve­re una co­lon­na so­no­ra per il ci­ne­ma.

Chis­s­sà non ar­ri­vi l’oc­ca­sio­ne giu­sta. Da sco­no­sciu­ti, ave­te mai pen­sa­to di par­te­ci­pa­re a un ta­lent show? Warm­sley: Nem­me­no nel peg­gio­re dei no­stri in­cu­bi. È in­quie­tan­te, que­sta co­sa del­le ga­re tra ar­ti­sti: un mu­si­ci­sta do­vreb­be es­se­re in com­pe­ti­zio­ne so­lo con se stes­so. E la fa­ma ful­mi­nea ci sem­bra fuo­ri luo­go: la gio­ia di que­sto me­stie­re sta nel­la ga­vet­ta, nel­le pic­co­le sod­di­sfa­zio­ni che ti pren­di pas­so do­po pas­so.

La più gran­de che vi sie­te tol­ti? Warm­sley: In­con­tra­re Ro­bert Wyatt, il no­stro eroe. Con i Soft Ma­chi­ne ha in­ven­ta­to il rock psi­che­de­li­co al qua­le ci ispi­ria­mo. Quan­do ci ha in­vi­ta­ti a suo­na­re in­sie­me e ab­bia­mo ri­ce­vu­to una sua let­te­ra di com­pli­men­ti, cre­de­va­mo che l’aves­se man­da­ta al de­sti­na­ta­rio sba­glia­to. Bag­shaw: Ho com­pra­to un’au­to. Non ne ave­vo mai avu­ta una so­lo mia: la con­di­vi­de­vo con la mia fi­dan­za­ta. E che au­to: una Trium­ph bian­ca de­cap­pot­ta­bi­le del 1973. Gui­dar­la è da gan­zi: par­to sen­za me­ta, mi go­do in pa­ce il pae­sag­gio e cer­co qual­che lo­ca­le ca­ri­no in mez­zo al nul­la.

Sie­te già al pun­to di do­ver scap­pa­re dai fan?

Bag­shaw: Ma no, la no­stra vi­ta non è cam­bia­ta di una vir­go­la. Warm­sley: Una dif­fe­ren­za c’è: nes­su­no mi sfot­te più per co­me mi ve­sto.

E cioè?

Warm­sley: Co­me mi ve­de­te nei vi­deo o sul pal­co. Giub­bet­ti di vel­lu­to, gi­let di ma­glia, jeans a zam­pa o su­per skin­ny. Gli An­ni Set­tan­ta so­no il no­stro uni­ver­so di ri­fe­ri­men­to: i ric­ci di Ja­mes so­no gli stes­si del Marc Bo­lan con i T. Rex e del Ro­bert Plant che suo­na con i Led Zep­pe­lin.

Co­sa rac­con­ta que­sto in­sie­me, di voi? Warm­sley: Che met­tia­mo la no­stra estetica al servizio del­la no­stra mu­si­ca. Ma è que­st’ul­ti­ma che, al­la fi­ne, ar­ri­va drit­ta al cuo­re e par­la al­lo spi­ri­to. Ec­co per­ché ci chia­mia­mo Temples: un luo­go mi­sti­co, do­ve si rac­co­glie l’es­sen­za dell’es­se­re uma­no.

«RO­BERT WYATT CI HA IN­VI­TA­TO A SUO­NA­RE: CHE AB­BIA SBA­GLIA­TO DE­STI­NA­TA­RIO?»

I Temples so­no, da si­ni­stra: Tom Warm­sley, bas­so, Ja­mes Bag­shaw, front­man e chi­tar­ra, e Adam Smi­th, chi­tar­ra rit­mi­ca e ta­stie­re

La band suo­ne­rà il 23 no­vem­bre al Lo­co­mo­tiv Club di Bo­lo­gna e il 24 al Cir­co­lo Ma­gno­lia di Mi­la­no

Hot Mo­tion, usci­to a fi­ne set­tem­bre, è il ter­zo al­bum dei Temples, pre­ce­du­to da Sun Struc­tu­res del 2014 e Vol­ca­no del 2017

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.