PU­LI­RE L’EVE­RE­ST

La sfi­da di uno sher­pa ne­pa­le­se: eli­mi­na­re i ri­fiu­ti dal­la mon­ta­gna

GQ (Italy) - - GQ PER GORE-TEX - Te­sto di PAO­LA MON­TA­NA­RO

La pri­ma vol­ta che Da­wa Ste­ven Sher­pa è sa­li­to sul­la ci­ma del Mon­te Eve­re­st ave­va 22 an­ni. Una co­sa nor­ma­le se na­sci in Ne­pal da una fa­mi­glia di sca­la­to­ri e tuo pa­dre è uno sher­pa. «È sta­ta un’espe­rien­za emo­zio­nan­te, ave­vo gli oc­chi pie­ni di la­cri­me», rac­con­ta. «Ho chia­ma­to pa­pà con il te­le­fo­no sa­tel­li­ta­re, gli ho det­to per scher­zo che non riu­sci­vo più a sa­li­re. Lui si è al­lar­ma­to. Gli ho ri­spo­sto che, no, ero già ar­ri­va­to in ci­ma! All’epo­ca gui­da­vo già un grup­po di per­so­ne, e lì ho ca­pi­to che la ve­ra fe­li­ci­tà non la rag­giun­gi in vet­ta, ma quan­do rie­sci a ri­por­ta­re in­die­tro le per­so­ne del tuo grup­po sa­ne e sal­ve».

Da al­lo­ra, Da­wa è sa­li­to sul Mon­te Eve­re­st al­me­no al­tre tre vol­te fi­no in ci­ma e ha or­ga­niz­za­to una doz­zi­na di spedizioni, ma con oc­chi di­ver­si. «Du­ran­te la mia pri­ma sca­la­ta, nel 2007, so­no ri­ma­sto scon­cer­ta­to di fron­te al­la quan­ti­tà di ri­fiu­ti ab­ban­do­na­ti, co­sì l’an­no se­guen­te ho or­ga­niz­za­to una cam­pa­gna di pu­li­zia, che fi­no­ra ha rac­col­to ol­tre 19,5 ton­nel­la­te di im­mon­di­zia». Lea­der del­le Eco Eve­re­st Ex­pe­di­tion e Ceo di Asian Trek­king, Da­wa Ste­ven Sher­pa gui­da un team di sca­la­to­ri nel pro­get­to Peak Ou­tlook, spon­so­riz­za­to dal mar­chio sviz­ze­ro di lus­so Bal­ly, che con quel­le mon­ta­gne ha un le­ga­me: Ten­zing Nor­gay, il pri­mo sher­pa a rag­giun­ge­re la vet­ta dell’eve­re­st nel 1953 con Sir Ed­mund Hil­la­ry, in­dos­sa­va pro­prio un pa­io di sti­va­li fir­ma­ti Bal­ly.

L’al­pi­ni­smo non pro­fes­sio­ni­sti­co e fuo­ri con­trol­lo mi­nac­cia l’eco­si­ste­ma del­la zo­na... Il Ne­pal non ha in­du­strie, il go­ver­no cer­ca di in­cre­men­ta­re quel­lo che per il Pae­se rap­pre­sen­ta una for­ma di tu­ri­smo e di pro­fit­to. Ma ci vuo­le un giu­sto equi­li­brio: se da una par­te si pro­muo­ve la sa­li­ta sull’eve­re­st per­ché que­sto crea po­sti di la­vo­ro, dall’al­tra si de­ve te­ne­re con­to del­le con­se­guen­ze e dell’im­pat­to am­bien­ta­le.

Co­sa spin­ge gli uo­mi­ni a com­pie­re que­ste im­pre­se estre­me?

Ognu­no ha un obiet­ti­vo nel­la vi­ta, c’è chi vuo­le una fa­mi­glia e chi vuo­le sa­li­re sull’eve­re­st. Nel ca­so del­la mon­ta­gna non è per for­za una que­stio­ne di adre­na­li­na o di sa­li­re a tut­ti i co­sti sul­la ci­ma, ma di riap­pro­priar­si del­la sem­pli­ci­tà del­la vi­ta, del­la se­re­ni­tà del­la mon­ta­gna, un mo­do per scap­pa­re dal­la fre­ne­sia del­la cit­tà, di com­pren­de­re che non esi­ste so­lo il pro­prio pic­co­lo mon­do, ma che il mon­do è mol­to più gran­de e ha tan­to al­tro da of­fri­re.

E co­sa suc­ce­de all’or­ga­ni­smo?

Sul­la ci­ma dell’eve­re­st c’è un ter­zo dell’os­si­ge­no ri­spet­to al li­vel­lo del ma­re, il che può ave­re di­ver­se con­se­guen­ze. Per esem­pio, pos­so­no fuo­riu­sci­re flui­di da­gli or­ga­ni in­ter­ni. La buo­na no­ti­zia è che sa­len­do len­ta­men­te il cor­po si adat­ta. Il mo­do si­cu­ro per af­fron­ta­re l’asce­sa è 300 me­tri di sa­li­ta al gior­no, e un gior­no di ri­po­so ogni 1.000 me­tri.

Chi è in gra­do di af­fron­ta­re l’eve­re­st? Ci so­no per­so­ne con tan­ti sol­di, ma nes­su­na pre­pa­ra­zio­ne. Quan­do le com­pa­gnie che or­ga­niz­za­no le spedizioni so­no se­rie e af­fi­da­bi­li ri­chie­do­no una se­rie di in­for­ma­zio­ni al­le per­so­ne che vo­glio­no com­pie­re l’im­pre­sa e fan­no una se­le­zio­ne. Ar­ri­va­no an­che atle­ti non pro­fes­sio­ni­sti fi­si­ca­men­te mol­to pre­pa­ra­ti, ma che non so­no pron­ti a li­vel­lo psi­co­lo­gi­co: nei pri­mi gior­ni di cam­mi­no cer­chia­mo di ca­pi­re se sa­ran­no in gra­do di com­pie­re l’im­pre­sa. Per­ché i pri­mi gior­ni so­no fon­da­men­ta­li af­fin­ché la gen­te fa­mi­lia­riz­zi con la mon­ta­gna.

Co­sa le ha in­se­gna­to la mon­ta­gna?

Due gran­di lezioni di vi­ta. La pri­ma è che las­sù ca­pi­sci quan­to po­co ser­va per es­se­re fe­li­ci, per­ché quan­do rie­sci a sta­bi­li­re una con­nes­sio­ne con la na­tu­ra ti sen­ti to­tal­men­te ap­pa­ga­to. La se­con­da: qua­lun­que co­sa tu vo­glia rag­giun­ge­re nel­la vi­ta, ri­chie­de uno sfor­zo.

Da­wa Ste­ven Sher­pa, 35 an­ni, sul Mon­te Eve­re­st: gui­da un team di sca­la­to­ri nel pro­get­to Peak Ou­tlook per ripulire la mon­ta­gna spon­so­riz­za­to dal brand di lus­so Bal­ly. Sot­to, il cam­po ba­se a 5.303 me­tri di al­ti­tu­di­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.