SA­LI­TE E DI­SCE­SE DI PRE­CI­SIO­NE

L’in­ven­zio­ne del free­ri­der: gli scar­po­ni a due di­re­zio­ni

GQ (Italy) - - SPORT - Te­sto di LU­CIA GAL­LI

Sa­li­re o scen­de­re? Que­sto non è più il pro­ble­ma. Am­le­to cal­za boo­ts da scial­pi­ni­smo e sta co­mo­do sia in sa­li­ta che in di­sce­sa: co­sì il suo dub­bio scom­pa­re. Met­te­te­vi nei suoi pan­ni, an­zi nei suoi scar­po­ni. Se so­no Dy­na­fit si può star cer­ti che con­ten­ga­no co­sì tan­ta pas­sio­ne, ri­cer­ca e tec­no­lo­gia da aver fat­to la sto­ria del­lo skialp, al ca­pi­to­lo leg­ge­rez­za. In prin­ci­pio fu l’azien­da del “leo­par­do del­le ne­vi”. Cuo­re che batte ol­tral­pe e poi si fon­de con tan­to ma­de in Ita­ly. Tren­ta­cin­que an­ni fa com­pa­io­no lo­ro, gli scar­po­ni Tour­li­te e poi Low Te­ch, l’“at­tac­chi­no”, po­co più di un pin, quel “mor­set­ti­no” in­ven­ta­to da Fri­tz Bar­thel, che fa stor­ce­re il na­so ai pu­ri­sti, «Fi­gu­ra­ti se tie­ne» e via du­bi­tan­do. Pe­rò è co­sì leg­ge­ro che tut­ti lo pro­va­no e s’in­na­mo­ra­no di quel pun­ta­le del­le me­ra­vi­glie e di quel­la tal­lo­nie­ra co­sì mi­nu­ta e pu­re co­sì af­fi­da­bi­le. Die­ci an­ni fa ci si met­te lui: Eric Hjorleifso­n, ca­na­de­se, free­ri­der dal­le pie­ghe ver­ti­gi­no­se e dai so­gni gran­di. Da­te­gli due pun­ti per re­sta­re at­tac­ca­to al­lo sci: sfor­zo, tor­sio­ne, lui vo­la “pin” ai pie­di.

I suoi scar­po­ni? Co­me di­ce la can­zo­ne The­se boo­ts are ma­de for wal­king, ma lui pen­sa an­che al­la di­sce­sa, con la vo­glia di fa­re me­glio di ie­ri e di ri­flet­te­re sul­lo scar­po­ne di og­gi, an­zi Ho­ji: un gio­co di pa­ro­le che in ita­lia­no suo­na be­nis­si­mo e che Eric tie­ne a bat­te­si­mo, de­cli­nan­do il no­me e il fu­tu­ro del­lo ski­mo dal suo co­gno­me, in­sie­me al team Dy­na­fit. «Il se­gre­to? Sem­pli­ce: è uno scar­po­ne pro­get­ta­to da scia­to­ri per al­tri scia­to­ri». La fa­mi­glia di scar­po­ni Ho­ji, pen­sa­ti fin dal 2014 e su­bi­to plu­ri­pre­mia­ti, sa co­niu­ga­re gli op­po­sti: asce­sa e di­sce­sa, free­ri­de e scial­pi­ni­smo, comfort e per­for­man­ce. «Di so­li­to uno scar­po­ne na­sce per an­da­re in su o in giù: per 25 an­ni ho fat­to so­lo sci al­pi­no, e per al­tri 10 di free­ri­de usa­vo scar­po­ni da ga­ra per ave­re un’al­ta re­sa in di­sce­sa», ri­cor­da lui. «Poi mi so­no mes­so a stu­dia­re qua­le po­tes­se es­se­re la migliore con­nes­sio­ne fra que­ste due ani­me», to­glien­do ogni at­tri­to in sa­li­ta e dan­do, poi, sta­bi­li­tà in di­sce­sa. A un mee­ting Dy­na­fit co­no­sce Fri­tz, gli par­la del­la sua vo­glia di la­vo­ra­re ai pro­to­ti­pi. Fi­ni­sce che

Eric an­nul­la il vo­lo di ri­tor­no e in tre set­ti­ma­ne co­min­cia l’av­ven­tu­ra che por­ta al­le pri­me tre ge­ne­ra­zio­ni dell’ho­ji pro­ject: «L’ul­ti­mo pro­to­ti­po re­si­ste­va un centinaio di gior­ni ai no­stri te­st». È la svol­ta che por­ta, nel 2018, al pri­mo mo­del­lo Ho­ji Pro Tour che que­st’an­no si com­ple­ta, com­pre­so il “Pu” adat­to agli ab­so­lu­te be­gin­ners, an­che nel prez­zo (490 eu­ro).

Og­gi la fa­mi­glia Ho­ji ha una re­sa pa­ri a quel­la di un buon scar­po­ne da di­sce­sa, ri­gi­do ma dal cuo­re te­ne­ro per quan­do si spin­ge e si fa­ti­ca a pelli (di fo­ca) in su. Un tem­po, giun­ti in ci­ma, ci si la­gna­va: «Se aves­si i miei scar­po­ni da di­sce­sa...». Ora ci si piega ap­pe­na, si fa uno swit­ch e la cur­va è ser­vi­ta. «Ab­bia­mo la­vo­ra­to an­che sul pro­ces­so di tran­si­zio­ne da sa­li­ta a di­sce­sa», ri­cor­da Eric. «In­cre­di­bil­men­te era un aspet­to che si cu­ra­va già nei mo­del­li ran­don­né, ma non in quel­li clas­si­ci da ski tou­ring». Vo­lu­mi in­ter­ni ri­dot­ti in al­cu­ni pun­ti del gu­scio, pla­sti­che più ri­gi­de, mi­glior dia­lo­go fra sca­fo e gam­bet­to e semplifica­zione del pas­sag­gio dal­la po­si­zio­ne di cam­mi­na­ta a quel­la di scia­ta: ora la sfi­da guar­da al free­ri­de con un sistema, il mul­ti norm com­pa­ti­ble so­le, che per­met­te di ag­gan­ciar­si agli at­tac­chi Hybrid Al­pi­ne Te­ch. «E il fu­tu­ro sa­rà sem­pre più ibri­do, fra il set­to­re free­ri­de e quel­lo tou­ring», an­ti­ci­pa Mi­ster Ho­ji. «Il no­stro pro­dot­to è an­co­ra trop­po pe­san­te nel mer­ca­to clas­si­co eu­ro­peo del­lo ski tou­ring. Quin­di la­vo­re­re­mo an­che per li­ma­re il pe­so, sen­za pe­rò com­pro­met­te­re la sta­bi­li­tà in di­sce­sa: il gros­so del­la ri­cer­ca va fat­to nel­la scar­pet­ta in­ter­na che non de­ve ce­de­re, ma de­cli­nar­si sem­pre me­glio al­la ri­gi­di­tà del gu­scio ester­no». Tut­to fu­tu­ri­bi­le, an­che se poi Eric lo am­met­te: il non­no ti di­ce sem­pre che un bra­vo scia­to­re sa scen­de­re con qua­lun­que at­trez­zo. Ep­pu­re il “pa­pà” di Ho­ji sen­te di far par­te di una ri­vo­lu­zio­ne, per­ché tec­no­lo­gia e progresso su­gli sci non si ap­pli­ca­no più so­lo all’al­to li­vel­lo, ma an­che a be­ne­fi­cio dei prin­ci­pian­ti «per cui lo sci di­vie­ne mol­to più in­tui­ti­vo». Co­me si fa ca­pir­lo? «Guar­da­te­vi un film di sci de­gli An­ni 90», di­ce lui, ac­ca­rez­zan­do col pen­sie­ro l’ho­ji e il do­ma­ni del­lo skialp.

Il free­ri­der ca­na­de­se Eric Hjorleifso­n, 36 an­ni. Nell’al­tra pa­gi­ne, du­ran­te la la­vo­ra­zio­ne de­gli scar­po­ni Dy­na­fit

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.