L’ISO­LA CHE NON C’È

GQ (Italy) - - STORIE - Te­sto di ALE­XAN­DER FURY

Do­po aver gui­da­to per do­di­ci an­ni Gi­ven­chy, la più fran­ce­se tra le mai­son di mo­da, l’ita­lia­nis­si­mo RIC­CAR­DO TI­SCI ha at­tra­ver­sa­to la Manica per di­ven­ta­re di­ret­to­re crea­ti­vo di Burberry, il brand bri­tan­ni­co per ec­cel­len­za. Co­sì, il pio­nie­re del gen­der­less si tro­va ades­so di fron­te a una dop­pia sfi­da: co­glie­re la nuo­va es­sen­za di un Pae­se di­vi­so, non so­lo dal­la Bre­xit, e re­cu­pe­rar­ne la «splen­di­da» dua­li­tà sto­ri­ca. Quel­la che in pas­sa­to è riu­sci­ta a te­ne­re in­sie­me per­fi­no il punk e la mo­nar­chia

Quan­do nel mar­zo 2018 si è sa­pu­to che lo sti­li­sta Ric­car­do Ti­sci era sta­to no­mi­na­to di­ret­to­re crea­ti­vo di Burberry, qual­che so­prac­ci­glio si è sol­le­va­to. I dub­bi ver­te­va­no sul fat­to che Ti­sci non fos­se bri­tan­ni­co: è in­fat­ti ita­lia­nis­si­mo, na­to nel 1974 a Ta­ran­to e poi e cre­sciu­to a Cer­me­na­te, in pro­vin­cia di Co­mo, e si è fat­to co­no­sce­re nei do­di­ci an­ni in cui ha la­vo­ra­to per Gi­ven­chy, la più sfar­zo­sa e ari­sto­cra­ti­ca tra le ca­se di mo­da fran­ce­si, do­ve era uno dei ra­ri sti­li­sti a oc­cu­par­si di hau­te cou­tu­re of­fren­do al con­tem­po un prêt-à-por­ter che am­mic­ca­va all’al­ta mo­da. Per la don­na e, ina­spet­ta­ta­men­te, an­che per l’uo­mo. Di­mo­stran­do una no­te­vo­le ri­stret­tez­za di ve­du­te, mol­ti com­men­ta­to­ri non han­no ca­pi­to che Ric­car­do Ti­sci sa­reb­be sta­to ca­pa­ce, da un la­to, di in­ter­pre­ta­re l’es­sen­za del­la bri­tan­ni­ci­tà in­si­ta in Burberry e, dall’al­tro, di com­pren­de­re le com­ples­si­tà del­la so­cie­tà. «Non so­no bri­tan­ni­co, ov­vio», di­ce lui. «Ma ho vis­su­to qui da gio­va­ne. Qui ho stu­dia­to. Mi so­no lau­rea­to. Nu­tro un’im­men­sa gra­ti­tu­di­ne per l’in­ghil­ter­ra, per­ché ha fat­to di me quel­lo che so­no». Pau­sa. «D’altra par­te, pe­rò, og­gi co­sa si­gni­fi­ca es­se­re bri­tan­ni­ci?». Una do­man­da at­tua­le. «In que­sto mo­men­to, dell’in­ghil­ter­ra mi in­te­res­sa­no an­zi­tut­to i cam­bia­men­ti cul­tu­ra­li, in­dot­ti dal­la Bre­xit e non so­lo», spie­ga. È cau­to e mi­su­ra­to co­me tut­ti quel­li che – spe­cie nel mon­do del­la mo­da – de­vo­no pro­nun­ciar­si sul­la que­stio­ne. Le sue fol­te so­prac­ci­glia ne­re si ag­grot­ta­no spes­so. «Mi in­te­res­sa­no i mo­di in cui sta evol­ven­do l’idea del­la bri­tan­ni­ci­tà».

Burberry è par­te in­te­gran­te dell’iden­ti­tà na­zio­na­le, con il Royal War­rant, i tren­ch e il mo­ti­vo a scac­chi con­di­vi­so da tut­ti gli stra­ti del­la so­cie­tà fin da quan­do Tho­mas Burberry la fon­dò, ven­tu­nen­ne, nel 1856. E Ti­sci ave­va già in pre­ce­den­za un le­ga­me con la bri­tan­ni­ci­tà: è ar­ri­va­to per la pri­ma vol­ta in In­ghil­ter­ra nel 1991, a di­cias­set­te an­ni, e ha poi stu­dia­to al­la Central Saint Mar­tins. I suoi la­vo­ri so­no im­pron­ta­ti da uno spi­ri­to ri­bel­le spes­so iden­ti­fi­ca­to co­me “ti­pi­ca­men­te in­gle­se”, na­to dal punk e dall’ope­ra ri­vo­lu­zio­na­ria di Mal­colm Mcla­ren e di Vi­vien­ne We­st­wood, che è sta­ta la pri­ma per­so­na con cui Ric­car­do Ti­sci ha scel­to di col­la­bo­ra

re ap­pro­dan­do da Burberry, con una cap­su­le col­lec­tion che ri­pro­po­ne­va i suoi più gran­di suc­ces­si de­gli An­ni 90, da lui co­no­sciu­ti e tut­to­ra ama­ti.

Ti­sci non sem­bra tur­ba­to dai dub­bi na­zio­na­li­sti­ci. «Nel­la mag­gior par­te dei ca­si la gen­te non cre­de che io sia ita­lia­no», rac­con­ta. «Qual­cu­no mi ha pre­so per bel­ga, per­ché so­no scu­ro, o per fran­ce­se; al­tri, più ge­ne­ri­ca­men­te, per la­ti­no. Ma per ita­lia­no qua­si mai». In real­tà – ben­ché sia su­ben­tra­to a Ch­ri­sto­pher Bai­ley, in­gle­se del­lo York­shi­re, nel ruo­lo di di­ret­to­re crea­ti­vo di Burberry – l’azien­da ha avu­to pri­ma di lui un al­tro ita­lia­no al­le sue di­pen­den­ze: Ro­ber­to Me­ni­chet­ti, na­to in Ame­ri­ca, ha di­se­gna­to per Burberry dal 1998 al 2001, fir­man­do il pri­mo gran­de re­vi­val dell’eti­chet­ta, il cui ze­nit è coin­ci­so con le foto scattate nel 2002 dai pa­pa­raz­zi all’at­tri­ce Dan­niel­la West­brook, ve­sti­ta in tar­tan da ca­po a pie­di, con pas­seg­gi­no as­sor­ti­to. Im­me­dia­ta­men­te as­so­cia­ti a un con­tro­ver­so epi­te­to – chav (a gran­di li­nee, roz­zi) – gli scac­chi di Burberry so­no da quel mo­men­to scom­par­si, per al­cu­ni an­ni, dal­le col­le­zio­ni del­la ca­sa. Mol­ti ri­te­ne­va­no ne­ga­ti­va que­sta as­so­cia­zio­ne, ma in real­tà era la con­fer­ma del­la forza di Burberry: un no­me e uno sti­le la cui ri­so­nan­za e il cui ri­chia­mo van­no ben al di là dell’am­bi­to del­la mo­da. E pro­prio que­sto è uno dei fat­to­ri che han­no at­trat­to Ti­sci da Burberry.

Lo sti­li­sta ave­va de­ci­so di pren­der­si un an­no sab­ba­ti­co do­po es­se­re sta­to uno dei di­ret­to­ri ar­ti­sti­ci con più an­ni di ser­vi­zio con­se­cu­ti­vi in una ca­sa di mo­da con­tem­po­ra­nea: nes­sun ca­pric­cio, nes­sun dram­ma, un sem­pli­ce ta­glio net­to. «La mo­da cor­re ve­lo­ce, mol­to più ve­lo­ce di pri­ma. Mi so­no pre­so del tem­po per pen­sar­ci su», spie­ga. «Poi, pe­rò, mi ha chia­ma­to Burberry». Nel frat­tem­po gli era­no sta­ti of­fer­ti nu­me­ro­si al­tri in­ca­ri­chi, «tut­ti ec­ce­zio­na­li». Ma la sua scel­ta de­fi­ni­ti­va si è ba­sa­ta su al­cu­ne ra­gio­ni fon­da­men­ta­li: «Mi af­fa­sci­na­no le ca­se di mo­da che fan­no par­te del­la cul­tu­ra di un Pae­se. Mi ha af­fa­sci­na­to l’idea di fa­re non so­lo mo­da, ma an­che li­fe­sty­le. Burberry è in­fat­ti un im­pe­ro che non si esau­ri­sce nel tren­ch e nel mo­ti­vo a scac­chi. La gio­va­ne ge­ne­ra­zio­ne ac­qui­sta per­lo­più co­se do­ta­te di al­lu­re, vuo­le com­pra­re un so­gno».

La sua sfi­la­ta per la col­le­zio­ne au­tun­no/ in­ver­no 2019 è sta­ta da lui in­ti­to­la­ta Tem­pe­sta, con ri­fe­ri­men­to ai con­tra­sti che og­gi se­gna­no la cul­tu­ra bri­tan­ni­ca, ma an­che al cli­ma, ti­pi­co ar­go­men­to di di­scus­sio­ne in Gran Bre­ta­gna. Il te­ma per al­tro non è fuo­ri luo­go in una sfi­la­ta in cui gli uo­mi­ni in­dos­sa­no im­per­mea­bi­li so­pra giac­che di piumino, me­sco­la­ti a ra­gaz­zi di cit­tà in ele­gan­ti com­ple­ti dal­le ca­ra­mel­la­te com­bi­na­zio­ni to­na­li del bei­ge Burberry. C’era per­fi­no un som­mes­so re­vi­val del cri­ti­ca­tis­si­mo di­se­gno a scac­chi con pro­fi­lo ros­so: il pas­sa­to e il pre­sen­te di Burberry si fon­de­va­no per dar vi­ta al fu­tu­ro del brand.

Un al­tro mo­ti­vo che ha spin­to Ric­car­do Ti­sci ver­so Burberry è l’am­mi­ni­stra­to­re

de­le­ga­to, Mar­co Gob­bet­ti. Una que­stio­ne che me­ri­ta di es­se­re ap­pro­fon­di­ta: gli sti­li­sti, in­fat­ti, rac­con­ta­no spes­so di es­se­re in­te­res­sa­ti al po­si­zio­na­men­to del mar­chio nel­la co­scien­za col­let­ti­va, e al­la pos­si­bi­li­tà di da­re la pro­pria im­pron­ta a que­sto uni­ver­so. Ma ra­ra­men­te ti­ra­no in bal­lo l’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to, che an­zi spes­so è vi­sto co­me una con­tro­par­te. Per­si­no Pier­re Ber­gé, com­pa­gno di vi­ta di Yves Saint Lau­rent, che di­res­se la sua ca­sa di mo­da dal 1961 fi­no al suo ri­ti­ro nel 2002, ave­va una re­la­zio­ne tem­pe­sto­sa con il pro­prio re­spon­sa­bi­le crea­ti­vo. La sin­to­nia tra Ti­sci e Gob­bet­ti in­ve­ce è sta­ta, per lun­go tem­po, un ca­so qua­si uni­co nel cam­po del­la mo­da. I due si so­no co­no­sciu­ti nel feb­bra­io 2005, quan­do Gob­bet­ti era Ceo di Gi­ven­chy, e Ti­sci pre­sen­ta­va a Milano la sua col­le­zio­ne don­na. In quel mo­men­to la mai­son era pri­va di un di­ret­to­re ar­ti­sti­co, an­che se c’era­no di­ver­si sti­li­sti in corsa per l’in­ca­ri­co. Gob­bet­ti scom­mi­se su uno sco­no­sciu­to. «Ha cor­so un ri­schio, of­fren­do­mi una gran­de op­por­tu­ni­tà», rac­con­ta Ric­car­do

Ti­sci. «An­che se a quei tem­pi ero mol­to punk. Non mi in­te­res­sa­va di­ri­ge­re Gi­ven­chy. L’ho fat­to per ra­gio­ni fi­nan­zia­rie», am­met­te.

Na­to in una fa­mi­glia pro­le­ta­ria di ori­gi­ni me­ri­dio­na­li, emigrata al nord ne­gli An­ni 70, ha per­so il pa­dre nel 1978 e lui, sua ma­dre e le ot­to so­rel­le mag­gio­ri si so­no tro­va­ti in con­di­zio­ni eco­no­mi­che pre­ca­rie. Tem­po fa, Ric­car­do Ti­sci ha di­chia­ra­to di aver ac­cet­ta­to il la­vo­ro da Gi­ven­chy pro­prio per po­ter com­pra­re una ca­sa al­la ma­dre. «Poi, pe­rò, ho ca­pi­to che l’uo­mo che ave­vo da­van­ti era co­me il pa­dre che non ave­vo mai avu­to», con­fes­sa. Il ma­tri­mo­nio fe­li­ce tra sti­li­sta e am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to, nel frat­tem­po, è di­ven­ta­to un clas­si­co nel set­to­re del­la mo­da, con cop­pie crea­ti­ve e com­mer­cia­li sul­la stessa lun­ghez­za d’on­da, co­me Ales­san­dro Mi­che­le e Mar­co Bizzarri da Guc­ci, o An­tho­ny Vaccarello e Fran­ce­sca Bel­let­ti­ni da Saint Lau­rent. Quel­la di Ti­sci e Gob­bet­ti pe­rò è un’altra sto­ria, ric­ca di ca­ri­co emo­ti­vo, che va al di là de­gli affari e del­la mo­da.

Il ter­mi­ne “emozione” vie­ne spes­so as­so­cia­to ai suoi la­vo­ri. In pas­sa­to ha crea­to ca­pi che la­scia­va­no tra­spa­ri­re la sua edu­ca­zio­ne cat­to­li­ca, ca­ri­chi di mi­ste­ro e di ma­lin­co­nia. Ep­pu­re, di per­so­na è so­cie­vo­le, sor­ri­den­te, ca­lo­ro­so. È en­tu­sia­sta dell’oc­ca­sio­ne of­fer­ta da Burberry, del­la va­sti­tà del suo nuo­vo cam­po d’azio­ne, dell’op­por­tu­ni­tà di ve­sti­re il mon­do, non so­lo la Gran Bre­ta­gna, con la sua idea di bri­tan­ni­ci­tà. Il suo en­tu­sia­smo è evi­den­te, nel­le ul­ti­me sfi­la­te di Burberry. Me

sco­lan­do ab­bi­glia­men­to ma­schi­le e femminile, que­sti even­ti fi­ni­sco­no per fa­re l’ef­fet­to non di due, ma di quat­tro sfi­la­te in una, con una gran pro­fu­sio­ne di idee. In con­tra­sto con lo ste­reo­ti­po del­lo sti­li­sta ge­nia­le che si ma­ce­ra nel­la sua tor­re d’avo­rio in at­te­sa che gli ad­det­ti al bu­si­ness ren­da­no eco­no­mi­ca­men­te giu­sti­zia al­le sue in­ven­zio­ni, Ti­sci è pro­fon­da­men­te im­mer­so nel­la di­men­sio­ne com­mer­cia­le di Burberry. For­se an­che per il suo rap­por­to con Gob­bet­ti, o per in­do­le: gli in­te­res­sa sa­pe­re co­sa vie­ne com­pra­to, co­me e per­ché. Per­ché lui se ne in­ten­de.

A Londra, po­chi gior­ni pri­ma del­la sfi­la­ta Burberry pri­ma­ve­ra/esta­te 2020, la ter­za da lui cu­ra­ta, era eu­fo­ri­co. «Que­sta sta­gio­ne sa­rà un’espe­rien­za elet­triz­zan­te: so­no fi­du­cio­so co­me non mai. La col­le­zio­ne sa­rà mol­to più sensuale e romantica, ma sen­za tra­scu­ra­re il la­to bri­ti­sh. L’obiet­ti­vo è sem­pre quel­lo di pro­por­re co­se che ven­da­no, ma non vo­glio che Burberry di­ven­ti un brand di so­lo ca­pi ba­sic». Ti­sci non è in­te­res­sa­to so­lo al co­sa, ma an­che a co­me si ven­de: da quan­do è ar­ri­va­to lui, Burberry ha adot­ta­to un si­ste­ma di “lan­ci in­cre­men­ta­li”, ti­pi­co dell’ab­bi­glia­men­to spor­ti­vo, met­ten­do sul mer­ca­to nuo­vi pro­dot­ti il 17 di ogni me­se e ge­ne­ran­do gran­de at­te­sa tra i con­su­ma­to­ri.

La ca­pa­ci­tà di su­sci­ta­re de­si­de­rio per l’ab­bi­glia­men­to ma­schi­le è uno dei ta­len­ti che tut­ti gli ri­co­no­sco­no: da Gi­ven­chy, con il suo ab­bi­glia­men­to da uo­mo, ha cam­bia­to le re­go­le del set­to­re, in­ven­tan­do qua­si dal nul­la un’idea di iper ma­sco­li­ni­tà sen­si­bi­le al­la mo­da che è or­mai ab­ba­stan­za fa­mi­lia­re, con star del­lo sport co­me Le­bron Ja­mes, Odell Bec­kham Jr., Lewis Ha­mil­ton e Ru­ben Lof­tus-cheek, ico­ne di uno sti­le ap­pa­ri­scen­te ma vi­ri­le. Spes­so, i suoi ca­pi ab­bi­na­va­no ele­men­ti dell’ab­bi­glia­men­to spor­ti­vo a det­ta­gli d’al­ta mo­da: ri­ca­mi di per­le; piz­zi “den­tel­le” e “gui­pu­re”; bor­chie do­ra­te; mo­ti­vi flo­rea­li. Era­no look sfron­ta­ti e co­rag­gio­si che, pri­ma di Ti­sci, sem­pli­ce­men­te non esi­ste­va­no nel­la mo­da main­stream: «La ma­gliet­ta, i bo­xer, tan­to street­wear, tan­te co­se stam­pa­te, tan­to de­nim ab­bi­na­to ai leg­gings. Co­se mol­to ma­schi­li, mol­to “pa­le­stra”, mol­to la­ti­ne, per­ché per me, la par­te chic del­la fran­ce­si­tà sta nel­la sua com­mi­stio­ne con gli ele­men­ti ara­bi e afri­ca­ni». Una preferenza evi­den­te an­che nel­la scel­ta dei mo­del­li: una schie­ra di ra­gaz­zi mu­sco­lo­si, spes­so bra­si­lia­ni, co­me an­ti­do­to al­le esi­li si­lhouet­te dell’epo­ca.

Ric­car­do Ti­sci sa an­co­ra ta­glia­re un com­ple­to di clas­se, oltre a di­se­gna­re quel­lo sports­wear, ade­ren­te e si­nuo­so, ca­pa­ce di sot­to­li­nea­re la strut­tu­ra mu­sco­la­re di uo­mi­ni che han­no co­min­cia­to a ri­pren­de­re co­scien­za del pro­prio cor­po, a la­vo­rar­ci su e ad aver vo­glia di met­ter­lo in mo­stra. «È fat­to be­nis­si­mo, il com­ple­to», di­ce lui del­le nuove pro­po­ste Burberry per l’in­ver­no con giac­che mo­no­pet­to ele­gan­ti, slan­cia­te e stret­te in vi­ta, for­ma­li, ma mai an­ti­qua­te.

«Quan­do ho co­min­cia­to a la­vo­ra­re nel­la mo­da, non mi in­te­res­sa­va l’ab­bi­glia­men­to ma­schi­le», di­chia­ra. «È sta­to Mar­co a spin­ger­mi, do­po tre an­ni. Ho co­min­cia­to len­ta­men­te». Ti­sci è di una mo­de­stia sba­lor­di­ti­va quan­do par­la di suc­ces­so: a dif­fe­ren­za di quel­lo che ac­ca­de­va nel­la mag­gior par­te del­le al­tre ca­se di mo­da, orien­ta­te a sfrut­ta­re gli ac­ces­so­ri e l’ab­bi­glia­men­to da don­na co­me prin­ci­pa­li fon­ti di in­troi­ti, i ri­ca­vi di Gi­ven­chy era­no di­vi­si in par­ti qua­si ugua­li tra li­nea ma­schi­le e femminile. LV­MH, la con­glo­me­ra­ta pro­prie­ta­ria del­la mai­son, non for­ni­sce i da­ti scom­po­sti re­la­ti­vi ai brand o al­le ca­te­go­rie di pro­dot­ti. Tut­ta­via, al mo­men­to del con­ge­do di Ric­car­do Ti­sci, nel 2017, la te­sta­ta di set­to­re Wo­men’s Wear Daily ri­fe­ri­va che il fat­tu­ra­to di Gi­ven­chy si era se­stu­pli­ca­to nel pe­rio­do tra­scor­so con lui al­la sua gui­da, toc­can­do ci­fre su­pe­rio­ri al mez­zo mi­liar­do di eu­ro.

Mal­gra­do la sua ini­zia­le ri­lut­tan­za a di­se­gna­re ab­bi­glia­men­to ma­schi­le, Ti­sci ha pro­po­sto un ap­proc­cio che si è di­mo­stra­to au­da­ce, ma non pri­vo di di­stin­zio­ne. Ri­vo­lu­zio­nan­do il set­to­re. «Era un mo­men­to in cui tut­to era ma­gris­si­mo, gio­va­nis­si­mo, bel­lis­si­mo, ade­ren­tis­si­mo. Il cor­po era al cen­tro dell’at­ten­zio­ne», ri­cor­da, ri­pen­san­do ai tem­pi del­la sua pri­ma col­le­zio­ne uo­mo, nel giu­gno 2008. «Io, al­lo­ra, ho di­se­gna­to qual­co­sa che nei ne­go­zi non c’era. Og­gi si par­la aper­ta­men­te di gen­der­less, ma al­lo­ra c’era un ab­bi­glia­men­to per gay e uno per ete­ro. Al che ho pen­sa­to: “Io so­no gay, e non me ne ver­go­gno, ma amo la mo­da e mi pia­ce ve­sti­re in mo­do nor­ma­le, che la gen­te con­si­de­ra da ete­ro”. Per me era­no di­stin­zio­ni stupide, per­ciò ho co­min­cia­to a la­vo­ra­re sull’idea del co­rag­gio del­la pro­pria ses­sua­li­tà. Una don­na può in­dos­sa­re com­ple­ti da uo­mo du­ran­te il gior­no, e un uo­mo può op­ta­re per una ca­mi­cia di piz­zo: non è una que­stio­ne di look, ma di fi­du­cia in se stes­si».

Ti­sci ap­pa­re mol­to si­cu­ro di sé. È del Leo­ne, co­me Ga­briel­le Cha­nel e Yves Saint Lau­rent, con cui con­di­vi­de il pun­to di vi­sta net­to, sal­da­men­te ra­di­ca­to: di­ret­to, en­fa­ti­co e in­crol­la­bi­le. In re­tro­spet­ti­va, la pri­ma col­le­zio­ne uo­mo da lui di­se­gna­ta per Gi­ven­chy non pro­po­ne­va un “uo­mo Gi­ven­chy”, ma un “uo­mo Ti­sci”. Ep­pu­re, lo sti­le Burberry che lui in­ter­pre­ta non è in­cen­tra­to su un uo­mo: an­zi, pa­re ad­di­rit­tu­ra fuo­ri mo­da par­lar­ne, da­ta la vi­sio­ne plu­ra­le che Ti­sci col­ti­va. La sua Burberry par­la di uo­mi­ni, piut­to­sto, di com­ple­ti ele­gan­ti e di ca­pi spor­ti­vi che cam­mi­na­no gli uni ac­can­to agli al­tri. La sua Burberry è di­vi­sa in fa­sce di­stin­te, co­me la so­cie­tà bri­tan­ni­ca – la­dy e gen­tle­man, ra­gaz­za e ra­gaz­zo – an­che se poi ven­go­no pre­sen­ta­te tut­te in­sie­me, in sfi­la­te di pro­por­zio­ni epi­che, con tut­to lo sfar­zo e la so­len­ni­tà so­li­ta­men­te ri­ser­va­ti all’inau­gu­ra­zio­ne di un nuo­vo Par­la­men­to o a un ma­tri­mo­nio re­ga­le.

Non c’è nul­la di doz­zi­na­le o di ca­ri­ca­tu­ra­le in que­sto, an­zi, è in sin­to­nia con il mo­men­to at­tua­le, do­ve le per­ce­zio­ni del­la so­cie­tà si stan­no fram­men­tan­do e do­ve “bri­tan­ni­ci­tà” può si­gni­fi­ca­re mol­te co­se di­ver­se, no­no­stan­te i ten­ta­ti­vi di in­ca­sel­lar­la e di osta­co­la­re ciò che vie­ne per­ce­pi­to co­me in­tru­sio­ne dall’ester­no (o più ba­nal­men­te co­me im­mi­gra­zio­ne). La bri­tan­ni­ci­tà del­la Burberry di Ti­sci è mul­ti­cul­tu­ra­le e stra­ti­fi­ca­ta: un mul­ti­ver­so. Tie­ne in­sie­me dif­fe­ren­ti si­gni­fi­can­ti so­cioe­co­no­mi­ci e di clas­se, di­ver­se ori­gi­ni cul­tu­ra­li, e i due po­li rap­pre­sen­ta­ti dall’uo­mo e dal bam­bi­no. Si fi­ni­sce, co­sì, per ri­tro­va­re i com­ple­ti ac­can­to ai pan­ta­lo­ni cor­ti, le ma­gliet­te del­le squa­dre di cal­cio ac­can­to ai cap­pot­ti ele­gan­ti, qual­che drap­peg­gio evo­ca­ti­vo dell’ab­bi­glia­men­to me­dio­rien­ta­le – che a Londra può ca­pi­ta­re di ve­de­re dal­le par­ti di Hac­k­ney o di Whi­te­cha­pel – ac­can­to al­la sar­to­ria del We­st End. Ti­sci ha evi­ta­to, fi­no­ra, le giac­che da cac­cia al­la vol­pe e il ca­po che, al mo­men­to, sem­bra es­se­re un vez­zo, se non l’uni­for­me pre­fe­ri­ta, dal­le clas­si ab­bien­ti: i pan­ta­lo­ni ros­si. Ma for­se è so­lo que­stio­ne di tem­po. In fin dei con­ti, che ma­le c’è?

«A vol­te, quan­do ci si oc­cu­pa del­la pro­pria cul­tu­ra, si è con­di­zio­na­ti dall’espe­rien­za pri­va­ta e per­so­na­le», ra­gio­na Ti­sci, for­se per spie­ga­re per­ché, pur ve­nen­do da fuo­ri, può ave­re del­la cul­tu­ra bri­tan­ni­ca una per­ce­zio­ne più am­pia ri­spet­to a un na­ti­vo au­ten­ti­co. «Non sto di­cen­do di es­se­re la per­so­na idea­le per Burberry», ag­giun­ge, sor­ri­den­do e fa­cen­do una pau­sa, for­se per sot­to­li­nea­re che il di­ret­to­re crea­ti­vo di una del­le più gran­di ca­se di mo­da al mon­do ha ap­pe­na af­fer­ma­to di non es­se­re, for­se, la per­so­na più in­di­ca­ta per quel ruo­lo. «Per me pe­rò, ri­guar­do a Burberry, la co­sa più im­por­tan­te è che que­sto Pae­se, nel­la sua sto­ria, è il mas­si­mo rap­pre­sen­tan­te del­la dua­li­tà. Ci so­no la re­gi­na, l’ari­sto­cra­zia, la cul­tu­ra, l’ele­gan­za, la per­fe­zio­ne. Ma c’è sem­pre sta­to an­che l’al­tro la­to. Pri­ma i punk, poi gli ski­n­head. Que­sto è il bello. E que­sta è la pri­ma co­sa che vo­glio rea­liz­za­re da Burberry: un’idea di bri­tan­ni­ci­tà for­ma­ta da que­ste due iden­ti­tà for­tis­si­me. Ora vi­vo qui, so­no par­te­ci­pe di que­sta sto­ria. E la sen­to».

Ka­nye We­st, Ma­don­na e Ric­car­do Ti­sci a New York nel 2014. In al­to, la sfi­la­ta A/I 2014-2015 di Gi­ven­chy a Pa­ri­gi. Nel­la pagina ac­can­to, dall’al­to in bas­so: abi­ti e ac­ces­so­ri BURBERRY; Ti­sci tra Ste­ve e Liv Ty­ler

Ric­car­do Ti­sci con Ken­dall Jen­ner, Kourt­ney e Kim Kardashian a Pa­ri­gi nel 2016

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.