ÉTOI­LE

Per dif­fon­de­re la dan­za, ogni mez­zo è le­ci­to. An­che un fla­sh mob. RO­BER­TO BOLLE lo fa: per le stra­de, per la tolleranza, per una nuo­va bel­lez­za. Usan­do l’ele­gan­za co­me le­zio­ne di de­mo­cra­zia

GQ (Italy) - - COVER - Te­sto di LU­CA DINI Foto di ÁL­VA­RO BEAMUD CORTÉS Ser­vi­zio di NIK PIRAS

Sfi­do chiun­que a es­se­re un be­st dres­sed man in­dos­san­do una fel­pa e una tu­ta con i pie­di, ma Ro­ber­to Bolle ci rie­sce. Ac­co­vac­cia­to in un di­va­no, tra una ses­sio­ne di ri­scal­da­men­to e una pro­va, mi rac­con­ta del Dan­za con me che ha por­ta­to in pri­ma se­ra­ta su Ra­iu­no, di nuo­vo con enor­me suc­ces­so di pub­bli­co e di cri­ti­ca, per il ter­zo Ca­po­dan­no di fi­la − or­mai è un’isti­tu­zio­ne: Strauss a pran­zo, Bolle a ce­na − e ha ne­gli oc­chi tut­to l’or­go­glio del bam­bi­no che bal­la­va da­van­ti al­la si­gla di Fan­ta­sti­co in tv e «nep­pu­re nei miei so­gni più ar­di­ti» si sa­reb­be im­ma­gi­na­to di ve­der­si af­fi­da­re uno spet­ta­co­lo nel­la fa­scia ora­ria re­gi­na del­la pri­ma re­te te­le­vi­si­va ita­lia­na.

«Quan­do me l’han­no pro­po­sto ho pen­sa­to: so­no paz­zi», ri­de. «An­ni fa, la so­la idea di fa­re una gag co­mi­ca con Vir­gi­nia Raf­fae­le mi avreb­be uc­ci­so di im­ba­raz­zo. So­no un ti­mi­do e fa­ti­co a ester­na­re − non ho an­co­ra im­pa­ra­to a di­re “ti vo­glio be­ne” − ma un tem­po lo ero mol­to di più, mi pe­sa­va an­che fa­re un as­so­lo nel­la sala bal­lo con i col­le­ghi. La tv mi ha aiu­ta­to a usci­re dal­la mia com­fort zo­ne, a pren­de­re un’altra con­sa­pe­vo­lez­za di me, a su­pe­ra­re dei li­mi­ti, pe­rò è un per­cor­so che ho do­vu­to fa­re co­me per­so­na pri­ma che co­me ar­ti­sta. La mia po­ten­za espres­si­va ne­gli an­ni è cre­sciu­ta pro­prio per que­sto: so con­di­vi­de­re più con il pub­bli­co per­ché so­no cre­sciu­to io co­me uo­mo».

A 12 an­ni iscrit­to all’ac­ca­de­mia del Tea­tro al­la Scala, a 15 scel­to da Ru­dolf Nu­reyev per in­ter­pre­ta­re il Ta­d­zio di Mor­te a Ve­ne­zia (ma, con suo scon­for­to, giu­di­ca­to trop­po gio­va­ne dai pro­fes­so­ri), a 19 di­plo­ma­to e pro­fes­sio­ni­sta, a 21 no­mi­na­to pri­mo bal­le­ri­no, e qua­si su­bi­to par­ti­to al­la con­qui­sta del glo­bo, con l’ono­re sen­za pre­ce­den­ti di cu­mu­la­re al ti­to­lo di Étoi­le del­la Scala (2003) quel­lo di Prin­ci­pal Dan­cer dell’american Bal­let Theatre di New York (2009). «Se de­vo fis­sa­re un ve­ro pun­to di ini­zio del­la mia car­rie­ra, scel­go la no­mi­na a pri­mo bal­le­ri­no, per­ché la svolta in­ter­na­zio­na­le è ar­ri­va­ta lì», di­ce. Ma quan­do gli chie­do se in­ten­de fe­steg­gia­re sul pal­co il tren­ten­na­le − si­gni­fi­che­reb­be ar­ri­var­ci a 51 an­ni, ne sta per com­pie­re 45 − ci ri­pen­sa: «Fac­cia­mo che ini­zio a con­ta­re dal di­plo­ma». E ri­de di nuo­vo.

La ve­ri­tà è che è mol­to au­to­cri­ti­co (una vol­ta mi ha det­to: «Smet­te­rò pri­ma di es­se­re ine­le­gan­te») ma non dà al­cun se­gno di ral­len­ta­re. «Per ora mi guar­do e mi ri­co­no­sco, rie­sco a man­te­ne­re quel li­vel­lo, quel­la qua­li­tà. Ho ap­pe­na dan­za­to in Bo­lé­ro, One­gin, Ma­non, per me riaf­fron­ta­re dei ruo­li già fat­ti è una continua sfi­da con me stes­so, e con­ti­nue­rò fin­ché tro­ve­rò pia­ce­re in que­sta sfi­da». La sua car­rie­ra, del re­sto, at­tra­ver­sa da an­ni una len­ta me­ta­mor­fo­si ver­so qual­co­sa di più gran­de e di più im­por­tan­te: Ro­ber­to è mol­to più di un’ec­cel­len­za ita­lia­na, è il pri­mo bal­le­ri­no nel­la sto­ria del mon­do a fa­re per la dan­za quel­lo che ha fat­to lui. Nes­sun al­tro, in nes­sun con­ti­nen­te, ha por­ta­to que­st’ar­te nel pri­me ti­me te­le­vi­si­vo con uno spet­ta­co­lo pen­sa­to per la più am­pia del­le pla­tee. Nes­sun al­tro ha ospi­ta­to e lan­cia­to in me­ga­show co­ra­li (i Bolle and Friends) una fol­la di ta­len­ti me­ri­te­vo­li di vi­si­bi­li­tà. Nes­sun al­tro ha in­va­so una cit­tà − On­dan­ce tor­na a giu­gno a Milano per la ter­za vol­ta − con spet­ta­co­li, even­ti,

open class, work­shop gra­tui­ti, lezioni al­la sbar­ra, dan­za per i pic­co­li, street dan­ce e fla­sh mob di tan­go, li­scio, swing nel­le piaz­ze più bel­le.

«Ve­der ap­plau­di­re un gio­va­ne che ho por­ta­to al mio fian­co sul pal­co», spie­ga, «mi ren­de par­ti­co­lar­men­te fe­li­ce, an­che per­ché è una co­sa nuo­va per me. I ri­co­no­sci­men­ti per­so­na­li so­no im­por­tan­ti per la fa­ti­ca, i sa­cri­fi­ci, il do­lo­re che hai mes­so in cam­po, ma aiu­ta­re qual­cu­no che fa al­tret­tan­to e che non ha avu­to le op­por­tu­ni­tà e la for­tu­na che me­ri­ta è una sod­di­sfa­zio­ne an­co­ra più gran­de». Dan­za­re per stra­da in mez­zo al­la fol­la, poi, «ha cam­bia­to il mo­do in cui mi per­ce­pi­sce il pub­bli­co, e il mo­do in cui io per­ce­pi­sco lo­ro. Im­mer­ger­mi tra lo­ro, bal­la­re tra lo­ro, sen­ti­re l’en­tu­sia­smo e l’af­fet­to − non di quel­li che ven­go­no ai miei spet­ta­co­li, di quel­li che ma­ga­ri mi han­no vi­sto so­lo nei gior­na­li o in tv − è una co­sa che mi ha col­pi­to, che non mi aspet­ta­vo».

È lì il fu­tu­ro di Ro­ber­to Bolle. In que­sto con­ti­nuo la­vo­ro di di­vul­ga­zio­ne del­la bel­lez­za del­la dan­za. «Por­ta­re l’even­to in al­tre cit­tà, far­lo evol­ve­re chis­sà in qua­li al­tre di­re­zio­ni, fa­re coa­ching, la­vo­ra­re con i ra­gaz­zi, quel­lo che og­gi non ho tem­po di fa­re. Re­stan­do sem­pre in que­sto mon­do, il mio mon­do: non pen­so cer­to di sta­re a ca­sa». Ci­ta co­me mo­del­lo Ba­ry­sh­ni­kov, che a 71 an­ni dan­za an­co­ra ma in mo­do di­ver­so, «con pro­get­ti più tea­tra­li, o ci­ne­ma­to­gra­fi­ci, e un Arts Cen­ter a New York do­ve programma per­for­man­ce di al­tri ar­ti­sti. Mi pia­ce­reb­be mol­to se­gui­re il suo esem­pio». Tra i so­gni nel cas­set­to: un film, uno spet­ta­co­lo te­le­vi­si­vo in­ter­na­zio­na­le − Net­flix, se ci sei bat­ti un col­po − e un duet­to con La­dy Gaga, che «sti­mo tan­tis­si­mo co­me ar­ti­sta ma an­che co­me per­so­na, per la sua forza di vo­lon­tà». Ve­ri rim­pian­ti, ze­ro: «Nes­sun er­ro­re mi ha dan­neg­gia­to dav­ve­ro, e da cia­scu­no ho im­pa­ra­to qual­co­sa». Nes­sun im­pul­so di ba­rat­ta­re la sua vi­ta di pro­ve, di viag­gi, di solitudine, con più tem­po da de­di­ca­re a chi ama: «Sa­rà per­ché mi ci so­no abi­tua­to, ma ho bi­so­gno di solitudine, an­che nel pri­va­to, ho bi­so­gno dei miei spa­zi, dei miei mo­men­ti, per stac­ca­re da tut­to e ri­ca­ri­car­mi».

Dan­za con me per lui è mol­to più di uno spet­ta­co­lo: «È un bel mo­do di ini­zia­re l’an­no, è ser­vi­zio pub­bli­co, è da­re al­le per­so­ne qual­co­sa di di­ver­so in un Pae­se do­ve i go­ver­ni, in ri­spo­sta a una cri­si cau­sa­ta an­che dal­la lo­ro in­com­pe­ten­za, da an­ni met­to­no l’ar­te all’ul­ti­mo po­sto. La ri­sor­sa più im­por­tan­te che ab­bia­mo, ma se ne par­la so­lo quan­do c’è un’emer­gen­za in­com­ben­te − Ve­ne­zia al­la­ga­ta, Pom­pei che crol­la». Gep­pi Cuc­cia­ri e Giam­pao­lo Mo­rel­li, Lu­ca e Pao­lo, Vir­gi­nia Raf­fae­le e Ni­na Zil­li, Bol­la­ni e Bo­cel­li che con Bolle fan­no «le tre B». Ma an­che un di­vul­ga­to­re co­me Al­ber­to An­ge­la, Lu­ca Zin­ga­ret­ti che re­ci­ta il mo­no­lo­go fi­na­le del Gran­de dit­ta­to­re di Cha­plin, e un pez­zo di dan­za do­ve Ro­ber­to bal­la da­van­ti al suo ri­fles­so, non si ri­co­no­sce, en­tra nel­lo spec­chio do­ve «il mio ve­ro io mi mo­stra sce­ne di guer­re, car­ce­ri, mi­gran­ti: è la mia co­scien­za, vuo­le che io mi fer­mi a guar­da­re le tra­ge­die a cui, sot­to­po­sti co­me sia­mo a un bom­bar­da­men­to di im­ma­gi­ni, fi­nia­mo per es­se­re as­sue­fat­ti. La dan­za ha il do­ve­re di rac­con­ta­re il mon­do, e sic­co­me può far­lo in mo­do emo­zio­na­le, at­tra­ver­so la rea­zio­ne fi­si­ca da­van­ti al­le im­ma­gi­ni for­ti, lo rac­con­ta in mo­do su­bli­ma­to, me­no di­vi­si­vo».

Si ri­tie­ne for­tu­na­to a fre­quen­ta­re «un am­bien­te “al­to”, sen­za gli odi del­la po­li­ti­ca, sen­za le ri­va­li­tà di al­tri mon­di ar­ti­sti­ci, co­me la mu­si­ca, e sen­za nem­me­no le rac­co

La mia po­ten­za espres­si­va è cre­sciu­ta ne­gli an­ni per­ché so con­di­vi­de­re di più con il pub­bli­co, per­ché so­no cre­sciu­to io co­me uo­mo

man­da­zio­ni del­la tv. An­che per­ché la bra­vu­ra è mol­to più og­get­ti­va che in al­tri cam­pi. Per dan­za­re devi ave­re la per­for­man­ce, il ca­ri­sma, l’espres­sio­ne ar­ti­sti­ca. Al New York Ci­ty Bal­let ci so­no sta­te de­nun­ce di mo­le­stie, ruo­li of­fer­ti in cam­bio di al­tro, ma so­no dav­ve­ro ec­ce­zio­ni. Se qual­cu­no ti aiu­ta puoi fa­re un ruo­lo, non una car­rie­ra». Si sen­te ap­pog­gia­to e ama­to dal suo mon­do, e or­go­glio­so di aver rap­pre­sen­ta­to a li­vel­lo ma­schi­le un’ar­te che in Ita­lia nes­su­no ave­va rap­pre­sen­ta­to. «È an­che me­ri­to dei ta­lent co­me Ami­ci, cer­to, ma ne­gli ul­ti­mi an­ni c’è sta­to un enor­me cam­bia­men­to cul­tu­ra­le, e si­cu­ra­men­te ha aiu­ta­to il fat­to di es­se­re un bel rap­pre­sen­tan­te, qual­cu­no che fac­cia di­re a mam­me, pa­pà, zie e non­ne che se il ma­schiet­to vuo­le fa­re il bal­le­ri­no è una bel­la no­ti­zia, qual­cu­no che fac­cia ve­de­re la normalità e la bel­lez­za di quel­lo che fac­cia­mo, una pro­fes­sio­ne pu­li­ta, con mol­ta più so­li­di­tà che fri­vo­lez­za. Ai miei tem­pi all’ac­ca­de­mia era­va­mo in due, og­gi ci so­no in­te­ri cor­si ma­schi­li. Una del­le co­se più bel­le ac­ca­du­te di re­cen­te è la rea­zio­ne com­pat­ta di tut­to il no­stro mon­do, e non so­lo il no­stro, di fron­te al­la gior­na­li­sta ame­ri­ca­na che ha ri­so del prin­ci­pi­no Geor­ge che vuo­le fa­re dan­za. Fra i gio­va­ni, so­prat­tut­to, il pre­giu­di­zio e lo ste­reo­ti­po so­no pra­ti­ca­men­te spa­ri­ti. C’è un at­teg­gia­men­to mol­to più aper­to ver­so chi vuo­le so­lo es­se­re li­be­ro di se­gui­re la pro­pria pas­sio­ne».

Non è l’uni­ca co­sa che gli dà spe­ran­za, quan­do guar­da i gio­va­ni, sar­di­ne com­pre­se. «Mi fa un gran­de pia­ce­re ve­de­re i ra­gaz­zi che si mo­bi­li­ta­no, che scen­do­no in piaz­za. Sia­mo usci­ti da quel pe­rio­do in cui sem­bra­va­no apa­ti­ci, non reat­ti­vi, fuo­ri dal mon­do, esclu­si da tut­to, mes­si all’an­go­lo, sen­za vo­glia di pren­de­re po­si­zio­ne su nien­te. I ve­ner­dì per l’am­bien­te, ma an­che le piaz­ze più po­li­ti­che, so­no se­gna­li del­la vi­ta­li­tà di una ge­ne­ra­zio­ne di ra­gaz­zi che vuo­le fi­nal­men­te di­re la sua. Ci vo­le­va qual­cu­no che ini­zias­se, co­me Gre­ta, che des­se agli al­tri il co­rag­gio di pen­sa­re: dob­bia­mo di­re la no­stra per­ché il fu­tu­ro è no­stro. Una co­sa dav­ve­ro bel­la, che man­ca­va da trop­po tem­po».

Con­clu­dia­mo par­lan­do di ele­gan­za, di co­sa si­gni­fi­chi es­se­re un gen­tle­man, e di quan­to con­ti nel­la de­fi­ni­zio­ne l’es­se­re well dres­sed. «Per me l’ele­gan­za è un mo­do di es­se­re, pri­ma che di ve­sti­re. Co­me mi rap­por­to con gli al­tri, qua­le ener­gia ema­no, qua­le ca­ri­sma. Cer­to è una pre­sen­za che è le­ga­ta an­che all’este­ti­ca, e la dan­za si­cu­ra­men­te aiu­ta la fi­gu­ra ele­gan­te, il ge­sto ele­gan­te. Ma la par­te più bel­la, la lu­ce che hai den­tro e che ir­ra­di, di­pen­de dai tuoi va­lo­ri e dal­le tue scel­te. Sì, an­che dal­le scel­te. Se non hai ha­ter − io ho la for­tu­na di non aver­ne − di­pen­de an­che da co­me hai se­mi­na­to, dal ri­spet­to, dal­le buo­ne ma­nie­re, dall’edu­ca­zio­ne. Pur­trop­po og­gi spes­so ce ne di­men­ti­chia­mo, e in­fat­ti que­sto è un mo­men­to po­co ele­gan­te. Se in­vei­sci, ur­li, be­stem­mi non sei ele­gan­te. E se chi hai da­van­ti si com­por­ta co­sì, ma­ga­ri in tv, al­lo­ra chiun­que si sen­te au­to­riz­za­to a com­por­tar­si co­sì. Se pe­rò Al­ber­to An­ge­la fun­zio­na, e cer­ti talk non fun­zio­na­no più tan­to, vuol di­re che mi­lio­ni di ita­lia­ni han­no an­co­ra quel­la sen­si­bi­li­tà, e vo­glio­no an­co­ra ve­de­re bel­lez­za. C’è poi un al­tro ti­po di tv, cer­to, e ci so­no i so­cial, e a vol­te ti­ra­no fuo­ri il peg­gio del­le per­so­ne, quel­la cat­ti­ve­ria che può es­se­re li­be­ra­to­ria per chi la eser­ci­ta, ma può an­che fa­re tan­to ma­le a chi la su­bi­sce. Chi ci gui­da, chi è chia­ma­to a dar­ci l’esem­pio do­vreb­be fa­re mol­ta più at­ten­zio­ne nell’uso di que­sti mez­zi. Per­ché vin­ce­re le bat­ta­glie co­sì è con­tro­pro­du­cen­te. De­pri­men­te. Ir­re­spon­sa­bi­le».

Un se­gno dei tem­pi sui pre­giu­di­zi? La rea­zio­ne com­pat­ta al­la gior­na­li­sta che ha ri­so del prin­ci­pi­no Geor­ge che vuo­le fa­re dan­za

Ro­ber­to Bolle, 45 an­ni a mar­zo. Étoi­le del­la Scala e Prin­ci­pal Dan­cer dell’american Bal­let Theatre di New York: è il pri­mo a ot­te­ne­re en­tram­bi i ti­to­li. Car­di­gan, ca­mi­cia e pan­ta­lo­ni HERMÈS , oro­lo­gio THE LON­GI­NES LE­GEND DI­VER

Ma­glia e T-shirt CA­NA­LI ; nel­la pagina ac­can­to, tren­ch e pan­ta­lo­ni DOL­CE&GAB­BA­NA; in en­tram­be le pa­gi­ne, oro­lo­gio THE LON­GI­NES LE­GEND DI­VER A 12 an­ni Bolle vie­ne iscrit­to all’ac­ca­de­mia del Tea­tro al­la Scala, e a 21 vie­ne no­mi­na­to pri­mo bal­le­ri­no: può par­ti­re al­la con­qui­sta del glo­bo.

Tra i pro­get­ti, Bolle and Friends: il me­ga­show tor­na al­le Ter­me di Ca­ra­cal­la di Roma il 14 e 15 lu­glio. Ma­glia DSQUA­RED2, pan­ta­lo­ni BRUNELLO CUCINELLI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.