Era de­sti­no

Quan­do l’an­sia di­ven­ta un su­per­po­te­re per sca­la­re il suc­ces­so

GQ (Italy) - - SOM­MA­RIO - Te­sto di CRISTINA MARINONI

Cre­sce­re tra la ma­dre Ne­neh Cher­ry, so­vra­na rap e trip-hop il cui al­bum, Raw Like Su­shi, usci­to nel 1989, è da col­le­zio­ne, e il pa­dre Ca­me­ron Mc­vey, il pro­dut­to­re che ha tra­sfor­ma­to il me­tal­lo grez­zo dei Mas­si­ve Attack e del­le All Sain­ts in oro: se sei Ma­bel, la fi­glia, sem­bra ov­vio che fi­ne fa­rai. «È il dna, si­gno­ri», ini­zia men­tre pren­de po­sto nel­la sa­let­ta del­la ca­sa di­sco­gra­fi­ca mi­la­ne­se. «Ho co­min­cia­to a suo­na­re il pia­no­for­te e a sce­glie­re le parole del­le mie can­zo­ni che ave­vo ap­pe­na ter­mi­na­to l’asi­lo». Ades­so che ha 24 an­ni (li com­pie il 20 febbraio) Ma­bel è a buon ti­to­lo un fe­no­me­no del pop con ol­tre un mi­liar­do di stream, un tot di pre­mi co­me l’mtv Brand New Award nel 2018 e una hit, Don’t Call Me Up, da qua­si 180 mi­lio­ni di clic su Ve­vo. Una canzone che è un ve­ro in­no al girl power. «So­no cre­sciu­ta imi­tan­do Beyon­cé al­lo spec­chio e ades­so vo­glio co­piar­la nel la­vo­ro: ol­tre a di­ver­ti­re, i suoi bra­ni lan­cia­no mes­sag­gi po­si­ti­vi al­le don­ne, pri­mo fra tut­ti l’in­vi­to ad ac­cet­ta­re il pro­prio cor­po».

Chi con­si­de­ra, in­ve­ce, un esem­pio da se­gui­re nel­la vi­ta?

La mam­ma, una guer­rie­ra dol­cis­si­ma. Sen­za di lei, e con pa­pà pron­to a soc­cor­rer­ci, non sa­rei riu­sci­ta ad af­fron­ta­re an­sia e de­pres­sio­ne.

Ri­cor­da la pri­ma vol­ta che ne ha sof­fer­to? Cer­to, a sei an­ni: mi man­ca­va l’aria e pian­ge­vo di­spe­ra­ta. Pe­rò i miei ge­ni­to­ri era­no lì per tran­quil­liz­zar­mi. Mi di­ce­va­no: sei mol­to sen­si­bi­le e per­ciò le emo­zio­ni ti tra­vol­go­no. Da og­gi li chia­mia­mo su­per­po­te­ri: ve­drai che ti aiu­te­ran­no a en­tra­re su­bi­to in sin­to­nia con i tuoi com­pa­gni di clas­se.

Ave­va­no ra­gio­ne?

Sì. So­no una per­so­na ca­pa­ce di gran­de em­pa­tia. Cre­do de­ri­vi da que­sto spleen che ho den­tro da sem­pre: quan­do ho ca­pi­to che era una par­te in­te­gran­te di me, ho smes­so di com­bat­ter­lo e ho im­pa­ra­to a sfrut­ta­re quei fa­mo­si su­per­po­te­ri del­la mia in­fan­zia.

Co­me lo fa?

At­tra­ver­so le can­zo­ni. Al mio buio in­te­rio­re ne ho de­di­ca­ta per­si­no una: Ok (An­xie­ty An­them). Den­tro i miei pez­zi en­tra­no l’in­quie­tu­di­ne e il tor­men­to ed esco­no la con­sa­pe­vo­lez­za e la se­re­ni­tà.

A par­te que­sto, co­me si de­scri­ve­reb­be? So­no una per­fe­zio­ni­sta e piut­to­sto am­bi­zio­sa: quan­do ho rag­giun­to un obiet­ti­vo, al­zo l’asti­cel­la e pun­to drit­ta al suc­ces­si­vo. Il ti­to­lo del mio al­bum di de­but­to, Hi­gh Ex­pec­ta­tions, par­la per me. L’ho an­che ta­tua­to sul col­lo.

Qua­li grandi aspet­ta­ti­ve ha, al­lo­ra?

Di riem­pi­re le are­ne: se il mio pri­mo tour eu­ro­peo (il 24 febbraio a Mi­la­no, ai Ma­gaz­zi­ni Ge­ne­ra­li) mi sta già riem­pien­do di gio­ia, quan­to mi ren­de­reb­be fe­li­ce por­ta­re il mio show dal Ca­na­da all’au­stra­lia?

È na­ta a Má­la­ga, da pic­co­la si è tra­sfe­ri­ta con la fa­mi­glia a Stoc­col­ma e ades­so abi­ta a Lon­dra: do­ve si sen­te a ca­sa sua?

Pro­prio per­ché mi so­no for­ma­ta in am­bien­ti di­ver­si e mi scor­re san­gue afroa­me­ri­ca­no, in­gle­se, sve­de­se e scoz­ze­se nel­le ve­ne, sto be­ne ovunque. Per sen­tir­mi a ca­sa mi ba­sta­no i fan: sui so­cial ab­bia­mo crea­to una com­mu­ni­ty che è di­ven­ta­ta una fa­mi­glia e ogni oc­ca­sio­ne è buo­na per in­con­trar­ci, scam­bia­re opi­nio­ni e rac­con­ta­re espe­rien­ze. At­tac­chi di pa­ni­co in­clu­si: con­di­vi­de­re le dif­fi­col­tà fa sen­ti­re me­no so­li e al­leg­ge­ri­sce l’ani­ma.

La can­tan­te bri­tan­ni­ca Ma­bel, 24 an­ni

Ma­bel, 24 an­ni il 20 febbraio. È in tour in Eu­ro­pa (il 24 a Mi­la­no) con il suo pri­mo al­bum, Hi­gh Ex­pec­ta­tions

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.