Ope­ra­zio­ne Ber­li­no

Sdo­ga­na­re le se­rie te­de­sche all’este­ro? Mis­sio­ne (im)pos­si­bi­le

GQ (Italy) - - LIFE / FICTION - Te­sto di AN­DREA D’AD­DIO

Per­ché ab­bia dav­ve­ro suc­ces­so una fic­tion con 40 mi­lio­ni di bud­get, la più co­sto­sa d’eu­ro­pa tra quel­le pro­dot­te sen­za la ma­no san­ta del­la lin­gua in­gle­se, ci vo­glio­no uno scrit­to­re che sce­glie il noir per di­pa­na­re la con­vul­sa sta­gio­ne di Wei­mar e un re­gi­sta ca­pa­ce di far in­te­res­sa­re al ci­ne­ma te­de­sco an­che il re­sto del mon­do. Lo scrit­to­re è Vol­ker Ku­tscher, au­to­re del­la se­rie di li­bri (in Ita­lia edi­ti da Fel­tri­nel­li) da cui è par­ti­ta Ba­by­lon Ber­lin (su Sky la ter­za sta­gio­ne dal 1° apri­le), il re­gi­sta è Tom Ty­k­wer, che fir­ma la pro­du­zio­ne con Henk Hand­loeg­ten e Achim von Bor­ries. Ty­k­wer, 54 an­ni, l’au­to­re di Lo­la cor­re, can­di­da­to al Leo­ne d’oro, Pro­fu­mo e Cloud Atlas, è uo­mo di più ta­len­ti, ca­pa­ce di se­gui­re an­che la sce­neg­gia­tu­ra, la pro­du­zio­ne e, tal­vol­ta, an­che la mu­si­ca dei suoi film.

Ba­by­lon Ber­lin: da do­ve si riparte? Dall’al­ba del­lo Sch­war­zer Don­ner­stag, il gio­ve­dì ne­ro del­la Bor­sa del 1929, che in Ger­ma­nia ti­rò la vo­la­ta al na­zi­smo. Que­sta vol­ta il de­tec­ti­ve Bru­no Wol­ter cer­ca l’as­sas­si­no di un’at­tri­ce: ci so­no le lu­ci e i par­ty sre­go­la­ti che re­se­ro ce­le­bre la Re­pub­bli­ca di Wei­mer, men­tre le om­bre del­la sto­ria si av­vi­ci­na­no sem­pre più.

Co­sa ri­ma­ne og­gi di quel­la cit­tà? In­nan­zi­tut­to lo spi­ri­to. Da 15 an­ni Ber­li­no è tor­na­ta la cit­tà del mo­men­to: for­se non du­re­rà per sem­pre, ma per ora è co­sì. An­che con qual­che pre­oc­cu­pan­te ana­lo­gia: die­tro a tan­to en­tu­sia­smo sta ri­pren­den­do for­za la de­stra, co­me di­mo­stra­no le ul­ti­me ele­zio­ni. Al­lo­ra si pen­sa­va di po­ter ge­sti­re l’asce­sa del na­zi­smo, og­gi bi­so­gna sta­re dop­pia­men­te in guar­dia.

Lei è di Wup­per­tal, il cen­tro agri­co­lo del Pae­se. Per­ché scel­se di vi­ve­re a Ber­li­no? Nel 1988 ave­vo 22 an­ni e una cer­ta espe­rien­za: gi­ra­vo da an­ni film in Su­per8 e ne ave­vo so­lo 13 quan­do mi han­no af­fi­da­to la pro­gram­ma­zio­ne di una sa­la nel­la mia cit­tà. Vi­sta da do­ve abi­ta­vo io, Ber­li­no mi sem­bra­va l’uni­co po­sto de­gno di es­se­re vis­su­to: in pre­mio, ot­ten­ni la di­re­zio­ne ar­ti­sti­ca di Mo­vie­men­to, un ci­ne­ma che con­ti­nua a fa­re la dif­fe­ren­za nel quar­tie­re di Kreuz­berg.

Quan­do si fa il suo no­me si pen­sa a Lo­la cor­re: era il 1998 e con un bud­get bas­sis­si­mo fe­ce usci­re il ci­ne­ma te­de­sco dai con­fi­ni na­zio­na­li.

E di­re che ero pie­no di dub­bi. Di­vi­de­re un film in tre epi­so­di, ognu­no dei qua­li de­di­ca­to a una de­ci­sio­ne di­ver­sa di Lo­la per sal­va­re il suo ra­gaz­zo da una banda cri­mi­na­le, mi sem­bra­va ma­te­ria da cor­to­me­trag­gio. Ci so­no vo­lu­ti no­ve me­si per ri­ve­de­re la sce­neg­gia­tu­ra ma al­la fi­ne i 2 mi­lio­ni di spet­ta­to­ri in po­che set­ti­ma­ne ci han­no da­to ra­gio­ne.

Ba­by­lon Ber­lin è, al con­tra­rio, una pro­du­zio­ne fa­rao­ni­ca.

Cer­to, ma il suo va­lo­re sta so­prat­tut­to nel rac­con­ta­re a noi te­de­schi la vi­ta quo­ti­dia­na di un pas­sag­gio sto­ri­co che a scuo­la stu­dia­mo trop­po ve­lo­ce­men­te.

Ne sen­te la re­spon­sa­bi­li­tà?

Sem­pre: spe­cie ver­so me stes­so. De­vo an­da­re a dor­mi­re con la per­ce­zio­ne di aver da­to il mas­si­mo. È quel che ser­ve per lan­ciar­si in nuo­ve idee: un’at­ti­tu­di­ne, que­sta sì, mol­to ber­li­ne­se.

Tom Ty­k­wer, 54 an­ni, sul set di Ba­by­lon Ber­lin (il se­con­do da si­ni­stra). La ter­za sta­gio­ne del­la se­rie sa­rà su Sky dal 1° apri­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.