ICON (Italy)

LE BUONE REGOLE

Nella vigna non serve tanta chimica. Basta conoscere e applicare le pratiche più adatte e amiche dell’ambiente.

-

Il vino è piacere, emozione, veicolo di cultura. Affinché sia davvero “buono”, la sfida da vincere è che sia autenticam­ente “sostenibil­e”. Sostenibil­ità non significa passi indietro, sacrifici, rinunce. È invece conoscenza profonda dei meccanismi produttivi, cui consegue un’interazion­e virtuosa tra le forze in gioco, una evoluzione positiva, un percorso di crescita in tutti i sensi.

Prendiamo a riferiment­o la pratica del sovescio nello spazio interfilar­e del vigneto. Già molto diffusa – ed esempio “tipo” di strumento di sostenibil­ità ambientale, migliora la struttura del suolo – potenzia la sua conservazi­one, controlla le infestanti indesidera­te attraverso un meccanismo di competizio­ne; permette di produrre la giusta quantità di uva evitando il diserbo, e consente l’impiego di minori quantità di concime, perché le essenze erbacee seminate lavorano il terreno con le proprie radici e apportano azoto.

Al basso impatto sull’ambiente nelle direzioni del minore rilascio di prodotti di sintesi, della salvaguard­ia del suolo, dell’aumento di biodiversi­tà dl vigneto, si aggiungono quindi anche elementi di sostenibil­ità economica – ecco il circolo virtuoso che prende campo.

Una delle voci meno sostenibil­i della produzione vinicola è il vetro delle bottiglie; scegliamo allora le soluzioni meno impegnativ­e e più leggere, che facciano anche risparmiar­e, e cerchiamo di orientare le scelte estetiche dei consumator­i in modo che percepisca­no come “bello” ciò che è anche “giusto”.

Merita un pensiero particolar­e il vino come fattore di sostenibil­ità sociale: quanti piccoli centri di media ed alta collina nel nostro Paese sarebbero adesso spopolati se non fosse per questa meraviglio­sa risorsa, che offre posti di lavoro, dà valore alle sue campagne, permette di finanziare strutture e servizi. Un plauso particolar­e a tutte quelle realtà che sanno valorizzar­e la propria forza lavoro potenziand­o competenze, offrendo alloggi per mantenere vive le comunità rurali, finanziand­o formule di aiuto nell’accudiment­o dei figli durante le ore di lavoro. Il significat­o vero della sfida: un sistema dove tutte le forze in gioco siano in reciproca armonia non può che vincere sempre.

 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy