Ve­ne­zia, Bru­gna­ro si fa una va­rian­te sui suoi stes­si ter­re­ni

Ve­ne­zia, con­flit­ti e in­te­res­si Il Co­mu­ne deve da­re il via li­be­ra al pia­no im­mo­bi­lia­re di Kwong sul­le aree del pri­mo cit­ta­di­no

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » GIUSEPPE PIETROBELLI

Di

mi­liar­da­ri asia­ti­ci, in Ita­lia, ce ne so­no fin trop­pi. Uno com­prò il Mi­lan, pa­gan­do pro­fu­ma­ta­men­te Ber­lu­sco­ni e la Pro­cu­ra me­ne­ghi­na in­da­ga. Un al­tro ha ac­qui­sta­to l'In­ter, ca­ri­ca più di de­bi­ti che di tro­fei. Un ter­zo sta per sbar­ca­re a Ve­ne­zia, pronto a ri­le­va­re i ter­re­ni che il sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro com­prò dal De­ma­nio qual­che an­no fa a Mar­ghe­ra. 40 et­ta­ri di stra­de e ba­re­ne che si sten­do­no tra il Pon­te del­la Li­ber­tà e lo sta­bi­li­men­to dell'Eni. Una spe­cie di ter­ra di nes­su­no che ha co­min­cia­to ad ospi­ta­re par­cheg­gi per chi è di­ret­to ver­so il cen­tro sto­ri­co. Per Bru­gna­ro si pro­fi­la un af­fa­re con i fioc­chi. Nel 2005 pa­gò 12 eu­ro al me­tro qua­dra­to, cin­que mi­lio­ni e mez­zo di eu­ro. Ades­so i ter­re­ni val­go­no oro.

Ma al­lo­ra fa­ce­va so­lo l'im­pren­di­to­re. Ades­so fa il sin­da­co e deve vi­gi­la­re su­gli stru­men­ti ur­ba­ni­sti­ci ca­pa­ci di cam­bia­re de­sti­na­zio­ni d'uso e far im­pen­na­re il va­lo­re del­le pro­prie­tà, de­ci­den­do se e che co­sa vi si può co­strui­re. Per que­sto il se­na­to­re Fe­li­ce Cas­son, ex Pd, che tre an­ni fa si ar­re­se all'asce­sa di Mi­ster H uma­na dal va­go sti­le pre-trum­pia­no, ha rac­col­to le fir­me per un con­si­glio co­mu­na­le straor­di­na­rio. “Si deve di­scu­te­re da­van­ti al­la cit­tà di trop­pi la­ti oscu­ri di que­sta vi­cen­da”. Non tan­to dell'ac­qui­sto dei ter­re­ni “Ai Pi­li”, ma di qual­che coin­ci­den­za. Bru­gna­ro ha gio­ca­to d'an­ti­ci­po ri­spet­to a un con­flit­to d'in­te­res­si che si sta­va pro­fi­lan­do. Po­chi me­si fa ha da­to vi­ta a un blind tru­st, af­fi­dan­do ad al­tri la ge­stio­ne del­le sue at­ti­vi­tà. Un bat­ti­to d'ali ed ec­co com­pa­ri­re mi­ster Ching Chiat Kwong da Sin­ga­po­re, con l'in­ten­zio­ne di far co­strui­re vil­le, un pa­la­sport e il ca­si­nò sul­le spon­de del­la la­gu­na. Ma un mi­liar­da­rio non com­pe­ra i can­ne­ti so­lo per­chè han­no la vi­sta su Ve­ne­zia, vuo­le cer­tez­ze ur­ba­ni­sti­che.

“Lo ave­vo det­to in cam­pa­gna elet­to­ra­le che Bru­gna­ro im­pren­di­to­re e sin­da­co era un pro­ble­ma per Ve­ne­zia. Ave­va as­si­cu­ra­to che ai Pi­li non si sa­reb­be fat­to nien­te. In­ve­ce...”. Cas­son si to­glie qual­che sas­so­li­no: “Ha fat­to un blind tru­st di cui non si sa nul­la, nes­su­no co­no­sce chi lo ge­sti­sce e a qua­li con­di­zio­ni. Se fat­to bene è uti­le, al­tri­men­ti può es­se­re u- na pre­sa in gi­ro”. Se­con­do sas­so­li­no: “Lo ha va­ra­to con tre an­ni di ri­tar­do, si può di­re... a co­se fat­te”. In una pa­ro­la, il sin­da­co po­treb­be aver usa­to il tem­po per muo­ve­re le pe­di­ne uti­li ai fu­tu­ri ar­ric­chi­men­ti dell' im pr en di to re Bru­gna­ro. Ter­zo sas­so­li­no: “Sui

Pi­li ci so­no nor­me e vin­co­li che van­no ri­spet­ta­ti. Non si può de­ci­de­re in bar­ba al­le leggi, ma­ga­ri con la scu­sa che la Reyer sen­za pa­la­sport nuo­vo va a gio­ca­re al­tro­ve. Se ven­de i Pi­li ci deve di­re da qua­le pro­get­to l'ope­ra­zio­ne è ac­com­pa­gna­ta”.

Su quei ter­re­ni po­treb­be es­ser­ci an­che un pro­ble­ma enor­me di bo­ni­fi­che, vi­sto l'in­qui­na­men­to in­du­stria­le, a ca­ri­co di chi le ha com­pe­ra­te. Fi­no­ra non è sta­to fat­to nul­la. Pro­ble­ma non da po­co, che si sal­da al­le spe­cu­la­zio­ni le­ga­te al traf­fi­co del­le Gran­di Na­vi di­rot­ta­to su Por­to Mar­ghe­ra.

Per Ve­ne­zia, cit­tà im­mo­bi­le sull'ac­qua, si pro­spet­ta una ri­vo­lu­zio­ne. Que­sto è lo slo­gan del sin­da­co. “Il pro­get­to dei Pi­li an­drà in Con­si­glio co­mu­na­le, ec­co­me se ci an­drà. E vor­rò ve­de­re chi avrà il co­rag­gio di sce­glie­re tra svi­lup­po e im­mo­bi­li­smo, tra fu­tu­ro e un pre­sen­te sen­za un do­ma­ni per i no­stri ra­gaz­zi”. Il cro­cia­to Bru­gna­ro va al­la guer­ra e in­di­ca già gli eroi ca­du­ti per il rin­no­va­men­to. “Il cen­tro­si­ni­stra per 40 an­ni ha bloc­ca­to que­sta cit­tà. Guar­da­te Pier­re Car­din, lo han­no mas­sa­cra­to. Se qual­cu­no vuo­le in­ve­sti­re sul­la cit­tà glielo im­pe­di­sco­no”.

Cas­son ac­cu­sa “Di­ce che ha fat­to un blind tru­st con 3 an­ni di ri­tar­do e di cui non si sa nul­la, ri­schio pre­sa in gi­ro”

An­sa

Sul­la La­gu­na Il sin­da­co di Ve­ne­zia Lui­gi Bru­gna­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.