Ora il Gior­na­le di Pao­lo im­plo­ra Sil­vio: “Sal­va­ci”

La let­te­ra La re­da­zio­ne de Il Gior­na­le chie­de il suo in­ter­ven­to (ma l’edi­to­re è Pao­lo): “Non sia­mo fan­ta­smi del pas­sa­to”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » GIAN­NI BARBACETTO Mi­la­no

Ca­ro Sil­vio, ti scri­vo: ab­bia­mo fat­to per an­ni un gior­na­le che è ser­vi­to a so­ste­ne­re la tua po­li­ti­ca, non puoi sca­ri­car­ci ades­so che que­sta è en­tra­ta in cri­si. È il sen­so del­la lun­ga let­te­ra che i cro­ni­sti de Il Gior­na­le han­no in­via­to a Ber­lu­sco­ni, do­po che l’edi­to­re ave­va an­nun­cia­to al­la re­da­zio­ne un pia­no che pre­ve­de il ta­glio de­gli sti­pen­di del 30 per cen­to.

UNO SCIO­PE­RO me rcol edì scor­so ha im­pe­di­to l’usci­ta in edi­co­la, per la pri­ma vol­ta nel­la sto­ria del gior­na­le fon­da­to da In­dro Mon­ta­nel­li. “I gior­na­li­sti di que­sto quo­ti­dia­no con una sto­ria ric­ca di or­go­glio e ta­len­to non so­no sol­tan­to sa- la­ria­ti, ma un ca­pi­ta­le uma­no e cul­tua­le da non di­sper­de­re, da non but­ta­re al ma­ce­ro co­me car­ta spor­ca. Lo ri­ven­di­chia­mo (...) per­ché rap­pre­sen­tia­mo un mon­do che a te­sta al­ta con­ti­nuia­mo a chia­ma­re bor­ghe­sia, che og­gi più che mai vuo­le re­si­ste­re a chi ur­la, a chi ma­le­di­ce, a chi ha fat­to dell’odio una scor­cia­to­ia per il suc­ces­so, a chi in­fa­ma e fa strac­ci de­gli ul­ti­mi ar­chi­tra­vi del­la de­mo­cra­zia, a chi non sa nul­la e fa del­la pro­pria igno­ran­za una ban­die­ra (...). Que­sta re­da­zio­ne, que­sti gior­na­li­sti non so­no fan­ta­smi del pas­sa­to o mer­ce di scar­to da met­te­re sul ban­co­ne ali­men­ta­re co­me qual­co­sa di ava­ria­to o in sca­den­za. No, noi sia­mo i ve­te­ra­ni di mil­le bat­ta­glie com­bat­tu­te al suo fian­co”.

Ri­ce­vu­ta la let­te­ra, un Sil­vio Ber­lu­sco­ni che i suoi de­scri­vo­no stu­pi­to e com­mos­so ha con- vo­ca­to ad Ar­co­re i ver­ti­ci de Il Gior­na­le: l’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to An­drea Fa­va­ri e l’edi­to­re Pao­lo Ber­lu­sco­ni. Non si è pre­sen­ta­to il di­ret­to­re, Ales­san­dro Sal­lu­sti, che ha scel­to una via in­ter­me­dia: né con la re­da­zio­ne, né col pa­dro­ne. “Chie­dia­mo di non es­se­re trat­ta­ti so­lo co­me un co­sto, umi­lian­do noi e co­strin­gen­do­ci a pre­oc­cu­par­ci del fu­tu­ro del­le no­stre fa­mi­glie. Noi non chie­dia­mo pri­vi­le­gi, ma di ve­de­re ri­co­no­sciu­to il no­stro co­rag­gio e il no­stro ta­len­to. Nel gior­na­li­smo, co­me nel­la vi­ta, uno non va­le uno, ognu­no ha la sua sto­ria e non può es­se­re sfre­gia­ta con un col­po di ra­maz­za”.

“IL PIANO­pre­sen­ta­to non con­tie­ne al­cun ger­me per il fu­tu­ro, il mes­sag­gio che lan­cia a noi e al Pae­se è l’ini­zio di una re­sa, pro­prio quan­do Lei si ac­cin­ge a ri­lan­cia­re an­co­ra una vol­ta la battaglia. Per que­sto ci ap­pel­lia­mo a Lei, pri­ma an­co­ra che all’edi­to­re, per­ché ci aiu­ti a fer­ma­re i ta­gli in­giu­sti”. Se­gue ci­ta­zio­ne di Di­no Buz­za­ti.

Lo stu­po­re e la com­mo­zio­ne di Sil­vio non si so­no fi­no­ra tra­mu­ta­ti in at­ti con­cre­ti. Il pia­no dei ta­gli re­sta: il co­mi­ta­to di re­da­zio­ne aspet­ta di es­se­re con­vo­ca­to per di­scu­te­re an­che dei su­per­com­pen­si di al­cu­ni col­la­bo­ra­to­ri, ami­ci o ex par­la­men­ta­ri di For­za Ita­lia. Tra que­sti Vit­to­rio Sgar­bi, che ol­tre al fis­so men­si­le per la sua ru­bri­ca ri­ce­ve an­che un com­pen­so per i pez­zi che scri­ve. Al Cdr non di­spia­ce­reb­be ve­de­re il bor­de­rò e i con­ti del gior­na­le, per ve­ri­fi­ca­re che non sia­no ca­ri­ca­ti co­sti spro­por­zio­na­ti al la­vo­ro, o che po­co han­no a che fa­re con il la­vo­ro gior­na­li­sti­co. Chis­sà se an­che i 4 mi­lio­ni pa­ga­ti per rac­co­glie­re dos­sier su Il­da Boc­cas­si­ni e al­tri “ne­mi­ci” di Sil­vio so­no sta­ti spre­mu­ti da Il Gior­na­le.

LaPresse

Di­ret­to­re Ales­san­dro Sal­lu­sti è a ca­po del quo­ti­dia­no fon­da­to da In­dro Mon­ta­nel­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.